16998832_10154611722654735_4395927824648715873_n.jpg

Lipari - Condanna per due pescatori di Milazzo. 14 mesi di reclusione per Alessandro Taranto, 31 anni, 5 mesi di reclusione per Giovanni Marzo, 47 anni (pena sospesa). Sono stati difesi dall'avvocato Fabio Franchina. La sentenza è stata emessa alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Gianluca Manca (piemme Francesco Dieni, assistente giudiziario Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "A bordo del loro peschereccio forse "truccato" per la velocità, non si sarebbero fermati all'alt intimato dalla guardia costiera con la motovedetta, in perlustrazione al largo dell'isola di Lipari. Inoltre avrebbero presentato una denuncia-querela per furto di rete da pesca che si sarebbe rivelato non fondato". I fatti risalgono al 9 maggio 2017. 

cot-logo2.jpg

marotta.gifhtlvillaggiostromboli200.jpg

 

 

Assolto perchè non si è raggiunta la prova del fatto. Claudio Cannistrà, 34 anni, di Lipari, è stato difeso dall'avvocato Anna Mirabile. La sentenza è stata emessa dal giudice Gianluca Manca (piemme Rita Lazzaro, assistente giudiziario Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "con l'auto avrebbe causato delle lesioni ad un isolano". I fatti risalgono al 22 agosto 2011. 

Non doversi procedere per intervenuta prescrizione. Renee Strecker, 63 anni, di Berlino, è stata difesa dall'avvocato Romeo Palamara. La sentenza è stata formulata alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Gianluca Manca (piemme Carlo Cigala, assistente giudiziario Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "avrebbe realizzato un manufatto e un terrazzamento senza autorizzazione". La vicenda accaduta ad Alicudi risale al 21 aprile 2014.

Non doversi procedere per maturata prescrizione. Giuseppe Stramandino, 47 anni, di LIpari, è stato difeso dall'avvocato Giuseppe Sottile. La sentenza è stata pronunciata alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Gianluca Manca (piemme Rita Lazzara, assistente giudiziaio Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "avrebbe provocato emissioni di vapori che molestavano". I fatti risalgono al 6 maggio 2013.

Assolto perchè il reato non è punibile per la particolare tenuità del fatto. Marcello Rando, 52 anni, di Leni, è stato difeso dall'avvocato Raffaele Tanzarillo. La sentenza è stata formulata alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Gianluca Manca (piemme Rita Lazzara, assistente giudiziario Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "avrebbe venduto biscotti non conformi alla disposizioni sanitarie". La vicenda risale al 9 agoto 2016. 

Quattro mesi e 8 giorni di reclusione e il pagamento delle spese processuali (pena sospesa). Giuseppe Castelli, 54 anni, di Lipari, è stato difeso dall'avvocato Anna Mirabile. Era accusato di di minacce nei confronti della guardia costiera. La sentenza è stata emessa alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Gianluca Manca (piemme Rita Lazzara, assistente giudiziario Nino Paino). Lo stesso giudice Manca lo ha assolto per la particolare tenuità del fatto per l'occupazione di area demaniale con sedie, tavoli e ombrelloni. I fatti risalgono al 14 luglio 2015. 

 

Tre messinesi sono stati assolti. Maria Bisazza, 45 anni, Antonino Magazzu', 51 anni, di Rometta e Michele Sindoni, 49 anni, di Valdina, sono stati difesi dall'avvocato Paolo Intilisano. La sentenza è stata emessa alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Gianluca Manca (piemme Francesco Cannavò, assistente giudiziario Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "era stato costruito un muro di recinzione in zona sottoposta a vincolo paesaggistico". I fatti accaduti a Vulcano risalgono al 5 ottobre 2016.

Non doversi procedere perche' il fatto non è piu' previsto dalla legge per intervenuta sanatoria. Nunziata Gallo, 69 anni, di Lipari, è stata difesa dall'avvocato Anna Mirabile. La sentenza è stata formulata alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Gianluca Manca (piemme Carlo Cigala, assistente giudiziario Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "aveva realizzato due montanti metalici". I fatti risalgono al 10 novembre 2014.

---Non doversi procedere per maturata prescrizione. Nunzio Rando, 51 anni, di Leni e Carmela Catalfamo, 53 anni, di Santa Marina Salina, sono stati difesi dall'avvocato Carmelo Briguglio. La sentenza  stata pronunciata alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Ennio Fiocco (piemme Carlo Cigala, assistente giudiziario Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "hanno realizzato al piano semi-interrato un locale tecnico, due piccoli vani, un battuto di cemento con tettoia, un terrazzino e un deposito". I fatti accaduti a Santa Marina Salina risalgono al 6 giugno 2014.

 

Non doversi procedere perchè il fatto non costituisce reato. Andrea Perrone, 56 anni, Felicia Scaffidi, 52 anni e Raffaele Rifici, 51 anni, di Vulcano, sono stati difesi dall'avvocato Rocco Bruzzese. La sentenza è stata formulata alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Gianluca Manca (piemme Carlo Cigala, assistente giudiziaio Nino Paino). Secondo il capo d'imputazione "nella qualità di proprietario, di ditta e tecnico avevano eseguito dei lavori edili in difformità alla concessione edilizia". I fatti risalgono al 3 febbraio 2017.

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili  isoleolie.it - vacanzeeolie.it - alberghieolie.com - 
eolianinelmondo.com - eolieintouch.it
 - casevacanza.isole-eolie.com

bonustestata.jpg