Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità 

Questo sito utilizza Cookie tecnici e di profilazione di terze parti. Clicca sul bottone - chiudi - per accettare l'uso dei cookie e proseguire la navigazione.

Stampa

LAngolo della poesia

Focu d'estati ! di Salvatore Equizzi 
Recitata da Giovanni Giardina


clicca sul triangolo per ascoltare

Sutta la vampa di lu suli ardenti,
cripìa la terra e tutta la natura
cu l'occhi stralunàti pi l'arsùra
pari ca cchiù nun vidi e cchiù nun senti.

L'aria 'nfucata trimulìa si senti
'nsinu 'nta l'ossa l'afa e a calùra
sulu quarchi cicàla 'un si nni cura,
e pari ca facissi strudimenti.

Iò unni stu 'nfernu vivu senza vita
cumu un dannatu tiru cu li denti
lu pisanti carrettu di la vita.

E 'nmenzu a tantu focu e tanta luci
moru e arrisuscitu tutti li mumenti
cumu lu Nazzarenu misu 'ncruci

Focu_destati.jpg

Visite: 1120