L'INCHIESTA. Coronavirus, arrivano Cinesi e Cubani e i medici "stranieri" in Italia non possono lavorare... E la Russia di Putin aiuta l'Italia... - Notiziario delle isole Eolie # Eolie News

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità 

Questo sito utilizza Cookie tecnici e di profilazione di terze parti. Clicca sul bottone - chiudi - per accettare l'uso dei cookie e proseguire la navigazione.

89382937_2758389800905074_317143636426883072_o.jpg

FAI CONOSCERE LA TUA AZIENDA DIFFONDI LE INIZIATIVE COMMERCIALI NEI SOCIAL NET - RAGGIUNGI NUOVI CLIENTI CON IL NOTIZIARIO DELLE ISOLE EOLIE ED USUFRUISCI DEL BONUS PUBBLICITA' DEL 90% - CHIAMA PER INFO Cell. 393.9718272 - IL NOTIZIARIO DELLE ISOLE EOLIE IN 146 MESI 18 MILIONI.672.000 PAGINE VISIONATE E' LETTO IN OLTRE 100 PAESI DEL MONDO- L'informazione della comunità dell'arcipelago delle Eolie LA VETRINA DELLE AZIENDE

PUNTOEVIRGOLA.jpg

I sanitari "stranieri" residenti in Italia e non utilizzati

Strano paese l'Italia. Gli ospedali italiani hanno fame di medici e paramedici. Per questo arrivano spariti gruppetti di personale sanitario dalla Cina ed da Cuba. Sono ben accetti e messi subito all'opera. Eppure il governo italiano, i rappresentanti sindacali, l'ordine dei medici, la Protezione Civile sanno che sul territorio italiano ci sono migliaia di medici stranieri, moltissimi con documentata esperienza ospedaliera, che potrebbero entrare subito in servizio. In questi mesi di sofferenza e di morte negli ospedali italiani per il coronavirus potrebbero essere di grande aiuto. Perchè non si pensa ad una sanatoria per facilitare il loro iter? L'Italia è sempre stata il paese delle sanatorie. Ma nessuno muove un dito per l'utilizzo della loro professionalita'. Perche'?

UN ESERCITO CHE ABBANDONA IL NOSTRO PAESE

Un esercito di Professionisti abbandona il nostro Paese, laureati e specializzati che preferiscono andare a lavorare in Università, Ospedali e Cliniche del Medio Oriente, del Nordafrica, dell’Europa dell’Est ed anche della Gran Bretagna. Negli ultimi due anni, infatti, ben 5mila tra Medici e professionisti hanno lasciato il nostro Paese. In un periodo nel quale il dibattito politico si concentra in modalità pressoché dominante sulle tematiche migratorie, sembrerebbero i “cervelli” stranieri ad essere in fuga per primi.

Foad Aodi, Presidente dell’Amsi, che raccoglie i Medici Stranieri di tutto il Bel Paese dichiara: “Siamo preoccupati del ‘fuggi fuggi’ dall’Italia dei Medici e Professionisti stranieri, occorre inserirli nel Ssn prima che sia tardi!’ Questi sono: “Un esercito di professionisti purtroppo invisibili – spiega a QS Aodi -. Invisibili perché in un momento in cui si parla solo di immigrazione clandestina, di discriminazioni, di razzismo, siamo in mancanza di politiche per l’integrazione dai vari Governi, visto che ad oggi è stato prodotto poco. Le nostre statistiche parlano di una realtà molto importante in Italia, che purtroppo tante volte non vede i propri diritti rispettati. Come la partecipazione ai Concorsi, come la mancanza di partecipazione al corso per essere Medici di Famiglia, e anche negli ospedali – che tra l’altro potrebbero arricchire la conoscenza e lo scambio socio-sanitario con gli italiani autoctoni. Tutto ciò non è possibile perché non si può partecipare ai concorsi senza cittadinanza, anche quando si è medici o professionisti della Salute e della Sanità”.

“Molti professionisti – spiega ancora a QS il Presidente dei Medici Stranieri -, vedendo che dopo 2-3 anni non hanno risolto i loro desiderata, cercano lavori in altri Paesi d’Europa e del Mondo. Inoltre, si viene pagati anche 7 euro all’ora, allora i Medici e i Professionisti magari cercano lavoro in altri Paesi, come i Paesi arabi, o in Inghilterra”, sono insomma professionisti, laureati, specialisti qualificati (cosiddetta “immigrazione di qualità”) che noi perdiamo.

I dati
Secondo il Bilancio dell’Amsi, realizzato in collaborazione con il movimento Uniti per unire e l’Unione Medica Euro Mediterranea (Unem), sino a settembre del 2019:

1) In Italia i professionisti della Sanità risultano 75mila, -5mila unità rispetto a 24 mesi prima. In Italia ci sono ben 20mila Medici stranieri, 5mila Odontoiatri e 36mila Infermieri; 5mila Fisioterapisti; 5mila Farmacisti; 1000 Psicologi; tutti Professionisti laureati che esercitano in Italia (oltre a 3000 Professionisti in attesa di riconoscimento titoli conseguiti all’Estero, nella Patria d’origine o in altre Nazioni e Stati);

2) Questi sono in misura maggiore Professionisti provenienti da Paesi Africani e Arabi e paesi dell’Est che hanno caratterizzato le tre fasi dell’Immigrazione di massa nel nostro Paese;

3) Ultimamente si registra che negli ultimi 2 anni circa il 30% dei professionisti stranieri tornano nei loro Paesi di origine (in particolare paesi dell’Est e Paesi Arabi) e fanno parte di due categorie: i Giovani Precari, quelli in Pensione e quelli che hanno subito discriminazione e sfruttamento lavorativo e violenza verbale;

4) il 60% dei Professionisti laureati della Sanità e della Salute non ha Cittadinanza Italiana (in particolare quelli della seconda e terza fase dell’Immigrazione, vale a dire prima a seguito della Caduta del Muro – 1989 - di Berlino e quindi della cosiddetta Primavera – 2011 – Araba);

5) l’80% di loro lavora nelle strutture private (Cliniche; Centri di Fisioterapia; Centri Analisi; Pronto soccorso; Guardia medica; Studi medici e poliambulatori privati), anche a causa delle difficoltà ad inserirsi nel sistema pubblico in virtù in primis dei concorsi riservati ai cittadini italiani;

6) il 10% di questi Professionisti d’origine straniera esercita come Medici di Famiglia (Medici di Medicina Generale, MMG) e Pediatri convenzionati;

7) ma anche il 10% degli Stranieri esercita presso le strutture Pubbliche (in particolare Pronto Soccorso; Medicina interna; area chirurgica;

8) negli ultimi due anni si registra una diminuzione di arrivo dei Professioni tranne dall’Egitto, dalla Tunisia, dalla Siria e dal Messico;

9) negli ultimi 2 anni si sta registrando una diminuzione di arrivo di studenti stranieri.https:(quotidianosanita.it)

L.P.

LE STORIE di Felice Florio

 

Entro il 2025, nel servizio sanitario nazionale ci sarà una carenza di circa 16.700 medici. Un po’ per i pensionamenti anticipati previsti da Quota 100, che potrebbero portare all’uscita di 52.500 dottori; un po’ perché lo Stato finanzia poche borse di specializzazione rispetto al numero dei neolaureati, ritardando il loro ingresso nel mondo del lavoro (e negli ospedali).

Per colmare questa lacuna si potrebbe fare affidamento sui medici di origine straniera, che però non possono partecipare ai concorsi pubblici a causa delle leggi sulla cittadinanza. Il 2025 potrebbe essere l’annus horribilis della sanità pubblica: la gobba pensionistica raggiungerà il suo apice e, senza manovre per correggere l’andamento entrate-uscite dalla professione, molti ospedali resteranno senza chirurghi, anestesisti, ortopedici e ginecologi.

«Eppure i medici, nel nostro paese, ci sono: sono più di diecimila i giovani laureati e poi imprigionati nell’imbuto formativo, perché non vengono finanziate sufficienti borse per specializzarli. E, senza correttivi, diventeranno 19 mila già nel 2021, quando si laureeranno gli studenti immatricolati in sovrannumero per ricorso al Tar», racconta a Open il dott. Foad Aodi, fondatore e presidente dell’Amsi, l’Associazione medici di orgine straniera in Italia.

«A loro si aggiungono i 19 mila medici, per lo più specialisti, di origine straniera, che lavorano con contratti a termine e che, in mancanza della cittadinanza, non possono accedere ai concorsi pubblici. Ma anche loro se ne stanno andando dall’Italia, attratti da offerte di lavoro più convenienti e più stabili in altri Paesi, tra i quali quelli d’origine», spiega Aodi.

«Il paradosso è che i medici stranieri arrivati negli anni scorsi in Italia, oggi cominciano ad abbandonarla: registriamo un aumento del 20% dei medici intenzionati a tornare a casa. Mentre è aumentata addirittura del 35% la percentuale di quelli che preferiscono, in ogni caso, esercitare in un paese diverso dall’Italia».

Foad Aodi, fondatore e presidente dell’Associazione medici di origine straniera in Italia

Dottor Aodi, come mai ha deciso di fondare l’Amsi?

«L’abbiamo fondata nel 2000 io e altri medici delle più diverse nazionalità perché all’epoca c’erano molte problematiche nella categoria legate agli stranieri, ad esempio non era facile per noi iscriverci all’ordine. Dopo un anno e mezzo sono stato eletto consigliere dell’Ordine dei medici di Roma e, dall’interno, sono riuscito a far parlare di tematiche molto importanti come la sanità a livello internazionale e la cooperazione tra Paesi per aiutare quelli meno sviluppati».

Ma la questione forse più importante per la categoria non è stata ancora risolta: parlo della cittadinanza italiana obbligatoria per la partecipazione ai concorsi pubblici.

«È l’ultima delle nostre sfide per abbattere in Italia le differenze tra medici di serie A e medici di serie B. Ci sono 19 mila medici iscritti all’ordine, che pagano le tasse e rispettano tutti i doveri della professione e delle leggi italiane. Eppure non possono ancora sostenere i concorsi pubblici e il corso di studi in medicina generale. Ovvio che la cittadinanza è un tema importante, ma bisognerebbe abbreviare il tempo necessario per ottenerla: noi proponiamo che dopo 5 anni di lavoro documentato e di residenza fissa, venga permesso l’accesso ai concorsi con l’obbligo di portare a termine quanto prima l’iter per ottenere la cittadinanza italiana».

Una misura che potrebbe risolvere l’annoso problema della carenza di medici nel Servizio sanitario nazionale.

«Certo. considerate che siamo sommersi di richieste di medici che dall’Asia e dal Medio Oriente chiedono le certificazioni per venire a esercitare qui in Italia. In Europa, pensate, ci sono mezzo milione di medici di origine straniera e molti Paesi li integrano nel sistema nazionale per merito, non per adempimenti burocratici lunghi e sconfortanti com’è concepita la cittadinanza oggi».

E cosa succede, dopo il diploma, a un medico straniero che ha studiato e si è specializzato in Italia?

«Potrei raccontarvi tante storie: molti si presentano ai concorsi e poi scoprono di non poterli sostenere. Altri vengono assunti in modo alternativo per pochi mesi ma smettono di lavorare quando devono per forza fare il concorso pubblico. Prima di pensare a chissà quali misure per risolvere il problema della carenza di medici, io dico che bisogna integrare nel mondo ospedaliero prima gli italiani che restano bloccati nel limbo tra laurea e scuole di specializzazione, ma anche i medici di origine straniera che sono perfettamente integrati nel nostro Paese. Sono 19 mila, l’85% di loro, non avendo la cittadinanza, lavora nelle cliniche private perché è escluso a priori dai concorsi pubblici».

Quali sono, secondo lei, tre soluzioni per arginare l’emergenza delle corsie degli ospedali senza medici?

«Innanzitutto, con una corretta programmazione, formando un numero adeguato di specialisti nelle specialità per le quali sarà più grave la carenza. Per prima cosa, dunque, dobbiamo specializzare i medici che escono dalle nostre università: ci associamo all’appello della Fnomceo per avere già da quest’anno almeno 10 mila borse, in modo da formare gran parte dei medici oggi prigionieri dell’imbuto formativo.

In secondo luogo, velocizzando il riconoscimento dei titoli per i medici stranieri già specializzati che vogliono lavorare in Italia. Poi, migliorando le condizioni contrattuali, in maniera da far rimanere in Italia i medici, italiani e stranieri, che già lavorano sul territorio, e da far tornare coloro che sono emigrati all’estero. Infine, permettendo l’accesso ai concorsi anche ai medici stranieri che già lavorano da tempo in Italia, a condizione che, una volta superato il concorso, ottengano la cittadinanza».

Qual è la sua storia e come mai ha deciso di spendersi così tanto per la causa, avendo lei già ottenuto la cittadinanza italiana?

«Io sono un palestinese, arabo-israeliano, nato vicino a Tel-Aviv. Sono venuto qua nell’83 perché in Israele c’era il numero chiuso per l’accesso alla facoltà di medicina. Ho fatto un corso di lingua a Siena, mi sono integrato, e poi ho preso la laurea in medicina. Dopodiché ho cominciato a lavorare, specializzandomi nell’ambito della fisiatria e dell’ortopedia.

Oggi dirigo quattro grandi centri di riabilitazione a Roma e una clinica polispecialistica. Lavorano con me 150 medici e fisioterapisti: cerco di aiutare i giovani, dando loro una chance lavorativa basandomi solo sul merito. In Italia mi sono fatto conoscere per i trattamenti delle patologie vertebrali e dell’ernia al disco. Ho istituito un protocollo, conosciuto come protocollo-Aodi, per evitare l’intervento di alcune ernie: adesso il 90% dei pazienti non si opera più».

Avete provato a portare la questione al ministero?

«Sì, ne ho parlato con il ministro Giulia Grillo e il sottosegretario alla Salute, Armando Bartolazzi: mi hanno ascoltato con molta attenzione e si sono mostrati sensibili alle tematiche. Ma l’incontro verteva principalmente su un altro tema, quello della circoncisione. Abbiamo presentato delle statistiche che dimostrano che, delle 11 mila circoncisioni annue in Italia, il 35% avviene in modo clandestino. Sono morti dei bambini per questo.

Abbiammo fatto richiesta di una legge nazionale che introduca nel Servizio sanitario nazionale la circoncisione preventiva. Scolleghiamola dalla questione religiosa, tema oggi più divisivo che mai. La comunità di religione ebraica ha un accordo con lo stato italiano, nel loro caso è ancora più vincolante perché per la dottrina è obbligatoria farla sui bambini entro 8 giorni dalla nascita. Qui stiamo parlando di una misura che tuteli il diritto di tutti».(open.online)

ANCHE IL TAR DEL LAZIO IN FAVORE DEI MEDICI EXTRACOMUNITARI

I ricorrenti, di diverse nazionalità, chiedevano l’annullamento del provvedimento ministeriale che negava loro il riconoscimento dei titoli (specializzazioni in dermatologia e chirurgia estetica ed in un caso la stessa laurea in Medicina) ed il conseguimento del bene finale della vita ovvero l’essere ammessi, previa “conversione” del titolo, ad esercitare sul territorio

Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso proposto dall’avv. Lorella Mazzeo per conto di alcuni medici extracomunitari, ai quali era stato ingiustamente negato, da parte del Ministero della Salute, il riconoscimento del titolo accademico, indispensabile ai fini dell’esercizio della professione sanitaria sul territorio nazionale.

La questione era già stata sottoposta all’attenzione della magistratura amministrativa diversi mesi fa, quando un medico egiziano, stabilmente residente a Messina, si era rivolto all’avv. Mazzeo lamentando la perdita di numerose occasioni di lavoro presso prestigiose strutture ospedaliere italiane, a causa della mancanza di convenzioni bilaterali in materia, di un dialogo tra ambasciate e di un iter chiaro, che gli avrebbero impedito di ottenere il riconoscimento in Italia della specializzazione in cardiologia.

In quell’occasione il Tar aveva accolto il ricorso, consentendo al ricorrente di radicarsi sul territorio nazionale, anche professionalmente, ed in queste ore, a distanza di pochi mesi, l’avv. Lorella Mazzeo, coadiuvata dal dott. Francesco Mazzeo, registra un’altra importante vittoria in favore di un gruppo di professionisti extracomunitari.(tempostretto.it)

E LA RUSSIA DI PUTIN AIUTA L'ITALIA

Putin.jpg

Il presidente russo Vladimir Putin e il primo ministro italiano Giuseppe Conte hanno tenuto una conversazione telefonica in cui hanno discusso la pandemia del coronavirus e le misure per combattere la diffusione dell'infezione, l'ha riferito l'ufficio stampa del Cremlino.

La conversazione tra il presidente russo Vladimir Putin ed il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha avuto luogo su iniziativa russa. Secondo quanto affermato dall'ufficio stampa del Cremlino, i leader hanno discusso a fondo le misure adottate in entrambi i paesi per contrastare il coronavirus.

Putin nella conversazione telefonica con Conte ha espresso sostegno alla leadership e alla popolazione dell'Italia durante la situazione epidemiologica estremamente grave.

"Abbiamo convenuto su una stretta interazione nella lotta contro il coronavirus. In risposta all'appello della parte italiana, il presidente russo ha confermato la volontà di fornire tempestivamente l'assistenza necessaria e ha delineato i suoi parametri specifici" , si legge nel messaggio del Cremlino.

Mosca sta per inserire nel paese mezzi di protezione, sistemi mobili per la disinfezione e attrezzature mediche per combattere il coronavirus. Si prevede inoltre di inviare in Italia un gruppo di specialisti russi.

"Le consegne saranno effettuate dal Ministero della difesa con l'uso di mezzi aerei", ha riferito il servizio stampa del Cremlino.

Il primo ministro italiano ha espresso la sua gratitudine alla Russia per l'aiuto e il sostegno in un momento così difficile.

Secondo i dati dell'ultima conferenza stampa conclusasi pochi minuti fa, il numero totale di casi di Coronavirus in Italia è salito a 53578. Nel giornaliero bollettino comunicato da Angelo Borrelli durante la conferenza stampa, il primo dato è stato quello dei guariti, con 943 nuovi dimessi nella giornata di oggi, che portano ad un totale di 6072 dimessi. I deceduti delle ultime 24 ore sono stati 793, raggiungendo un totale di 4825. I casi di nuovi contagi da Coronavirus sono stati 4821, numero che porta ad un totale di 42681 attualmente attivi.(it.sputniknews.com)

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili isoleolie.it - vacanzeeolie.it 
alberghieolie.com - eolianinelmondo.com 
eolieintouch.it - casevacanza.isole-eolie.com

lasirenetta-orizz.jpg

LEGGI LE NOTIZIE MENTRE ASCOLTI LA RADIO 
clicca qui

addio-plastica.jpg

Richiedi un controllo gratuito dell'acqua clicca qui 
www.maximumsrl.com

250x600_plurimpresa_horeca.gif

213969_orig.png

 

GARAGE MERLINO LIPARI

garage_merlino.jpg

merlinogarage2.jpg

Tel. +39 090 9814232 
info@baiaportinenti.it

MANCIA E FUI
DI LIBORIO CATALIOTTI 

manciaefui-1.jpg 

C.so Vittorio Emanuele 94 Lipari - Isole Eolie Telefono090 981 3505 

213969_orig.png

 

ECOCET SERVIZI PER L'AMBIENTE 

 ecocetgenerale.jpg

Il nostro fine principale è la progettazione, realizzazione, gestione e manutenzione nel settore igiene ambientale, nell’impiantistica in generale. Tel e Fax: +39 0902131111 - Cell. 3889215672  www.ecocet.it

 

TYPOGRAPHY s.r.l.

typografy-notiziario.png

TYPOGRAPHY SRL 
Tipografia, Studio Grafico e gestione dei Brand, Abbigliamento da lavoro personalizzato.
Produzione sul posto e consegne immediate. 
Lipari - Via Santa Lucia cell. 3665254513 
info@eolieprint.com 
www.eolieprint.com 

Centro polispecialistico Lipari  
Intervista al prof. Marco Ferlazzo 

Con un nuovissimo ambulatorio polispecialistico a Lipari, COT è più vicina a tutti i pazienti eoliani. Quelli che erano i migranti della salute delle Isole Eolie trovano oggi in COT LIPARI un centro dove, assistiti e agevolati nei percorsi di cura, possono ricevere risposte celeri e trattamenti di eccellenza. 
Info COT ambulatori + 39 090 660 211 
Info COT ricoveri + 39 090 660 206  
Prenota on line 

loveral

LOVERAL S.R.L. 

Società Unipersonale Via Regina Elena, n°3 98066 - Patti (ME) C.F. & P.I.: 02135460836  Contatti: tel&fax: 0941/241060 
e-mail: loveral@libero.it 
pec:loveralsrl@cgn.legalmail.it

213969_orig.png

CALENDARIO DI RACCOLTA PERIODO ESTIVO 2018

sapori-salute.gif 
Consegna a domicilio dei cibi piu' gustosi anche sulle barche, per compleanni e anniversari e che Enoteca... Lipari, "Sapori&Salute" in via Franza 6 ed a Canneto nella Marina Garibaldi 184. 

56301757_10216614916998891_8368627270973128704_n.jpg

marotta.gif

La Studio si pone sul mercato come società specializzata nel fornire servizi di assistenza e consulenza nei seguenti ambiti: sicurezza ed igiene sul lavoro, tutela ambientale, gestione di sistemi di certificazione, formazione e progettazione. 

Contributi per le imprese siciliane operanti nei settori turistico, culturale e artigianale grazie alla misura 3.3.4 del PO FESR Sicilia

Servizi 

  • Attività nei cantieri e nel settore dell'edilizia 
  • Responsabile tecnico gestione rifiuti 
  • Formazione 

Lipari - Marina Corta Tel 320.4434156  
email:
fran.marotta@libero.it 
www.studiomarotta81.com

villaggio stromboli

Hotel in stile eoliano/mediterraneo è quanto di meglio si possa trovare grazie anche alla sua posizione molto tranquilla e panoramica. 

Via Regina Elena - 98050 STROMBOLI (ME) - Tel:090986018 - Fax:090986258 e-mail:info@villaggiostromboli.it

la-terrazza-sul-mare.jpg 

E' tempo di gustare "Yogurt e gelati biologici".

spiagge-luana-giF.gif

Via Falcone Borsellino
98055 Lipari ME, Italy
Tel. +39-0909812077
Fax +39-0909813881
P.I. 02769720836
info@hotelmealipari.com

Via Mazzini - Acquacalda 
98055 Lipari ME, Italy
Tel. +39-0909821088
Fax +39-0909813881
Same s.r.l. P.I.V.A. 02769720832
email: info@hotelcutimarelipari.com

notiziario eolie

notiziario eolie villa enrica

notiziario eolie asino beach

 VULCANO ISOLE EOLIE 

logo small

PANNELLI SOLARI

images

CONDIZIONATORI D'ARIA

1976 12

STUFE E CAMINI DA INCASSO
A LEGNA E PELLET

ant jolly synthesis

LIPARI - ISOLE EOLIE
Tel&Fax 090.98.80.026
cell. 336.86.91.02
merlinosilvio@virgilio.it

lasirenetta1

Dal 1952 La Sirenetta Park Hotel accoglie tutti i suoi ospiti in un’atmosfera esclusiva di piacere, relax e tradizione alberghiera.

Via Mons. Antonino Di Mattina n.33
STROMBOLI (Messina) Italy
Tel +39 090 986025
Fax +39 090 986124
info@lasirenetta.it


a-tritone-2.jpg

Bel.Mar. Costruzioni per risparmiare

BEl.MAR.COSTRUZIONI S.R.L. è un’impresa operante nel settore edile ed immobiliare, con sede a Lipari, Isole Eolie, nata dalla trentennale esperienza del suo fondatore, geom. Antonino Bellino e portata avanti brillantemente dall'erede, l'ingegnere Mauro Bellino. L’impresa si occupa di costruzione di nuove abitazioni residenziali e commerciali, ristrutturazioni e restauro di edifici pubblici e privati , di lavori di movimento terra, opere idrauliche e infrastrutture, ma anche di permute immobiliari e lottizzazioni. info@bellinocostruzioni.it 

Arroccato sul pendio della collina, piccolo borgo eoliano emergente in un giardino di ulivi, limoni e buganvillee, il RAYA è lì, proteso con tutte le sue terrazze verso lo Stromboli che il nostro grande Rossellini ed il buon Dio hanno reso immortale.....

Hotel Raya

la giara logo

15

12

4

Hotel Residence
La Giara ****

Via Commendatore Bartolo Zagami • 98055 Lipari - ISOLE EOLIE (Messina - ITALY)
• Tel. 090 9880352
• Fax 090 9880545 info@residencelagiara.it www.residencelagiara.com

brullo 185
AUGUSTA DUE is a shipping company specialised in the  trasportation of energy and oil products. 
nave trasporto mod
Our main commitment has been the renewal of the fleet and now the result is that we are an important  reality in the Mediterranean Sea.
Our mission is to connect different parts of the world

PAOLO LAQUIDARA

SRL

Ship and Forwardings Agent in Milazzo
SINCE 1898

SHIP AND YACHT’S AGENT, FORWARDINGS SERVICES, CUSTOM BROKER, SIGN ON/OFF SEAMEN, IMPORT/EXPORT OPERATIONS, SHIP CHARTERING, TRANSFERT AND PROVISIONS. WWW.PAOLOLAQUIDARA.COM Tel +39 0909282023 LAQMAR@TISCALI.IT

210X250-BANNER-CONCORSO-DECO.jpg

LOGO30ANNIDANIERI-small.jpeg

bartmunafo.png

Da noi puoi trovare prodotti di qualità all'insegna del risparmio. Nei nostri punti vendita puoi scoprire la qualità dei prodotti e la cortesia del nostro personale.

Htl Lisca Bianca

HOTEL LISCA BIANCA | Via San Pietro, s.n. - 98055 Panarea - Isole Eolie | Tel. +39 090.983004 / +39 090.983005 - Fax: +39 090.983291 | E-mail: 
liscabianca@liscabianca.it

Nuovo ufficio in via Garibaldi, 124 Lipari 

Chiama il 339.504.5301 - 328.33.76.024 - 333.71.86.526

Linea Verde

... da noi il meglio è per tutti!

fratelli laise

Venite a trovarci al fruit market di Marina Lunga e sul corso Vitt. Emanuele, troverete tutto quello di cui avete bisogno, frutta esotica, frutti di bosco, erbe aromatiche fresche, frutta fuori stagione, ma anche un'ottima enoteca con una vasta scelta tra i migliori champagne. Tel/fax 090.9880769; Tel/fax 9812731 info@fratellilaise.com - www.fratellilaise.com

carontetourist.jpg

 

  • siremar2018.png
    collega la SICILIA alle sue isole minori: ISOLE EOLIE, ISOLE EGADI, USTICA, LAMPEDUSA, LINOSA, PANTELLERIA e 
    NAPOLI - EOLIE

via Stradale Pianoconte Lipari - Eolie

Tel. 090.98.22.243

SHOP ONLINE
www.idolcidimarisa.it/

 
Case Vacanze Valle - Contrada Valle Lipari (Me) Canneto Beach - Via Marina Garibaldi - Canneto/ Lipari (Me) Case Vacanze S.Anna - Via S. Anna Lipari (Me)

Paino Rai

Richiedi un preventivo, ti diamo 4 buoni motivi per farlo subito:

  1. Il prezzo migliore. Garantito!
  2. Sopralluogo completamente gratuito.
  3. Sicurezza e professionalità.
  4. Cortesia e disponibilità
Via Stradale Pianoconte 98055 Lipari (ME) Tel. 090.98.11.484 Cell. 339.49.86.903 Part. IVA 03009030838 E.mail - raipaino@tin.it

hotel meligunis 

Via Marte, 7 - 98055 Lipari (Me) - Tel. +39 090 9812426 Fax +39 090 9880149 Ricevimento: info@villameligunis.it - Direzione: direzione@villameligunis.it

baia unci canneto 

Lipari - Isole Eolie - Italy 
via Marina Garibaldi 3/7 - Canneto - 98055 Lipari - (ME) - Italy tel:+390909811909 
Mob: +39 366 1069721   
info@campingbaiaunci.it 

 

Eolcalandra Case Per Vacanza

eolcalandra
Prenota
tel:+39 335 570 0383 
Salita Calandra
98055 Canneto Lipari info@eolcalandra.it

le-macine-ristorante

Proposte per gusti raffinati che tuttavia non tradiscono le tradizioni della cucina Eoliana

PIANOCONTE - LIPARI

Iscriviti alla News Letter del "Notiziario delle Eolie" Ricevi HTML? Riceverai le ultime notizie direttamente nella tua casella di posta

Telefona Cell. whatsapp.jpg  393.97.18.272 - 393.97.18.431

o scrivi al "Notiziario"
bartleone@tiscali.it
bartolino.leone@alice.it

direttore@bartolinoleone-eolie.it
Message us on Facebook

 

In Archivio
  www.bartolinoleone-eolie.it

  I Servizi del "Notiziario"

  • Video documentari e corti,
  • Spot pubblicitari per enti pubblici e
    privati, aziende commerciali e turistiche,
  • Registrazioni di consigli comunali,
  • Convegni,
  • Incontri dibattiti ed eventi vari,
  • Live streaming
Per maggiori dettagli leggi
Il Notiziario delle isole Eolie online potenzia i suoi servizi
Informazioni sul copyright:

I diritti relativi ai testi, le immagini, i file in audio e video sono di proprietà dell' Editore.
La riproduzione è vietata.  Prima di pubblicare foto, video o testi da internet, vengono eseguite tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell’uso del materiale riservato, scriveteci a bartleone@tiscali.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi. 

Collaborazioni:

Chiunque può collaborare con “Il Notiziario delle Eolie online” inviando articoli o suggerimenti. Le proposte vanno inviate esclusivamente all'indirizzo

bartolino.leone@alice.it 

- Le collaborazioni non sono retribuite.

Quotidiano associato all'Unione Stampa Periodica Italiana 

 

Eolie in touch app

La guida turistica digitale a portata di mano utile ed indispensabile per il viaggiatore in libertà e per chi vive le Eolie - Installa GRATIS l' applicazione direttamente da 

Eolie in touch app  Eolie in touch google store app

Il "Notiziario" diventa "mobile" le notizie del nostro giornale si possono leggere sull' app -Eolie in touch- tramite i feed Facebook e Twitter - clicca qui 
Recensita sul sito - app italiane -
http://appitaliane.it/iphone-ipad/viaggi/eolie-in-touch-cmqacve.html

Per la tua azienda Pubblicità sul Notiziario delle Isole Eolie - Raggiungi e acquisisci nuovi clienti