91b35264a2b4e345e42095e0f100283b-ki0G-U31601884165486WzH-656x492@Corriere-Web-Sezioni.jpg

di Manlio Viola

La Sicilia non riparte prima nonostante il contagio sia basso. Al contrario aspetterà quattro giorni in più rispetto all’Italia e a tutto il resto d’Europa. I confini nazionali saranno riaperti il 3 giugno e da quella data sarà possibile viaggiare fra le regioni ma non rientrare liberamente in Sicilia. Qui resteranno in vigore le regole dell’autocertificazione, della registrazione sul portale e della quarantena obbligatoria all’arrivo fino al 7 giugno.

In realtà non si tratta di una novità ma di un passaggio già contenuto nell‘ordinanza del 17 maggio in vigore dal 18. Un passaggio più restrittivo rispetto al Dl nazionale che era sfuggito ai più, Ma siccome alla fine della lunga trattativa le ordinanze regionali erano state interamente recepite come allegati al Dl nazionale questa decisione siciliana è, di fatto, in vigore anche se deroga alla competenza romana. Ciò perchè tecnicamente e legalmente è stata recepita e pubblicata nello stesso Dl

Per questo motivo lo scontro in atto fra Palermo e Roma sul mantenimento della chiusura della Sicilia si sposta dalla data del 3 chiesta da Roma alla data dell’8. Constatato che già l’ordinanza è in vigore da Roma fanno sapere che questa sarà l’ultima eccezione siciliana su questo fronte. la competenza sulla libera circolazione, infatti, è di esclusiva pertinenza statale e, di conseguenza, dall’8 giugno si riapre senza ulteriori limitazioni.

Niente patente di immunità e niente test sierologici rapidi ai passeggeri in arrivo ma solo ordinaria sorveglianza sanitaria dunque la misurazione della temperatura in aeroporto come già avviene ad esempio entrando in palestra.

Misure considerate insufficienti da tanti soprattutto dopo il caso della giovane donna incinta passata a tutti i controlli nel suo viaggio da Londra a Palermo e che ha sviluppato i sintomi in maniera anche grave solo tre giorni dopo.

Quattro giorni non fanno, poi, una gran differenza ma c’è chi, comunque, sottolinea come si tratti di una scelta poco oculata. Sul fronte sanitario costringere alla quarantena chi arriva il 7 giugno e non chi arriva l’8 di fatto non protegge nessuno e viceversa. Sul fronte turistico, 4 giorni di ritardo significano che mentre l’europa riparte la Sicilia si isola e resta in ritardo. Ma in fondo anche qui potrebbe non voler dire poi molto.(blogsicilia.it)

downloadCVF.jpg

LA NOTA DELL'UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO

Il Circomare Lipari, nell’ottica di meglio diffondere le direttive di interesse diramate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in merito ai comportamenti da assumere nelle attività ludico-ricreative e commerciali in mare e su tutto il demanio marittimo, invita a visionare le LINEE GUIDA ministeriali, facilmente consultabili on-line al seguente indirizzo http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/fase-2bis-linee-guida-mit-per-il-trasporto-nautico-e-la-balneazione
A tal proposito, l' Ufficio circondariale marittimo invita tutti al rispetto delle indicazioni emanate dal competente Dicastero ed al più alto senso civico che deve necessariamente distinguere ogni cittadino, rammentando che il rispetto delle stesse, oltre ad essere un obbligo giuridico, risulta fondamentale per il contenimento della pandemia in corso. 

"Certi della massima collaborazione - si legge in un comunicato - al fine di agevolare una ripresa delle normali attività, si rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento".

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili isoleolie.it - vacanzeeolie.it 
alberghieolie.com - eolianinelmondo.com 
eolieintouch.it - casevacanza.isole-eolie.com

angolo-del-pesce.jpg