"BELLI NOTIZI AVIMU"

LA NUOVA PUBBLICITA' VIDEO DEL "NOTIZIARIO"

DA NOI CONVIENE E VA LONTANO...

Si è tenuto il seminario dal titolo "Aumento di livello marino e movimenti verticali della crosta terrestre: lezioni dal passato e scenari futuri dal Mediterraneo alle isole Eolie" tenuto presso il Centro Studi Eoliano di Lipari dal Prof. Marco Anzidei, Primo Ricercatore dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma, alla presenza di un pubblico molto attento ed interessato. Fra i partecipanti si registrava la presenza del consigliere comunale Pietro Lo Cascio e dell'archeologo della Soprintendenza del Mare della Sicilia, Dr. Roberto La Rocca.
Dopo la presentazione del prof. Marco Anzidei da parte del Presidente del Circolo di Legambiente di Lipari, Giuseppe La Greca, il ricercatore dell'INGV ha iniziato il proprio intervento, accompagnando la trattazione power point con dei brevi filmati.
Il prof. Anzidei ha spiegato al pubblico come il livello del mare vari nel tempo da luogo a luogo e che i cambiamenti siano principalmente causati dalla somma di fattori climatici e tettonici che agiscono a diverse scale temporali e spaziali. Tra questi, le variazioni di volume dei ghiacci nel corso delle glaciazioni, l'espansione termica degli oceani e i movimenti verticali della crosta terrestre. Questi ultimi causati dai movimenti delle placche continentali, da terremoti e attività vulcanica, da isostasia e infine dall'attività umana.
Dopo l'introduzione, il Prof. Anzidei si è concentrato sulla trattazione del Mediterraneo ed evidenziando le relazioni tra la sua forma e i movimenti superficiali e profondi delle placche continentali Africana ed Euroasiatica, che hanno portato alla formazione delle catene montuose mediterranee e all'arco vulcanico delle Eolie.
L'ultima parte dell'intervento ha riguardato i passati livelli marini e i movimenti verticali delle coste eoliane su basi geologiche, geofisiche e archeologiche per comprendere le cause dell'attuale aumento del livello del mare e tentare di formulare previsioni future.
La trattazione si è concentrata in particolare su Lipari e sull'isolotto di Basiluzzo, dove sono presenti resti di costruzioni marittime di età romana, oggi sommerse rispettivamente di circa 12 e 4 metri.
A conclusione della presentazione si è tenuto un vivace dibattito con numerose domande da parte del pubblico che hanno fatto "sforare" l'incontro di circa 30 minuti. Le domande si sono concentrate sulle prospettive future delle isole Eolie e soprattutto di Lipari, dalle opere portuali, alla difesa degli abitati di Canneto, Acquacalda e delle spiagge bianche; alle cause che hanno determinato l'aumento del livello del mare negli ultimi duemila anni nel Mediterraneo e a Lipari in particolare, dove gli abitanti lamentano una ingressione marina nel corso degli ultimi 10 anni circa nelle zone portuali di Marina lunga e Marina corta.

 basiluzzofondali1liparimappafondali1

 

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo

Il Notiziario delle isole Eolie online siti utili
www.isoleolie.it  vacanzeeolie.it alberghieolie.com 

cappelli.jpg