prima_pagina.jpgPRIMA PAGINA: "PRIVACYANDO”

“La tutela della privacy in Italia non è una battaglia persa, nonostante lo strapotere dei giganti del web. Nel 2018 c’è stato un boom di sanzioni, oltre il doppio dei dodici mesi precedenti (+115%)”. Il garante ormai ha nuove armi per combattere queste violazioni anche grazie al regolamento europeo. La privacy è morta perché il futuro è la privacy. Le ispezioni effettuate dal Garante nel 2018 hanno riguardato ambienti pubblici e privati. Dalle banche alle aziende sanitarie locali, Comuni e Regioni dalle aziende di telemarketing, a quelle che offrono servizi di money transfer. Nel mirino del Garante sono finite anche le questioni legate a telefonate, mail, fax e sms promozionali indesiderati, poi a Internet, alla videosorveglianza, al rapporto di lavoro, ai dati bancari. Nella relazione annuale vengono citati anche gli interventi legati al cyberbullismo, ai controlli sulle fake news sull’uso dei dati personali sui social. Rientrano nei controlli le questioni legate alla Piattaforma Rousseau e le procedure per il reddito di cittadinanza, la protezione on line dei minori. L’allarme sulla “vita a punti” dei cinesi,   indica il rischio di un nuovo totalitarismo digitale, fondato sull’uso della tecnologia per un controllo ubiquitario sul cittadino e su un vero e proprio capitalismo della sorveglianza. La libertà ha i suoi fondamentali.

 

 

ISOLA  ACCIAIO

 

 intpol.jpg Quale silenzio libero è nato oggi?

Senza nomi e senza parenti

mentre occhi lucidi scimmiottano il faro

dell’isola senza pietre e con i muri cementati

con l’acciaio degli anni e della storia.

Invasi dall’assenza svanita nel vuoto

di un uomo maturo e duro

tornato indietro dalla sua vita cocciuta,

sbattuta con l’onda alta che non teme confronti.

Gente disperata fra le urla che ispirano fughe

lette da indovini senza arti ma con una parte importante

per quei libri mai letti.

 

 

Il Vulcano a Piedi Stromboli Trekking orizontale.jpg

 

 

 aaaaaaaa.jpgCONTROCORRENTEOLIANA: MARE

Il mare eoliano e le sue filiere produttive sono ormai i veri protagonisti del turismo eoliano. Una miriade di attività utilizzano il mare, le coste e i fondali come risorse per lo sviluppo economico. Però i servizi devono avere l’obiettivo di creare maggiore consapevolezza delle opportunità che derivano dall’economia del “blu”. Tutto quello che è legato al mare deve combaciare dolcemente senza ulteriore sfruttamento intensivo. Il mare deve vivere come cultura oltre che come materia di riflessione, di analisi e di divulgazione anche scientifica. Il mare eoliano ormai è il primo datore di lavoro delle isole Eolie e può ancora svilupparsi trascinandosi il territorio che al momento è ancora uno dei colpevoli della sua distruzione. E’ ancora necessario creare consapevolezza nei più giovani di tutte le opportunità che nascono dal mare.

 

 

VERO&FALSO

 

pitvf

-Politico eoliano alleva capre.

-Elettore eoliano mangia maiali.

-Col caolino eoliano si produrrà un rossetto fluido e morbido.

-Al Museo di Lipari esposto il primo confessionale politico.

-Anastasio aprirà a Stromboli scuola di rapper.

-Alicudi pronta ad investire in calessi per la mobilità verde.

-Alle Eolie tutti i segnali stradali saranno digitali.

uspi.jpg   Info su bonus pubblicità con credito d'imposta del 75-90% sul Notiziario

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili isoleolie.it - vacanzeeolie.it 
alberghieolie.com - eolianinelmondo.com 
eolieintouch.it - casevacanza.isole-eolie.com

abiddikkia.jpg