EVENTI

Lipari - sabato 21 settembre alle ore 17 con partenza da Marina Corta si svolgerà la 20a edizione della ricorrenza dello "Sposalizio dei Faraglioni"

Da un'idea dell'artista Gery Palamara, è organizzata dal Notiziario delle Eolie online, in collaborazione con il Comune di Lipari, assessorati della cultura e dello spettacolo. 
Lipari, nuovo appuntamento per la ricorrenza dello "Sposalizio dei Faraglioni". E che sorprese...

755f7878-f07c-482a-b0b2-9f8037d3d554.jpg

71648959_10217898155999064_2920029439985188864_n.jpg

af2.jpg   

di Antonio Famularo

CANTO IV - Il Signore dei Venti

"Io sono 'il Signore dei Venti'
e li mando ai confini del mare,
non si muovon vele di bastimenti
se non do il comando di soffiare;
dentro otri chiusi dalle funi
io li tengo tutti sempre a freno.
Il mio regno è a Meligunis,
nel mare del Tirreno.

Governava il Re Lìparo questo regno in mezzo al mare
quando con le mie navi arrivai e nell'Isola mi fermai;
il Monarca era vecchio, assennato e prudente,
era pure tanto saggio e rispettato dalla gente.
Aveva pure una Creatura più preziosa d'un tesoro,
con una chioma tutta scura e le mani come l'oro:
il suo sguardo m'incantò e il cuore mi rubò,
la Regina si rallegrò e il Re me la donò.

Poi il regno mi lasciò e per mare se ne andò
un gran regno a conquistare e mai più Lui ritornò.
Nel mio reame c'è armonia e si sta in compagnia,
si banchetta e si brinda con una coppa di malvasia;
nella mia reggia c'è allegria e si balla e si fa festa,
ci son femmine agghindate con i fiori sulla testa
e si suona con i cembali, e i flauti e raganella,
e si canta e si danza tutti in cerchio la tarantella."

Eolo era 'il Signore dei Venti',
li mandava ai confini del mare,
non viaggiavan mai bastimenti
senza il suo ordine di soffiare;
i suoi otri chiusi dalle funi
un giorno li sciolse tutti quanti
e il Regno di Meligunis
lo lasciò per sempre vacante.

(Da: ODISSEADE, 2018, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

La_Giara_piscina_5.jpg

Hotel Residence La Giara Via Commendatore Bartolo Zagami 98055 Lipari Info 090 9880352

 

CANTO III - Via da qui

C'è una strana calma apparente,
non vi è neppure un filo di vento
e anche l'aria pare stagnante.

Le vele sembrano senza respiro
e l'ancora giace su inquietanti fondali,
adagiata su enormi massi marini.

Aspetto che Zefiro torni a spirare
per partire e seguire la sua direzione 
e giungere infine alla mia Isola.

Sulle orme lasciate sulla sabbia
saliranno poi le onde e le maree
e cancelleranno tutti i nostri segni.

Forse i ricordi ti parleranno di me,
ma sui sentieri abbandonati
come fan presto a crescere i rovi!

E' stata tutta una calma apparente, Nausicaa:
in questo tempo immaginato senza inganni
ci siamo solo concessi un sogno.

(Da: ODISSEADE, 2018, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

 

CANTO II - Odisseade

E infine mi ero deciso a partire,
a intraprendere un lungo viaggio,
navigando sulle onde del tempo,
attraversando i mesi e gli anni,
fluttuando fra le tue complicità,
esplorando il mare delle possibilità.
Non avevo avuto venti propizi
e nemmeno la luna e le stelle di notte,
né coordinate geografiche esatte;
i miei unici punti di riferimento
erano stati soltanto i tuoi occhi
e la tua maniera di guardarmi.

Mi avevi rivelato un'isola nascosta,
un luogo misterioso e possibile
dove non ero mai stato prima,
situato nei meandri dell'anima,
con angoli di quiete interiore
e lidi tranquilli di serenità.
Mi avevi fatto il dono prezioso
di una parte del tuo tempo
e dei sentimenti celati
fra le pieghe delle tue parole;
premeditatamente avevo ceduto
alle lusinghe del tuo canto.

Quando giunsi nelle tue vicinanze
gettai l'ancora dei miei proponimenti;
mi tuffai nelle acque poco note
delle tue più intime convinzioni
e con poche e ampie bracciate
coprii la tua distaccata distanza.
M'inerpicai sulla falesia della tua noncuranza
e infine raggiunsi il luogo del tuo cuore
ma dentro di esso v'erano solo sassi,
erbacce, ortiche e cardi spinosi,
e ritornando giù con lo sguardo
vidi il baratro incerto della situazione.

Capii allora che preferivi rimanere
al di fuori del mio tempo,
fortemente arroccata sul dirupo
delle tue inamovibili convinzioni,
e dunque preferivi vivere soltanto
di mia luce che ti veniva riflessa.
Così riguadagnai la mia determinazione
di essere arbitro del mio destino;
attesi che si alzasse la marea del mio umore,
che tornassero a spirare venti propizi
e volsi le vele spiegate del mio cuore
in direzione di altre possibili realtà.

 

CANTO I - Polena di Donna

Donna misteriosa o dea terrificante,
abbandonata per secoli nella polvere
di un'oscura cripta religiosa,
rivelami il segreto di chi mai tu eri!
Un legno sagomato, una donna sfortunata,
o forse un tempo prostituta di porto
dai cui occhi s'intuiscono ancora
passioni di musiche nord-africane,
essenze di spezie e droghe orientali
e segreti indicibili di alcove persiane?

Hai preso il largo, viaggiando per mare,
cavalcando dune e montagne d'acqua,
attraversando e solcando venti impazziti?
Cosa mi sai dire della vastità degli oceani?
Immagino fremiti di legni, cigolii di catene
e vele strapazzate durante la navigazione,
porti rumorosi di genti chiassose,
case di mare che sanno di salsedine,
eco di brezze sottili e rumori di fondo
provenienti da lontani venti oceanici.

Mi par di udire leggende marinare
di antiche navi che salpano le àncore
o infine ritornano stanche nei porti,
dato che "c'è qualcosa di commovente
in un bastimento che vien da lontano
e piega le vele per riposare."
Anche se ora il tuo viaggio è finito
lascia che almeno il sogno scivoli via
e che s'immerga sempre più in fondo
nell'universo marino della Poesia.

(Da: ODISSEADE, 2018, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

PROEMIO  (Elogio del Tirreno)

Per certi versi ti amo
perché alimenti il Mito,
eppure ti vedo anche
infido e ambiguo;
a volte ti guardo pure
con paura e sgomento
pensando alle tue distese marine,
arrivando persino
a maledire Giasone
per avere inventato
la prima vera nave
e sottratto i miei simili
al loro elemento naturale
e più sicuro: la Terra.

Sei un luogo indefinito
di lusinghe e macchinazioni:
le Sirene, Scilla e Cariddi!
Appari più vasto
di quanto sia in realtà:
una distesa tranquilla
che sa pure mutarsi
in un inquietante mare.
Sui tuoi fondali dimorano
relitti d'ogni tempo
e trovano requie le gesta
di eroi e di guerrieri,
avventurieri senza scrupoli,
e mercanti e marinai.

Sulle tue acque d'indaco
con la tua nave effimera
ha veleggiato la Storia
infrangendo su irte scogliere
sete di gloria e onnipotenza.
Verso destini ignoti
sui tuoi flutti solcano
generazioni di uomini
che il tempo sfigura e cancella
mentre tu, invece,
incurante del tempo,
resti fedele a te stesso,
geloso dei tuoi confini
e signore della tua storia.

(Da: ODISSEADE, 2018, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

FIGGHIU MIA 'I 'STA TERRA

Fìgghiu mia, fìgghiu mia,
'un fàriti fùttiri da' nustalgia!
Ciatu mia, coruzzu beddu,
vattìnni luntanu cumu 'n aceddu!

'Un pèrdiri tempu cu' li fissarìi,
iènnuci arredu a li fantasìi!
A 'stu munnu chi vaci alla liversa
lèggiri versi 'un c'interessa!

Vistu chi nuddu po' sapìri 'u dumani
t'avissi 'a manciàri 'u munnu ch'i mani!
'Un ghiri tantu pi' lu sottili
sinnò ti fannu " 'u pisci d'Aprili! "

Tempu nun èsti 'i fari puesìa,
'nt'o munnu c'è troppa filusufia;
c'è puru abbunnanza 'i littiratura
pirchì cani e porci ora fannu cultura!

Fìgghiu mia, fìgghiu mia,
'un t'a pigghiàri si parlu accussìa;
'u fazzu sulu p'amuri tua,
pi' tuttu lu beni chi vògghiu a tia!

'un pèrdiri tempu c'a pinna 'nt'e mani
chi prima chi penzi arriva 'u dumani;
datti da fari e varda in avanti
sinnò tu resti ch'i mani vacanti!

Ciatu mia, figghiùzzu beddu,
spirisci veloci cumu 'n aceddu;
fuitìnni luntanu cumu lu ventu
fintantu chi c'èsti ancora lu tempu!

Vattìnni luntanu e 'un ci 'turnari,
nemmenu 'i mia tu ha' dumannari!
'sta terra è pigghiàta cumu di' spasmi
pirchì restanu ormai sulu vecchi fantasmi!

(Da: KASBA AEOLIA, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

ARREDU CUMU 'U CURDARU'

Passa sempri lu Tempu
'nt'a lu campu du' Munnu
e 'unni passa l'aratru
scava un surcu prufunnu.

La to' faccia era fina
cum'un velu di brina,
liscia era la manu
cum'un campu di 'ranu.

Eri cum'un giardinu
quannu eri carusu,
lu tirrinu era finu
e lu virdi diffusu.

C'era un forti profumu
cumu ciuri d'arànciu
e di ménnuli cumu
'nt'a lu misi di Màggiu.

Puru l'acqua niscìa
zanpillànnu du' puzzu,
'nt'a la terra scurrìa
e 'inchìa lu fossu.

E poi vinni 'a calura
e 'sciucàu 'a funtana,
arrivàu l'arsura
e 'na siti un pò strana.

Tempu nenti li ciùri
si siccaru' e murieru'
e li tanti culuri
'nt'o 'n mumentu sparieru'.

Si siccaru' li mani
e vusciaru' li vini,
mentri lu me' giardinu
si 'inchìu di spini.

Cumu terra ormai sicca
chi si spacca senz'acqua
accussì la to' faccia
pi' li rughi si spacca.

Poi ti fermi un mumentu
e ti scopri a pinzari
chi nun c'è chiù lu tempu
pi' arredu vardari.

E trascurri lu tempu
senza nuddu aspittari,
mentri sulu lu Ventu
ti veni ancora a truvari.

E 'a Vita passàu
puru supra 'a to' faccia
e lu Tempu lassàu
di li surchi 'a traccia.

(Da: QASBA AEOLIA, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

'A VINNIGNA

'Scura e abbrìsci, sira e matina,
pàssanu i 'iòrna cumu acquazzina;
fui lu tempu cumu a lu ventu,
l'anni anchiànanu cumu la china.

Ora mi sentu sulu e persu,
'a vita havi un sapuri diversu:
sapi di sali e nun sapi di meli
e lu me' cori è chinu di feli.

Torna 'nt'a menti quann'era carusu
senza pinzeri e lu cori giuiusu,
quanni vidìa i me' anni davanti
accussì virdi e parìanu tanti.

C'era un tempu pi' ogni cosa,
'a vita era ciuri di rosa;
'u tempu passa e spezza li rini,
'sperdi li ciuri e ti lassa li spini.

Frisca era l'acqua 'nt'a me' cisterna,
mai s'asciucàva e parìa eterna;
mi ricriàva 'i quantu ci n'era:
ora siccu è lu sìcciu appinnutu e' pulera.

Mi ripusava sutta un pedi d'alivu
e mi sintìa lu cori giulivu,
frisca era l'umbra di' pàmpini 'i fica:
'nt'a la me' vigna ora regna l'ardìca!

Sentu 'nu brìvidu 'n funnu a la schina
mentri 'a vita anchiàna la china,
scinni lu 'scuru 'nt'o cori mia:
'na sbrizza 'i chiantu 'nt'a l'occhi mia.

Finìu la 'Stati, passàu la stagiuni,
resta sultantu 'na spera' di suli;
chini di pàmpini sunnu li viti,
chini di frutti ma nun li cugghìti.

Finìu la 'Stati, passàu la stagiuni,
resta sultantu 'na spera' di suli;
chini di pàmpini sunnu li viti,
chini di frutti chi nun ricugghìti.

(Da: KASBA AEOLIA, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

CANTICU DU' PISCATURI

Pi' 'stu Suli ch'abbrìsci ancora,
ni teni 'n pedi e ni caudìa,
pi' 'stu 'iornu chi nesci fora,
laudatu sia Signuri mia.

Pi' 'stu mari chinu di pisci
chi ni duna 'i campàri,
pi' la Luna quannu nesci
e piscàmu senza lampàri.

Pi' lu Ventu chi sciùscia forti,
vùscia 'i vili e ni strapòrta
e li Stiddi di la notti
chi ni 'nzìgnanu 'a rotta.

Pi' 'sta terra 'n mezzu o' mari
chi ni faci arripusàri,
p'u misteri di campàri
qista vita loda a Tia,
da 'stu munnu tra celu e mari
laudatu sia Signuri mia!

(Da: STORIE EOLIANE, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

'MASU 'U LATRU

"Signuri mia, chi vinìti a fari?
qà 'un c'è oru chi putìti arraffàri,
c'è pani caliàtu ch'un si poti scacciàri
e fica sicchi pi' scapuzzàri!"

"Signura mia, 'un vi vògghiu scantàri,
'un sugnu qà pi' vulìrivi arrubbàri,
pi' qista notti mi servi un riparu:
prima ch'agghiòrna vi giuru chi scumparu.

Sunnu tri ghiòrna chi vàiu scappannu,
sugnu affamatu e cottu di sonnu;
alli calcagna iò hàiu li sgherri
e si m'acchiàppanu mi mèttunu e' ferri,
tutti 'i me' peni mi fannu pagari
e puru 'i peni 'i l'àutri scuntàri!"

"Trasìti dintra, ammucciàtivi qa,
pòvira sugnu ma vinu ci n'è,
si vi spugghiàti curcàtivi d'à
'nt'a lu me liettu addubbatu cum'è."

"Signura mia, 'un sàcciu chi fari
pi' iò putìrivi arricanciàri,
tempu nu' n'hàiu pi' stari cu' vui
pirchì pi' mia 'u tempu fui."

"Fora c'è scuru' ancora a qist'ura,
c'è sempri tempu pi' ghìri in galera.
Stàtivi qa, durmìti cu' mia,
v'a cànciu ìu 'sa malincunìa;
tempu ci n'èsti, dumani è luntanu
e cumu veni ni lu pigghiàmu!"

 

CANTICU DU' PISCATURI

Pi' 'stu Suli ch'abbrìsci ancora,
ni teni 'n pedi e ni caudìa,
pi' 'stu 'iornu chi nesci fora,
laudatu sia Signuri mia.

Pi' 'stu mari chinu di pisci
chi ni duna 'i campàri,
pi' la Luna quannu nesci
e piscàmu senza lampàri.

Pi' lu Ventu chi sciùscia forti,
vùscia 'i vili e ni strapòrta
e li Stiddi di la notti
chi ni 'nzìgnanu 'a rotta.

Pi' 'sta terra 'n mezzu o' mari
chi ni faci arripusàri,
p'u misteri di campàri
qista vita loda a Tia,
da 'stu munnu tra celu e mari
laudatu sia Signuri mia!

(Da: STORIE EOLIANE, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

MUSICA LUNARE

Domani riprenderò a suonare,
come mi hai detto di fare,
attratta dalla mia musica lunare;
su note e trilli di flauto,
armonici e arpeggi di chitarra,
ascolterai la vita e le sue stagioni.

Poi, tra rèfoli di vento e tenui bagliori
che si spengono tra le case di Ginostra,
ce ne andremo lontano
dove il Sole non si perde,
dove il cielo non finisce
e il tempo non si muta.

Mediante quella musica lunare
sentiremo la fatica della vita
che si avverte quando é sera,
come un canto che si perde
tra le movenze delle onde
al largo delle acque di Stromboli.

(Da: NYMPHA AEOLIA, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

 

'I FIGGHI DU' MARI

"Chu é chi bussa 'nt'a la me' porta,
chu é chi si spassa facènnulu apposta?
'N paci lassàtimi e 'itivìnni,
a 'n'àutra vanna 'rattàtivi 'i corna!"
"Signura mia 'un ti scantàri,
Sunnu 'i Fìgghi ch' anchiànanu da' mari;
stannu girannu p'i casi 'i 'Inostra,
'n mezzu a li càppari e ciuri 'i 'inestra.

Signura mia 'a porta rapìti
pirchì 'i Nichi ora hannu siti,
l'acqua du' puzzu vonnu assaggiàri
pirchì salata é l'acqua du' mari.
Signura mia 'a porta rapìti,
mali nun fannu, nun li timìti,
dàtici l'acqua chi vonnu assaggiàri
pirchì amara é l'acqua du' mari.

Vu' lu sapìti sunnu du' Carusi
e, cumu i carusi, sunnu curiusi,
da lu Purtùsu s'alluntanàru'
e 'nt'a lu mari Iddi si pirdìèru'.
Gìranu a 'Inostra 'i spiriti ancora
casa pi' casa, 'nt'e bàgghi e fora,
e si li senti bussari ancora
sèrvici l'acqua e làssala fora.

Fora da' porta ti làssanu un tisoru,
assa' chià priziùsu di l'argentu e l'oru:
tanti conchigli' e vuccùni rari
arricugghiùti 'nt'o funnu du' mari.
Fora da' porta ti làssanu un tisoru:
tanti conchigli' e un vuccùni raru,
chi si l'ascùti 'nt'a 'rìcchia attentamenti
senti lu ciatu di qiddi 'Nuzzenti.

Eranu du' Carusi du' primu Novicentu
chi si pirdièru' 'nt'o mari 'i 'Inostra
e si tu rapi puru 'a to' finestra
senti li vuci d'Iddi purtati da lu ventu!"

(Da: STORIE EOLIANE, di Antonio Famularo)
famularoantonio@yahoo.it

 

ARREDU  CUMU  'U  CURDARU'

Passa sempri lu Tempu

'nt'a lu campu du' Munnu

e 'unni passa l'aratru

scava un surcu prufunnu.

 

La to' faccia era fina

cum'un velu di brina,

liscia era la manu

cum'un campu di 'ranu.

 

Eri cum'un giardinu

quannu eri carusu,

lu tirrinu era finu

e lu virdi diffusu.

 

C'era un forti profumu

cumu ciuri d'arànciu

e di ménnuli cumu

'nt'a lu misi di Màggiu.

 

Puru l'acqua niscìa

zanpillànnu du' puzzu,

'nt'a la terra scurrìa

e 'inchìa lu fossu.

 

E poi vinni 'a calura

e 'sciucàu 'a funtana,

arrivàu l'arsura

e 'na siti un pò strana.

 

Tempu nenti li ciùri

si siccaru' e murieru'

e li tanti culuri

'nt'o 'n mumentu sparieru'.

 

Si siccaru' li mani

e vusciaru' li vini,

mentri lu me' giardinu

si 'inchìu di spini.

 

Cumu terra ormai sicca

chi si spacca senz'acqua

accussì la to' faccia

pi' li rughi si spacca.

 

Poi ti fermi un mumentu

e ti scopri a pinzari

chi nun c'è chiù lu tempu

pi' arredu vardari.

 

E trascurri lu tempu

senza nuddu aspittari,

mentri sulu lu Ventu

ti veni ancora a truvari.

 

E 'a Vita passàu

puru supra 'a to' faccia

e lu Tempu lassàu

di li surchi 'a traccia.

 

(Da: QASBA AEOLIA, di Antonio Famularo)

famularoantonio@yahoo.it 

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili isoleolie.it - vacanzeeolie.it 
alberghieolie.com - eolianinelmondo.com 
eolieintouch.it - casevacanza.isole-eolie.com

700x130_sommelier.jpg