99678555-912c-4030-980b-f1750301582f.jpg

di Francesco Coscione

Mi spiace per coloro che pensano che io sia affetto da grafomania, eviteranno di leggermi. Stamattina nel parcheggio di fronte all' Hotel Arciduca era fermo il camion della Loveral e due dipendenti cercavano con fatica di dividere gli enormi cartoni fradici d'acqua da ciò che vi era all'interno e dalla montagna di sacchetti buttati sopra gli stessi. Mi sono vergognato, come cittadino, nei loro confronti. So che la stessa situazione si crea spesso e questo è ancora più indegno di un paese civile.

Non mi si venga a dire che non ci sono cassonetti a sufficienza, è una scusa spregevole. Se sono al corso e devo fare la pipì, la faccio contro il primo muro che trovo??? Ogni volta che buttiamo un mozzicone per terra pensiamo che qualcuno dovrà raccoglierlo. Non abbiamo rispetto per i padri di famiglia che si alzano all'alba, con uno stipendio inadeguato (non mi importa se è quello contrattuale!) e che conosciamo e incontriamo tutti i giorni, figuriamoci se possiamo averlo per gli immigrati. Pensiamo sempre che chi svolge un lavoro umile con modestia e onestà, merita molto più rispetto di chi occupa alti scranni con presunzione e prepotenza.

E ci domandiamo chi e perchè scarica gli ingombranti ovunque? E poi facciamo retorica della più bassa specie su "quale turismo vogliamo"? Ringraziamo Dio che ancora qualcuno ci degna della sua presenza, con quello che offriamo dovremmo portarlo in braccio per le vie del paese. Le meravigliose iniziative e i risultati di una parte degli eoliani civili e perbene, di cui ho parlato pochi giorni or sono, rischiano, se non cambiamo mentalità, di scomparire sepolti e soffocati, sotto una montagna di "scatoloni fradici e spazzatura".

In questi giorni si possano unanimemente apprezzare sia le molteplici iniziative, che le menzioni positive verso gli eoliani che vivono e operano qui e fuori dal nostro comprensorio. Il collegamento con l'astronauta Parmitano ritengo sia la concretizzazione di una scuola che cerca e riesce, pur tra mille difficoltà, ad educare oltre che istruire, il presepe allestito al corso e gli altri nelle borgate, i professionisti, gli imprenditori e gli artisti isolani che si distinguono nel mondo nelle loro specifiche peculiarità, contribuiscono a tenere accesa la fiaccola di quel meraviglioso legame con la propria terra e le proprie origini che alimenta la forza di vivere la nostra difficile quotidianità.

L'arte, la cultura, il lavoro sono segni tangibili di una umanità che ancora può elevarsi oltre il pensiero unico e la grettezza di chi vuole appiattire tutto con fraseologie preconfezionate per ristretti mentali. Questa terra ha avuto e ha grandi potenzialità e grandi qualità, per alimentarle ancora dobbiamo continuare a incentivare ciò moltiplicando gli sforzi e poggiandoci sui nostri valori che tanto grande hanno fatto questa civiltà. L' altro (etnia, religione, politica, ecc) ci impaurisce perchè siamo vuoti di valori ed egli viene a riempire il nostro vuoto, Leggiamo, informiamoci, ascoltiamo, dibattiamo ma senza perdere mai il dialogo con chi la pensa diversamente. La cultura è la strada maestra verso la libertà.

Un cittadino capace di ragionare, capire e scegliere non piace a molta parte della politica che predilige persone arrabbiate e ribellate che non capiscono neanche contro chi o cosa lo sono. Più che istituire una laurea per diventare influencer, dovrebbero educare i ragazzi e "non" farsi influenzare da quel pensiero unico che sta appiattendo i cervelli riducendoli a meri esecutori inconsci di ordini subliminali.

----Forse con una foto più artistica può darsi che si convincano ma penso che l'arte non è compresa da tutti. Proviamo

Nausea, desiderio di fuga dalla realtà, irascibilità con accessi d'ira, ecc. Non sono gli effetti collaterali di un farmaco ma le sensazioni che mi prendono, come dicevano gli anziani, alla bocca dell'anima leggendo le notizie della mattina. Un bimbo di sette (dico sette!) anni lancia coltelli e prende a testate la maestra mandandola al pronto soccorso e terrorizzando gli eventuali supplenti della stessa, più per le conseguenze legali di un sacrosanto rimprovero magari accompagnato da un terapeutico scappellotto, che dalle testate del novello Spada. Pochi dei giornalisti, anche loro ormai impauriti dalla denuncia facile, si domandano se questo "piccolo scolaro un po' vivace" abbia o no dei genitori. Genitori invece iperprotettivi e super presenti per denunciare la scuola che ha bocciato il figlio in prima media per i voti da schedina calcistica. Un solerte giudice da ragione alla amorevole famiglia perchè si deve tener conto almeno degli ultimi due anni dato che il passaggio da elementari a medie è traumatico. Perché non dare lauree honoris causa a tutti coloro che hanno un buon curriculum alle superiori dato che il passaggio universitario è altamente traumatico? Ma tranquilli, il pappagallo di Portobello "inchiodato" come agnello sacrificale al trespolo catodico, sarà liberato dal trauma di sopportare concorrenti crudeli che tentano, parlandogli, di fargli ripetere la sospirata parolina. Come si permettono di offendere la altissima intelligenza della povera bestiola? Noi invece, umani di bassa umanità e quoziente intellettivo, possiamo stare a guardare le pose sorridenti di una umana che sfoggia una maglietta con la scritta "Auschwitzland" facendola passare per umor nero. Ma si allegria, adesso c'è Halloween e potremo cambiare la maschera che ogni giorno portiamo e che ci permette di ingoiare ogni sorta di veleni senza dare segni di nausea per una società che ormai, incapace di avere dignità verso gli umani, fa crociate contro i trespoli.

----Mi domando se chi esegue lavori per pubbliche amministrazioni, Comuni, Provincie, Città Metropolitane, eccetera, sia obbligato a fornire una specie di garanzia in modo che se i lavori non sono eseguiti a regola d'arte o dopo pochi mesi si deteriorano in modo anomalo, tali Enti possano richiederne la riesecuzione.

Suppongo, dopo Genova, che nessuno mai ne abbia date di queste garanzie. La presente, comunque, per segnalare questa situazione nella S.P. 179 circa cento metri circa dopo località Raviola verso Pianoconte. L'Amministrazione locale, naturalmente, non ne ha la giurisdizione, ma se può fare qualcosa prima che si deteriori ulteriormente e una ruota di scooter ci finisca dentro. Grazie

b77d53b1-7133-4fea-babf-3785b7cfde2d.jpg

La piazzetta dell'Annunziata è stata pulita. Grazie per l'intervento sia alle maestranze che a chi ha dato le disposizioni in merito.

---«Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!».
Chiedo venia per l'utilizzo a fini così terreni della citazione dal Vangelo secondo Luca ma è quella che più si addice. Ho imparato a guardare la realtà che in questo caso è nelle foto allegate.
Forse ai più la mia iniziativa sembrerà inutile o peggiorativa ma nessuno e niente è perfetto.
Domenica 9 settembre alle ore 16 tutti coloro che hanno a cuore la piazzetta antistante la chiesa dell' Annunziata possono dare una mano fattivamente collaborando alla pulizia da pietrame e terra che crea serio pericolo a pedoni, centauri e automobilisti; impedisce il parcheggio ai residenti e a coloro che vogliono partecipare alla Santa Messa del Sabato sera; rende difficoltoso il conferimento dei rifiuti negli appositi cassonetti e lo svuotamento degli stessi da parte della ditta preposta.
Tengo a precisare che la mia non è un'azione di protesta ne politica (non appartengo ne simpatizzo per nessuna compagine politica!) ne sociale per ottenere consensi o like ma solo un atto di sensibilità verso un luogo che per me, e ritengo per molti altri, riveste importanza sentimentale, spirituale, storica e sociale. Tutti possono collaborare purché ci si astenga dal dare, voglio ripeterlo, qualunque connotazione politica, partitica o di critica feroce verso istituzioni o altro verso le quali il mio rispetto è sempre assoluto!
Grazie della collaborazione e della pazienza nel leggermi.

COLLAGE.jpg

----Aspettiamo forse che venga il prossimo nubifragio per pulire la piazzetta dell'Annunziata? Risulta, tra l'altro, di serio pericolo per auto e motocicli specialmente di notte. Mi domando se questa situazione la vedo solo io e gli abitanti della zona che mi hanno chiesto di "scrivere due righe che così si muovono"?

6e024199-5f7a-4118-a59e-966977662e25.jpg

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili isoleolie.it - vacanzeeolie.it 
alberghieolie.com - eolianinelmondo.com 
eolieintouch.it - casevacanza.isole-eolie.com

da-marisa-banner.jpg