mpagliaro5

 

di Maurizio Pagliaro

Egregio direttore, giorni fa' leggevo uno scritto del signor Sequenzia da Torino sulla piaga del turismo di massa, dove si chiedeva come limitarlo. C'è un solo modo per limitarlo.....cominciamo a non essere noi di " massa" . Non si puo' chiedere qualita' se siamo i primi a non averla. Tutte le attivita' delle isole sono diventate dei bazar, i negozi di abbigliamento " udite udite" vendono malvasia, capperi, cucunci e pomidoro secchi di provenienza ignota, per strada bancarelle con prodotti cinesi compresa l'ossidiana e magneti a 1 euro, botteghe artigiane scomparse, tutto come in migliaia di altri posti turistici e le nostre peculiarita'? Insegne-bandiere in plastica a goccia ( orrende ).....ma un travu cuna tavula pittata nun era megghiu?

images/banners/immagini_random/capersud.gif

LA ITALIANA CAPERS SUD SRL  -  LIPARI, INFORMA CHE E’ INIZIATA LA CAMPAGNA DI ACQUISTO DELLA PRODUZIONE 2018 DEI CAPPERI DELLE ISOLE EOLIE TUTTI GLI INTERESSATI POSSONO CONTATTARE L’AZIENDA AL n. 090 9811202 -9812414 e-mail – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LE REAZIONI NEL WEB

Pinuccio Munafò: Bravo, caro amico, poche parole che danno il senso del turismo oggi. Saluti e un abbraccio

Piero Salmieri: Bravo Maurizio, senza mettere che cucinano cani e porci. La cosa più triste è che nessuno ci tuteli da questa illegalità diffusa

Stefi Rosalia della Quercia: Conosco poco Maurizio ma quel tanto che basta per capire che la sua osservazione è pertinente. Sono quasi 30 anni che frequento l'isola di Vulcano e ne ho visti di cambiamenti ma non quelli giusti. Un'isola che dovrebbe essere tutelata non solo paesaggisticamente, ma resa vivibile e non caotica!!

Gilberto Iacono: Bravo Maurizio

Giannina Zuradelli: Maurizio parole sante! Purtroppo il bello in tutti sensi è sparito, un caos unico e l'igiene dove la mettiamo con gli aperitivi corretti con il gas di scarico motorini e automobili!!!!

Felicetta Natoli: Bravo 

Giovanni Martello: Complimenti per la riflessione

Da Gennaro Lipari: Di chi e' la colpa di aver liberalizzato le licenze permettendo quindi di "svendere" qualsiasi cosa?

Luisella Parisi: A mio parere l'Isola di Vulcano è stata trasformata dal turismo di massa...ma sopratutto dalle costruzioni più o meno abusive, dal traffico enorme anche dei resident che continuamo a girare coi motorini intorno e creare baccano e gas; e in primis dalle amministrazioni locali che hanno permesso (per avere tributi) qualsiasi apertura commerciale... Insomma non attira più Vulcano: è peggio di una località marina italiana dove regna maggior ordine su tutto!

Giovanni Cipicchia: Ti condivido Maurizio

Pino Scopelliti: Hai perfettamente ragione, la cosa triste che come dici tu al posto di andare avanti, dai miei tempi si e' tornati indietro

Patrizia Terranova: Hai perfettamente ragione Maurizio!

Francesco Federico: Esigete regole più severe!

Domenico Cipicchia: Bravissimo Maurizio

Marinella Natoli: Grande Maurizio quannu ci voli ci voli

Carlo e Rosa Cencion:i Maurizio hai pienamente ragione

Valentina Iacono: Grande verità! Vulcano è l'isola in cui tutti fanno tutto, tutti vendono tutto e tutti credono di saper fare tutto!!

Pa Pitto: Grande Maurizio

Bartolo Matarazzo: Sono con te

Giovanna Rizza: Bravo

Enrico Capitti: Hai ragione e la cosa sconvolgente che ho sentito dei turisti lamentarsi che gli hanno venduto dei biglietti per salire sul Cratere dicendogli che una volta raggiunta la vetta avrebbero trovato la seggiovia per circumnavigare il Gran Cratere. Siamo proprio alla Frutta. Gran Bazar. 

Giovanni Palazzolo: Bravo Maurizio

Carmelo Bertè: D'accordissimo con te. Siamo indietro di minimo 30 anni...e speriamo beneee

Lino Petracca: C'è lassismo generale

Paolo D'onofrio: E al peggio non c'è mai fine...

Giovanna Carpintïeri: Bisognerebbe assumere personale competente (o formarlo prima della stagione), personale che sappia spiccicare due parole d'inglese, almeno per prendere un ordine al tavolo. Poi, è bello entrare in un negozio e trovare una commessa sorridente e disponibile, invece che mummia che si trasforma in stalker appena varchi la soglia, e che a stento ti saluta se vai via senza aver acquistato. Quanta gente mi parla male della loro esperienza alle Eolie, dicendo di essere stata trattata male, di essere stata fregata al ristorante, di aver trovato una pessima organizzazione logistica, oltre al costo per raggiungerle e soggiornarvi.

Maria Bonanno: Ma le altre isole non mi sembrano così svilite

Giovanna Ristuccia: Vulcano non è l unica isola a soffrire di questo commercio illegale e truffaldino con il compiacimento delle autorità competenti...e poi ci sono i fessi che pagano le tasse e devono stare in silenzio perché alla prima osservazione si trovano la finanza a fargli i controlli...e qualcosa da fare pagare la trovano sempre. Come si suol dire...Curnuti e Vastuniati 

Franz Lafranz: Santissime parole Maurizio!!!!! Tu e in pochi altri saggi e lungimiranti ristoratori o artigiani  "non siete di massa" ed infatti siete ciò che un certo tipo di turismo, quello vero (non quello schifo dei barconi che vomitano centinaia di turisti che sporcano e se ne vanno in 4 ore) cerca da sempre!!!!!

L'INTERVENTO

ald.jpg

di Aldo Natoli

Condivido quanto ha riferito Maurizio Pagliaro!
La situazione che descrive di Vulcano è ben visibile anche sulle strade principali di Lipari!
Il Corso Vittorio Emanuele sia di giorno che di sera è un mercato a cielo aperto! Niente da invidiare alle strade di Hammamet! I tabelloni pubblicitari coprono interi prospetti
Non viene neanche garantito il passaggio sui marciapiedi per i portatori di handicap! Non viene rispettato il Regolamento comunale per l'occupazione di suolo pubblico! E' ovvio che bisognerebbe espletare un maggior controllo non solo da parte della Polizia Municipale ma anche da quella Sanitaria!!!
Se si vuole essere una località turistica d'eccellenza bisogna attenzionare quanto evidenziato dall'amico Pagliaro!

images/banners/immagini_random/gattopardo-hotel.gif

Non capisco e come me tanti altri, le preoccupazioni sul futuro governo " Italiano " espresse da soggetti terzi. Paura che si sgretoli, anche un po', il meccanismo che vi ha permesso di rubare in modo illimitato all'Italia ? A dichiarazioni come quella di Macron e di Weber si " deve " rispondere : pensate ai vostri peni!

---"Calenda: distanza siderale tra Pd e M5S". Egregio Calenda, denaro dipendente e arrivista come tutti gli altri, effettivamente c'è una distanza siderale ma è tra voi ed i vostri iscritti traditi e trattati da numeri.

Pena morte: giustiziato in Alabama il detenuto più anziano, un 83enne che uccise un giudice nel 1989. Questa tragica ed inutile "Americanata" si poteva e si doveva evitare.

Egregio on. Micciche' , con la seguente dichiarazione ( evitarla sarebbe stata un' opportunita' intelligente), ha dimostrato il teorema: politici = denaro dipendenti. °° Vitalizi, Miccichè (Forza Italia): "Senza dovrei tornare a vivere con mio padre". °° Considerando che vi rimborsano anche la carta igienica a 200 veli, Vergogna!

---Uccide antilopi in via d'estinzione, la star di Bollywood finisce nei guai. La giustizia indiana arriva dopo 20 anni ma non perdona.

Egregio direttore, " giustissima" la giustizia indiana, ma per animali che uccidono altri animali (trattandosi di star) basta anteporre BA e posporre DO ed il gioco è fatto.

---°Martina: 5 Stelle hanno perso innocenza°. Forse sarebbe meglio stare zitti, da uomo di sinistra "tradito": posso dirti che tu, Renzi e company non potete perderla perché siete stati sempre colpevoli. I vostri stessi tesserati l'hanno capito e vi hanno preso a colpi di saliva in faccia. L'opposizione si fa' in modo serio, non opponendosi fra membri dello stesso partito... Arrivisti!
P.S. Siete riusciti ad annientare la sinistra in Italia...bravi c.......!

---Sarà la pista più spettacolare d’Europa. L’anello ciclabile del Garda, un’opera unica a livello mondiale di oltre 140 chilometri che forma la Ciclovia del Garda, integrata e connessa con altri importanti percorsi ciclabili.

È la pista ciclabile gardesana che collegherà Capo Reamol a Limone sul Garda al confine con il Trentino Alto Adige, costeggiando la Strada Statale 45bis Gardesana.

Il nuovo tratto – in costruzione – si dipanerà per quasi 2chilometri, con passaggi mozzafiato a sbalzo sul Lago di Garda e una vera e propria passerella a picco sul lago. La ciclabile sarà larga 2,5 metri e sarà anche pedonale. Sarà pronta a maggio 2018, in concomitanza con l’inizio della stagione turistica.

GUARDA LA GALLERY DELLA PISTA CICLABILE DEL GARDA

Secondo Antonio Martinelli, assessore ai lavori pubblici, intervistato da SiViaggia, che sta seguendo da vicino il progetto “Si avrà la sensazione di ‘camminare’ in biciletta sulle acque. Ci saranno alcuni punti panoramici stupendi, come per esempio Capo Reamol e il punto di confine tra la provincia di Brescia e di Trento, con promontori da dove si può ammirare tutto il lago. La fine del percorso ciclabile coinciderà con il monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale.

Oltre a regalare ai turisti un panorama mozzafiato, la nuova pista ciclo-pedonale sarà anche bellissima da vedere: la pavimentazione sarà realizzata con materiale simile al legno, ma resistente alle intemperie, e lungo tutto il tratto correrà una sottilissima barriera protettiva d’acciaio che avrà meno impatto visivo sul paesaggio. Le travi d’acciaio che la sostengono sono ancorate direttamente alle rocce a strapiombo, al parapetto o sull’acqua. I lavori di posa dei supporti metallici destinati a sostenere la passerella ciclopedonale sono già a buon punto. Costo dell’opera: 7 milioni di euro, compreso il lotto che da Limone arriva nella provincia di Trento.

Erano anni che si parlava della realizzazione di una pista ciclabile che percorresse l’intero periplo del Lago di Garda, unendo la sponda trentina a quella veronese e bresciana in un unico itinerario di 140 km dedicato al cicloturismo.

Nel corso degli anni alcuni tratti ciclabili erano già stati terminati e aperti ai cicloturisti, come per esempio quello tra Torbole e Riva del Garda, dove si unisce alla ciclabile della Valle dei Laghi verso Salò. La pista sarà il prolungamento di altri 4 km che vanno dalla zona Sud del paese a Capo Reamol, inaugurati nel maggio 2013.

La pista ciclabile ‘Garda by Bike‘ sarà collegata con la Ciclovia del Sole e la Ciclovia Vento(la dorsale cicloturistica del Po). Una volta terminata offrirà una rete di lunga percorrenza a scala nazionale lunga oltre mille chilometri. Si sta anche pensando di posizionare, alla fine della ciclabile, un servizio natanti che possa caricare a bordo turisti e ciclisti e riportarli a Limone.

Il nuovo tratto della pista ciclabile prevede parti a sbalzo ricavate all’esterno delle vecchie gallerie dismesse della Gardesana. Secondo le previsioni, come scrive Bresciaoggi.it, l’intero tracciato dovrebbe essere completato entro il 2021. Infatti, se il tratto che arriva a Riva del Garda è a buon punto, non è lo stesso per la cittadina trentina che ha da poco ottenuto i fondi regionali e deve ancora partire con i lavori.

Il Lago di Garda è uno dei paradisi dei cicloturisti in Europa, soprattutto per i visitatori tedeschi, austriaci e quelli provenienti dal Nord Europa che ogni anno raggiungono il bacino a migliaia per godere del clima mite e dei numerosi servizi dedicati proprio a chi trascorre le giornate in bicicletta.

"Quest’area turistica diventerà la capitale europea del cicloturismo e del turismo lento, ma soprattutto sarà uno spunto per destagionalizzare il turismo anche nei periodi di bassa stagione e che porterà ulteriori fondi nelle casse ".  

E noi???? Non riusciamo a tenere pulita una scogliera storica e invidiata da tutti, dottor Jacolino proponga opere ed interventi mega e costosi sara' ascoltato, Gianni purtroppo è "acqua duci ittata a mari". 

---Onde evitare ancora disinformazione storica (purtroppo ci è stata propinata ), Garibaldi non è stato l'eroe dei 2 mondi, ma il " ladro avventuriero dei 2 mondi". Ha rubato cavalli in Peru' (infatti aveva i lobi delle orecchie tagliate cosi' si punivano i ladri) e si è sempre alleato con i delinquenti del posto, in Sicilia con la mafia del tempo. Non era il patriottismo che lo stimolava, ma il denaro ed il benessere.

---Tutti lo vogliono come Emily: la chirurgia all'ombelico è il nuovo trend.
Incrementi in doppia cifra del numero di donne che si sottopongono all'«ombelicoplastica». Soprattutto in vista dell'estate." Un consiglio fraterno a queste signore, conosco tanti bravi chirurghi, fanno degli interventi incredibili a cranio aperto, si sono dei neurochirurghi proprio per quello che serve alle succitate signore...

---Come ogni campagna elettorale " moderna ", c'è un inasprimento dei toni e uno sconfinamento verso la maleducazione. Quindi ripropongo un mio scritto precedente:

Mi capita spesso di leggere, attacchi, insulti, dichiarazioni di inefficienza delle amministrazioni, dei giornalisti, purtroppo con un decadimento dialettico che non è del vero politico. Ricordo che i politici di professione, stilettavano con matita, gomma, temperamatite o con silenzi costruttivi. Chi non aspira a cariche politiche puo' e deve lamentarsi di chi li amministra, perché non strumentalizza ma protesta. Chi invece aspira a diventare amministratore si spogli della propria professione, parando il colpo ed usando la dialettica del politico di professione. Per chiarire: non si fa politica contando e raccontando le masturbazioni giovanili dell'avversario, ma evitando di masturbarsi da adulto.

Inchiesta ad Atene Tangenti per far alzare i prezzi alle medicine durante la crisi: scandalo Novartis scuote la Grecia Secondo testimoni protetti la società farmaceutica avrebbe pagato 50 milioni di euro a politici di primo piano: l'aggravio per le casse dello stato sarebbe di 23 miliardi. Il premier Tsipras ha proposto una commissione d'inchiesta: "Se avessimo avuto quesi soldi avremmo evitato le manovre lacrime e sangue". E da noi come funziona? Per difesa e dignita' personali, non acquistiamo piu' prodotti roche-novartis.

Egregio direttore, E' ALLUCINANTE che nel 2018 ci sia ancora qualcuno che crede o che vuole farci credere che colonizzare un paese sia per il bene dello stesso paese e non per rapinarlo di risorse. Piano con gli slogan razzisti, adesso le faccette nere siamo anche noi non abissini.

Egregio direttore, nel mio scritto di ieri dicevo : questa è una " COSA SERIA ".

 

Usa, cannabis: business da 40 miliardi. La vendita legale della cannabis porterà beneficio all'economia Usa: secondo uno studio i ricavi cresceranno del 150% passando da 16 mld del 2017 a 40 nel 2021, quando si prevede che saranno 35 su 50 gli Stati dell'Unione in cui il commercio della droga sarà legale. E' quanto emerge dalla ricerca pubblicata dall'istituto 'Arcview Market Research' con 'BDS Analytics'.L'analisi ha preso in esame tutte le ricadute della nuova 'industria': i consumatori Usa spenderanno nel 2021 20,8 mld per la cannabis con un indotto di 39,6 mld. Considerando che ( a differenza delle pseude leggi vedi Fini Giovanardi che servono solo ad incrementare gli introiti della criminalita' e forse era questo lo scopo finale ) il business viene sottratto alla criminalita' organizzata, posso ribadire è una COSA SERISSIMA.

 

-----Parafrasando ( da persone civili ) The Mamas & Papas: California dreamin' on such grey italian's day. Quello che sarebbe un sogno per le persone civili, dovrebbe essere un incubo per la criminalita' organizzata. Ai nostri politici assoldati, non copiate solo le c.......e che vengono da oltre oceano, questa è una " COSA SERIA " 

 

---Leggiamo, vediamo, ascoltiamo tutti i giorni dai media di: politici, funzionari, amministratori, cancellieri, magistrati etc. indagati, imputati, collusi, prescritti, complici, truffatori. Allora bisogna pensare che è come nello sport professionistico e non, il doping c'è sempre, ma VOLUTAMENTE non viene rilevato.

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo

Il Notiziario delle isole Eolie online siti utili www.isoleolie.it  vacanzeeolie.it alberghieolie.com

notiziario su youtube