pina.jpg

di Pina Cincotta Mandarano

Spesso ci sono le cosiddette cagnare o caciare. A dire la verità poche a Panarea. Perché quasi tutti sono chiusi a riccio. Si tende a fare vita poco utile socialmente. E’ quasi una vita oscurata per chi chiede libertà di pensiero e di vita. Sembra tanto che ci sia tanto da nascondere che è meglio scomparire nel silenzio e grattarsi il proprio quieto vivere. Libera scelta nell’isola di Panarea sempre più prigioniera di se stessa. Sono dei passi indietro per la storia.

PER LE ALTRE NOTIZIE CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

LE RICETTE DI PINA CHE FANNO LECCARE I BAFFI

=== altro ===
BRACIOLE DI PESCE SPADA ALLA GHIOTTA
Ingredienti: pesce spada a fettine 1 kg., 1 cipolla, olive bianche gr. 200, capperi gr. 50, sedano un mazzetto, salsa di pomodoro ( o pelati) mezzo litro, pangrattato gr. 200, parmigiano grattugiato gr. 50, caciocavallo fresco gr. 50, olio, sale, pepe, zucchero.
Preparazione: tagliate il pescespada a fettine sottili quanto più possibile e togliete la pelle. Preparate intanto una ghiotta soffriggendo in una teglia larga una cipolla tagliata a fettine sottili, le olive snocciolate, il sedano tagliuzzato, i capperi. Allungate con la salsa di pomodoro. Lasciate insaporire a fuoco molto basso per almeno15 minuti. Allargate le fettine di spada sul tavolo di marmo e riempitele di pangrattato condito con il parmigiano grattugiato, un cucchiaino di zucchero, qualche cucchiaio di salsa della ghiotta. Avvolgete il pesce in braciolettine, mettendo dentro ogni braciola un pezzetto di caciocavallo fresco. Infilate in uno spiedino e passate per una decina di minuti nella salsa ghiotta, girando gli involtini da ogni parte per farli insaporire bene. Regolate di sale e di pepe e servite caldi.

villaggio stromboli

Hotel in stile eoliano/mediterraneo è quanto di meglio si possa trovare grazie anche alla sua posizione molto tranquilla e panoramica. Via Regina Elena - 98050 STROMBOLI (ME) - Tel:090986018 - Fax:090986258 e-mail:info@villaggiostromboli.it

La tempesta eoliana è forse passata ma nuove tempeste ci aspettano. Alle Eolie c’è sempre il buono e il cattivo. Sia come persone che come tempo. Noi non possiamo andare contro natura. Dobbiamo essere lesti a capire come difenderci sapendo di contare sulle nostre forze semplici e casarecce. Come vediamo, giornalmente gli anni passano, i problemi restano e noi continuiamo a resistere anche se ci vogliono in altri luoghi. Ma siamo ancora la pellaccia di queste isole.

=== primi piatti ===
RAGU'
Ingredienti: 2 kg. di carne mista (manzo, pollo, maiale e pezzetti di capretto e salsicciotti freschi), 3-4 bottiglie di salsa di pomodoro da 750 ml ciascuna, tre patate novelle, vino, basilico, alloro, noce moscata, chiodi di garofano, 2 cipolle, sale, olio. 
Preparazione: tagliare la carne a pezzi e sbollentare con un po' di vino (2-3 bicchieri per 2 kg di carne mista. Una volta assorbito il vino, aggiungere basilico, alloro, noce moscata, qualche chiodo di garofano e soffriggere con un paio di cipolline fresche, un po' di olio e sale. Poi, aggiungere la salsa di pomodoro e una bottiglia di acqua (750 ml) e le patate. Portare all'ebollizione mescolando di tanto in tanto, dopodiché cuocere a fuoco lento per un'ora, girando ogni tanto con un mestolo.

Quasi tutti nostri pescatori dell’epoca andata avevano le orecchie ampiamente staccate dalla testa. Antenne umane per stare sul mare senza strumenti. Erano sufficienti per partire, indipendentemente dalle condizioni del mare, pescare e tornare. Ringraziando il mare che al massimo era inquinato di povertà perché non si buttava via niente. La gente con l’acqua di mare si sciacquata la bocca e disinfettava anche i denti oltre a fare ripetuti lavaggi intimi. Fatelo oggi. Io non più.

=== primi piatti ===
Riso ai frutti di mare
Ingredienti: 400 gr di riso, 500 gr di cozze, 500 gr di vongole, 400 gr di gamberi, 400 gr di seppioline, prezzemolo, basilico, uno spiccio d'aglio, olio, sale e pepe.
Preparazione: lavate le cozze e le vongole in acqua corrente, ponetele sul fuoco in una casseruola e lasciatele fino a quando i frutti saranno aperti. Lavate bene i gamberi, sgusciateli e metteteli a bollire in acqua appena salata. Colati i gamberi e metterli in un piatto insieme alle cozze, alla vongole e alle seppioline ben lavate. Mettere in un tegame l'olio, il prezzemolo, il basilico e l'aglio finemente tritati. Lasciateli soffriggere, unite il riso, i frutti di mare, salate, pepate e versate poco per volta il brodo ottenuto con i gusci dei gamberi filtrato e continuate la cottura per circa mezz'ora sempre mescolando.

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili  isoleolie.it - vacanzeeolie.it - alberghieolie.com - 
eolianinelmondo.com - eolieintouch.it
 - casevacanza.isole-eolie.com

maisano-piante-fiori.jpg