"BELLI NOTIZI AVIMU"

LA NUOVA PUBBLICITA' VIDEO DEL "NOTIZIARIO"

DA NOI CONVIENE E VA LONTANO...

sequenzia.jpg 

di Michele Sequenzia

Caro Direttore,
Gli Onorevoli Francesco De Domenico e Beppe Picciolo, intervistati in partenza da Catania per Roma… conoscono bene l’arcipelago delle Eolie, soffrono e si struggono, si battono in Parlamento, per il miglioramento di quella popolazione che soffre la perenne mancanza di una saggia politica di sviluppo.
I nostri ottimi deputati sanno che a Lipari e nelle altre isole, è rischioso nascere, madre e figlio non godono la necessaria assistenza medica, si partorisce altrove, penalizzati i servizi medici generali, si pena, si soffre, ci si ammala, si emigra..…si fugge via.. a causa dell’incuria, il territorio è spesso minacciato da ogni tipo di calamità.
Quale futuro per le Eolie? Nuovi seri problemi con l’abolizione del tribunale, il peggioramento dei trasporti marittimi, mal gestiti, lenti e costosi, rischioso l’ uso degli elicotteri, la benzina costa molto, manca l’acqua potabile.
Chi si ammala dove va? Chi sta male, come puo’ curarsi senza medici bravi? Chi aiuta gli anziani, i vecchi, i poveri, coloro che non hanno nessuno, chi ha bisogno? Come crescono i giovani nelle Eolie? Dove trovano occupazione? Leggo che a Vulcano l’evasione fiscale è altissima. Chi paga le tasse? Lipari è forse meglio? Quanti sono gli abusi? Un intero territorio di enorme valore storico, devastato da ignoranza, cattiva gestione pubblica, enorme spreco di denaro, poco curato, opere mal fatte e spesso inutilizzate, manca di progettazione, senza futuro, soffre d’estate, come d’inverno.
Altrettanto i nostri degni rappresentanti in Parlamento, sanno che le vulcaniche isole Faroer, sono un arcipelago formato da 18 isole, ad oltre 990 km dalla Danimarca, al largo delle coste piu’ settentrionali dell'Europa.
Vogliamo un attimo parlarne? Magari farne un minimo confronto con le Eolie? Si legge che nelle Faroer ci vivono benissimo 49.188 abitanti, sparsi nelle isole, oggi collegati con tunnel autostradali sottomarini, l’ultimo tunnel è previsto per il 2023, efficienti reti di trasporto, come con il resto del mondo, in pieno sviluppo turistico. Il PIL è di circa 2.200 milioni di $, quello pro capite è di 45.250 $. Il territorio, pur naturale e selvaggio, offre ottimi servizi per un “ buon soggiorno”. Leggo che le isole sono un vero paradiso naturalistico, vi si trovano buone strutture ricettive. Cresce l’industria casearia con l’allevamento di 70.000 ovini, l’industria della pesca da ottimo reddito e lavoro a molti. Praticamente non esiste disoccupazione. Ottimo aeroporto a Torshavn, molto piccolo ma con un buon ufficio informazioni turistiche ed un bar in cui si può mangiare decentemente. I controlli sono decisamente rapidi, appena superati si accede ad un ben fornito duty free.
Sembra strano, ma è cosi’! Leggo che ogni anno si registra-tra maggio ed agosto- un aumento di visitatori, con una media di un + 10%, che produce un gettito “ da turismo” di oltre 1 miliardo di corone danesi. Ma sarà vero? Come è possibile tanto sviluppo e benessere?
Invece di essere abbandonate, come nei secoli scorsi, nelle Faroer, cresce il numero dei pernottamenti, ci si sposa, si fanno figli, aumentano i posti di lavoro, crescono nuove professioni, vi si formano ottime guide. Tutto in funzione di una politica espansiva, ordinata, concreta, autonoma, che si alimenta del proprio lavoro, senza il tipico nostro odioso “ assistenzialismo”, che tanto corrompe –con il velenoso voto di scambio- l’elettorato, sempre menato per il naso. E tutto –da noi- rimane fermo, come nei secoli scorsi. Evidentemente la politica non ha senso, non funziona.! Al contrario, nelle Faroer, ogni anno crescono i turisti. Le strutture alberghiere sono in continuo miglioramento, ottime guide, buoni ristoranti. Il tutto spinto e sostenuto da serie politiche : si incentivano i giovani a studiare, in ogni campo dello scibile, per ogni professione, per ogni mestiere. Il trend demografico è in aumento.
In caso di bisogno e per ogni eventualità ci sono tre ospedali, perfettamente attrezzati: per ogni emergenza a Torshavn, come a Klaksvik e a Tvoroyri. Il numero 112 è pronto ad ogni richiesta. Ci sono medici, assistenti pronti ad intervenire, anche per semplici chiamate non di emergenza. In caso di bisogno esiste il numero tel. 1870. Avete problemi ai denti? Nelle Faroer esiste un servizio odontoiatrico presso l’ospedale di Toshavn, basta telefonare tra le 10 e le 11 al ( + 298) 314544 , il servizio è assicurato anche sabato e domenica compresi. Riporto integralmente per il tuo gentile lettore:
“Generally: The Faroe Islands are very safe. No risk of natural disaster or animal attack.Be advised: If you are visiting the Faroe Islands during winter, strong storms and hurricanes are normal during this season. It is of the utmost importance, that you have shelter, and are otherwise prepared. Listen very carefully to instructions given by the authorities. If you think your life is in danger, call 112 immediately. Crime and traffic are minor risks.As you drive along, please be aware that the sheep may be startled and leap out in front of you. If you happen to collide with a sheep, you should immediately contact the police in Tórshavn at telephone number 114 for assistance.If you require non-emergency police assistance, please contact Faroe Islands Police at telephone number 114.If you require emergency assistance of any kind, please contact Faroese Emergency Preparedness at telephone number 112.Always be aware of fog if you go hiking. Never hike in the mountains without a trained guide or local.Never hike in the mountains alone.No matter where you are, listen very carefully to instructions given by the authorities, as these may save your life.” 

Info: Ambasciata di Roma: Via dei Monti Parioli, 50 -   I-00197 Roma Telefono+39-6977-4831 Fax+39-6977-48399 Email romamb@um.dk URL del sito web www.italien.um.dk + 46858551000- info @ncc.se- Subsea road tunnels Faroer Islands.

45646460_10215473368860901_5993359706012254208_n.jpg

VIDEODICHIARAZIONE DEI DEPUTATI REGIONALI FRANCESCO DE DOMENICO E BEPPE PICCIOLO

Bartolino Leone era in diretta.

PER LE ALTRE NOTIZIE CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

3.gif

 

Adalberto Baldoni sul „ Secolo d’Italia“ 5 novembre 2018 , scrive: „
« Cosa è oggi l’Italia? I maggiordomi non sono soltanto a Bruxelles, ma anche a Londra, Parigi, Berlino, in USA, come a Mosca,. in ogni grande capitale del mondo, detengono il potere che deriva dalle leggi fatte approvare dai governi voluti da loro, dai decreti attuativi che decidono o meno di portare avanti o mettere nel cassetto, dalla gestione dell’ordine pubblico e sociale, ormai strumento di controllo delle masse a livello mediatico e psicosociologico.
Essi sanno che il potere non deriva dal Signore del momento, ma dall’umore delle masse «pilotate». In questa società globalizzata, ormai collegata alla rete a livello subliminale, l’informazione «eterodiretta» permette di spostare l’attenzione delle masse da un avvenimento all’altro, condizionandone le decisioni. In tutto questo, fondamentale l’ausilio delle grandi testate editoriali, sia su carta, su rete o video, che grazie ai soldi delle banche di proprietà di poche persone, assolvono al compito del servo sciocco.
Improvvisamente, si leva una voce a dire che «il re è nudo». L’Italia, grazie ad una «strana» alleanza politica, si trova ad essere governata da due personaggi che sanno di avere a disposizione soltanto questa occasione per non tornare nel nulla della partitocrazia. 
Inizia così la sfida alle eurocrazie. Nel corso di questi mesi, fin dalla costituzione del governo, molti ostacoli sono stati frapposti all’operato della maggioranza. In molti casi, la stessa Presidenza della Repubblica ha creato problemi, nel nome di una lealtà all’Europa. In realtà, asservimento ai maggiordomi di Bruxelles. La lotta contro l’euro, non contro l’Europa, questo è importante sottolineare, è portata avanti dal governo Conte, in funzione di un ritorno dell’Italia alla sovranità economica e monetaria, oltre ad un riappropriarsi di quelle libertà che uno Stato sovrano ha il dovere di gestire a difesa della Nazione.
Di fronte alla posizione di Salvini, ecco che i maggior plausi arrivano dalla Francia, e da personaggi non certo di destra. Jean-Luc Mélenchon, il capo trotzkista della formazione di estrema sinistra, pur disapprovando Salvini, appoggia il governo italiano: In questa faccenda, i francesi hanno interesse a difendere la sovranità popolare. «Bisogna uscire dai trattati, è la mia conclusione». Lo stesso Michel Houellebecq, il grande romanziere e saggista francese, afferma: «Sono pronto a votare chiunque purché proponga l’uscita dall’Unione Europea e dalla NATO. Ci tengo molto».
Emmanuel Todd, il celebre storico e sociologo ha dichiarato: «Quando uno Stato e un governo perdono il potere di creazione monetaria, ebbene, non possono fare più niente – e tutta la vita politica diventa una commedia – Se [Macron] non ha capito che non è veramente presidente, siamo messi davvero male».
Ora, a parte la coerente alleanza con Marine Le Pen, è la prima volta che, in Francia, molte voci di sinistra e di aree politiche diverse dalla Lega, manifestano apertamente la loro opposizione all’euro e sono invitati in radio ed in televisione. Il tutto mentre mancano poco meno di sette mesi alle elezioni europee che, sia per i maggiordomi di Bruxelles sia per i sovranisti anti-euro, saranno un punto di non ritorno.
Se Salvini proseguirà nell’opera di governo e di influenza mediatica portata avanti fino adesso, avrà molte probabilità di dare la spallata a Bruxelles. Non dovrà commettere errori, tipo correre per il Campidoglio. Lasci stare Roma, è una trappola che ha visto naufragare tutti. Lasci che siano i resti del Pd a scannarsi per Roma e guardi oltre.”.

----Roma 4 novembre 2018 – Tutti a festeggiare l’ Anniversario della Vittoria del 4 novembre 1918… mentre continuano ad imperversare bufere di piogge torrenziali , su tutta la Sicilia. L’esondazione del fiume Milicia ha provocato a Casteldaccia la morte di 12 persone. 
Un uomo è morto ed un altro risulta tutt’ora disperso nelle campagne del Palermitano, una turista tedesca è morta per il maltempo .
Decine di fiumi straripano.Sono caduti 50.000 fulmini. L’acqua cade incessantemente, la popolazione è a rischio. Treni in forti ritardi. Pericoli sulle strade. A Trieste come a Roma, grande parata militare con le Frecce Tricolori, Autorità e Esercito in pompa magna , navi ed elicotteri, si festeggia la vittoria e la conquista di Trento e Trieste. In tutte le Regioni italiane, sale il numero delle vittime e dei senza tetto.Le forti piogge battenti provocato allagamenti ovunque.Temporali tutta la Sardegn, diluvia senza sosta.
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è addolorato dalle immagini della devastazione delle valli del Bellunese e di tante altre zone del Veneto. Ci vuole un Piano Marshall per salvare il Veneto. 
Venezia sprofonda. Salvini assicura 250 milioni di euro, da subito.A Cagliari Il Comune ha ordinato la chiusura di parchi, cimiteri e musei chiusi, con la sola eccezione del Parco della Musica.Rischio idrogeologico sulle zone di Gallura, Flumendosa. Forti venti e precipitazioni, su Puglia e Basilicata. Si temono frane e nuovi allagamenti, anche in Emilia- Romagna e Liguria, molte popolazioni sono a rischio, isolate da settimane, senza acqua, cibo, elettricità, telefono e riscaldamento. E con la neve, il gelo , il ghiaccio aumenta il pericolo di valanghe.

---Alta Velocità, significa libertà, progresso, creazione di reddito, lavoro, crescita. In Giappone, un biglietto medio da Tokyo a Osaka, che copre una distanza di 550 chilometri, costa intorno ai 100 euro. Un Frecciarossa di Trenitalia da Milano a Roma ,515 chilometri, è di circa 90 euro Tra Tokyo e Osaka il tempo di percorrenza è di 2 ore e 25 minuti, tra Milano e Roma è di 2 ore e 50 minuti. 
Dal 1964, il Giappone investe in alta velocità,sviluppa nuovi treni, crea lavoro e redditi, prospera. La sua rete alta velocità copre 4443 km .
Solo dal 1973 in Italia si parla di Alta Velocità. Oggi copriamo solo 949 km di rete, ma solo al centro-nord. Che fine ha fatto la legge “Sblocca Italia” ? Dove sono le opere infrastrutturali strategiche e urgenti al sud? ? I treni Frecciargento, sono due: alle 07:22 del mattino e alle 17:25, ed entrambi ci mettono circa 5 ore, ma spesso ci sono ritardi di 12 ore
Allucinante ignoranza ! Che fine ha fatto la Sicilia, con la nuova rete AV/AC Palermo - Catania – Messina ?. E la Sardegna è completamente abbandonata. Territori strategici come Puglia, Basilicata, Calabria,, Sicilia e Sardegna, sono odiosamente ignorate anche da Italo.Che fine ha fatto la Legge 164 - 11 Novembre 2014 ?
Oggi si piangono decine di vittime , danni, distruzioni. Genova è bloccata, fermo il suo porto, 50% del territorio nazionale è devastato , intere regioni in pericolo, manca l’acqua, il gas, l’elettricità, i trasporti , il telefono, strade crollate, ponti distrutti, popolazioni abbandonate, nessun servizio assistenziale, manca tutto ! Che cosa sta facendo il governo?

 

----Ogni volta che vedo in Tv Salvini o Di Maio, mi sento male…cambio e spengo tutto!! Grazie al loro autoritarismo demenziale, che semina odio, ignoranza e miseria, l’intero patrimonio italiano delle “ Isole minori”, Eolie comprese, aree di altissimo valore storico, culturale, scientifico, origine di tutti i popoli, base di tante lingue europee, dalle Americhe oltre la lontana Australia, viene ridotto in cenere .

In particolare :

  1. Estinzione del  fondo finanziario per tutte le isole minori, cessa il finanziamento di 10 milioni annui a partire dal 2020. Morte del  Fondo per gli investimenti nelle isole minori, perdita della dotazione di 20 milioni di euro annui dal 2019 al 2024 per il finanziamento degli interventi previsti dal Dupim e dai Pist. Cessano, si estinguono risorse  per il 90% alle isole minori, soppresse quelle dell 10% alle isole lagunari e lacustri.

 2. Penalizzazione/estinzione della minima sanità, nessuna prevenzione, fine dei presidi ospedalieri, dei tribunali . Sistema educativo ridotto in cenere. Nessun rimborso delle spese sostenute per sottoporsi a cure presso strutture sanitarie sulla terraferma. Condizioni di vita pessime. Fine dei punti nascita, crollano i servizi,le attività turistiche, depauperamento, insicurezza, cresce la miseria ovunque.

 

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo

Il Notiziario delle isole Eolie online siti utili
www.isoleolie.it  vacanzeeolie.it alberghieolie.com 

filippino2 copia.jpg