LA NUOVA PUBBLICITA' VIDEO PARLATA DEL "NOTIZIARIO"

DA NOI CONVIENE E VA LONTANO...

Lipari, 2° edizione per il "Festival dell'Emigrante"

35836874_10155932289684735_5995612326164692992_n.jpg

emigranti_da_Canneto.jpg

35652675_10214455617217746_4017713443212623872_n.jpg 

Salina – Si accendono i riflettori sulla piazza di Santa Marina Salina, per la quarta giornata di MareFestival, che vede l'arrivo sull'isola di Ezio Greggio, una delle colonne portanti della comicità italiana: attore, presentatore, regista e protagonista della tv italiana, riceverà il Premio Troisi MareFestival, per la carriera improntata a una brillante ironia. Lo spettacolo, presentato dal direttore artistico MassimilianoCavaleri, dalla giornalista Nadia La Malfa e dall'attore Carlo Fabiano, sarà anticipato da quattro eventi: alle 19 all'Hotel Ravesi la presentazione del libro di Roberto Andò e Angelo Pasquini, a cura del giornalista Marco Olivieri, "Le Confessioni", sull'omonimo film, che verrà proiettato alle 21 in Piazza a Santa Marina Salina. A seguire Ezio Greggio incontrerà la giornalista Claudia Catalli per un CineCocktail; subito dopo Giorgio Pasotti. Nell'occasione sarà presentata la manifestazione "Concerti al tramonto al Ravesi" promossi dal presidente dell'Associazione degli Albergatori di Salina Isola Verde Giuseppe Siracusano. Nel pomeriggio spazio alla moda, con la sfilata di Vog Messina nel suggestivo scenario della SPA dell'Hotel Signum, presentata da Marika Micalizzi.

Sul palco di Santa Marina Salina serata ricca di ospiti: la madrina Maria Grazia Cucinotta e i Premi Troisi per Massimo Dapporto e Roberto Andò, che saranno consegnati dal vicepresidente dell'ARS Giuseppe Lupo, dal sindaco di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo, dal direttore dell'Istituto Cot Marco Ferlazzo, dal direttore generale Commerciale GiCap Valentina Capone, dal responsabile dell'ospitalità Conti Tasca D'Almerita Istvan Pap, da Gaia Castelli di Dealer's e dal direttore di Scirocco Eliana Panama.

Targa MareFestival per la cantante Elisabetta Macchiavello, accompagnata alla chitarra da Gianluca Rando e premiata dalle presidente dell'Associazione MareVivo Rosalba Giugni. Un momento sul palco sarà dedicato all'Associazione Fiori d'Acciaio, presieduta da Marcella Cannariato e impegnata nella difesa dei diritti delle donne, con la responsabile della comunicazione Giulia Noera. La serata prosegue al Riconco cn una festa promossa da Alberto De Luca. Oggi inaugurazione della mostra del Vespa Club Taormina presieduto da Nino Sidoti, che sarà inaugurata dalla Cucinotta; l'iniziativa si svolge in collaborazione con il Registro Storico della Federazione Motociclistica Italiana.

La giornata di ieri si è divisa tra Santa Marina Salina e la piazza di Malfa. Al Riconco la giornalista Claudia Catalli ha incontrato Roberto Andò e Maria Grazia Cucinotta, in una lunga intervista che ha visto la partecipazione collettiva di un pubblico numeroso, per ascoltare la madrina dell'evento raccontare i suoi progetti futuri. In piazza a Malfa, grande emozione per l'esibizione del soprano Chiara Taigi, che sulle note della "Casta Diva" e di "O sole mio"ha incantato il pubblico.

images/banners/immagini_random/otticasottile-orizz.gif

“Il cinema per me è ancora quello che si vive in sala, dove è sempre viva quella dimensione religiosa di partecipazione alla società”. Roberto Andò, regista palermitano autore di film culto come “Viva la libertà” e “Le Confessioni”, è stato ospite del CineCocktail di Claudia Catalli al Riconco, durante la terza giornata di MareFestival Salina. Ha raccontato dei suoi maestri e dei suoi inizi, dei grandi autori del cinema come “Francesco Rosi, il civilizzatore, che lavorava sulla realtà, e Federico Fellini, il faro del cinema italiano, il creatore di mondi fantasiosi”. Ma più di tutti Andò ha trovato in uno scrittore il proprio maestro: Leonardo Sciascia, “un autore capace di legare la letteratura all’azione e di rovesciare il sopruso con la scrittura”.

E’ recente la notizia che Roberto Andò sarà presidente della Giuria degli Studenti alla Mostra del Cinema di Venezia, che vedrà in concorso classici del cinema restaurati. Al CineCocktail il regista ha annunciato di avere in programma la realizzazione di una serie tv, sulla scia delle grandi serie americane ma “all’italiana, perché noi siamo figli di Machiavelli”.

Andò ha ricordato Michael Cimino, scomparso da poco, di cui è stato assistente in alcuni film con ambientazione siciliana. Alla Sicilia, poi, dedica un pensiero: “Questa terra avrebbe potuto avere un ruolo d’avanguardia nel cinema italiano, ma così non è stato perché tutto purtroppo dipende dai finanziamenti, che mancano”.

Il discorso sulla Sicilia nel cinema lo ha proseguito la madrina di MareFestival Maria Grazia Cucinotta. “La Sicilia è un meraviglioso set naturale. Qui ci si trova direttamente dentro un film. Ed è triste sapere che bisogna andare via per poter lavorare”. Ha condiviso poi con il pubblico un ricordo particolare, quello di “aver vissuto un’emozione così intensa come le riprese del Postino a due passi da casa. Anche oggi, Messina resta sempre la mia casa”.

Qualche anticipazione infine sui suoi progetti futuri: la regia, a settembre, di un cortometraggio sulla piaga del bullismo tra i giovani e l’interpretazione del ruolo di una scienziata pazza in un film di prossima uscita.

images/banners/immagini_random/NGI_orizz.gif

 images/banners/immagini_random/merenda-1.gif

 

---La terza giornata di MareFestival vede l’arrivo a Salina della madrina dell’evento Maria Grazia Cucinotta, che è stata accolta questo pomeriggio dal direttore rtistico Massimiliano Cavaleri e sarà protagonista del CineCocktail di Claudia Catalli alle 18.30 al Riconco: occasione per parlare dei suoi prossimi progetti e film che la vedranno impegnata in un ruolo particolare, una scienziata pazza.

Subito dopo il Festival si sposterà in piazza a Malfa, con una serata ricca di ospiti presentata dalla giornalista Marika Micalizzi: il soprano internazionale Chiara Taigi riceverà il Premio Troisi Marefestival e regalerà al pubblico alcuni brani fra i più celebri della tradizione lirica italiana: “Casta Diva”, dalla Norma di Vincenzo Bellini, e “O mio babbino caro”, da Gianni Schicchi di Giacomo Puccini. Giorgio Pasotti torna a Salina per la seconda volta, dopo aver ricevuto nel 2014 il Premio Troisi: quest'anno fattori siciliano li  consegnato il Premio CRAL Messina; Premio Troisi agli attori siciliani Maurizio Marchetti e Turi Giuffrida; targhe all'attrice Giulia Andò, ai registi Massimo Coglitore e Alicia Maksimova, allo chef stellato Martina Caruso.

In piazza verranno proiettati il documentario “Shakespeare was english?” della regista Alicia Maksimova; il corto-documentario “Mater – Sic et simpliciter”, di Simonetta Pisano; per MareFestival verranno proiettati i primi 20 minuti del film in uscita a ottobre “The Elevator”, di Massimo Coglitore; infine il corto di Nino Giuffrida “Villa Sbadiglio”. Ospiti musicali della serata Gianluca Rando e i cantanti Elisabetta Macchiavello e Danilo Cuccurullo.

La serata di ieri ha visto l’emozionante consegna del Premio MareFestival Troisi a Enzo Decaro, che si è commosso ricordando l’amico e collega napoletano e il loro esordio nel mondo dello spettacolo. “Il cruccio – ha detto l’attore – è non sapere quali film avrebbe fatto Massimo oggi. Ma sappiamo che c’è stato, e ci ha lasciato tanto. È stato un mito mite, un rivoluzionario pacifico”. Nel pomeriggio, intervistato di fronte al pubblico assieme a Chiara Taigi, ha raccontato al giornalista Domenico Colosi dell’emozione indescrivibile provata passeggiando sul molo intitolato al suo "migliore amico", strada inaugurata nella II edizione di MareFestival su idea di Cavaleri, che ha donato al Comune di Santa Marina Salina la scultura de "Il Postino" , realizzata da Antonello Arena, autore dei Premi Troisi, istituiti nel 2013 con la Cucinotta.

Ieri anche la proiezione di "Al di là del mare", corto di Fabio Schifilliti sul tema dei migranti: sul palco i protagonisti Ibrahim, ospite del centro d'accoglienza di Messina, e Giulia De Luca. "Con questo film ho rivissuto la mia esperienza, quando il mio barcone è affondato e mi hanno recuperato in mare. Ringrazio gli italiani per lo spirito d'accoglienza che continuano a dimostrare nei nostri confronti" ha detto Ibrahim emozionato.

Appuntamento domani con il regista Roberto Andò, che riceverà il Premio Troisi dopo la proiezione del suo ultimo film “Le confessioni”. Intanto oggi sarà ospite del CineCocktail al Riconco.

Le trasparenze servono a scandire le note e i contorni degli oggetti; la realtà e la sensazione della realtà. Nella sua ricerca continua di qualcosa che esprima il tutto in una emozione Salonia confonde la vista; con una lente caleidoscopica mostra immagini nascoste, che non sono per tutti uguali. Rifiuta l'immagine di archetipi della realtà, ne crea una sua personale e unica, onirica, ma vera; per questo motivo, pur non disegnandola, la rappresenta e la coglie, perché esprime sempre la sua inconfondibile anima d'artista".

Gradi apprezzamenti anche per il film Bruno e il mare del regista Eros Salonia che ha rimarcato: Bruno e il mare è il mio primo film. Sono molto legato alla sua storia e alla facilità con cui è stato girato. È un messaggio di autonomia. Bruno agisce aldilà delle scelte politiche. Questo film invita ad agire senza attendere che qualcuno lo faccia al posto nostro, né la politica né la religione. L'uomo può e deve essere una creatura felice senza domandare l'aiuto degli altri".

---Grande successo al Marefestival di Salina della mostra di Dimitri Salonia e della Scuola coloristica organizzata dalla Fondazione Salonia all'hotel Ravesi su "I colori della Eolie, il mito e i pirati". Gli ospiti del Marefestival Ezio Greggio, Mariagrazia Cucinotta, Enzo Decaro e Massimo Dapporto hanno ammirato i colori delle splendide opere. Molto applaudito anche il film Bruno e il mare del regista Eros Salonia.
Ezio Greggio, Mariagrazia Cucinotta, Enzo Decaro e Massimo Dapporto, sono rimasti incantati davanti alla mostra del maestro Dimitri Salonia e della Scuola Coloristica Siciliana, esposta all'hotel Ravesi a Malfa a Salina durante il Marefestival.

L'esposizione, organizzata dalla Fondazione Salonia dal titolo "I colori delle isole, i miti e i pirati", realizzata oltre che da Salonia, pittore messinese di fama internazionale, anche dalle artiste Lidia Monachino e Tanja Di Pietro, ha conquistato gli ospiti del Marefestival che ne hanno ammirato i colori e le trasparenze. Nei quadri, rimasti esposti fino al 24 luglio, sono emerse le bellezze e le contraddizioni delle Eolie come spiega lo stesso Salonia: "abbiamo esaltato il giallo 'sporco' del friabile tufo, inconsistente e precario, ma tanto morbido e docile allo scalpello del tempo, del vento e della pioggia; il verde della macchia mediterranea e del mare nelle rare giornate di calma; il bruno e il grigio della roccia e della pietra, in precipiti e ripidi declivi; il rosso del tramonto, dall'antico semaforo di avvistamento, in antichi tempi di guerra; l'azzurro del cielo nelle belle giornate d'inverno; il bianco delle facciate di calce viva sempre più rare, sempre più colorate e lisce, sempre più spigolose; il nero degli umori e della solitudine".

Le opere del Maestro Dimitri Salonia hanno svelato un'alchimia di emozioni forti e contrastanti che pemettono di entrare in un universo parallelo: quello del colore. Un universo che rifiuta le definizioni, le etichette, i formalismi, ma che più di ogni altro sa esprimere sensazioni estreme. L'irrazionalità soffoca la razionalità, non eludendola, ma rendendola palese e non più costretta e impigliata in forme predefinite e già consacrate, ma esasperata, irrituale, deviata, tuttavia vera. L'uso dei colori seduce e avvolge nella pittura, che dietro le trasparenze, al di là di un primo impatto, cela immagini di vita. E così si possono scoprire elementi, che pur non essendo in primo piano sono danno il senso alla composizione dell'insieme. Sono loro che segnano, nell'immaginario collettivo, il confine principale tra il nulla e il tutto; sono loro che aprono, nel cassetto della memoria, sensazioni estreme.

 

---La seconda giornata "eoliana" del MareFestival Salina sarà caratterizzata dall'assegnazione del Premio Troisi all'attore e regista Enzo De Caro, per la prima volta a Salina per visitare i luoghi de "Il Postino": è stato uno degli amici e colleghi storici dell'indimenticato artista napoletano, con cui ha iniziato la carriera esordendo in varie formazioni comiche culminate nel celebre trio "La Smorfia". La premiazione, presentata dalla giornalista Nadia La Malfa, si svolgerà nella piazza di Malfa alle 22.00; la scultura sarà consegnata dal sindaco di Malfa Salvatore Longhitano e dallo scultore Antonello Arena, autore dell'opera. Nel corso della serata ci sarà il video inedito di Maurizio Costanzo, che nei giorni scorsi a Roma ha ricevuto dal direttore artistico Massimiliano Cavaleri il Premio MareFestival: il giornalista ricorderà Troisi, con il quale aveva un legame particolare.

Alle ore 18.00 il Salone dei Congressi di Malfa ospiterà l'inaugurazione della Mostra "Salvatore Todaro,
grande Eroe della II Guerra Mondiale" organizzata dall'Associazione Marinai d'Italia di Chioggia (VE), in collaborazione con la Marina Militare e curata da Salvatore Totaro, presidente dell'associazione intitolata all'eroe; a tagliare il nastro inaugurale, la figlia Graziella Todaro. La mostra, presentata ieri in conferenza stampa al Gambero Lounge Bar, insieme con alcuni ospiti di MareFestival e i sindaci di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo e Malfa Salvatore Longhitano, si compone di 40 pannelli e racconta la storia di Todaro, sommergibilista e capitano di corvetta, messinese di nascita e chioggiotto d'adozione, che si è reso protagonista di una storia umana eccezionale: diede più volte prova di generosità e fratellanza salvando naufraghi di navi da lui stesso affondate in battaglia, tanto da meritarsi onorificenze e il soprannome di "Don Chisciotte del mare". Le sue gesta sono narrate attraverso i fumetti creati dai prof. Dino Memmo e Sergio Ravagna; l'esposizione è arricchita da cimeli, foto di famiglia, oggettistica navale e da un cine-documentario realizzato in collaborazione con Natale Crisarà. All'evento, prenderanno parte il comandante di MariSicilia Nicola De Felice, il comandante della base navale di Messina Santo Giacomo Le Grottaglie e lo storico di Todaro Biagio Ricciardi.

Gabriella Germani, già premiata a Milazzo, sarà protagonista del Cinecoktail condotto dalla giornalista Claudia Catalli, stasera nel DiscoClub Il Ciclope a Valdichiesa.

Alle ore 19.00 l'Hotel Ravesi ospiterà un incontro - talkshow del giornalista Domenico Colosi a Decaro e al soprano Chiara Taigi, arricchite dall'omaggio di Nero Toscano al film "Il Postino". A seguire verrà inaugurata la mostra di pittura "I Colori delle Isole", con le opere di Dimitri Salonia,
Lidia Monachino e Tanja Di Pietro, esponenti della Scuola Coloristica Siciliana. Tra le proiezioni di stasera: "Al di là del Mare" regia di Fabio Schifilliti, il progetto del film di Giorgio Bonecchi Borgazzi "Sirena - Hear the Whisper", che sarà girato alle Eolie; lo spot di Dino Sturiale "Addio pizzo" del video "Stagioni diverse" di Gianluca Rando e "Bruno e Il mare", film di Eros Salonia.

---Continuano i CineCoktail di Claudia Catalli per MareFestival – Premio Troisi 2016. Isola pedonale di Milazzo gremita di pubblico martedì 19 luglio per l'incontro con Sandra Milo e Massimo Dapporto.

“L’ironia è stata la mia salvezza. Ho sempre pensato che la vita fosse una cosa da portare avanti con leggerezza, perché questo lavoro può dare grandi dolori”. Star assoluta dell’isola pedonale è stata Sandra Milo. Da Fellini a Mastroianni, da Sordi a Manfredi: la sua vita, i suoi sogni, i suoi dispiaceri e “il giorno più bello della mia vita: quello in cui Federico Fellini si è accorto di amarmi”. La Milo si è soffermata sul regista di “La dolce vita”, regalando al pubblico racconti privati e preziosi. “La cosa più importante che gli devo è avermi tolto il senso del pudore. Dopo aver lavorato con lui non mi sono più vergognata di nulla sul set”. Come sempre, il CineCocktail vede il pubblico protagonista. Molti ne hanno approfittato per chiedere a Sandra Milo del suo rapporto con i più grandi nomi della storia del cinema italiano. Sul finale, la sua esortazione alle donne: “Amatevi molto. Siete forti, siete importanti. Siete voi a reggere il peso della famiglia italiana”.

Dopo Sandra Milo, è stato il momento di Massimo Dapporto: divertente nei racconti di aneddoti di famiglia, ha ricordato il padre, Carlo Dapporto, attore dalla grande carriera teatrale e cinematografica e soprattutto dal grande trasporto comico. Guidato dalla Catalli, ha inoltre raccontato la sua prima volta in Sicilia e l’incontro ravvicinato con un coltello a serramanico. “Per me la Sicilia era un mistero. Ora ho più amici qui che nella mia città. Voi siciliani siete pronti alla tragedia, ma allo stesso modo siete pronti all’amicizia. Ammiro il coraggio di attori e artisti che hanno lasciato questa terra per andare incontro alla grande incognita del mondo del cinema e dello spettacolo in Italia”. Raccontando della serie tv “Amico mio”, che negli anni 90 lo ha portato all’attenzione del grande pubblico, Dapporto ha rivolto un messaggio agli attori: “Questo nostro lavoro è una parabola. Un giorno hai una grande popolarità e il giorno dopo tutto è finito. Ma siamo molto fortunati, perché abbiamo l’affetto del pubblico e non siamo mai soli”.

Dopo l’esordio di Milazzo, la giornalista e critico cinematografico incontrerà a Salina, nell'ambito di MareFestival, Roberto Andò, regista di “Viva la libertà” e “Le confessioni”, entrambi interpretati da Toni Servillo: appuntamento domani venerdì 22 luglio alle 18.30 al Riconco, a Santa Marina Salina.

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo

Il Notiziario delle isole Eolie online siti utili www.isoleolie.it  vacanzeeolie.it alberghieolie.com

notiziario su youtube