MOBILE_480x230.jpg

Nel 2016 sono stati 135,13 milioni i cinesi che hanno effettuato viaggi all’estero (+5,68% rispetto al 2015).

Lo sottolineano i dati CeSIF (Centro Studi per l’Impresa Fondazione Italia Cina), secondo cui, di questi, i turisti sono stati 122 milioni (+4,27%): 3,79 milioni il numero dei visitatori cinesi nel nostro Paese, secondo dati Confturismo-Istat.

Per il 2017 si registrerà un ulteriore incremento dei turisti cinesi nel mondo, grazie alle prospettive di crescita della classe media. L’Italia figura al primo posto fra le destinazioni europee in termini di spesa e Milano, come prevedibile, è la principale città dello shopping in Italia, rappresentando il 37% della spesa cinese in Italia, un livello mai raggiunto prima e addirittura superato nel primo trimestre 2017 (39%). Seguono a distanza Roma (17%), Firenze (9%) e Venezia (7%).

A fare il punto è stata la Fondazione Italia Cina nel corso della giornata di presentazione del programma dell’anno di studi 2017/18 della sua Scuola di Formazione Permanente, nata nel 2009 a Milano per offrire corsi di lingua e cultura cinese per studenti e di formazione interculturale per professionisti e aziende. I nuovi corsi partiranno lunedì 16 ottobre.

“Saper interagire con il mondo cinese è sempre stato un bisogno molto sentito nel settore del turismo – ha dichiarato in apertura dei lavori Cesare Romiti, presidente della Fondazione Italia Cina –. Oggi lo è ancora, ma in modo diverso, perché quelli che accogliamo nel nostro Paese sono turisti cinesi più benestanti, preparati e tecnologici”.

“Il 2018 sarà l’anno del turismo Europa-Cina e il nostro Paese deve sapersi presentare pronto alle sfide di un nuovo turismo sempre più maturo, indipendente, tecnologico e high-end – ha sottolineato Francesco Boggio Ferraris, direttore della Scuola di Formazione Permanente –. Nuovi media, destinazioni inedite e nuove passioni, come quella per la neve che anticipa le tendenze delle Olimpiadi invernali di Beijing 2022, devono saper essere colte dalla nostra filiera”.

I numeri registrati in questi nove anni di vita della Scuola di Formazione Permanente confermano una crescente richiesta di moduli formativi e di intercultural management per aiutare imprese e professionisti a migliorare le loro relazioni con le controparti cinesi. Nell’ultimo anno sono stati attivati 20 progetti di formazione executive e corporate in house che hanno visto coinvolti circa 750 professionisti.

“Con l’avanzare della globalizzazione, la necessità di essere internazionali si pone sempre più sia per le persone che viaggiano o vanno a lavorare all’estero sia per le aziende, che si trovano a gestire la crescente diversità delle proprie risorse umane. Diversità che porta con sé complessità ma anche un grande valore aggiunto – ha detto Diana Bracco, presidente Bracco Spa e Vice Presidente Vicario Fondazione Italia Cina, chiudendo i lavori –. Questa Scuola di Formazione è dunque un avamposto sul futuro: un futuro in cui gli interscambi, commerciali, imprenditoriali ma anche linguistici e culturali con la Cina saranno sempre più frequenti ed essenziali”.

 travelnostop.com
 
 
 
 
 

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo

Il Notiziario delle isole Eolie online siti utili www.isoleolie.it  vacanzeeolie.it alberghieolie.com

notiziario su youtube