54217343_10218726163456111_766122638329249792_n.jpg

di Antonio Brundu

DANIELE NARDI AI CONFINI TRA CIELO E TERRA
Il giovane alpinista Daniele Nardi aveva scalato le montagne più alte del mondo, come l’Everest nel 2004, il K2 nel 2007, il Nanga Parbat e il Broad Penk nel 2008.

Durante gli incontri nelle scuole delle Eolie, gli alunni avevano rivolto, tra l’altro, a Daniele una domanda specifica: “Quale sensazione si prova a quell’altezza? “Ci si sente in modo netto- ha risposto Daniele Nardi- proiettati verso il cielo e più vicini a Dio. Quell’altitudine dà molta euforìa, ma ti fa sentire, anche, molto piccolo, perché ti trovi al confine tra l’immensità della terra ed il cielo infinito”.

Ora Daniele e il suo compagno inglese di cordata Tom Ballard si trovano su questo confine, nelle pareti del Nanga Parbat, dal quale non faranno più ritorno. Una notizia sconvolgente che abbiamo appreso in questi giorni e che ci ha lasciati con un profondo vuoto dentro. Speravamo tanto che ciò non accadesse e abbiamo seguito, passo passo, i due alpinisti durante il loro percorso verso la conquista della vetta (8.125 m.); ma qualcosa non è andato per il verso giusto (forse una valanga li ha travolti ed ha fermato la loro salita, a 6.000 metri di altezza). Così è finito il loro sogno e, purtroppo, anche la loro vita è stata stroncata a soli 42 anni (Daniele) e a 30 anni (Tom).

Daniele Nardi di Sezze (in Provincia di Latina e a poca distanza da Roma) era divenuto, ormai, dal 2007, un assiduo frequentatore delle Eolie, dove, quasi annualmente, ci veniva a trovare nelle isole di Salina e di Lipari (mio ospite a Malfa e di Italo Toni a Quattropani), insieme al fraterno amico Sergio Pizzi di Roma e residente ad Arezzo. Insieme a loro abbiamo organizzato vari eventi sportivi e culturali nei tre Comuni di Leni, Malfa e Santa Marina Salina e, anche nel Comune di Lipari, con l’obiettivo di divulgare e di fare conoscere i diritti umani a livello internazionale.

Era stata, tra l’altro programmata, una scalata alla Canna di Filicudi dove, nel 1972 prima e nel 1993 dopo, erano saliti gli alpinisti del Monte Rosa per porre una statua bronzea della Madonna alta 3 metri. Ma il legame più forte di Daniele era rappresentato, nell’isola di Salina, dalle escursioni sul Monte Fossa delle Felci (962 m.), la montagna più alta delle Eolie. Tutto si poteva immaginare tranne una così repentina loro scomparsa nella montagna del Nanga Parbat in Pakistan, nonostante si era al corrente dei rischi a cui andavano incontro con questa ultima scalata. Ma la loro determinazione, il loro convincimento, la loro certezza nel volere affrontare questa impresa ed il loro entusiasmo, ci hanno portato a noi, suoi amici e sostenitori, oltre ai loro familiari, a stargli vicino e ad incoraggiarli, perché abbiamo creduto ai valori e agli ideali di Daniele e di Tom, esperti conoscitori delle montagne più alte del mondo.

Inoltre Daniele Nardi non era soltanto appassionato scalatore delle pareti rocciose, che lo spingevano, con un magnetismo estremo, alla conquista delle alte vette, ma era un convinto sostenitore dei diritti umani a livello mondiale. Dotato di una intelligenza e di una profonda sensibilità, non poteva esimersi dal portare avanti principi e convinzioni per contribuire a migliorare la nostra società a livello umano e culturale. Queste parole non vogliono essere esaustive di quello che è stato Daniele e di quanto ha realizzato durante la sua attività sportiva e sociale a livello umanitario, ma sono soltanto alcune considerazioni espresse ora, in questo momento di grande tristezza e dolore per la perdita improvvisa di una persona così splendida e solare, come la lucentezza della bianca e candida neve.

Penso alla madre, alla moglie, agli amici e a tutti coloro che lo hanno conosciuto ed apprezzato nelle Eolie ed anche agli alunni delle scuole eoliane, che l’hanno ascoltato con interesse ed entusiasmo. Adesso bisogna cogliere e raccogliere il senso ed il valore del suo messaggio, perché ora lui rimarrà sempre vivo dentro il nostro animo, senza dimenticare il suo compagno inglese di cordata Tom Ballard, che avremmo avuto il piacere di conoscere, magari alle Eolie. 

57330.jpg

NOTIZIARIOEOLIE.IT

Daniele Nardi e Tom Ballard sono sul Nanga Parbat. Da domenica pomeriggio non danno notizie né con il telefono satellitare né alla radio collegata con il loro campo base dove sono presenti un Ufficiale di collegamento e due cuochi.

Da ieri mattina l’allerta è andata crescendo e si sono attivati tutti i sistemi in caso di intervento.

Questa mattina alle ore 6,30 c’è stato il primo collegamento con il campo base che dopo aver osservato attentamente il percorso e le possibili vie di fuga, come la discesa dalla via Kinshofer, ha escluso la presenza di alpinisti in movimento, le osservazioni sono mantenute costanti.

Si è attivato il sistema di soccorso pakistano chiedendo un elicottero per una perlustrazione sulla montagna. L’agenzia di Nardi in collaborazione con Evk2CNR Pk ha attivato la società Askari, che ha la concessione governativa per l’uso di elicotteri militari per il soccorso civile, e in poche ore si sono concertate tutte le procedure burocratiche tanto che alle 9,30, ora italiana, l’elicottero era pronto al decollo dall’eliporto di Skardu, a 40 minuti di volo dal campo base del Nanga Parbat sul versante Diamir. L’agenzia pakistana aveva peraltro ottenuto l’assenso di Ali Sadpara, alpinista pakistano che ha salito il Nanga in inverno due anni fa, a supportare i piloti nella ricognizione e nell’eventuale azione di soccorso.

Purtroppo, dopo poco tempo, a causa di una emergenza nazionale legata al conflitto tra Pakistan e India, della quale tutte le agenzie di stampa hanno data notizia, lo spazio aereo pakistano è stato chiuso e l’elicottero in stand by a Skardu non è potuto decollare.

Si è infine provveduto a far partire da Islamad l’alpinista pakistano Karim Hayat, compagno di spedizione fino a fine gennaio di Nardi e Ballard, via terra. Presumibilmente potrà raggiungere il base domani sera.

L’Ambasciatore Pontecorvo, attivatosi positivamente fin da ieri sera, ha allertato anche l’ambasciata inglese e insieme stanno chiedendo al Governo del Pakistan l’invio in via eccezionale dell’elicottero al campo base.

Ciò che si legge sui social della spedizione russa riguardo una richiesta di loro intervento si riferisce a un’ipotesi possibile, ma non perseguita e ora decisamente impossibile visto che il campo base del K2 è in Restricted Area rispetto alle zone di possibile agibilità concesse dalla giurisdizione militare che in queste ore sono state tutte chiuse.

Siamo in attesa di notizie dal campo base riguardo possibili movimenti sulla montagna che viene monitorata minuto per minuto con la speranza che l’emergenza militare pakistana possa rientrare e consentire ad Ali Sadpara di raggiungere il campo base prima che faccia buio.

L’intervento dell’Ambasciatore italiano in Pakistan Stefano Pontecorvo ha consentito di ottenere l’autorizzazione ad effettuare il volo dell’elicottero programmato questa mattina, fermato per la chiusura dello spazio aereo pakistano per le tensioni con l’India. A causa dell’arrivo del tramonto, il volo è stato riprogrammato.

Al campo base è arrivato il buio e la spasmodica osservazione della parete, che è proseguita tutto il giorno con nel cuore la speranza di intercettare un movimento, non si è interrotta e proseguirà durante la notte alla ricerca di individuare la luce di una lampada frontale.

Continuano i contatti e le attività che possono contribuire a facilitare il raggiungimento del campo base e la parete sia da terra lungo la valle Diamir, sia con l’elicottero.

52970970_10216343753619976_2659261814868541440_n.jpg

Per la segnalazione delle notizie si ringrazia Italo Toni che sull'accaduto dichiara "Sono sconvolto per me è come un fratello..." 

NOTIZIARIOEOLIEIT

10 SETTEMBRE 2008

24 AGOSTO 2012

https://www.youtube.com/watch?v=PdHCkKGShRU

Daniele Nardi - La canna di Filicudi - Eolie islands - Italy - YouTube

11 MARZO 2017

testa_vacanzeeolie.jpg

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili isoleolie.it - vacanzeeolie.it 
alberghieolie.com - eolianinelmondo.com 
eolieintouch.it - casevacanza.isole-eolie.com

portinenti.jpg