eolie-20020591 (1).jpgbnatale61.jpg

Filicudi - Delusione tra gli abitanti dell'isola eoliana.

Il prete designato dall'Arcivescovo Giovanni Accolla non arriva e non sarà celebrata la Santa Messa di Natale.

"In mattinata - ha commentato Giovannino Rando che è in attesa della nomina di delegato municipale - i mezzi di linea hanno viaggiato, nel pomeriggio invece le condizioni meteo-marine sono peggiorate e il parroco non è giunto. Fatto sta che la nostra chiesa di Santo Stefano sarà l'unica in Italia dove questa notte non sarà celebrata la messa di Natale che non è una messa come le altre, si tratta di un appuntamento importante dell'anno liturgico ed ha un significato speciale anche per i nostri abitanti sempre piu' isolati...".

L'INTERVENTO

di Francesco Scaldati

Caro direttore, è assurdo che la comunità cattolica della piccola isola di Filicudi come da lei pubblicato sia l'unica in Italia a non festeggiare il Natale, per questo motivo mi farò promotore di un incontro col vescovo per chiedere più attenzione per la nostra piccola comunita' che subisce quotidianamente sorprusi da tutte le istituzioni, dalla scuola alle poste e ora anche la chiesa. E' arrivato il momento che Filicudi alzi la testa e cominci a reagire e a chiedere che si rispettino i suoi diritti. Le chiedo di dare eco alla nostra voce.

di Graziella Bonica

Con il cuore a "Filicudi".
Si può stare da qualunque parte, nel mondo, ma quando sei "isolana dentro", il tuo cuore resta sempre là, sul tuo scoglio. Questa è una Notte speciale: è la Notte di Natale.
Se sei isolana, non sai più, ormai, dove sarai la notte di Natale.
Potrai stare in un ospedale lontano, a curare i tuoi anziani o a dare alla luce un bambino; in un paese straniero o in una città del Nord a lavorare. Rimanere bloccata a Milazzo, se il tempo non è clemente o i mezzi di trasporto o i porti non ti consentono di arrivarci. Ma puoi anche non essere vittima di tutte queste circostanze e farcela, ad arrivare sull'isola.
Quello che mai puoi aspettarti è di ritrovarti a metà strada dalla meravigliosa chiesa di S. Stefano e sentirti dire che stanotte .." Gesù a Filicudi non nascerà".
Non ricordo, (da quando sono in grado di capire e ricordare) che mai a Filicudi la "notte di Natale "non si sia celebrata .
Ricordo ,piuttosto, che quando ero solo una bambina, questa era davvero una Notte Magica sull'isola. Una notte in cui la Comunità riempiva di sé entrambe le chiese. Nasceva "il bambinello" a Pecorini, nel pomeriggio; e poi, a mezzanotte quello della Chiesa Madre. Erano tempi pieni di vita e di gioia. Un sol parroco, che stasera ricordo con tanta nostalgia e riconoscenza. Padre Vincenzo, un "uomo" che scelse con coraggio e dignità di vivere sull' isola e li rimase fino alla morte. Con enormi sacrifici servì la nostra comunità, sfidando acciacchi e intemperie, e mai manco' un appuntamento liturgico.
Oggi, alle soglie del 2019 , incredibile ma vero, a Filicudi manca anche un sacerdote che possa officiare la S. Messa della Vigilia. Non importa il perché. Ciò che conta è che dopo aver ridotto al lumicino tutti i servizi scolastici, postali, sanitari e di comunicazione con la terra ferma, ci hanno tolto anche la dignità di essere "cattolici cristiani". Mi spiace che a dirlo debba essere proprio io la Notte di Natale. Ma Filicudi non può e non deve morire. E se la voce che deve dirlo deve essere la mia..
Che sia!!
Buon Natale, Filicudi mia!!!

IL PUNTO E VIRGOLA

Per la notte di Natale lasciare una chiesa senza prete puo' essere un peccato. Indipendentemente dal motivo. E' una causa persa. Soprattutto quando quasi tutte le istituzioni alle Eolie sono facilmente criticabili. Il prete con l'ultimo viaggio non e' arrivato perche' non c' e' stato il viaggio. Per volonta' della linea col paradiso che in qualche periodo dell'anno nomina Filicudi sua succursale. Un giorno si sapra' se la Chiesa e' ricca o povera. Oggi avrebbe potuto noleggiare un elicottero e far scendere il suo rappresentante direttamente dal cielo per benedire anche il bue e l'asinello che a Filicudi hanno anche una grotta vera. Povera chiesa. Povero Natale.

ANSA.png

FILICUDI - Delusione tra gli abitanti dell'isola eoliana di Filicudi: il prete designato dall'arcivescovo di Messina Giovanni Accolla non arriva e non sarà celebrata la messa di Natale. "In mattinata - ha detto Giovannino Rando che è in attesa della nomina di delegato municipale - i mezzi di linea hanno viaggiato, nel pomeriggio invece le condizioni meteo-marine sono peggiorate e il parroco non è giunto. Fatto sta che la nostra chiesa di Santo Stefano sarà l'unica in Italia dove questa notte non sarà celebrata la messa di Natale". (ANSA).

butangas-banner_orizzontale_1.jpg

la-giusa.jpg