ex-pumex.jpg

Lipari - Si sblocca la vertenza degli ex Pumex dopo l'incontro che gli amministratori comunali hanno avuto a Palermo all'assessorato regionale del lavoro. Lunedì sarà firmato il decreto da parte dello stesso assessorato che prevede il passaggio dei 31 lavoratori socialmente utili alla Resais spa. L'assessorato regionale del bilancio ha garantito la somma di 600 mila euro. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Marco Giorgianni e dal vice Gaetano Orto che a Palermo hanno partecipato alla riunione. 

CUCAL_RESAIS_2007_2010.pdf

download (1)QAS1.png

LIPARI - Si sblocca la vertenza degli ex Pumex dopo l'incontro che gli amministratori comunali hanno avuto a Palermo all'assessorato regionale del lavoro. Lunedì sarà firmato il decreto dell'assessorato che prevede il passaggio dei 31 lavoratori socialmente utili alla Resais spa. L'assessorato regionale al Bilancio ha garantito la somma di 600 mila euro. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Marco Giorgianni e dal vice Gaetano Orto, che a Palermo hanno partecipato alla riunione.(ANSA)

NOTIZIAIRIOEOLIE.IT

Gent.mo Assessore Antonio SCAVONE Assessore della Famiglia, delle Politiche
Sociali e del Lavoro – Regione Siciliana, Gent.mo Gaetano SCIACCA – Dirigente Generale
Dipartimento del Lavoro, dell’impiego, dell’ordinamento, dei Servizi e delle Attività Formative
Spett. le RESAIS S. p. A. Spett.le Comune di Lipari e per C. Spett.le FP CGIL Messina
 c. a. Francesco Fucile Spett.le USB Messina c. a. Giovanni Savoca

Oggetto: STATO DI AGITAZIONE LAVORATORI EX PUMEX

Dal 15 aprile u.s. i lavoratori Ex Pumex, non percependo retribuzione e non avendo ottenuto chiarezza riguardo al futuro lavorativo sancito dalle normative Regionali, (Art. 14 della L.R. n. 17 del 16/10/2019 eArt. 2 comma 2 L.R. n. 36 del 30/12/2020 modificato dall’Art. 8 L.R. n. 1 del 20/01/2021) si sono visti costretti ad astenersi dal lavoro.
Allo stato attuale, nonostante le ripetute note del Comune di Lipari, dei sindacati USB e FP CGIL - nelle quali si chiede all’Assessorato Regionale al Lavoro di voler procedere nel più breve tempo possibile a dare attuazione alle succitate norme Regionali, nulla è cambiato. Si aspetta ormai da più di 15 giorni il tanto agognato decreto di trasferimento somme alla RESAIS S.p.A. che,da notizie ufficiose, sarebbe in fase di definizione.
Mentre la Regione Siciliana si prende i suoi tempi, 31 famiglie devono fare i conti con la realtà, non percependo compenso da ormai quattro mesi.
Considerati tutti i contenuti su esposti si chiede all’Assessorato Regionale al Lavoro di porre in essere tutti gli atti necessari al passaggio dei lavoratori ex Pumex in RESAIS S.p.A. e di voler comunicare ai lavoratori, attraverso i Sindacati che li rappresentano, gli eventuali impedimenti che si sono venuti a creare, visto l’abbondante tempo trascorso.
Si comunica che, se non si avranno notizie favorevoli entro il prossimo mercoledì, gli stessi lavoratori si riservano di intraprendere azioni eclatanti, come già fatto in passato.

I Lavoratori ex Pumex

Lipari, è deceduto Giuseppe Fava

181645492_247722903810357_4418576807530117888_n.jpg

Ai familiari le condoglianze del Notiziario

Melbourne, è deceduto Frank Costa

182371598_10223234898614294_6677056330503698258_n.jpg

Addio a Frank Costa
 
di Sam Portelli*
Frank è morto dopo una battaglia contro il cancro, all'età di 83. anni. Il Comitato Società Isole Eolie, a nome della Comunità Eoliana, desidera esprimere la sua più profonda simpatia e condoglianze alla famiglia Costa.
I migranti eoliani sono sinonimo di frutta e verdura ma pochi hanno raggiunto le altezze raggiunte da Frank Costa la cui azienda di famiglia si è estesa dal commercio al dettaglio all'ingrosso, prodotti agricoli e confezioni, attraverso il gruppo Costa di aziende di grande successo.
 
Frank era uno dei sette figli nati da Antonino (nato in Valdichiesa, Salina) e Mary (nee Picone-da Sale, Gippsland e origini da Leni, Salina). Antonino migrò a Geelong nel 1926 e presto prese il sopravvento della frutta del Covent Garden. Frank era uno dei 7 bambini cresciuti lavorando nel negozio - ′′ travagghiannnu ' nto shoppu ".
Un noto filantropo, Frank divenne meglio conosciuto nella sfera pubblica come presidente del Geelong Football Club.
 
I seguaci dei nostri seminari annuale di genealogia eoliana, ricorderanno le intuizioni sulla storia della sua famiglia, dateci da suo fratello Kevin nel 2016 come parte della nostra mostra ′′ Dai vulcani che abbiamo navigato ′′ al Museo dell'Immigrazione. Kevin è tornato nel 2017 per parlarci più approfonditamente della storia della sua famiglia e dello sviluppo delle loro connessioni aziendali.
Il nostro club riconosce il sostegno del Gruppo Costa nel 2015-in occasione del 90° anniversario della fondazione della Societa ' Isole Eolie.
La comunità piange la perdita di un importante patrono.
RIP Frank.
*Presidente. - Onorevole Presidente,

 

Lipari - Gli ex Pumex vogliono essere stabilizzati dal maggior Comune delle Eolie.

In 24, su 33, si sono rivolti al giudice del lavoro del tribunale di Barcellona.

Gli "lsu" che dopo la chiusura dell'azienda pomicifera prestano attività nel palazzo di piazza di piazza Mazzini, grazie ad un finanziamento regionale di 600 mila euro. Ma oltre all'indennità non sono previsti contributi, ferie, malatte ecc. E ora è partita la richiesta per aver riconosciuto il rapporto di lavoro subordinato. 

NOTIZIARIOEOLIE.IT

Regione, assunzioni, promozioni ed esterni. Per gli ex Pumex passaggio in "Resais"

di Andrea Cannizzaro

La Regione punta su un ritorno alle assunzioni, ma non solo. I prossimi mesi potrebbero essere anche quelli in cui verranno riattivate le promozioni dei dirigenti. Palazzo d’Orleans potrebbe consentire a metà dei dirigenti della terza fascia di passare alla seconda. La notizia emerge dal ddl stralcio collegato alla Finanziaria, che contiene le norme che riguardano la pubblica amministrazione e che è pronto all'approdo a Sala d’Ercole.

La norma approvata dalla prima commissione dell’Assemblea regionale siciliana, quella che si occupa degli Affari istituzionali, prevede che il governo regionale possa decidere di promuovere fino alla metà dei dirigenti.
Per lo scatto sarà necessaria una graduatoria che ordini i dirigenti in base a una valutazione dei criteri decisi dal governo. La graduatoria sarà triennale. Infine l’articolo specifica che la distinzione in fasce servirà solo per il trattamento ai fini economici.

Per le assunzioni, le regole su cui i deputati sono chiamati a votare sono le stesse di quelle anticipate nel Documento di economia e finanza regionale. Nel 2019 le i nuovi dipendenti nel comparto non dirigenziale saranno nel limite del 75 per cento dei dipendenti andati in pensione l'anno prima. Poi nel 2020 questa soglia sarà all’85 per cento per, infine, raggiungere il 100 per cento nel 2021. Le assunzioni nel comparto saranno con diversi limiti ma ispirati alla stessa logica. Nel 2019 saranno banditi posti nel limite del 30 per cento della spesa dell’anno precedente. La soglia salirà al 40 per cento nel 2020 e al 50 per cento del 2021. In questo modo i dirigenti regionali, che la Corte dei Conti ha spesso reputato in numero eccessivo, continueranno a diminuire.

Nel ddl ci sono anche altre norme che riguardano il personale. C'è ad esempio una regola che fissa all’otto per cento il limite degli incarichi dirigenziali non generali conferibili a soggetti esterni all’amministrazione regionale. Questi incarichi potranno essere dati per non più di cinque anni e non meno di due, e comunque in un limite di stanziamento. Se i dirigenti esterni proverranno da altre amministrazioni allora saranno collocati in aspettativa senza assegno

Un’altra norma consentirà alla Regione di attrarre dipendenti. Se ci saranno carenze in organico, il cinque per cento di queste potrà essere coperto da dipendenti di altre amministrazioni, in comando o distacco o in altre forme. Ci sarà però un altro limite: non bisognerà superare la spesa di 200mila euro.

Le assunzioni come visto sono collegate ai pensionamenti. E infatti, in questo ennesimo Collegato c'è la norma che dovrebbe consentire l’applicazione anche in Sicilia di 'Quota cento'. Chi vorrà avvalersene dovrà darne un preavviso di sei mesi. Poi ancora ci sono norme sull’ordinamento come quella sull’ufficio della protezione dei dati e sull’ufficio del garante dell’infanzia. C’è una norma per spendere 200mila euro per la rimozione dell’amianto nei manufatti di proprietà degli enti locali e c’è pure una norma per far tornare fruibile il Parco d’Orleans. Infine, nel disegno di legge inoltre è inserita una norma che istituisce un fondo speciale di un milione per le imprese che hanno subito eventi calamitosi o stati d’emergenza.

L’Ars, però, dovrà occuparsi di lavoratori anche nell’altro Collegato, quello esitato dalla quinta commissione. Lì infatti sono contenute alcune misure per dei comparti come quello dei lavoratori socialmente utili assunti presso la società Almaviva Contact e transitati alla società Exprivia Project, per cui viene stanziato un milione di euro. Nel collegato della quinta commissione, inoltre è previsto il passaggio in Resais dei lavoratori ex Pumex e che vengano autorizzata la prosecuzione dell’utilizzo dei lavoratori socialmente utili negli enti pubblici.

Nelle prossime settimane, a Palazzo dei Normanni, insomma, il lavoro sia pubblico che privato sarà all’ordine del giorno. Anche in questo caso, il ddl sono il punto di partenza così nel testo che si occupa di lavoro e in quello che prevede alcune riforme per l'amministrazione regionale potrebbe arrivare una pioggia di emendamenti.(livesicilia.it)

via-lattea.jpg