_09032020210836.jpg

Coronavirus: Musumeci vara nuove misure contro il contagio

Nuova e più stringente ordinanza per contenere il contagio del coronavirus in Sicilia. 
Il presidente della Regione Nello Musumeci ha firmato un ulteriore provvedimento per prevenire e gestire l’emergenza epidemiologica del Covid-19 nell’Isola. Disposizioni che riguardano la “pulizia” di strade e uffici pubblici, gli esercizi commerciali, le rivendite di tabacchi, il trasporto urbano, le attività sportive, le uscite da casa per gli acquisti. Ecco le novità.

Misure igienico-sanitarie
Viene sancito l’obbligo, da parte dei Comuni, di provvedere, qualora non lo abbiano già fatto, alla sanificazione delle strade del centro abitato, degli uffici pubblici e degli edifici scolastici. Attività che verranno cofinanziate dalla Regione. Aree a verde pubblico e parchi-gioco verranno chiusi.

Commercio
Non sarà ammesso l’ingresso nel territorio comunale dei venditori ambulanti al dettaglio provenienti da altri Comuni. Tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati, a eccezione di farmacie di turno ed edicole, dovranno restare chiusi la domenica. I sindaci potranno disporre la riduzione dell’orario di apertura al pubblico dei negozi, tranne di quelli che vendono prodotti alimentari e farmacie. Nelle rivendite dei tabacchi è vietato l’uso di apparecchi da intrattenimento e per il gioco.

Trasporto pubblico
Sui mezzi di trasporto pubblico urbano sarà consentito l’accesso ai passeggeri nella misura massima del 40 per cento dei posti omologati e, comunque, garantendo la distanza minima di un metro. Lo spazio riservato ai conducenti dei mezzi dovrà essere opportunatamente delimitato.

Ulteriori misure
Le uscite dalla propria abitazione per gli acquisti essenziali, a eccezione dei farmaci, vanno limitate a una sola volta al giorno. E’ vietata la pratica di ogni attività motoria e sportiva all’aperto, anche in forma individuale. Gli spostamenti con gli animali da affezione sono consentiti solamente in prossimità della propria abitazione.

Linea telefonica dedicata
Viene istituita, presso la presidenza della Regione, una linea telefonica dedicata a uso esclusivo e personale dei sindaci dell’Isola, per le comunicazioni relative alla gestione dell’epidemia. 

La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente Ordinanza comporta le conseguenze sanzionatorie previste dall’art.650 del Codice penale, se il fatto non costituisce reato più grave.

ordinanza n.6_19_03_2020.pdf

 

L'INTERVENTO

downloadfr.jpg

di Francesco Coscione

Per fortuna quelli che usciamo di casa solo per lavoro o impellenti necessità, non vediamo chi se ne frega. In questo momento in cui lo stress è alle stelle potremmo avere reazioni non consone.
Oggi nuova ordinanza della Regione Sicilia ancora più stringente: niente passeggiate neanche solitarie, niente maratone col cane, esercito nelle strade, ecc. Il Presidente Musumeci è stato troppo dolce, forse non sa che c'è gente che senza il panino fresco di giornata non può stare!
Per grazia di Dio da noi ha tuonato molto ma ha piovuto poco. si, forse i morti sono stati troppo pochi per far rendere conto gli assassini, non sto esagerando, chi diffonde malattie che provocano la morte è un assassino, della reale situazione in cui ci troviamo.
Ancora chiediamo spiegazioni sui cavilli, sfruttiamo cani, sigarette e pane per farci la passeggiata. Non mi piace #iorestoacasa, mi piacerebbe DEVI STARE IN CASA! Non voglio più sentire la frase: le persone non capiscono, è falsa.
Le persone capiscono ma se ne fregano della morte altrui. Per cambiare vita ci servono i camion dell'esercito pieni di morti come a Bergamo? Ci serve stare dentro una rianimazione e vederne morire soffocati una decina con i polmoni distrutti?
Cosa serve per scuotere questo popolo capace solo di mormorare, criticare, trovare cavilli per eludere leggi e norme, incolpare istituzioni, far passeggiare cani, gatti e criceti pur di uscire prendendo in giro le forze dell'ordine, i Sindaci e gli operatori sanitari distrutti dalla fatica e poi uccisi dalla stessa malattia?
Pochi non rispettano le norme? Falso! Chi è costretto a uscire mi parla di tantissime auto e gente che passeggia al sole chiacchierando fra loro. Queste persone sappiano che i nostri morti, che Dio non permetta mai che accada, saranno sulla loro coscienza che non sarà lavata scaricando colpe su altri.
La scienza mondiale ha già un vaccino, in Cina ha funzionato: NON USCITE DI CASA!
Purtroppo quando imparerete a obbedire sarà troppo tardi.

AMAPANAREA.jpg