download (1)234.jpg

LA POSIZIONE DI LIBERTY LINES IN MERITO ALLA NUOVA POLITICA TARIFFARIA

Chiarimenti sul programma fedeltà “Liberty Express”

Con riferimento alle numerose notizie di stampa circolate nei giorni scorsi riguardo le agevolazioni tariffarie che Liberty Lines volontariamente riconosce ai propri passeggeri, l’azienda evidenzia quanto segue:

Liberty Lines opera secondo regole di mercato, in un contesto regolatorio eurounitario secondo le norme dei contratti di servizio che esegue. L’azienda, al pari di tutti, sta inoltre subendo le gravi conseguenze dell’emergenza sanitaria tuttora in corso.
Liberty Lines garantisce la sicurezza dei propri dipendenti, dei passeggeri e dei terzi, nel rispetto delle prerogative e degli interessi di coloro con i quali entra in relazione e secondo le direttive e le indicazioni delle autorità amministrative.
Il nuovo sistema di tariffazione agevolata Liberty Express - illustrato in maniera fuorviante da più parti, ma esaurientemente illustrato sul sito Internet aziendale - è frutto di legittime decisioni assunte nel totale rispetto delle previsioni contrattuali.

Liberty Lines comprende perfettamente le legittime esigenze ed aspettative delle comunità dei territori in cui opera, in favore dei quali ha peraltro predisposto piani tariffari compresi all’interno del nuovo sistema Liberty Express, ma non intende tollerare attacchi dal contenuto non veritiero che ne ledano l’immagine e tutelerà le proprie ragioni nelle sedi di legge, se necessario.

E’ utile infine ricordare che, contrariamente a quanto da molti pubblicato, le Liberty Card ancora in circolazione (circa 11 mila), continueranno ad essere valide fino alla loro data di scadenza: semplicemente non potranno essere rinnovate e non ne verranno emesse di nuove.

La compagnia continuerà a servire tutti i territori con piena coscienza dell’importanza del proprio ruolo, proseguendo nei rapporti di fattiva collaborazione con tutte le autorità locali, con le quali il dialogo, franco e trasparente, è costante.

ansa-met.jpg

“Le nuove tariffe applicate per i pendolari che viaggiano in aliscafo sono colpa della crisi scatenata dal coronavirus”. Lo sostiene in una nota la Liberty Lines che con gli aliscafi collega le isole della Sicilia. Da alcune settimane, proprio per le nuove tariffe, si registrano le proteste di medici, docenti e di tutti coloro che frequentano per lavoro i “paradisi estivi che d’inverno diventano inferni”.

“La nostra azienda – puntualizza nella nota la LIberty lines - sta subendo le gravi conseguenze dell’emergenza sanitaria tuttora in corso. Il nuovo sistema di tariffazione agevolata Liberty Express è frutto di legittime decisioni assunte nel totale rispetto delle previsioni contrattuali. Comprendiamo perfettamente le legittime esigenze ed aspettative delle comunità dei territori in cui operiamo, in favore dei quali abbiamo predisposto piani tariffari compresi all’interno del nuovo sistema Liberty Express, ma non intendiamo tollerare attacchi dal contenuto non veritiero che ne ledano l’immagine e tutelerà le proprie ragioni nelle sedi di legge, se necessario.

E’ utile ricordare che, contrariamente a quanto da molti pubblicato, le Liberty Card ancora in circolazione (circa 11 mila), continueranno ad essere valide fino alla loro data di scadenza: semplicemente non potranno essere rinnovate e non ne verranno emesse di nuove”. “La compagnia – conclude la nota - continuerà a servire tutti i territori con piena coscienza dell’importanza del proprio ruolo, proseguendo nei rapporti di fattiva collaborazione con tutte le autorità locali, con le quali il dialogo, franco e trasparente, è costante”.

NOTIZIARIOEOLIE.IT

20 DICEMBRE 2020

Eolie, contestata la nuova "Liberty Express" per i pendolari che viaggiano con gli aliscafi. L'assessore Falcone "prossima settimana riunione per definire"

Anche il dottor Natale Bruno, direttore del Distretto Sanitario delle Eolie si è sottoposto al vaccino anti covid

138512757_10222266806452595_3227827642599131828_n.jpg

Coronavirus: potenziata la piattaforma per le lezioni online attivata dalla Regione

È stato ripristinato e aggiornato dalla Regione Siciliana il portale di didattica online www.continualascuola.it, già attivato nel marzo scorso per iniziativa del governo Musumeci durante il periodo del lockdown, per far fronte alla sospensione delle attività in presenza nelle scuole siciliane, a seguito delle disposizioni per contenere la diffusione del Coronavirus.
La piattaforma telematica, per cui sono stati stanziati poco più di 70 mila euro, sarà attiva fino alla chiusura dell’anno scolastico ed è il risultato di un accordo con un’azienda siciliana leader del settore. Consente di attivare le “aule digitali”, offrendo al docente e agli alunni la possibilità di condividere lavagna, schermi e supporti di vario tipo, in piena interazione. Alla piattaforma si possono collegare contemporaneamente fino a 200 istituti scolastici o enti di formazione, ma il numero di studenti per aula è illimitato: ciò consente di servire, ad esempio, due aule in simultanea.
L’assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla ha già inviato una circolare all’Ufficio scolastico regionale, perché possa essere diramata a tutti gli istituti dell’Isola. «La piattaforma è stata potenziata rispetto al primo lockdown – aggiunge l’assessore Lagalla - per agevolare sempre di più il sistema scolastico e gli enti di formazione. Oggi la piattaforma è più stabile e sicura e consente l'accesso ad un numero illimitato di alunni per aula. Ancora una volta il governo Musumeci, attraverso questa iniziativa, si è posto l’obiettivo di sostenere e assistere il cambiamento del paradigma educativo, anche grazie a un’operosa collaborazione tra pubblico e privato».
 
A supporto degli istituti, nella fase di accesso alla piattaforma e per ogni ulteriore informazione, è disponibile un numero verde numero (800694931) in grado di fornire assistenza. Inoltre, una task-force di esperti garantirà il costante supporto tecnico e operativo su tutto il territorio regionale, allo scopo di facilitare l’attivazione dei processi di teledidattica.

AVVISO. Lipari, signora cerca lavoro come badante info 3773722568

terrazza-sul-mare.jpg