9d5c67f2-af79-4da0-a37f-40433c5e8bb5.jpg


ascolta la musica in sottofondo clicca sul triangolo

Perchè abbonarsi ? Perchè Il Notiziario delle Eolie è il giornale online della comunità Eoliana. E' un servizio d'informazione libero e puntuale con video interviste, notizie di politica, cronaca, cultura, avvenimenti e molto altro. Tutto questo sempre con grande impegno costante e quotidiano. Per aiutarci a fare sempre di più abbiamo bisogno del tuo supporto. Attiva oggi stesso un abbonamento, sostieni il tuo Notiziario delle Eolie 

Per Natale Regalatevi un abbonamento 

Scarica e stampa il calendario 2022 del Notiziario

Lipari - Prestigioso riconoscimento per la spiaggia di Portinenti a Lipari, anche se rischia di scomparire. 

E' stata  infatti iscritta ne "Il Libro degli Spazi Simbolici", uno dei sei libri del "Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia",  ed è il primo luogo dell'arcipelago delle Eolie ad ottenere questa menzione. La richiesta di iscrizione è stata avanzata dalle scrittrici Macrina Marilena Maffei e Anna Siracusano ed è stata presentata alla Soprintendenza ai beni culturali e ambientali di Messina.

"E' stata valutata positivamente - spiega la professoressa Maffei -  in quanto la spiaggia di Portinente possiede i requisiti per l'iscrizione nel Libro degli Spazi Simbolici 'quale luogo legato al sacro' che ha registrato eventi tali da sortire dinamiche di memorie collettive'". La richiesta è stata quindi trasmessa all'assessorato regionale dei beni culturali e dell' Identità Siciliana, dove la commissione apposita l'ha accolta e ratificata.

"Siamo particolarmente grate - aggiunge la professoressa Siracusano - a quanti nelle istituzioni hanno espresso giudizi favorevoli alla nostra proposta. L'idea di richiedere l'iscrizione è nata, sia dal legame affettivo con le isole che dalla conoscenza delle tradizioni religiose e della cultura popolare eoliane; conoscenza che ha consentito di motivare la richiesta, documentando con ampiezza e accuratezza che la spiaggia di Portinente da tempo immemorabile 'produce memorie legate al sacro' nelle isole Eolie, ed è riconosciuta dalla collettività insulare come un luogo importante della identità eoliana".

Secondo una tradizione molto antica, sulla spiaggia di Portinente giunse, navigando sulle acque del mare, la cassa contenente il corpo di San Bartolomeo (divenuto patrono delle Eolie), il 13 febbraio del 264. (ANSA).

Le interviste alla professoressa Macrina Marilena Maffei, all'avvocato Anna Chiara La Cava, dell'associazione "Portinenti" e alla "Regina" della spiaggia di Porto delle Genti Marisa Virgona.

di Macrina Marilena Maffei e Anna Siracusano

LA SPIAGGIA DI PORTINENTE ISCRITTA NEL REGISTRO DELLE EREDITA’ IMMATERIALI DELLA SICILIA

La spiaggia di Portinente è stata recentemente iscritta ne Il Libro degli Spazi Simbolici, uno dei sei libri del Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia; ed è il primo luogo dell’arcipelago eoliano ad ottenere questo importante riconoscimento, per il suo valore sacrale e simbolico.

La richiesta di iscrizione, da noi preparata e presentata alla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Messina, è stata valutata positivamente, in quanto la spiaggia di Portinente possiede i requisiti per l’iscrizione nel Libro degli Spazi Simbolici “quale luogo legato al sacro” che “ha registrato eventi tali da sortire dinamiche di memorie collettive”. La richiesta è stata quindi trasmessa all’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’ Identità Siciliana, dove la Commissione apposita l’ha accolta nel mese di aprile, ratificandone l’approvazione nei giorni scorsi.

Siamo particolarmente grate a quanti nelle Istituzioni suddette hanno espresso giudizi favorevoli alla nostra proposta.

L’idea di richiedere l’iscrizione è nata, da parte nostra, sia dal legame affettivo con le isole che dalla conoscenza delle tradizioni religiose e della cultura popolare eoliane; conoscenza che ha consentito di motivare la richiesta, documentando con ampiezza e accuratezza che la spiaggia di Portinente da tempo immemorabile “produce memorie legate al sacro” nelle isole Eolie, ed è riconosciuta dalla collettività insulare come un luogo importante della identità eoliana.

Secondo una tradizione molto antica, come è noto, sulla spiaggia di Portinente giunse, navigando sulle acque del mare, la cassa contenente il corpo di San Bartolomeo, il 13 febbraio del 264.

Questo evento miracoloso, accompagnato da altri miracoli, diede vita al mito di fondazione del culto di San Bartolomeo, protettore di Lipari e patrono dell’arcipelago eoliano, ed è celebrato dalla chiesa locale; ma soprattutto se ne è tramandato il ricordo nella tradizione religiosa popolare, in cui rimane vivido e attuale.

Molti scrittori, antichi e moderni, a partire da San Gregorio di Tours, nella seconda metà del VI secolo, hanno raccontato la storia dell’approdo a Portinente, cui seguì la costruzione della prima chiesa di San Bartolomeo sul suo sepolcro ; e altri avvenimenti connessi alla chiesa e al culto, famosi in tutto il mondo antico, compreso il saccheggio che avrebbe causato il trasferimento del corpo del Santo a Benevento.

Ed è sempre a Portinente che, molti secoli dopo, nel 1926, avvenne la riconsegna alla comunità ecclesiale di un lembo della pelle di San Bartolomeo, proveniente da Venezia, a bordo di una torpediniera della Regia Marina, a celebrazione ufficiale e solenne di quel lontano accadimento.

Innumerevoli racconti della devozione popolare, di cui fino a pochi anni sono state raccolte e registrate preziose testimonianze, narrano la venuta miracolosa del Santo e l’episodio dell’arrivo della reliquia arricchendoli con i particolari prodigiosi e fantastici dell’immaginario popolare.

Tutti questi elementi fanno di Portinente un Monumento della storia eoliana, oltre e più che della tradizione religiosa.

Nelle nostre intenzioni, l’iscrizione nel Registro delle Eredità Immateriali dovrebbe contribuire a rafforzare e ad accrescere fra gli abitanti di Lipari e delle isole la consapevolezza di avere un grande patrimonio culturale comune; dovrebbe favorirne la valorizzazione, e anche contrastare il pericolo dell’oblio.

   Il Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia è il catalogo delle espressioni della cultura immateriale della Sicilia, che l'Assessorato Regionale dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione ha istituito il 26 luglio 2005 con il D.A. n.77, secondo la Convenzione per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale, approvata dall’UNESCO il 17 ottobre 2003.

L'art.2 della Convenzione definisce così i patrimoni culturali immateriali:“le prassi, le rappresentazioni, le espressioni, le conoscenze, il know-how – come pure gli strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi culturali associati agli stessi – che le comunità, i gruppi e in alcuni casi gli individui riconoscono in quanto parte del loro patrimonio culturale”.

Con l’ istituzione del Registro, la Regione Sicilia ha avviato le attività essenziali per l'identificazione e registrazione delle proprie eredità culturali, contribuendo così alla loro salvaguardia, con particolare riguardo per quelle a rischio di estinzione. Il Registro,composto inizialmente da quattro libri, nel 2014 è stato aggiornato, secondo le ultime direttive UNESCO, con il D.A. 571 ed ora è composto dai seguenti sei libri: delle Celebrazioni, delle Feste e delle Pratiche Rituali; dei Mestieri, dei Saperi e delle Tecniche; dei Dialetti, delle Parlate e dei Gerghi; delle Pratiche Espressive e dei Repertori Orali; Tesori Umani Viventi; e degli Spazi Simbolici.

Gli spazi simbolici, vogliamo sottolineare, sono luoghi in cui si sono verificati eventi significativi per la storia di una comunità, e di cui si è conservata e rinnovata la memoria.

Ci auguriamo che lo sguardo di tutti coloro che vedranno o visiteranno Portinente, siano essi eoliani o turisti, possa percepire la sacralità di questo luogo denso di memorie, che è un prezioso Bene culturale oltre che una splendida baia, anche attraverso qualche segno tangibile che ne attesti la storia e ne perpetui il ricordo.

images/banners/immagini_random/otticasottile-orizz.gif

I COMMENTI.

di Francesco Valastro

Egr. Direttore,
Ho voluto attendere un pò, prima di intervenire, nella speranza di leggere sul giornale la pur minima reazione alla strabiliante notizia dell'iscrizione della spiaggia di Portinenti in uno dei sei libri del Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia. Penso che tutti i Liparoti dovrebbero ringraziare queste due meravigliose donne che sono riuscite ad  raggiungere questo difficile traguardo, dopo un lungo e periglioso cammino pieno di ostacoli, sapientemente disseminati dalla nota burocrazia. Spero che questo importantissimo riconoscimento sia da sprone per il ripascimento della spiaggia ed eviti che venga perpetrato lo scempio di Acquacalda.
Grazie Professoresse, spero che tutta la comunità vi sia riconoscente.
 
di Marisa Virgona
 
Caro Francesco, amico mio, hai perfettamente ragione, c'è un assordante silenzio attorno alla (davvero) strabiliante notizia del riconoscimento della spiaggia di Portinenti a Spazio Simbolico, iscritto nel sesto Libro delle Eredità Immateriali della Regione Sicilia. Ma non certo tra noi abitanti di Portinenti, che ogni giorno viviamo, puliamo e frequentiamo la nostra amata Spiaggia e che, increduli, commossi e orgogliosi, non facciamo altro che commentare questo splendido titolo onorifico, ed io, che da oltre 4 anni qui trascorro tutte le mie giornate, sono davvero colpita da come tanti nostri frequentatori, adesso, vedono il loro abituale e consueto luogo di ritrovo sotto una luce diversa, ammantata di sacralità. Quello che invece stupisce (ma non troppo) è finora la totale indifferenza delle nostre Istituzioni di fronte a fatti come questi, che dovrebbero inorgoglire tutta la Comunità Eoliana. Per noi che abbiamo sempre lavorato per rendere questo luogo più decoroso e fruibile per tutti, spendendo tempo e risorse contro le burrasche, l'inarrestabile erosione, gli affioramenti di manufatti pericolosi, ecc. ecc., mai aiutati dagli Enti pubblici insensibili e dagli albergatori sordi (ma non muti, quando c'è da consigliare ai loro ospiti una deliziosa spiaggia nelle vicinanze, dotata di ogni confort...), per tutti noi, il risultato che hanno conseguito queste due splendide persone, le professoresse Anna Siracusano e Macrina Marilena Maffei, ha un valore inestimabile, e non ci stancheremo mai di ringraziarle. Io, in particolare, ho un grande rimpianto, quello di non conoscerle personalmente ed esprimere loro la mia più profonda gratitudine, abbracciandole di tutto cuore, a nome di tutta Portinenti. Sono sicura che, alla fine, la reale portata di questo riconoscimento sarà recepita da qualcuno delle istituzioni, che avrà le giuste competenze, motivazioni e risorse per riportare questa Spiaggia ai fasti di un tempo, un luogo che, per citare le stesse parole del Libro degli Spazi Simbolici, "produce memorie legate al sacro ed è riconosciuta dalla collettività insulare come un luogo importante della identità eoliana". P.S. Caro Francesco, ho notato che ieri sui notiziari è apparso un articolo che fa ben sperare, il Sindaco Giorgianni ha aiutato personalmente e messo a disposizione di alcuni volontari, mezzi e risorse, per aiutarli a ripulire una spiaggia di Pignataro. Me ne rallegro vivamente, questo vuol dire che a palazzo si stanno accorgendo del lavoro prezioso e dell'importanza dei volontari. Finalmente qualcosa sta cambiando. E speriamo che presto il vento cambi anche per la nostra Spiaggia, simbolo dell'identità eoliana.
 

----Riallacciandomi alla questione della spiaggia di Portinenti, noi che amiamo e rispettiamo questo luogo riconosciuto simbolo sacro della comunità eoliana, vorremmo intanto ringraziare con sincerità il consigliere comunale Fulvio Pellegrino,  che con il suo interessamento ed a sue spese, sopperendo alle manchevolezze di altri, ha posizionato le necessarie protezioni sul bordo strada della via di porto delle genti, mettendo in sicurezza un tratto pericoloso per le macchine e per i passanti, e soprattutto per i numerosi bambini che, incoscientemente, utilizzavano il sedime stradale come trampolino per i tuffi a mare. Grazie Fulvio a nome di tutta la comunità di Portinenti. Sei grande.

di Macrina Marilena Maffei

Ho letto finalmente l'intervento di Marisa Virgona e anch'io le sono grata per le belle parole che dedica a me e ad Anna Siracusano. Forse ora arrivera' un segno di apprezzamento anche dalle istituzioni... Un cordialissimo saluto e un ringraziamento.

IL VIDEO.

Bartolino Leone

centro_massaggi copia.jpg