Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità 

Questo sito utilizza Cookie tecnici e di profilazione di terze parti. Clicca sul bottone - chiudi - per accettare l'uso dei cookie e proseguire la navigazione.

Stampa
Categoria: Cultura

mcarnevale.jpg

di Maria Carnevale*

Che l’Arciduca Luigi Salvatore d’Austria con la sua seconda e più fortunata Nike fosse approdato alle Isole Eolie nella seconda metà dell'ottocento lo dobbiamo certamente all’edizione in Italiano del suo “Die Liparischen Inseln”, curata dal Notaio Prof. Pino Pajno, che eoliano lo era di nascita e di cuore.

Oggi, un altro Paino, il Nino Direttore del Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani, si è occupato di una nuova traduzione del testo originale in lingua tedesca e riconsegna alla “letteratura del viaggio” un’edizione dell’opera dal sicuro spessore artistico, paesaggistico ed antropologico, oramai introvabile interamente presso qualsiasi libreria, anche amatoriale.
Presentato in pregiata carta lucida e perfettamente aderente nella traduzione al testo dell’avventuroso Arciduca asburgico e borbonico, ma nato fiorentino, è fresco di stampa il quinto degli otto volumi, dedicato all’isola di Filicudi.

papa1.jpg

Se al seguito di Luigi Salvatore d’Austria, a cui Lipari ha dedicato una centralissima piazzetta, viaggiavano abili disegnatori, occorre precisare che era Egli stesso appassionato di pittura e disegno e che le illustrazioni presenti nei vari volumi, eseguite a penna, costituiscono forse l’aspetto più pregiato dell’opera.

L’edizione del Centro Studi le ripropone in ottima stampa, rendendo pertanto merito all’espressività di ogni minimo particolare e a quel tocco d’arte che trasforma ogni immagine in un documento di storico costume o di plastica infinita bellezza.
Dopo l’interessante introduzione e l’indice, il lettore potrà consultare la spiegazione delle illustrazioni e l’elenco delle Tavole e delle Xilografie, con mappa finale dell’isola di Filicudi, cui “sul pendio della 

collina sorgono case imbiancate con priegula (pergolati) e pilastri rotondi e imbiancati..” e dove ”sul fondo roccioso di cenere nera del Colle delle Opuntiae della Serra d’‘a Rina, il sentiero si snoda dal vecchio passaggio che porta alla valle della Muntagnola..fino ai muri a secco su cui crescono cespugli di more”.
Magia della macchia mediterranea ed unicità architettonica e paesaggistica delle sette sorelle, visitate e descritte dall’aristocratico viaggiatore con lo sguardo del naturalista e dell’etnografo e con la ferma intenzione del nulla tralasciare, così come, attraverso la nuova edizione delle “Isole Lipari” si ripropone oggi il Centro Studi.

A breve uscirà il volume dedicato a Panarea, poi, nel giro di pochi anni, sarà edita l’intera opera.
Il Presidente Nino Saltalamacchia, il Direttore Nino Paino ed il Direttivo del Centro Studi desiderano inoltre ringraziare pubblicamente la Famiglia del Notaio Prof. Pino Pajno per il graditissimo dono dell’intera originale collana curata da quest’ultimo negli anni ’80.
Il volume Filicudi, nuova edizione e traduzione 2021, è disponibile presso la sede di via Maurolico n.15.
Per informazioni – 090-9812987 – mail: centrostudieolie81@gmail.com

*Socia Centro Studi

278630184_10225277512278359_1449673415058073993_n.jpg

libertylines.jpg