PHOTO-2021-06-08-09-22-36 (1).jpg

di Giovanni Finocchiaro

Italiani che risiedono fuori dall’Unione Europea, Green Pass?…………

Caro Bartolino,

pare che il 6 agosto in Italia diventerà obbligatorio esibire il “Green Pass” il certificato che attesta l'avvenuta vaccinazione per poter accedere a bar, cinema, ristoranti etc……

Ti chiedo come mai il ministro della Salute Roberto Speranza, si è dimenticato di coloro che risiedono all'estero, al momento esclusi dal provvedimento.
Per Italiani residenti in Australia al momento non sono riconosciuti i seguenti:
• Green Pass a chi ha ricevuto l'inoculazione all'estero, con i vaccini riconosciuti e nelle dosi richieste.
• La possibilità di non sottoporsi a quarantena fiduciaria di 10 giorni al rientro in Italia, per chi ha ricevuto entrambe le dosi di vaccino.
• Il diritto di ricevere la seconda somministrazione in patria, pur avendo ricevuto la prima in territorio estero.

Al momento sono in atto delle norme semplificative soltanto per alcuni paesi europei.

Preparai al peggio, sperare per il meglio.

Aggiornamento flash da Sydney…..

Caro Bartolino,

Stanco del lockdown?
Questo livello di incompetenza potrebbe essere peggiore. Il mio umore e’ diverso dall’anno scorso. L’Australia ha fatto un enorme passo indietro. È tornata ai “Locked-in” statali, al sostegno finanziario federale e al brutto trasferimento di colpa tra “Premiers” sulla nuova ondata di Covid-19 mentre il paese viene intrappolato tra la variante Delta e la fornitura di vaccino inadeguata.

I piani di ripresa del paese e le speranze di viaggiare all’estero sono compromessi.
I cittadini sono stufi, impazienti, meno indulgenti verso gli errori seriali, le correzioni, i messaggini confusi dei politici.

Le ragioni del sopra menzionato riconducono alla mancanza di un'adeguata offerta di vaccini.
Vedo annunci da mammalucchi in TV che dicono agli Australiani armatevi di vaccino, quando in verità “The Aussie” non possono neanche ottenere una prenotazione per il vaccino .. e c'è una vera preoccupazione per l’economia.

Prepararsi al peggio, sperare per il meglio.

LA STORIA SI RIPETE

Caro Bartolino,

Il 2 giugno 2022 ci sarà la 76sima Festa della Repubblica Italiana, e in concomitanza la regina Elisabetta d’Inghilterra, la sovrana più longeva nella storia britannica celebrerà i 70 anni di regno con il giubileo di platino.

Mi domando a cosa sono serviti 70 anni di regno se i sudditi di Sua Maestà si sono concessi nella finale di Wembley la libertà di fischiare Il Canto degli Italiani l’Inno di Mameli, calpestare il Tricolore e sopratutto gli atleti britannici in campo con poco stile e senza rispetto verso gli avversari di togliersi la medaglia ricevuta sul podio della premiazione dal collo.
Lo dico apertamente che nefandezze!!!

Penso che le autorità di 10 Downing Street dovrebbero chiedere scusa ufficialmente.
Le scuse racchiuse in una lettera indirizzata agli Italiani dovrebbero arrivare prontamente.
Sono certo che il messaggio di “apologies” giungerà presto perché i britannici di oggi sono differenti da quei “barbari con la pelle dipinta che furono domati dalle Legioni di Cesare e Claudio”. O forse no?

Prepararsi al peggio, sperare per il meglio.

 

Breaking News, Bartolino!!!!! Lockdown. Anzi Lock-in!

Tutti chiusi in casa fino al 9 Luglio a Sydney.
I viveri verranno buttati con il drone Lyon nel giardino di casa.
Questo e’ il risultato quando i vaccini vengono somministrati a 33 giri….
Qui non c’è il Generale Figliuolo..

Abbiamo il Generale John Frewen, che proprio l'altro giorno, dopo uno studio dettagliato ha rilasciato i parametri di pianificazione della fornitura di vaccini fino a fine dell'anno.
E Mentri u Medicu studia… u malatu sinnivaci

Prepararsi al peggio, sperare per il meglio.

Lipari, casa a rischio nella via prof Carnevale pronto intervento della ditta di Alessandro Fonti per metterla in sicurezza  

PHOTO-2021-06-26-10-43-49 (1).jpg

AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO A RECEPIRE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DA PARTE DI ASSOCIAZIONI DI PESCATORI PER LA GESTIONE DELLE DUE STRUTTURE DENOMINATE “PUNTO DI SBARCO/TRASBORDO DEL PESCATO” REALIZZATE NEI MOLI DI PIGNATARO E MARINA CORTA NELL’ ISOLA DI LIPARI

In esecuzione alla pec del 14/06/2021 con la quale l’Amministrazione del Comune di Lipari emana gli indirizzi per la concessione in uso delle strutture di cui all’intestazione,
RENDE NOTO che con D.D.G. n.72/Pesca del 21/03/2017 e successive integrazione e modifiche al D.D.G. n°248/Pesca del 01/08/2017 è stata approvata graduatoria degli ammessi delle strategie di Sviluppo locale di tipo partecipativo (Community Led Local Development, C.L.L.D.) tra le quali la Strategia proposta dal FLAG “ISOLE DI SICILIA”, IL Comune di Lipari, in seguito all’autorizzazione prot. n° 0007402 del 30/05/2019, ha realizzato due punti di sbarco/trasporto del pesce presso il molo di Pignataro e il molo di Marina Corta e con successivo verbale di consegna del 03/08/2020 le suddette strutture sono passate in carico al Comune;
che il Comune di Lipari, in atto, non ha il personale che possa garantire un costante gestione delle suddette strutture;
che il Comune può procedere all’affidamento della gestione delle due strutture da Associazioni di Pescatori che operano nel territorio di questo Comune,
INVITA I soggetti interessati a manifestare il proprio interesse alla gestione DELLE DUE STRUTTURE DENOMINATE “PUNTO DI SBARCO/TRASBORDO DEL PESCATO” REALIZZATE NEI MOLI DI PIGNATARO E MARINA CORTA NELL’ ISOLA DI LIPARI.
LE DOMANDE DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER AL GESTIONE DELLE DUE STTRUTTURE SUDDETTE DOVRANNO PERVENIRE AL PROTOCOLLO GENERALE DEL COMUNE DI LIPARI PIAZZA MAZZINI 1 ENTRO LE ORE 12,00 DEL GIORNO 23/07/2021.
PER ULTERIORI INFORMAZIONE E/O CHIARIMENTI RIVOLGERSI NUMERI DI TELEFONO O ALL’INDIRIZZO DI POSTA CERTIFICATA CHE DI SEGUITO SI RIPORTANO :
 

Lipari, le bellezze dell'Hotel "Aktea" in mostra con Paolo Bruno dei "Negrita"

 
205641333_584386079209249_5786666795944951480_n (1).jpg
 
Lipari, le cugine Cassarà con Paolo Bruni (cantante dei Negrita) per un aperitivo speciale. E l'Hotel "Aktea" sempre piu' "Music Fest2..."
Attenzione Attenzione!
Eolo, signore incontrastato delle isole che ospitano Eolie Music Fest, ci impone una variazione di location per i live di domani.
La data del 26 Giugno prevista nell’Isola di Salina, località Punta Scario è stata spostata presso VULCANO - LOCALITA’ GELSO.
Alla luce dello spostamento del live, Vi riepiloghiamo le partenze:
- Barca turistica da Milazzo (NAVISAL): confermata partenza ore 15.00 dal porto di Milazzo, fermata a Salina alle ore 16.30 prosegue per imbarco a Lipari da Marina Corta alle ore 17.15
- Barca turistica da Lipari: confermata partenza ore 16.30 dal molo di Marina Corta (GRUPPO REGINA DEI MARI)
- Barche private: arrivo al campo concerto dalle ore 14.30
Per info dubbi e chiarimenti scrivere a info@eoliemusicfest.it
Programma:
CORNETTO DAY#2
Inizio ore 16:00
@baciamolemani_official
@williepeyote @samuel e #bandakadabra

LIBERA CHIESA IN LIBERO STATO.

Caro Direttore,

Libera Chiesa in libero Stato, frase pronunciata più volte dal Conte Camillo Benso di Cavour fra l’altro, nel discorso al Parlamento con cui appoggiò l’ordine del giorno che acclamava Roma capitale d’Italia. Caro Bartolino il motto del pensiero dello statista sembra molto attuale…….

Prepararsi al peggio, sperare per il meglio

Auckland o Sydney….

Sydney non e’ nella top 10 nel sondaggio sulla vivibilità globale del 2021 di “The Economist”. E’ solo undicesima!

Scusami Bartolino, come può essere?

Quest’anno ho trovato la più grande città australiana libera dal COVID-19 e più vivibile.
il traffico è diminuito, meno aerei hanno intasato i cieli blu e abbiamo avuto più tempo per crogiolarci sulle bellissime spiagge, fare sport all’aperto, andare a teatro, cantare in pubblico, e questa classifica e’ sorprendente: Adelaide è stata nominata la metropoli più vivibile d'Australia. E’ la terza città migliore al mondo in cui vivere.

E Auckland, in Nuova Zelanda, è stata incoronata la più vivibile nell'anno del COVID-19.
Ma scherziamo?

Ancora più sorprendentemente Melbourne, una volta nominata la città più vivibile del mondo per sette anni consecutivi fino al 2017, torna alla ribalta, passando, secondo “The Economist”, dalla 16° all'8° posizione.
Un fatto che anche l'amante più passionale di Melbourne sarebbe propenso a mettere in discussione, dato che la città del Victoria è in perenne crisi con un lockdown da quasi un anno.

Ho appreso della nostra uscita dalla classifica dei primi 10 dopo aver goduto di una splendida alba costiera seguita dalla perfetta tripletta mattutina di Sydney: passeggiata “Bay walk” in Drummoyne, cornetto caldo e caffè espresso al bar da Paul Signorelli che quasi mi strozzavo dopo aver letto la notizia.

In quale altra città al mondo puoi sopportare l'inverno in questo modo?

Il fatto che a Sydney le case siano così costose è dovuto a un fattore importante: la gente vuole vivere qui.

Scommetto che i poveri stronzi dell'unità di intelligence dell'Economist con sede nella fredda e vecchia Londra non avrebbero buttato giù un ormeggio qui. Immaginiamoli Bartolino per un momento, bloccati nel traffico nella vecchia metropoli dove giorni come giovedì scorso, il nostro giorno più freddo qui a Sydney dal 1984, a Londra sono la norma.

Ho trascorso ben 25 anni nell'emisfero settentrionale, quindi so che ci sono molte cose che rendono una città un ottimo posto in cui vivere. Trasporto pubblico efficiente, buone scuole, accesso a ad una buona assistenza sanitaria etc..
e credo che il freddo non sia uno di questi.

Affermare che Auckland, Osaka e Tokyo sono più vivibili di Sydney e’ letteralmente un sacrilegio. Il team di “The Economist” hanno mai messo piede lì?

Ho avuto la fortuna di visitare Parigi, Roma e ho adorato la bellezza, la camminabilità e la cultura.

Sappiamo tutti che puoi passare le stagioni migliori nella peggiore delle città e le stagioni peggiori nella migliore delle città.

Ma questo è puramente teorico. Non è la scala della vivibilità che rende grande una città, l'unico parametro che conta è l'amabilità, cioè la vicinanza alle persone che ami e che ti amano. Se non mi credi Bartolino, fammi sapere quando ti trasferisci ad Auckland, Osaka o ad Adelaide.

Prepararsi al peggio, sperare per il meglio.

Caro Giovanni,

sono d'accordo con te. Sydney che conosco bene per averla visitata due volte, è vivibile ed è una gran bella città. Ho ancora ricordi indelebili di un giro in moto d'acqua per tutta la giornata con mio cugino Gen Russo nella splendida baia. Alla fine eravamo bruciati dal sole! Dunque graduatoria anomala. Mi chiedi se mi trasferisco a Auckland o a Osaka: no assolutamente. Ho girato il mondo e per me le Eolie - nonostante tutto... - sono tra i luoghi piu' belli. Un caro saluto agli eoliani non solo d'Australia e vi aspettiamo a Lipari per riprendere la nuova edizione del "Festival degli Emigranti". (BL)

 

 

LA FOTO DEL GIORNO

foto di gruppo D'Ambra, Finocchiaro,Buscema e  Imbrglia (Natalie).jpg

79081796_10218591266966405_3778191891732889600_n.jpg

di Giovanni Finocchiaro

Carissimo Bartolino,

Il Sindaco di Canada Bay Angelo Tsirekas durante la festa di Natale ha ringraziato gli Eoliani per le attenzioni ricevute nell’ultimo suo viaggio alle Eolie.

Il Sindaco Tsirekas nel suo discorso ufficiale di chiusura ha menzionato ed elogiato Eligio Perna e la moglie Angela e Carmelo e Liviana D’Albora.

59996710_10216826529249065_5819649680711090176_n.jpg

di Giovanni Finocchiaro

Cincotta & Finocchiaro Family from Sydney.

Come molti degli Italiani all’estero siamo nostalgici dell’Italia, ma difendiamo felicemente l’Italianita’ nel mondo e non di certo nell’orticello di casa come fanno i sovranisti di questi tempi nel Bel Paese.

Un saluto da Sydney.

Ci vediamo a Luglio Bartolino

PS. Dateci retta... A Lipari quello che manca non serve

nnilausta.jpg