22a194e5-b6f8-4f09-91fc-a444cbe224e7.jpg

di Beatrice Giunta Saltalamacchia

A L B A N I A - A P R I L E 1918

CAPITOLO TERZO

Da circa sei mesi eravamo accampati in un altopiano solcato da burroni acquitrinosi.
Il terreno argilloso, sempre umido, ci rendeva pesanti i movimenti. Non si poteva stare fermi a lungo in un luogo perché il terreno cedeva e si cominciava a sprofondare.
Nell’accampamento erano state sparpagliate fronde di alberi e cespugli di vario tipo, per consentire di camminare più agevolmente. I cavalli e i muli, dopo essere stati sistemati sopra una collinetta, venivano riparati dalle intemperie grazie ad una tettoia lasciata dal distaccamento di cavalleria trasferitosi in un’altra località vicina.

Le quattro batterie che s’erano piazzate in punti strategici, vicino al Comando Gruppo, facevano sentire il rombo dei loro cannoni e rispondevano a quelle serbe che, per consuetudine, svolgevano azione di disturbo. Nel raggio di circa 2 km si erano piazzati
gli Arditi delle Fiamme Nere (nota 1), il Distaccamento di cavalleria, il Distaccamento del Genio fanteria e una Compagnia di fanteria. Il concentramento di forze sull’ altopiano lasciava chiaramente comprendere che la località era uno dei punti chiave fra l’Albania e la Serbia.

Nota 1 - Gli Arditi delle Fiamme Nere erano una specialità di Fanti, costituiti da reparti d’assalto. Si soleva dire che l’Ardito delle Fiamme Nere “scavalca i monti, divora il piano, pugnale fra i denti, le bombe a mano”.

4b768dbb-e5ee-4da0-8c3b-b92aef7f29e2.jpg

Quadro dipinto all’acquerello da Lina Landi

PER LE ALTRE NOTIZIE CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

 

 

Continuazione del secondo capitolo (...non aveva importanza.)

Tralasciamo quest’argomento su cui vi sarebbe molto da discutere e riportiamoci ai pericoli che attraversavamo durante le varie fasi della faticosa marcia; infatti, eravamo bersagliati da un gruppo di persone slave che, non tollerando l’intervento delle truppe italiane, il cui scopo era quello di liberarle dall’oppressione austriaca, non mancavano di farci sfiorare da quelle temute pallottole “dum - dum” (nota 1) che indirizzavano verso di noi. Qualche volta, quando le azioni di disturbo di tali elementi si rendevano più intolleranti e pericolose, si aspettava che le condizioni del terreno lo consentissero, per montare uno o due cannoni con cui rispondere all’indirizzo di provenienza delle pallottole: questo era l’unico deterrente perché tacessero.
Giunti a Koritza, altra sosta di sei giorni per riposo e ricerca strategica della località in cui dovessero essere piazzate le Batterie (nota 2) e la Sede del Comando Gruppo.

Nota 1- Pallottola dum - dum, si tratta di un proiettile ad espansione, costruito nell’arsenale inglese situato nell’omonima città di Dum Dum, vicino a Calcutta, in India,
nel Bengala occidentale, studiato per aprirsi dentro il corpo del bersaglio, per sfigurare e devastare al punto da rendere irriconoscibili i lineamenti di un individuo.
Nota 2- Batteria di Montagna: installazione militare il cui scopo è quello di raggiungere posti invalicabili e terreni impervi; infatti, laddove si presentavano strapiombi pericolosi, la cui ampiezza consentiva il passaggio di una sola persona, bisognava scaricare i muli,
farli passare da soli, senza il carico e quindi i militari erano costretti a portare sulle spalle il materiale: cannoni, ruote e bombarde.

7) Continuazione del secondo capitolo (...non aveva importanza.)

Tralasciamo quest’argomento su cui vi sarebbe molto da discutere e riportiamoci ai pericoli che attraversavamo durante le varie fasi della faticosa marcia; infatti, eravamo bersagliati da un gruppo di persone slave che, non tollerando l’intervento delle truppe italiane, il cui scopo era quello di liberarle dall’oppressione austriaca, non mancavano di farci sfiorare da quelle temute pallottole “dum - dum” (nota 1) che indirizzavano verso di noi. Qualche volta, quando le azioni di disturbo di tali elementi si rendevano più intolleranti e pericolose, si aspettava che le condizioni del terreno lo consentissero, per montare uno o due cannoni con cui rispondere all’indirizzo di provenienza delle pallottole: questo era l’unico deterrente perché tacessero.
Giunti a Koritza, altra sosta di sei giorni per riposo e ricerca strategica della località in cui dovessero essere piazzate le Batterie (nota 2) e la Sede del Comando Gruppo.

Nota 1- Pallottola dum - dum, si tratta di un proiettile ad espansione, costruito nell’arsenale inglese situato nell’omonima città di Dum Dum, vicino a Calcutta, in India,
nel Bengala occidentale, studiato per aprirsi dentro il corpo del bersaglio, per sfigurare e devastare al punto da rendere irriconoscibili i lineamenti di un individuo.
Nota 2- Batteria di Montagna: installazione militare il cui scopo è quello di raggiungere posti invalicabili e terreni impervi; infatti, laddove si presentavano strapiombi pericolosi, la cui ampiezza consentiva il passaggio di una sola persona, bisognava scaricare i muli,
farli passare da soli, senza il carico e quindi i militari erano costretti a portare sulle spalle il materiale: cannoni, ruote e bombarde.

6) Dopo cinque giorni di estenuante marcia, si giunse ad Alessio da dove, dopo quattro giorni di riposo (per gli animali, non per i militari), per vie mulattiere, si riprese il cammino per Koritza.

Per circa quindici giorni, lottando contro gli elementi incostanti della natura, valicando monti e vallate, per sentieri impervi, argillosi e franabili, spesso scavati fra le gole delle montagne, con strapiombi paurosi e pericolosi, la cui ampiezza consentiva appena il passaggio di una persona, si era costretti a farvi passare i muli col loro carico e, quando ciò non era possibile, a scaricare gli animali, farli passare da soli per la località pericolosa e, quindi, noi militari eravamo costretti a trasportare il materiale vario oltre tale località, con grave pericolo per la nostra incolumità fisica. La salute dei militari non aveva importanza; era prioritario, oltre all’incolumità dei muli, che il materiale da essi trasportato non subisse deterioramento. Infatti, come allora si rilevava sulle pareti esterne dei carri merci ferroviari, che fungevano da “tradotta” (nota 1) per il trasporto dei militari, stava scritta la frase: “CAVALLI 8 - UOMINI 40”. Non aveva alcuna importanza se si fossero sacrificati cinque uomini, pur di salvare un cavallo o un mulo che fosse, perché un cavallo equivaleva a cinque uomini. La vita o l’incolumità di uno o più uomini non aveva importanza.

Nota 1 - Tradotta, convoglio militare adibito al trasporto delle truppe.

5) Gli altri militari venivamo paragonati alle bestie da soma e come tali eravamo trattati; infatti, eravamo costretti a portare ognuno addosso il nostro zaino, nonché il moschetto
(nota 1) e l’armamento in dotazione; a provvedere al governo degli animali e alla conduzione di essi e, quando si effettuavano trasferimenti, a provvedere al carico, allo scarico, alla sistemazione e alla guardia del materiale e dei muli, nonché dell’accampamento e, quando tutto era in ordine, a provvedere a noi stessi, cioè alla nostra sistemazione.
Da Bacelik fino ad Alessio si marciava sulla strada nazionale che, in qualche modo, era discreta, malgrado le erosioni e le devastazioni prodotte, specie nel periodo invernale, dallo straripamento del fiume “Drin” che, per il tragitto di oltre 120 km, fiancheggia la strada predetta. Tale strada era l’unica via che congiungeva Scutari Vecchio - Tirana - Valona - La Voiussa - Tepleni ed altre località. (Continua).

4) Dopo circa due mesi che stazionavamo a Bacelik Posten - villaggio o paese situato a circa 15 km da Scutari vecchio - il 50mo Gruppo Artiglieria da Montagna aveva ricevuto

l’ordine di trasferirsi ai confini serbi, a circa 10 km a sud di Koritza.
Gli unici mezzi di trasporto in dotazione alle Batterie che componevano il Gruppo e al Comando Gruppo, del quale facevo parte quale scritturale di Fureria (nota 1), erano costituiti da muli, sui quali venivano caricati i cannoni, le munizioni e le salumerie in generale.
Soltanto agli ufficiali era assegnato un cavallo ( il Maggior Comandante del Gruppo ne aveva due) per uso personale, soldati, caporali e sottufficiali erano appiedati.
I sottufficiali fruivano del beneficio che il proprio zaino, contenente gli effetti personali,
venisse trasportato dai muli.

Nota 1 - Fureria: ufficio il cui scopo è l’organizzazione militare; in questo caso, il furiere è addetto alle operazioni di servizio, di contabilità e di dattilografia, utili all’Artiglieria di Montagna.

3) I nitriti disperati del cavallo che, ormai col muso in aria, continuava a scomparire nel gorgo e le grida d’invocazione dell’individuo che, già sprofondato fino a metà corpo, continuava a chiedere soccorso creavano un’atmosfera di terrore e di pietà ma nessuno si muoveva per dargli aiuto, anche perché non si poteva oltrepassare il limite che segnalava la zona di pericolo.
Così quell’individuo e il cavallo lentamente scomparvero inghiottiti dalla fanghiglia che segnò e chiuse il loro destino.
Dagli uomini che lo avevano inseguito apprendemmo che tale individuo per futili motivi aveva ucciso un loro congiunto. Poi, visto che un castigo più orrendo era stato inflitto al malcapitato avevano provato un senso di umana pietà nell’assistere inorriditi alla tremenda scena.

2) Poco dopo tale individuo, avvolto nel suo tradizionale manto bianco, il cosiddetto baracano (nota 2), proseguendo nella fuga, comparve su una vicina pianura dove trovava tragica fine, assieme a quel povero cavallo che montava.

Alla vista di ciò, gli inseguitori si fermarono all’altezza del burrone e, cessando di sparare, guardarono inorriditi quell’individuo che, continuando nella fuga a galoppo sfrenato, forse ignaro che quella località fosse un acquitrino di fanghiglia argillosa in continuo ribollimento, aveva oltrepassato un piccolo recinto di fragili canne che stava a indicare la zona di pericolo e s’era inoltrato verso il centro.
Per circa ottanta metri o poco più, seppure faticosamente, il cavallo aveva proseguito nella corsa ma poi, sopraffatto dalla fanghiglia, nitrendo lamentosamente, s’era fermato e, nei movimenti che faceva per cercare di liberarsi 
dalla stretta che lo avvolgeva, affondava sempre più. L’individuo che lo cavalcava, compreso l’immane pericolo e il tremendo destino che lo attendeva, gridava cercando aiuto, ma nessuno degli inseguitori si mosse. (Continua).

Nota 2 - Baracano, vestito costituito di solito da due drappi rettangolari bianchi che avvolgono il corpo e la testa.

1) Eravamo quasi a metà della strada che separa Alessio da Koros, località di confine fra l’Albania e la Serbia, meta del trasferimento strategico del 50° Gruppo Artiglieria da Montagna (2°Regg.to) al quale appartenevo.

Avevamo trascorso la notte su un altopiano, luogo in cui ci saremmo dovuti soffermare due giorni per fare riposare i muli (nota 1), stanchi per il trasporto delle someggiate, dopo vari giorni di faticosa marcia fra mulattiere impervie e pericolose, tracciate nell’argilla fangosa. Anche l’altopiano su cui alloggiavamo era costituito da argilla però questa era un pò solida, forse perché prosciugata dai raggi solari.

Eseguivo il mio turno giornaliero di guardia dalle ore sei alle ore dodici. Il servizio di guardia durante i trasferimenti, era stato disposto in sei turni nelle ventiquattro ore e cioè: due turni di sei ore ciascuno, dalle ore sei alle diciotto e quattro turni di tre ore ciascuno durante la notte. Di notte i turni erano di tre ore perché il clima rigido e gelido non consentiva di resistere più a lungo nello svolgimento del servizio di guardia.

Erano circa le ore nove. Nell’accampamento fervevano i servizi di governo degli animali quando, a distanza di circa mille metri, si vede spuntare un individuo che, a cavallo lanciato a galoppo sfrenato, attraversava la pianura cercando scampo in un burrone, per sfuggire alle fucilate di un gruppo di uomini che, anch’essi a cavallo, lo inseguivano.

Nota1- Durante le guerre il mulo era preferito al cavallo e all’asino per il trasporto di armi pesanti e per gli approvvigionamenti, soprattutto in zone montagnose; questo perché più resistente al freddo e alla fame, oltre che per la sua particolare forza e mansuetudine. Fine del 1° capitolo

 

Parola del giorno: coraggio.
Coraggio di non avere paura.
Paura di difendere valori supremi in difesa della società;
paura della morte;
paura di fidarsi;
paura di cambiare: metempsicosi dell’anima.

Trasumanar significar per verba, non si poria; però l’essemplo basti a cui esperienza grazia serba.(Paradiso, canto I).
Mirabile visu, cotal rinacque la ond’egli l’avelse...nasceranno altri uomini come Falcone e Borsellino, come ci insegna la metafora del ramoscello con cui Virgilio leva a Dante la caligine infernale.

La morte di questi magistrati ci insegna che non dobbiamo aver paura, anzi questa ci dà coraggio a comportarci come loro.

ic.jpg

GUARDARE IL PASSATO PER PROGETTARE IL NOSTRO FUTURO

L’epidemia continua a rallentare e i numeri scendono.
Bisogna sapere come finiscono le pandemie che ci hanno sempre inquietato e infuso terrore e disastro nelle varie epoche storiche.
Sembra di vivere nel tempo della nobiltà e del tramonto degli ideali di don Chisciotte o, dell’uomo solo, ma industrioso e intraprendente del secolo successivo, Robinson Crusoe, descritto da Daniel Defoe.

Alla luce del nostro passato, che cosa possiamo fare per accelerare i tempi e migliorare l’economia?
Se noi usiamo distanziamento, farmaci e vaccini, i parassiti della virulenza vengono debellati e si rivolgono altrove.
In questo periodo bisogna Interrogare gli economisti perché sono necessarie nuove politiche. Se la nostra povertà dipendesse da carestia, le categorie essenziali da rispettare per la ripartenza dovrebbero essere: duro lavoro, astinenza e invettiva. Perciò rimbocchiamoci le maniche e ragioniamo seguendo logica e lavoro, ne’ sottomissione assoluta al potere del primo Marcel, “di ogni villan che parteggiando viene”.

Bisogna farsi le proprie opinioni ascoltando gli altri e leggendo tanti giornali così diceva, una volta, da Fazio, Umberto Eco.
Dopo carestie o epidemie la dittatura potrebbe essere dietro l’angolo. Non è questo il caso del nostro Paese, dove esiste una persistente democrazia.
“Un bel dì vedremo - levarsi un fil di fumo - sull’estremo confin del mare - e poi la nave appare. Tutto questo avverrà, te lo prometto”.
Che cos’è il futuro se non il presente tanto desiderato?
Il presente - futuro che stiamo vivendo.

---Riflessione durante il coronavirus

Ormai abbiamo preso l’abitudine a restare in casa, nella gioia e nel dolore.
In questo periodo, molto pesante e molto brutto, vediamo il lato positivo.
Pensare e riflettere può e deve far bene. Proprio quando sembra di avere toccato il fondo, quando pensi che sia finita, è proprio allora che comincia la salita. “Che fantastica cosa è la vita”.

Non sono io a pensarlo, ma lo condivido. Qualsiasi posto bellissimo può essere una prigione se il corpo è sprovvisto dello “strumento testa”. Li’ dentro c’è tutto quello che può esserci utile. Hai le lacrime per piangere e la bocca per ridere e poi ricominci la salita.

“Non credi tu me teco e ch’io ti guide”; e poi “una mano venne dal cielo e in più spirabil aere, pietosa, il trasporto’”.
Non sono nuovi i problemi attuali: detenuti, anziani, lavoro, salute. La pandemia non ha portato niente di nuovo: questi problemi sono frutto di qualcosa che c’era già prima.
Sapevamo già questo: basta riflettere.

 

Pasqua

La Pasqua è un’occasione per riunire le nazioni in quarantena.
Se restiamo chiusi in casa per il Coronavirus, non pensiamo a cose tristi (morte, solitudine); pensiamo, invece, che si tratta di una necessità globale, quella di combattere definitivamente per vincere la pandemia e la morte.

Questo binomio è il dilemma dei nostri giorni.

La solitudine ci insegna, molto spesso, più della scienza.

Nella solitudine di una “selva oscura” l’uomo può ritrovare se stesso e, perché no, la felicità .
Per Giorgio Gaber la solitudine non è una follia, è indispensabile per star bene in compagnia.

Anche la morte si supera con la Pasqua.

La metafora morte-resurrezione insegna che non si muore veramente, che la realtà non è quella che appare a noi, esseri limitati. E con la Pasqua crediamo in questo; infatti si dice: Pasqua di resurrezione.
Ma poi, a che cosa servono gli antichi, se non a spiegare meglio questo concetto? Se c’è la morte non ci siamo noi, e viceversa.
La letteratura è la soluzione morale di tutti i mali, è la serenità dell’animo.
“E tu, onore di pianto, Ettore avrai”, sarai sempre compianto, “finché il sole risplenderà...“Ettore diventa immortale, paradossalmente vince.
Al “Trionfo della morte” e qui ricordiamo i tempi dell’umanesimo, sembra opporsi “I cavalieri della morte”. Abbiamo fatto un salto nel Novecento. Il diavolo-morte si è stancato. Seneca, Petrarca, Sciascia. Sta all’uomo interpretare i vari messaggi.

Con l’augurio che nel raccoglimento della solitudine possiamo tutti vincere, trovare il superamento dell’abbandono e della morte e riscoprire la fede religiosa nel mistero della resurrezione pasquale.

 

Dolore

Si tornerà alla virtù per sconfiggere i postumi del Coronavirus..
Quando si potrà raccontare il dolore, senza provare sgomento e strazio per la ferita, allora si dirà che “saria lungo a dirti; de l’alto scende virtù”(Purg., canto primo).

Quando la pandemia sarà finita, si vedrà come dire e saremo liberi dall’angoscia.
Senza avere una visione distopica della realtà, si può dire che saranno molti i senza- lavoro.
Conteremo e riconteremo i morti per il virus. La contraddizione sui dati diventerà una “danza macabra”. L’unica certezza saranno le molte migliaia di deceduti. Ci chiederemo quanti saranno stati i morti per influenza e quelli per virus, perché i morti effettivi dì Covid sono molti di più di quelli ufficiali.

Si cercherà per il futuro il farmaco della speranza e non ci fideremo delle medicine.
Conteremo i medici morti .
Sarà la logica, non più il dolore a guidarci nei movimenti.

Giorno dopo giorno

Gli sconvolgimenti sociali ci portano a cambiamenti del pensiero?
Il virus sta assestando un colpo mortale al capitalismo?
Il virus ci isola , ma non può uccidere globalizzazione e capitalismo. 
Che cosa ci dice, a questo proposito, il filosofo coreano, Chul Han? 
È certo che nevrosi e psicosi inducono l’uomo a profondi mutamenti del carattere.

Queste e molte altre domande ci poniamo da sopravvissuti al Coronavirus. 
Forse siamo di fronte a un tempo nuovo: allo sconvolgimento sociale che stiamo vivendo, corrisponde un profonda crisi strutturale del pensiero.
Niccolò Fabi : 
-tutto ti sorprende e non ti appartiene ancora;
-tutto il resto è “giorno dopo giorno”, è costruire, ma rinunciare alla perfezione;
-tra il primo tempo e il testamento c’ è giorno dopo giorno.

Civiltà Occidentale

Certi mali ce li cerchiamo noi o sono imprescindibili con il divenire storico e con lo sviluppo della civiltà.

Quello che succede in Turchia è esecrabile, però in un tempo remoto tutto era morale, perfetto. Gli asceti vivevano, di loro libera scelta, nel deserto per scontare le colpe che (non) avevano commesso. Quali colpe, poverini! Ora “ti guarda in seno, s’alcuna parte in te di pace gode”. Questa invettiva era rivolta al Bel Paese, nel canto VI del Purgatorio e non riguarda, nel caso specifico, la Turchia, ma tutti.

Ma stavo parlando della ineccepibile dirittura morale degli asceti, di Ermete Trismegisto, di Palladio di Galazia, e della ineccepibile dirittura morale di molti altri uomini cattolici o laici.
Ora “il tempo passa, fissando qualche video digitale che ci fa partecipare a un mondo virtuale che non c’è e che riesce a distoglierci da quello che c’è e che stiamo distruggendo, nel senso che ci impedirà in maniera sempre maggiore di uscire di casa e di relazionarci, termine che ha, in questo periodo, assunto spesso significato di vita sociale”.

Sembra una profezia, vorrei dire con profonda ammirazione a Vittorino Andreoli e affermo con forza che la civiltà occidentale è in agonia.

---ASP di Messina, al lavoro h24 per permettere un trapianto di rene

Nonostante l'emergenza Covid-19 stia occupando le cronache e le corsie dei nostri Ospedali le altre patologie non sono certo in "quarantena"; in questo momento presso il laboratorio di biologia molecolare dell'Ospedale di Barcellona PG fra gli altri tamponi che si stanno analizzando c'è quello di un giovane paziente seguito dalla U.O. di Nefrologia dell'Ospedale di Milazzo che deve essere sottoposto domani a trapianto di rene presso l'Ospedale di Siena dove c'è un organo compatibile.
"Il nostro paziente - dice il direttore generale Paolo La Paglia - è già in viaggio per Siena con un volo di Stato e grazie al dott. Antonello Calabrò e alla sua equipe in serata l'ASP di Messina comunicherà l'esito del tampone per permettre ai chirurghi di Siena di intervenire immediatamente in piena sicurezza."
Nonostante le critiche ingenerose e i tentativi di delegittimazione l'ASP di Messina c'è.

 

OLTRE DIECIMILA MORTI, QUASI TUTTI DI CORONA-VIRUS

Saldo è la parola del giorno (Radio Tre).
Bisogna stare ben saldi in un momento come questo: piangere in silenzio i morti e stringere i vivi che sono rimasti.

Piccarda e Costanza erano fedeli al loro credo, ma i loro principi non erano ben saldi all’ideale che avevano scelto perché, una volta strappate dal chiostro, non avevano opposto adeguata resistenza alla violenza esercitata su di loro dai parenti, “ma così salda voglia è troppo rada” (Divina Commedia, verso 87 del Paradiso).

Ci rendiamo tutti conto di quanto sia difficile realizzare tutto questo, soprattutto ora che siamo bersagliati da tante verità contrastanti: tutte vere, ma contemporaneamente false.
“Così è, se vi pare”; e l’uomo è nessuno, anzi centomila.

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo 

Eolie siti utili isoleolie.it - vacanzeeolie.it 
alberghieolie.com - eolianinelmondo.com 
eolieintouch.it - casevacanza.isole-eolie.com

marnavi.jpg