Eventi e Comunicazioni

agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

capersud3.JPG

di Aldo Natoli*

E' con grande soddisfazione che comunichiamo la pubblicazione in data odierna 07.05.2020 sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del Regolamento di esecuzione (UE) 2020/624 del 30 aprile 2020 con il quale si dispone la iscrizione del cappero delle isole Eolie DOP nel registro delle denominazioni di origine protette.

Con la emanazione del sopra menzionato Regolamento, l’Associazione Cappero delle Isole Eolie DOP raggiunge un primo ed importante obiettivo: il pregevole riconoscimento della attestazione di qualità che testimonia la tipicità di un prodotto le cui caratteristiche sono indissolubilmente legate all’ambiente ed al nostro territorio.

Si tratta ovviamente di un primo passo che ci proietta verso ulteriori progetti che ci vedranno impegnati in un prossimo futuro per tutelare e valorizzare il Cappero delle Isole Eolie DOP ed offrire ai consumatori il nostro prodotto di qualità.

A ciò si aggiunge che l’attribuzione della denominazione di origine protetta rappresenta senza dubbio una nuova possibilità di sviluppo e di crescita per il territorio sostenendo e favorendo tutti gli operatori già coinvolti nella filiera produttiva e per quanti in futuro vorranno utilizzare tale opportunità.

Siamo pertanto onorati di esprimere il nostro sentito ringraziamento a tutti gli associati, ai tecnici, ai consulenti, agli amici ed a tutti coloro che hanno sostenuto questo progetto contribuendo al conseguimento dell’obiettivo oggi raggiunto a cui va la nostra stima e gratitudine.

Si allega il testo del Regolamento ed il link

https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:32020R0624&from=EN

*Presidente Associazione Cappero Eolie Dop

I COMMENTI

12398786_10208195178107850_1021929601_o.jpg

di Lorenzo Cortese*

Il 7 maggio 2020 sarà ricordato per l’arcipelago eoliano come un giorno storico, proprio oggi è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il Regolamento di esecuzione (UE) 2020/624 della Commissione Europea del 30 aprile 2020 con cui viene iscritta nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette il “Cappero delle Isole Eolie DOP”.
Questo riconoscimento, che rappresenta il coronamento di un percorso pluriennale ispirato esclusivamente da un grande amore verso il nostro territorio, è per me fonte di estrema soddisfazione sia personale che professionale.
Ricordo l’entusiasmo trascinante che ha animato sin dall’inizio, correva l’anno 2015, ogni discussione e confronto sul progetto di ottenere una D.O.P. per i nostri capperi.
La volontà e la determinazione sono state tali da riuscire a unire per la prima volta, con un impegno certosino e caparbio, tanti piccoli e grandi produttori cappericoli ed alcuni trasformatori di tutte le sette perle di Eolo.
La dedizione al lavoro di un team affiatato di giovani professionisti, ispirati dalla saggezza e dalla passione del Rag. Aldo Natoli e guidati dall’esperienza di produttori del calibro di Antonino Caravaglio, hanno reso meno stancanti le lunghe ore di lavoro dedicate al raggiungimento di un obiettivo così ambizioso e le difficoltà incontrate durante l’iter burocratico, snodatosi a livello regionale, nazionale ed europeo, hanno conferito maggior valore al risultato raggiunto.
Questo riconoscimento costituisce una nuova opportunità di sviluppo economico per il territorio eoliano e ciò è tanto più vero in questo momento storico di particolare incertezza.
Mi auguro che sia l’inizio di un nuovo corso, di una rinascita dell’agricoltura locale e che la D.O.P. “Cappero delle Isole Eolie” possa conferire lustro a tutti quei produttori che negli anni hanno coltivato, tra tante difficoltà, un prodotto della nostra tradizione, il nostro oro verde.
Questo eccezionale traguardo è dedicato a tutti coloro che hanno sempre animato la filiera cappericola.
Il marchio D.O.P. è garanzia di qualità, genuinità e attesta l’inscindibile legame tra il cappero ed il territorio del comprensorio insulare eoliano, riconoscendo le caratteristiche peculiari di un prodotto unico nel suo genere.
Le nostre isole possono fregiarsi del terzo riconoscimento di qualità conferito a livello europeo per i prodotti tipici dell’agricoltura locale. Si tratta di un evento raro per un territorio così piccolo come quello eoliano, seppure storicamente noto per la bontà delle sue produzioni enogastronomiche.
Certamente leggendo il punto (2) della premessa del Regolamento non posso che restare sbigottito, innanzitutto da eoliano e solo secondariamente da agronomo, dalla posizione dei Comuni dell’isola di Salina che hanno prodotto anche in sede comunitaria una ulteriore opposizione, peraltro dichiarata irricevibile, al riconoscimento della D.O.P. dimostrando, innanzitutto, di disconoscere i contenuti del dispositivo del Regolamento Europeo 1151/2012.
Tutto ciò mi fa pensare, con un po’ di amarezza, che c’è ancora molto da lavorare sul territorio per creare una rete di aggregazione che coinvolga tutto il comprensorio insulare eoliano.
Questo progetto è nato per unire e non per portare avanti inutili e sterili campanilismi locali in quanto le caratteristiche del prodotto sono le medesime così come è unico il territorio in cui nasce e cresce.
Si è lavorato per dare vita ad una opportunità di crescita economica e per giungere ad un meritato riconoscimento di qualità in favore di tutti i cappericoltori eoliani, perché solo uniti si progredirà.
I campanilismi non hanno mai fatto bene, soprattutto ad un piccolo comprensorio come quello eoliano, mi auguro che questo concetto, negli anni ribadito centinaia di volte nei vari incontri pubblici, venga compreso una volta per tutte.
In ogni caso, è tempo di guardare avanti - mi auspico nella stessa direzione - e di lasciarsi indietro conflitti e risentimenti.
Voglio personalmente ringraziare chi negli anni ha investito energie, ore di lavoro e chi ha appoggiato questo progetto a cominciare dai produttori e dai confezionatori che rappresentano il cuore pulsante della cappericoltura eroica eoliana. Sono loro che svegliandosi presto, spesso anche prima dell’alba, si recano nei campi e raccolgono con cura e attenzione, uno ad uno, i delicati boccioli.
Ancora, porgo un sentito ringraziamento all’ “Associazione Cappero delle Isole Eolie DOP”, nella figura del Presidente Rag. Aldo Natoli e del Vice-presidente Antonino Caravaglio, nonché a tutti i colleghi del C.d.A che mi hanno accompagnato in questa avventura professionale. Una menzione particolare va riconosciuta alla biologa dott.ssa Lucy Iacono per l’impegno profuso nella definizione delle tematiche analitiche.
Parimenti importante è stata la collaborazione dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Messina, di cui fieramente faccio parte, nelle figure dei Presidenti Dott. Agr. Stefano Salvo e Dott. Agr. Felice Genovese.
Inoltre, non posso che manifestare grande soddisfazione per la lungimiranza dimostrata dall’Amministrazione Comunale di Lipari, nella persona del Sindaco Rag. Marco Giorgianni, che dal primo momento ha condiviso con entusiasmo l’iniziativa.
Non posso astenermi dal menzionare, con somma riconoscenza, la mia mentore, la Prof.ssa Agata Nicolosi - docente di Economia e Politiche Europee del Dipartimento di Agraria dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria - che negli anni, con i suoi preziosi insegnamenti, mi ha dato l’input e le basi tecniche per poter avviare e sviluppare questo progetto.
In sostanza, sono lieto di avere contribuito a creare quella che, a mio modesto modo di vedere, rappresenta una ulteriore opportunità di sviluppo economico del territorio da non sottovalutare e mi auguro che l’agricoltura di qualità, in cui rientra formalmente da oggi – seppure con vari decenni di ritardo – il cappero eoliano, possa fungere ancora di più da volano di sviluppo locale, nonché essere uno strumento utile a creare le condizioni per favorire la tanto agognata destagionalizzazione turistica.
Buon inizio Cappero delle Isole Eolie DOP.

*Agronomo e membro del C.d.A. dell’Associazione Cappero delle Isole Eolie DOP

imagesBGT.jpg

DOP  “CAPPERO DELLE ISOLE EOLIE”, CALDERONE (FI): “GRANDE RISULTATO CHE PREMIA IL TERRITORIO”
 
“Con la certificazione raggiunta, non solo ne beneficerà tutto l’Arcipelago delle Eolie, ma tutta la nostra economia. Stiamo parlando di un mercato redditizio che premia una delle nostre eccellenze in ambito gastronomico. Con il riconoscimento della DOP ‘Cappero delle Isole Eolie’ sale infatti a 32 il numero delle DOP/IGP siciliane nell’ambito del food. Non posso che esprimere il mio ringraziamento anche all’Assessore all’agricoltura, Edy Bandiera: la Sicilia sta dimostrando che la strada della valorizzazione dei nostri prodotti tipici è quella maestra”. Così dichiara il Capogruppo di Forza Italia al Parlamento Siciliano, on. Tommaso Calderone.
 
ASSESSORE BANDIERA
downloadeba.jpg
 
di Edy Bandiera*
 
”Marchio comunitario significativa opportunità per i giovani”

Continua il percorso di qualificazione e valorizzazione delle produzioni agricole siciliane con la pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, del regolamento di esecuzione (UE 2020/624) per l’iscrizione del Cappero delle Eolie nel registro delle denominazioni di origine protetta. Sale pertanto a 32 il numero delle Dop/Igp siciliane del food, ma soprattutto giunge a compimento il virtuoso percorso di riconoscimento, iniziato nel 2016, che ha visto l’assessorato Agricoltura impegnato al fianco di aziende e produttori per tutta l’istruttoria e le diverse fasi che hanno portato al raggiungimento di questo importante risultato.
«Portare un prodotto a marchio genera quell’importante valore aggiunto che rende sostenibile, anche dal punto di vista economico finanziario, l’attività agricola – afferma l’assessore all’Agricoltura, Edy Bandiera – il marchio comunitario rappresenta anche una significativa opportunità per i giovani che vorranno scommettere su questa produzione, ad alto valore aggiunto e deficitaria sul mercato».
Il disciplinare prevede la possibilità di poter coltivare capperi su tutto quanto l’arcipelago delle Eolie, il che significa incrementare una produzione fortemente redditizia, visto che il mercato ha una domanda che molto spesso non riesce a soddisfare. Queste alcune delle caratteristiche cui dovranno rispondere i capperi e i cucunci Dop “Cappero delle Isole Eolie”: colore verde tendente al senape con striature violacee; sapore intenso e pungente; odore aromatico, forte, senza alcuna inflessione di muffa o odori estranei; calibro non inferiore a 4 millimetri per i capperi; calibro non superiore a 20 millimetri per i cucunci.

*Assessore regionale all'agricoltura

17861600_10212648640361623_7885679390926861699_n.jpg

di Daniela Virgona*

LEGGIAMO CON "PIACEVOLE SORPRESA" DELLA PUBBLICAZIONE SULLA GAZZETTA EUROPEA DEL RICONOSCIMENTO DOP DEL "FAMOSO CAPPERO DELLE EOLIE". SAPPIAMO BENE TUTTI CHE LA STORIA DELLA PRODUZIONE DEL CAPPERO,CON APPORTO DEL LAVORO DELL'UOMO, AFFONDA LE SUE RADICI SOLO E SOLTANTO NEI TERRENI FECONDI DELL'ISOLA DI SALINA NELLA QUALE ISOLA NASCE LA PRODUZIONE DA TEMPI IMMEMORI ANCHE DEL PREGIATO VINO MALVASIA DOC. DA SEMPRE,INFATTI ,PROPRIO DA SALINA VENIVANO VENDUTI AI COMMERCIANTI LIPAROTI, GRANDI QUANTITATIVI DI CAPPERI SOTTO SALE CHE DIVENTAVANO SUCCESSIVAMNETE CAPPERI DI LIPARI.A TAL PROPOSITO NON SI PUO' NEANCHE DIRE CHE I TERRENI DELLE EOLIE SIANO TUTTI UGUALI, BASTA INFATTI GUARDARE ALLE TERRE POMICIFERE DI LIPARI,O AI TERRENI FORTEMENTE RICCHI DI PRESENZA SABBIOSA DI STROMBOLI,O AI TERRENI DI VULCANO CONNOTATI DA MINERALI NON PRESENTI IN ALTRE ISOLE, QUINDI SETTE ISOLE E MOLTISSIME DIFFERENZE,LE STESSE DIFFERENZE CHE NEL MONDO DEL VINO VENGONO ESALTATE E VALORIZZATE PERCHE CREANO PRODUZIONI VINICOLE MOLTO DIVERSE TRA LORO, INFATTI NON SI PUO DIRE OGGI CHE LE PRODUZIONI DI MALVASIA REALIZZATE NELLE DIVERSE ISOLE SIANO LE STESSE TRA DI LORO..INOLTRE E' DA NON SOTTACERE CHE LA QUALITA' INDISCUSSA DEL CAPPERO DI SALINA PROVIENE DALLA ININTERROTTA TRADIZIONE DELLA PIANTUMAZIONE PER TALEA, COSA CHE NON SOLO STORICAMENTE NON ERA PRESENTE NELLE ALTRE ISOLE, MA CHE SE VIENE INTRAPRESA OGGI CON LE TALEE DI SALINA VOLUTAMENTE PIANTUMATE NELLE ALTRE ISOLE AL FINE DI GIUSTIFICARNE LA QUALITA, OVVIAMENTE SARA' DIVERSA DA QUELLA CENTENARIA CATENA DI PRODUTTIVITA' PRESENTE NEI TERRENI DI SALINA.PER QUESTE RAGIONI, DOPO ATTENTI STUDI SU QUALITA,PRODUZIONE, E STORICITA' DEL CAPPERO DI SALINA DA OLTRE UN VENTENNIO SLOW FOOD NE CERTIFICA L'IMPORTANZA A LIVELLO MONDIALE INSERENDOLO TRA I LORO PRESIDI.L'IMPORTANZA DEL CAPPERO DI SALINA VIENE ALTRESI' VALORIZZATO ANCHE DALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A TAL PUNTO DA CREARE CIRCA 30 ANNI FA (NON IERI !!) LA SAGRA DEL CAPPERO, MANIFESTAZIONE CHE CON INCONTR,I CONVEGNI TEMATICI E DIBATTITI CON PERSONALITA' DI SPICCO DEL MONDO DEL CIBO E DELL'AGRICOLTURA NE HA SEMPRE SANCITO QUALITA' ED UNICITA' RISPETTO AGLI ALTRI PRODOTTI PRESENTI NEL MEDITERRANEO. ED E' LA STESSA COMUNITA' EUROPEA CHE INDICA NEL SUO STESSO DOCUMENTO, fra le culture per l’ottenimento della DOP, il Cappero “Spinoso di Salina”. SE SI VUOLE POI GUARDARE AI DATI DELLA PRODUZIONE CHE SI LEGGE NEI DIVERSI COMUNICATI ESSERE NELLE EOLIE DI CIRCA 600 QUINTALI , SI EVIDENZIA CHE BEN OLTRE 450 VENGONO PRODOTTI DALLE AZIENDE DI SALINA CHE RIENTRANO DEL PRESIDIO SLOW FOOD, ECCETTO UNA SOLA AZIENDA CHE, NON RIENTRANDO NELLA CERTIFICAZIONE SLOW FOOD, HA DECISO DI SOSTENERE INVECE LA CREAZIONE DEL CAPPERO DELLE EOLIE DOP.SI PUO' ANCHE ENTRARE NEL MERITO DEL DISCIPLINARE VOLUTO E CREATO PER L'OTTENIMENTO DEL MARCHIO DOP DELLE EOLIE, CHE STRAVOLGE I FONDAMENTALI USI DELLA TRADIZIONALE PRODUZIONE DEL CAPPERO , INSERENDO NELLO STESSO ARTIFICIOSE NOVITA' CHE NULLA HANNO A CHE FARE CON LA RITUALE PRODUZIONE DEL CAPPERO,( NON SAREBBE LA PRIMA VOLTA BASTI VEDERE L'IGP DEL CIOCCOLATO MODICANO) QUESTE SONO SOLO ALCUNE DELLE FONDAMENTALI MOTIVAZIOI CHE HANNO PORTATO I PRODUTTORI DEL CAPPERO DI SALINA A NON RICONOSCERSI NELLA RICHIESTA DELLA DOP CAPPERO DELLE EOLIE, RESTANDO CORAGGIOSAMENTE FUORI DA UN CONCETTO DI GLOBALIZZAZIONE CHE NULLA HA A CHE FARE CON LE SPECIFICITA' E DIVERSITA' TERRITORIALI, ESSENDO PRIVA DI FONDAMENTI CHE POSSANO GIUSTIFICARNE APPUNTO LA CREAZIONE DI UNA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA!
Per quanto sopra esposto i soci della Associazione Cappero di Salina nonché i soci del Consorzio Tutela del Cappero di Salina che rappresentano quasi la totalità del prodotto dell’ Isola preferiscono fregiarsi del riconoscimento Presidio Slow Food Cappero di Salina su CUI si è investito da parecchi decenni.

*Presidente Consorzio Tutela Cappero di Salina (fanno anche parte Maurizia De Lorenzo, vice presidente, Giuseppe Famularo, Salvatore D'Amico e Gaetano Marchetta)

ansa-met.jpg

LIPARI - Il cappero delle Eolie diventa "Dop". "E' con grande soddisfazione - dice Aldo Natoli, presidente della locale associazione che porta l'omonimo nome e amministratore della società Cappers Sud - che sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione con il quale si dispone la iscrizione del cappero delle isole Eolie DOP nel registro delle denominazioni di origine protette. Il nostro prodotto cosi' raggiunge un primo ed importante obiettivo: il pregevole riconoscimento della attestazione di qualità che testimonia la tipicità del cappero le cui caratteristiche sono indissolubilmente legate all'ambiente ed al nostro territorio". "Si tratta ovviamente di un primo passo - precisa - che ci proietta verso ulteriori progetti che ci vedranno impegnati in un prossimo futuro per tutelare e valorizzare il Cappero delle Isole Eolie DOP ed offrire ai consumatori il nostro prodotto di qualità. A ciò si aggiunge che l'attribuzione della denominazione di origine protetta rappresenta senza dubbio una nuova possibilità di sviluppo e di crescita per il territorio sostenendo e favorendo tutti gli operatori già coinvolti nella filiera produttiva e per quanti in futuro vorranno utilizzare tale opportunità".(ANSA)

images/banners/immagini_random/capersud copia.jpg

NOTIZIARIOEOLIE.IT

19 Luglio 2017 

LE NOTIZIE DEL NOSTRO GIORNALE ONLINE FANNO IL GIRO D'ITALIA. LE INTERVISTE DE "IL NOTIZIARIO". Eolie, è "guerra" per il "Cappero Dop"

7 MAGGIO 2018

Lipari, il ragionier Natoli "il cappero venga riconosciuto come Denominazione di origine protetta dall'Europa". L'intervento

25 LUGLIO 2018

LE INTERVISTE DE "IL NOTIZIARIO". Lipari, la 4' edizione di "Delizie Eoliane" con visita guidata con degustazione alla "Capers Sud" e stasera spettacolo di Edoardo Vianello.

12 SETTEMBRE 2018

Pochi capperi italiani rispetto ai consumi: gli spazi per il prodotto nazionale ci sono

29 NOVEMBRE 2019

Eolie, i capperi diventano "Dop" 

1575046896930.jpg--il__cappero_delle_eolie__diventa_dop.jpg

downloadghyt.jpg

L'APPELLO PER "SPILLO"

 
di Massimo Biviano
DA STAMATTINA NON RIUSCIAMO A TROVARE IL NOSTRO CUCCIOLO SI CHIAMA SPILLO SI E' ALLONTANATO SEGUENDO DELLE PERSONE CHE PASSAVANO VICINO CASA NELLA STRADA CHE DAL PONTE SALE A MONTE GALLINA, L'ULTIMA VOLTA E' STATO VISTO NELLA STRADA CHE DALLA CHIESETTA AL MONTE PORTA VERSO PIANOGRECA CHIUQUE DOVESSE VEDERLO PUO' CHIAMARE AL 3334559468. POTETE ANCHE PRENDERLO SARA' MOLTO SPAESATO PERCHE' NON E' ABITUATO A STARE IN GIRO DA SOLO

centro_massaggi copia.jpg