downloade37.jpg

Federalberghi Isole Eolie consolida e infoltisce le proprie fila in un momento di grande apprensione per il sistema turistico nazionale ed internazionale: ben sette i nuovi associati che hanno deciso di aderire all’associazione.

Si tratta di 7 strutture ricettive: 3 alberghiere (2 a Lipari e 1 a Panarea) e 4 extralberghiere (1 a Stromboli e 3 a Lipari) tra le quali un Residence Turistico Alberghiero.

Le richieste di ammissione sono pervenute in questi ultimi mesi, nella consapevolezza che il comparto necessiti di azioni mirate e coordinate in modo da offrire alla politica interlocutori sempre maggiormente qualificati e rappresentativi.

I nuovi ingressi - proposti dal presidente e dal componente di direttivo per le strutture extralbeghiere - sono stati ratificati dal Consiglio Direttivo dell’associazione e quindi sottoposti all’intera assemblea che li ha accolti con favore.

Soddisfazione è stata espressa anche dal Presidente, Christian Del Bono, che non ha mancato di rimarcare l’importanza di una sempre fervida, ampia e partecipe base associativa.

di Emanuele Carnevale

Il presidente ha confermato gli orari ridotti sino al 15 DI GIUGNO ... un atto con non riesco a comprendere ... oggi sono rimasti a terra CON L’ALISCAFO DELLE SETTE TANTISSIME PERSONE ... ieri tantissime persone hanno avuto problemi per il guasto di un monocarena che non dovrebbe neanche stare in linea ... Le cose vanno meglio e invece di ripartire continuiamo su una strada che non porta a nulla ... sapevamo, anche se eravamo favorevoli ad una riapertura di tutti i servizi per il primo giugno, che tutto si sarebbe rimesso per l’otto di giugno ed invece ... il 15 ... QUESTA DECISIONE creerà dei disservizi che non sono compatibili in un momento così difficile E CON LA RIPARTENZA DELLE NOSTRE ISOLE .
CHIEDIAMO, TUTTI, CON FORZA IL RIPRISTINO IMMEDIATO DI TUTTE LE LINEE PERCHE SE ANDIAMO AVANTI COSÌ NON ABBIAMO FUTURO .. SENZA I COLLEGAMENTI LE ISOLE SONO BLOCCATE NON POSSONO RIPARTIRE ... NON POSSIAMO TRASPORTARE I MEZZI E LE PERSONE CGE SERVINO PER RIAPRIRE .. QUALCUNO CI SPIEGHI IL PERCHÉ ...

----Ci chiedono di aprire le saracinesche, non c’è conto economico che tenga in questo momento di assoluta incertezza, dove i trasporti non funzionano ed è impossibile prenotare, dove annullano voli anche a Luglio, dove ancora NON È possibile prenotare ad agosto la nave da Napoli e dove sopratutto non abbiamo sgravi fiscali sul costo, determinato dai contributi da versare insostenibili in questo momento ..

Un grazie ai coraggiosi e grande comprensione a chi non riesce ad aprire ... Grande delusione verso lo STATO che poco sta facendo per organizzare la ripartenza. Ad oggi infatti non esistono forti azioni di sostegno a coloro che sono e saranno il motore della ripartenza e della rinascita della NOSTRA ITALIA ..

Forse è il momento che qualcuno si faccia qualche domanda e soprattutto si metta a posto di chi, ogni giorno, sta affrontando problemi difficili e imprevedibili .. CERCANDO LE GIUSTE SOLUZIONI DI SOSTEGNO PER TORNARE ALLA NORMALITÀ ANCHE PIÙ FORTI DI PRIMA

I COMMENTI

 

Federalberghi Isole Minori Sicilia, vista l’ordinanza regionale n. 22 appena pubblicata, scrive immediatamente al Governatore Musumeci per richiedere il ripristino di quelle corse di navi e aliscafi con le isole minori che risultano inspiegabilmente ancora sospese.

Nella nota si legge “dall’allegato 4 all’ordinanza, in vigore da domani al 14 giugno 2020, si leva con preoccupazione che - nonostante le richieste dei Sindaci - risultano ancora sospese alcune corse di navi e aliscafi”.

“Tali sospensioni, soprattutto in alcuni ambiti territoriali, stanno arrecando notevoli disagi sia ai cittadini delle isole sia ai pendolari sia a quei pochi turisti che timidamente decidono di approcciarsi al nostro territorio per iniziare a mettere in moto almeno le attività produttive meno complesse e gestibili autonomamente o a livello familiare.

Chiediamo, pertanto, di voler ripristinare gli assetti previsti per questo periodo dell’anno. Tale necessità diventa ancora più impellente laddove i mezzi sono obbligati a viaggiare con carichi ridotti in funzione dei distanziamenti imposti tra ai passeggeri dalla normativa vigente.

Cogliamo, infine, l’occasione per chiedere - laddove tali distanziamenti dovessero essere mantenuti anche dopo il 14 giugno – la predisposizione sin da ora di itinerari orari speciali, da adottare all’occorrenza che tengano in considerazione: il minor numero di passeggeri trasportabili per singolo mezzo e quindi l’eventuale incremento delle corse per soddisfare gli afflussi sperati; i maggiori tempi occorrenti per espletare le procedure di imbarco/sbarco passeggeri e sanificazione dei mezzi”.

*Presidente federalberghi Isole di Sicilia

 

di Alex Crivelli*

Al Sig. Presidente della Regione Sicilia On. Sebastiano Musumeci p.c. Al Sig. Assessore del turismo della Regione Siciliana On. Manlio Messina p.c. Al Sig. Assessore delle infrastrutture e della mobilità On. Marco Falcone p.c. ai 4 sindaci eoliani

Oggetto: Ripristino corse trasporti marittimi da e per le Isole Eolie

In merito alla sua ordinanza n.22 del 2 Giugno2020 si apprende che sino al 14 giugno 2020 sono rimaste invariate e non saranno ripristinate le corse di navi e aliscafi relative al periodo in essere, creando tra l’altro disagi ai residenti, ai pendolari ed ai turisti.

Pertanto si chiede alla Sig.ia Sua ill.ma di voler ripristinare e potenziare nell’immediato le corse in merito, tenendo in considerazione anche che tutti i mezzi in questione non viaggiano a pieno carico per poter mantenere il distanziamento sociale, come anche da nota a Lei inviata a firma dei Sindaci delle Isole Minori, di potenziare il servizio con più corse giornaliere. Certi di un suo celere riscontro si Porgono Distinti Saluti

*Presidente Assoimpreseeolie

 

Fase 2: Sicilia riapre, code sullo Stretto per imbarcarsi

Via libera a circolazione tra regioni, stop obbligo quarantena

La riapertura alla circolazione fra le regioni ha provocato questa mattina la formazione di lunghissime file di auto a Messina in prossimità del porto, per imbarcarsi verso il continente. Code davanti agli imbarcaderi della compagnia Carone & Tourist si sono registrate già in coincidenza con la prima corsa delle 4.40 e lo stesso è avvenuto per la corsa successiva delle 7.20. L'aumentato flusso di passeggeri sullo Stretto, anche in arrivo dalla Calabria, è legato alla nuova ordinanza della Regione, che ha anticipato a oggi l'allineamento con le disposizione del Dpcm governativo, abolendo l'autocertificazione e l'obbligo di quarantena per chi raggiunge la Sicilia da altre regioni. Rimangono anche nell'ultima ordinanza regionale le disposizioni per i cittadini ai quali sia stata accertata la positività al contagio da Covid-19 che hanno l'obbligo di comunicare le proprie condizioni di salute al medico di famiglia e al Dipartimento di prevenzione dell'Asp territorialmente competente, secondo le cadenze temporali fissate dai protocolli di sorveglianza sanitaria. Sarà inoltre possibile per chi arriverà in Sicilia scaricare la app «Sicilia Sicura» e inserire, in maniera facoltativa, i dati personali sul proprio stato di salute, sugli spostamenti ed eventuali casi di Covid-19 in famiglia. In caso di stato febbrile basterà una comunicazione e immediatamente i sanitari della Asp sul territorio interverranno. (ANSA).
   

meki.jpg