PHOTO-2021-10-25-10-25-53.jpg

di Graziella Bonica 

Si legge sulla Gazzetta del sud del 5 ottobre 2021 : "Parte da Filicudi la sottoscrizione di una petizione che sarà inoltrata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per l Istituzione dell 'Area Marina Protetta delle Isole Eolie".

Continua l 'articolo, sostenendo che il tutto stia avvenendo nell'ambito di un rapporto di collaborazione e coesistenza tra Associazioni e pescatori locali.
Ora, alcuni, dei pochi pescatori rimasti sull' isola di Filicudi , giurano di non essere a conoscenza di quanto affermato nell 'articolo e dunque, neanche di una petizione così imponente.

Mi faccio portavoce proprio di tale assunto e riporto quanto riferitomi.
L 'idea che nascano iniziative volte a salvaguardare anche il mare di Filicudi e le specie faunistiche ivi presenti ci trova,naturalmente, d 'accordo, ma che tali operazioni partano da chi non vive i problemi dell 'isola 365 giorni l 'anno e soprattutto a loro insaputa, non ci trova assolutamente concordi.

Viviamo un territorio già pieno di vincoli, leggi e leggine che stanno rendendendo difficilissima la vita di chi resiste e rimane sull 'isola tutto l 'anno.
Abbiamo l' area vincolata di Capo Graziano, il divieto di pescare entro i 50 metri, nonostante il nostro mare abbia dislivelli importanti già entro i 100 metri.
Mentre a noi è vietata la pesca, i pescherecci distruggono con il loro strascico le nostre reti.

Allora, forse, ci servono altri rimedi.
Probabilmente,a ripopolare il mare non occorrono altre aree marine protette, ma controlli severi
e leggi speciali che possano coniugare le esigenze del ripopolamento faunistico marino e quelle dei pescatori locali degli arcipelaghi come quello eoliamo.

Il nostro dunque è un appello rivolto al Sindaco e alle Amministrazioni locali ad attenzionare le attività e le esigenze dei pescatori troppo spesso lasciate alle iniziative di chi viene da fuori a dirci cosa è meglio per noi.
E soprattutto, ricordiamo a chi ci amministra che se mai dovesse essere autorizzata un 'area marina , la stessa andrebbe gestita dai pescatori eoliani che sono gli unici a conoscere il loro mare e le esigenze del territorio.

Con Giuseppe Taranto uno dei tre pescatori rimasti

Preg.mi Signor Sindaco e Enel Distribuzione per le isole minori.

I gravi disagi subiti e subendi di questi ultimi tre giorni, ci inducono ,data la totale assenza di informazioni e l'ultimo blackout out della notte scorsa, a chiedervi quali lavori si stiano realizzando sull isola di Filicudi;

Se risponde al vero che tali disagi siano necessitati e che dureranno fino alla fine del mese;
Se in caso di danni alle utenze, la società preveda eventuali risarcimenti;
Se risponde al vero altresi, che si stia provvedendo a sostituire non ben identificate reti volanti della distribuzione elettrica attuale.

In tal caso, Vi chiediamo (in occasione di simili interventi) di sostituire i pali e i fili, già segnalati, con reti interrate, così come avvenuto presso l'isola di Alicudi, smantellando le vetuste linee e stanghe impattanti e ingombranti appoggiate in qualche caso, alle case, (si veda Via Rosa) e che hanno già procurato,verosimilmente a causa dei campi magnetici creati, notevoli e gravi danni alle utenze e alle abitazioni della stessa strada in cui gli scriventi risiedono.

Praticamente,li abbiamo dentro le case. Una signora si è vista esplodere il telefono. Un fulmine addirittura  è caduto dentro due case con paura e danni...

Certi di un Vs sollecito riscontro i residenti di Via Rosa porgono cordiali saluti
PHOTO-2021-04-23-14-30-49.jpg

Gentile direttore,
posto le foto dei sedili presenti sul molo di Filicudi.
Lo faccio oggi, che ne avrei avuto bisogno, per far sedere mia madre, invalida, anziana, operata da poco e con un tutore al braccio, in partenza per la 'terra ferma'.
I sedili, sono come è possibile osservare inutilizzabili e in completo stato di abbandono.
Certo, sarebbe opportuno e quanto mai utile, riservare quell 'area a Tutti i passeggeri in transito e in attesa, magari con una tettoia o un gazebo in grado di ripararli dal sole o dalla pioggia.

Non Chiediamo' 'Terminal Superlusso' e Super confortevoli, ma il minimo indispensabile (come anche i bagni pubblici) che renda quest 'isola degna di essere annoverata tra i paesi civili di Italia.
Ringrazio i signori Franca E Pietro Mangano che sono sempre di grande conforto a chi si trovi in difficoltà proprio in quell' area che dovrebbe essere di accoglienza e piu che organizzata.
Grazie anche agli ormeggiatori che fanno del loro meglio per mantenere un po di ordine e di decoro.
Spero che l' Assessore o l' ufficio competente del Comune di Lipari prendano atto di quanto appreso dal presente scritto.
Cordialmente

PHOTO-2021-04-10-11-13-36fil.jpgPHOTO-2021-04-10-11-13-36 (1).jpg

Il lungomare, la piazzetta del marinaio celeste...

I motorini, il degrado, l'incuria.
Nel buco c'è finita anche la mia nipotina di tre anni.
Le macchine... le barche, i carrelli, che vanno su e giu' per il porto...
Quando serve...

55437059-1f71-4e21-a661-fbb90cb6d79c.jpg

NOTIZIARIOEOLIE.IT

C 'e' un unico punto di ristoro free, al porto di Filicudi: i 5 alberi della piazzetta del Marinaio Celeste. Qui la gente si riposa, da sempre, si rinfranca nei giorni di forte calura estiva. Si incontra e scambia anche un saluto. Quegli alberi li pianto', 'molti anni addietro mio padre, offrendoli alla collettivita'.

Gli alberi son cresciuti sebbene senza cura di alcuno se non quella di chi li aveva piantati. Oggi, ho ho scoperto che gli alberi sono stati segati e in parte divelti con le stesse radici. Ho chiesto a chi staziona giornalmente la, se fossero a conoscenza di chi li avesse tagliati.

Sembra che dopo la quarantena si siano accorti dello scempio. Ma non hanno saputo spiegare chi ne fosse l' autore. Evidentemente il Covid, a Filicudi ha fatto tre vittime anomale. 'Gli alberi della piazzetta del Marinaio celeste'.

e7a1d12e-83a2-4a39-aeae-d4b9aeb5ea25.jpg2a7c3d60-1ea3-43f3-9522-6ea40ff90103.jpg

210X250-BANNER-CONCORSO-DECO.jpg