9d5c67f2-af79-4da0-a37f-40433c5e8bb5.jpg


ascolta la musica in sottofondo clicca sul triangolo

Perchè abbonarsi ? Perchè Il Notiziario delle Eolie è il giornale online della comunità Eoliana. E' un servizio d'informazione libero e puntuale con video interviste, notizie di politica, cronaca, cultura, avvenimenti e molto altro. Tutto questo sempre con grande impegno costante e quotidiano. Per aiutarci a fare sempre di più abbiamo bisogno del tuo supporto. Attiva oggi stesso un abbonamento, sostieni il tuo Notiziario delle Eolie 

Per Natale Regalatevi un abbonamento 

Scarica e stampa il calendario 2022 del Notiziario

pracanica-alessio-da-facebook.jpg

 

di Alessio Pracanica

Non sarà la nostra andata a Riace a cambiare le cose o il mondo . Ne abbiamo fatte tante, d'altronde, di cose così. Marce e testimonianze,cortei e fiaccolate, sorrisi e abbracci, applausi e pugni chiusi contro il cielo. Serviranno a poco o a molto,non lo so. Servono di certo a me. A sentirmi vivo, meno solo e migliore di quel che sarei. E scusate tanto, ma non è poco.

253676032_10226784231212562_2492454906048937424_n.jpg

254348899_4605515706175298_3525461938924399029_n.jpg

Amaru Lucano

Quel famigerato e pericoloso malvivente, che risponde al nome di Mimmo Lucano, è stato finalmente condannato.
Per il momento solo in primo grado, si capisce, ma possiamo attendere fiduciosi l’attimo in cui, tra dieci o vent’anni stante la celerità della giustizia italiana, la sentenza diventerà definitiva.
Oppure, caso più che probabile, in molto meno tempo. Giacché di pericoli pubblici della sua risma ve ne sono pochi e dunque a stretto giro di vite s’arriverà all’auspicata condanna esemplare.
Auspicata da chi?
 
Da tanti, anzi quasi da tutti. Almeno in questo felice paese, dove la legalità è una soprascarpa con molti buchi, utilizzabile solo quando non piove.
Che il resto del mondo sia solidale con lui, che da ogni dove siano arrivati appelli e manifestazioni di solidarietà, importa poco. La Nazione si eleva sdegnata, al di sopra di certi siparietti e puntando con foga il dito più lungo, non per forza l’indice, indica l’abietto reo.
La stessa Nazione che dà la riscossione delle tasse in appalto ai cugini Salvo, che dimentica di perquisire il covo di Riina, che prescrive l’associazione a delinquere per Giulio Andreotti, che contempla placidamente la sindacatura di Vito Ciancimino ed eleva sui più alti scranni, nazionali ed europei, i Gava e i Lima, oggi si erge a implacabile giustiziera.
 
La magistratura della Locride, felicissima plaga ove, Lucano a parte, non si riscontrano altri criminali degni di attenzione, nel suo caso raddoppia la pena chiesta dal pubblico ministero.
La destra politica e (in)culturale, ipergarantista finché si tratta di Dell’Utri o di altri onorati gentiluomini, riscopre il sottile piacere di non trovarsi, una tantum, dalla parte del torto.
Si stenda cristianamente in pietoso velo su concorsi esterni e interni, su logge segrete e lodi editoriali, su concussioni e corruzioni e si persegua senza indugio il falsificatore di carte d’identità.
Chi ieri coccolava gli stallieri, oggi gli imputa l’associazione a delinquere. Chi ha rateizzato fondi neri, lo accusa di peculato. Chi ha spergiurato su crocefissi e Sacri Cuori, lo taccia di falso.
Lo si incolpa di voler sfruttare la vicenda per fini elettorali e la sentenza, con raro tempismo, viene emessa due giorni prima delle elezioni calabresi.
Al temibile fuorilegge non viene concessa, si capisce, nessuna attenuante. Nemmeno, gioia e tripudio, l’usuale istituto del cumulo giuridico. Concesso di solito anche ai più grandi fuoriclasse del crimine.
Dura lex, sed lex.
 

NOTIZIARIOEOLIE.IT

11 AGOSTO 2016

LE INTERVISTE DE "IL NOTIZIARIO. Lipari, al "Turmalin Club" l'evento dell'estate il "Settimosenso" e...

10 AGOSTO 2019

LE INTERVISTE DE "IL NOTIZIARIO". Lipari&Centro Studi Eoliano, il ricordo di Peppino Impastato

6 AGOSTO 2020

LE INTERVISTE DE "IL NOTIZIARIO". Lipari, al residence "La Giara" presentato il volume "L'amore non basta" di Don Luigi Ciotti.

16 AGOSTO 2020

Seconda vodka a destra (l’isola che c’è). L'intervento VIDEO

18 AGOSTO 2020

Gli insediamenti preistorici delle Eolie. Un itinerario tra memoria e magia

20 AGOSTO 2020

LE INTERVISTE DE "IL NOTIZIARIO". Lipari, al residence "La Giara" la presentazione del volume "Svisature" di Salvo Vitale

24 AGOSTO 2020

La paglia e il fuoco

25 AGOSTO 2020

Lipari, il museo "Bernabò Brea" uno dei più ricchi e meno conosciuti del Mediterraneo

1 settembre 2020

Terre nel sale

26 NOVEMBRE 2020

L’intervista del Notiziario allo scrittore Alessio Pracanica, la cultura col bisturi

 
 
Giovanni Brusca, amichevolmente detto u scannacristiani, killer di Rocco Chinnici e Giovanni Falcone e del tredicenne Giuseppe Di Matteo, strangolato e sciolto nell’acido, è uscito dal carcere il 31 maggio scorso. Era stato condannato a 25 anni. 12 in più rispetto a Mimmo Lucano.
Ma è inutile sovrapporre fenomeni così distanti. Non vi è niente di paragonabile tra Brusca e Lucano. Già il citarli nello stesso scritto appare una forzatura ai limiti della decenza.
Brusca è colpevole di oltre un centinaio di omicidi (Ancora oggi non riesco a ricordare tutti, uno per uno, i nomi di quelli che ho ucciso. Molti più di cento, di sicuro meno di duecento). Solo e soltanto di questo.
Mimmo Lucano ha commesso reati ben più gravi.
Aver dimostrato che è possibile fare, concretamente, senza limitarsi ad auspicare. Chissà dove e quando, in una galassia lontana lontana.
Che l’integrazione è non solo doverosa, ma financo, udite udite, possibile.
Aver mostrato, ai tanti poveri di spirito che temono il migrante all’angolo della strada più del boss di quartiere, come vivere insieme all’umanità senza paura.
Aver spiegato ai leoni da tastiera che paventano ipotetiche invasioni islamiche, africane, aliene, come i popoli possano incontrarsi senza l’obbligo di scontrarsi.
Aver tracciato un sentiero di felicità e benessere, percorrendolo insieme a loschi figuri come Alex Zanotelli, Luigi Ciotti e Jorge Bergoglio, mentre i sedicenti cattolici con la svastica marciavano accodati dietro eroici Capitani e fulgide Ducette.
 
Colpe gravissime, ripetiamo. Che costringerebbero parecchi strenui difensori dei valori ormai perduti e dei treni in orario, a guardarsi allo specchio, prendendo atto del poco edificante spettacolo.
Normale dunque che sia stato punito. E che un pulviscolo di supereroi in pigiama lo dileggi sui social, gridando allo scandalo per questo o per quel codicillo violato.
Esiste però un giudice ben più grande, slegato e indipendente dall’umana volubilità.
Quel giudice si chiama Storia e in altri tempi ha assolto, elevandole anzi a esempio, figure come Danilo Dolci. Anch’egli condannato con tracotante miopia, per colpe ancor più risibili di quelle di Lucano e oggi universalmente considerato simbolo di tutto ciò che v’è di più giusto e nobile a questo mondo.
Perché la Storia non fa sconti. A nessuno. Ai presunti colpevoli e a certi accusatori.
Non dovendo prestare orecchio ai sondaggi di fine settimana, senza cariche o prebende da raggiungere, si limita ad accettare i fatti, sgombrando il campo da tutte le passioni, nobili o strumentali che siano.
Nessun tipo di scontro sociale, a maggior ragione quello etnico, è sostenibile nel lungo periodo. Può venir buono per aizzare facile consenso, ma necessita di una continua escalation, nei toni come e soprattutto nei provvedimenti.
 
L’odio induce assuefazione.
Nel ’42 i nazisti rasero al suolo il villaggio di Lidice, in Boemia, reo di aver dato asilo ad alcun partigiani. Gli abitanti furono sterminati, le case polverizzate con l’esplosivo. Sui campi fu sparso del sale, come i romani con Cartagine, perché nulla più vi crescesse. Un tentativo apparentemente ben riuscito di damnatio memoriae.
Dopo la guerra, resa nota la vicenda, più di millecinquecento cittadine in tutto il mondo cambiarono il loro nome in Lidice, vanificando questo vuoto simbolismo.
Verrà un giorno in cui il famigerato modello Riace sarà non solo lodevole esempio, ma necessario progetto, per impedire che l’intera Europa si trasformi in un enorme banlieue, suppurata sacca di rancore ed emarginazione.
Nasceranno cento, mille, diecimila Riace.
In molti dialetti del sud il termine amaru (o maru) non implica connotazioni di gusto, essendo piuttosto sinonimo di poveretto, sventurato, disgraziato.
Quel giorno, sperando di non dover attendere troppo, amari saranno altri.
Noi continueremo ad amare.

 

SE VINCESSIMO L'EUROPEO
Qualora, dio non voglia, vincessimo il campionato europeo di calcio, è facile prevedere lo scatenarsi di giornali e tv, inneggianti a una vittoria della nazione, dell'Italia tutta e non solo degli 11 responsabili.
Dico dio non voglia perché, pur essendo un blando tifoso, metterei volentieri la firma per un paese eternamente ultimo nelle competizioni sportive, ma primo in civiltà, legalità e rispetto reciproco.
 
La stampa dicevamo, e quella mandria di Grandes Horizontales che si autodefiniscono intellettuali, senza dubbio invocherebbero (come a Norimberga) la responsabilità collettiva.
Si sprecherebbero i paragoni bellici e risorgimentali. Il Piave, Garibaldi, La Marmora. Fioccherebbero i miracoli e le amnistie.
Vittoria di massa, di cani e porci, dell'Italia eterna che marmorea risorge dalle macerie del Covid.
 
Tutti, proprio tutti. Il trionfo del collettivo.
Il ragionier Amilcare, che nell'autogrill di Borgo Panigale pare abbia suggerito a Mancini di accentrare Insigne, favorendo così le fluidificazioni di Spinazzola.
Il cavalier Luigi, maitre a penser del bar Sport, che tra un caffè corretto e un Campari con noccioline, da mesi si affannava a spiegare la duttilità di Pessina.
La signora Maria, impiegata d'albergo, che per settimane ha amorevolmente curato la biancheria di Chiellini, rimuovendo con abilità le più obbrobriose frenate.
La prof.ssa Patrizia, che in volo verso Wembley, ha ceduto a Donnarumma il posto accanto al finestrino, giovando così alla serenità del nostro portierone.
 
E poi Angela dell'ortofrutta omonima, che selezionava con cura certosina le nespole per Immobile. Gennaro che trovava sempre un parcheggio in centro per la Porsche di Insigne. Salvatore, che pur oberato da ipertrofia prostatica, ometteva di tirare lo sciacquone dopo le minzioni notturne, per non turbare il riposo di Barella, inquilino del piano sottostante.
Tanti, molti, ma non certo troppi. Sessanta milioni di atleti, di sportivi, di tuttocampisti. Gente che magari non arriva a fine mese, ma marca, crossa, triangola e fluidifica.
 
Che gioca dove vuole il Mister e non pensa a segnare, ma a far vincere la squadra. Che sta in panchina senza lamentarsi, ma pronta a subentrare qualora fosse necessario. Che non sa come pagare il mutuo, ma sa tirare un rigore.
Popolo di eroi che meriterebbe, se tanto mi dà tanto, una quota dei premi partita.

Sarò stupido io

Sarò indubbiamente più stupido della media, ma ho incontrato notevole difficoltà nel comprendere i motivi che hanno spinto alla rimozione del presidio ospedaliero, tacitando ogni forma di protesta.
Sulla base, finora, di semplici promesse. Formulate da una classe politico-burocratica di cui, per esperienza, dovremmo diffidare, invece che concederle cambiali in bianco.

Basterebbe osservare il quadro generale.
È dell'altro ieri la notizia del tentativo, momentaneamente non riuscito, di azzerare la neonatologia di Patti, unicum dell’Asp 5. Scellerata decisione che avrebbe sortito l’effetto di declassare tutti i reparti di Ostetricia, costretti a non accettare più gestanti sotto le 35 settimane.
È di tre giorni fa la proposta, forse provocatoria, ma indicativa, di chiudere il Pronto Soccorso di Barcellona Pozzo di Gotto dopo le 20.00, per mancanza di medici. Quasi fosse una salumeria o un fruttivendolo.

Da mesi arrivano segnalazioni di carenze all’ospedale di Milazzo, inclusa una, tempo fa, davvero paradossale, sulle pochissime barelle disponibili al Pronto Soccorso.
Senza dimenticare i laboratori che si fermano per carenza di reagenti, le ecografie impossibili per guasti alla stampante eccetera eccetera.
Situazioni in cui non colpisce la penuria dei grandi mezzi, ma un’incuria più minuta e desolante, che costringe agli espedienti, ai mezzucci, ai ripieghi. Ai provvedimenti straordinari, nel tentativo di stirare una coperta sempre più corta.

Con un assessore regionale che pur sconfessando ripetutamente l’operato dell’Asp, non prende alcun provvedimento nei confronti di vertici aziendali responsabili di sì mirabolanti risultati.
Tempo fa, invitavo a distinguere tra colpa e responsabilità. La prima, ammesso che ci sia, in ambito medico è sempre colposa, cioè assolutamente non voluta. La seconda no.

Sulla colpa eventuale, l’unico legittimato a esprimersi è il magistrato inquirente e solo lui. Sulla responsabilità, di chi gestisce con i nostri soldi la cosa pubblica, giudizio e controllo spettano alla società nel suo complesso.
A questo si aggiungono altri fattori.
Si approssima l’autunno e i numeri, in ricoveri e prestazioni, dell’ospedale di Lipari caleranno drasticamente. Ottima scusa per far spalancare le braccia a qualche megadirettore galattico.

Anche perché il potere di pressione socio-politica, che possono esercitare città come Barcellona, Milazzo e Patti, le prime due in piena campagna elettorale, è molto più grande rispetto a un’isoletta.

Senza dimenticare le ventilate e alquanto nebulose convenzioni esterne, che senza un vigile e costante controllo della pubblica opinione, potrebbero facilmente tramutarsi in generosa elargizione al settore privato, spacciata come impellente necessità o geniale escamotage.
A me sembrerebbero motivi sufficienti per continuare proteste e presidio, non fine a sé stesso, ma in quanto simbolo di presenza e vigilanza. Nel pieno rispetto, si capisce, di norme e leggi non scritte di civica educazione.
Ma forse, ripeto, lo stupido sono io.

 

 

 

 

 

 

Lipari, la banchina di Sottomonastero è tutta operativa. Nel pomeriggio ricognizione dell'assessore regionale delle infrastrutture Marco Falcone 

119220937_10221330554526882_1583286454793610052_n.jpg

Lipari - La banchina di Sottomonastero dopo i lavori è tutta operativa.

In pratica, diventano cinque i punti attracco per le navi, compreso il traghetto-spazzatura.

Ora prossimo passo, l'allungamento del pontile degli aliscafi di circa cento metri grazie alla collocazione di 4 cassoni. Il quinto dovrebbe andare a Pignataro o Punta Scaliddi.

I lavori dovrebbero iniziare nelle prossime settimane.

Nel pomeriggio sarà a LIpari l'assessore regionale delle infrastrutture Marco Falcone che dopo Salina sta eseguendo una ricognizione anche a Vulcano con l'off-shore del vice sindaco Gaetano Orto.

portinenti.jpg