S. MERLINO.jpg

di Salvatore Merlino*

Leggo spesso e da un po’ di tempo del Museo della pomice e del Parco geominerario.
Due iniziative che richiedono, per affrontare un dibattito, conoscenze tecnico scientifiche che non posseggo… ma qualche breve riflessione, da normale cittadino, voglio esternarla.
Comincio dal Museo della pomice.

La valenza del museo è soprattutto quella di essere un trampolino tra il passato ed il futuro. È necessario non fare venire meno il ricordo della nostra storia, con tutte le ricadute sullo sviluppo sociale, culturale e storico del nostro territorio, e tutti sappiamo bene cosa è stata la pomice per Lipari. Un tale bagaglio non può e non deve essere smarrito e non dobbiamo privare i nostri giovani della conoscenza di cosa sono state le avventure di generazioni di nostri concittadini, nel passato, con tutte le cose positive ma anche con tutte le negatività dettate dalle malattie e dalle crisi economiche.

Certo un Museo è anche occasione di diffusione della nostra storia verso i turisti che vengono a trovarci, attratti certamente dalla bellezza naturalistica, ma che godrebbero di un valore aggiunto.
Discorso a parte merita il Parco geominerario. Le immense superfici a vario titolo interessate dalle vecchie cave, comprese le varie strutture da decenni ormai abbandonate, a terra e in mare, meritano un percorso di recupero, quantomeno per evitare una vergogna nel vedere lo stato di abbandono, scostituendo peraltro un pericolo per la collettività.
Difficile certamente trovare un percorso tra pubblico, che dovrebbe essere la benzina per la libera imprenditoria, e i soggetti privati che a vario titolo hanno tenuto e gestito aree e volumi, sia in proprietà ma anche in concessione.

Certo l’istituzione del Parco, come dicevo, deve essere volano. Dovrebbe, a parere mio, perseguire la linea del recupero edilizio evitando il continuo consumo di suolo; naturalmente non credo sia facile immaginare un riutilizzo abitativo classico; sarebbe forse più realistico pensare ad un recupero finalizzato al turismo, o alla creazione di spazi congressuali e/o aggregativi. Con la doppia finalità di potenziare l’offerta turistica e, attraverso l’attività congressuale, destagionalizzare il turismo, estendendolo da marzo a novembre, date le nostre ordinarie condizioni meteo. Consentendo ai privati di investire e creare nuove offerte lavorative, sfruttando i tanti fondi europei che ancora arriveranno, anche se per poco ancora…e senza costituire con l’apparato burocratico la palla solita al piede che blocca la crescita del Paese….
Ancor maggior impegno deve essere indirizzato alle aree libere, sia le ex cave vere e proprie, che le aree utilizzate come deposito degli scarti di lavorazione.

Ricordo quando, credo nel 1990, si organizzò in estate, ad Agosto, una stagione di proiezioni di film in un grande piazzale di una delle cave dismesse, distante dalla strada e a cui si accedeva da un percorso di servizio ………era suggestivo….. si stava di più a guardare il cielo che la proiezione; sembrava di esser in un luogo magico…. quasi la proiezione sembrava disturbare l’intensità delle stelle, nella situazione di un inquinamento da illuminazione pari a zero.
Ecco, tanti spazi da restituire alla fruizione……..

E le aree di accumulo? Ho più volte commentato, tra soggetti che discutevano della scomparsa delle spiagge di Lipari, che tale quantità di materiale, certamente non interessata da fonti inquinanti se non l’aria stessa, potrebbe risolvere i problemi di erosione di tutta Lipari e non solo……. E sino ad ora, a distanza di decenni, sembra non si sia potuto attingere a tale risorsa per motivi giudiziari (sequestri, blocchi e cose simili che sappiamo che in Italia durano decenni….., bene, aspettiamo di morire aspettando che i nostri nipoti,forse, potranno raccontarci come è finita……).
La rimozione di tale materiale riaprirebbe un panorama mozzafiato su Panarea, Stromboli, Salina, restituendo ai Liparoti quello spettacolo di una volta…….
Ecco, questo per dire……. Facciamo il Parco, lo speriamo, ma facciamo pure si che non si crei una delle tante istituzioni finalizzate a dare medagliette a personaggi da gratificare per il loro impegno politico…..
Spero che vengano persone capaci, innamorate delle Isole, preparate e pronte anche a sacrificarsi……… e poi mi sveglio che ho sognato………….

*Ingegnere

NOTIZIARIOEOLIE.IT

29 APRILE 2021

L’intervista del Notiziario a Salvatore Merlino, il figlio di Pino

 

Ciao Bartolino. Volevo far tue alcune mie riflessioni. Riguardano Bagnamare.......

Ero piccolo e ancora ricordo quando, all’inizio della strada di Bagnamare, si vedevano gli animali pronti ad essere macellati.
Allora si vedevano passare le macchine e i camion ma certamente in numero contenuto e non paragonabile al traffico di oggi.
E anche i camion erano certo non grossi e pesanti come quelli di oggi……..
E questo è il passato…. poi viene il progresso e bisogna adeguarsi…….

E a proposito della viabilità di Bagnamare, mi chiedo come mai, potendo il Comune di Lipari contare su un numero abbastanza elevato di studi e progetti di opere portuali che hanno fornito un quadro chiaro e definito delle condizioni meteo marine di esposizione del sito, non abbia pensato di realizzare un camminamento al piede dell’esistente muto, che possa rappresentare:
un transito pedonale in sicurezza, oggi non possibile data la larghezza ridotta della strada,
una passeggiata a mare di collegamento e a servizio del porto di Pignataro,
un corridoio in cui alloggiare i nuovi sottoservizi in sostituzione di quelli oggi esistenti sotto strada e anche un piccolo fronte da destinare all’approdo di buon tempo, non esistendo opere di difesa portuale.

Credo proprio, dal mio punto di vista anche tecnico, che la progettazione non sarebbe onerosa; e l’intervento, in rapporto ad un esame costi-benefici, certamente sostenibile.

Ci stiamo impegnando in un percorso politico, e mi piace considerare e proporre infrastrutture utili e con funzioni multiple, che possano garantire sicurezza, economia e ritorno anche economico.
L’impegno, non solo politico, ma da cittadino cui sta a cuore la propria terra, ci deve portare a proporre idee e confrontarci su di esse.

Potrei far passare quanto scrivo e propongo come “propaganda politica”, ma preferisco, per un interesse generale e comune, metterla qui, in piazza, a disposizione di chi ha a cuore le nostra isole e vuole trarne spunto……chissà che non se ne possa tirar fuori, se condivisa, qualche iniziativa…… Un caro abbraccio 

5 GENNAIO 2020

C'è posta per "Il Notiziario". "Lipari, a Bagnamare strada ancora chiusa e pure puzzolente...". Oggi inizieranno i lavori VIDEO

14 MARZO 2020

LE INTERVISTE DE "IL NOTIZIARIO".Lipari, Bagnamare: strada riaperta ma solo ad auto e moto. Parla il vice sindaco Gaetano Orto

25 GIUGNO 2020

Da Treviso in linea Agostino Cassarà "La Strada di Bagnamare S.P. 181 e le altre strade eoliane non possono più aspettare!"

15 AGOSTO 2020

Lipari, tragedia sfiorata. Camion della spazzatura a Bagnamare finisce in mare. Gravi le condizioni dell'autista. L'appello della moglie Scattano sequestri, denunce e indagini. Le note IL VIDEO DELL'INCIDENTE

17 AGOSTO 2020

IL DOCUMENTO. Da Bagnamare in linea Agostino Cassarà "L'incidente e la strada a rischio... Le mie considerazioni"

10 OTTOBRE 2020

“Il SETTIMANALE del NOTIZIARIO” di Gennaro Leone e Angelo Sidoti con il prof. Ing. Agostino Cassarà

13 GENNAIO 2021

Lipari, per Bagnamare la strada "colabrodo" petizione per sollecitare un lavoro "definitivo"

5 FEBBRAIO 2021

LE INTERVISTE DE "IL NOTIZIARIO". Lipari, Bagnamare nuovo dissesto e strada chiusa. Urge l'intervento della Protezione civile prima che ci scappi la tragedia. Parla il dirigente Mirko Ficarra. L'intervento e le reazioni nel web

10 FEBBRAIO 2021

Da Cagliari in linea Felice D'Ambra - "La strada "gruviera svizzero di Bagnamare"!

1 MARZO 2021

Da Treviso in linea Agostino Cassarà "Bagnamare, la strada colabrodo interesseremo anche il prefetto..."

31 MARZO 2021

Lipari, l’associazione "FuturEolie" per la strada calabrodo di Bagnamare viste le inadempienze si appella al prefetto

 

176499513_3963152230418813_3553814472317183073_n (1).jpg

Ciao Bartolino. Volevo far tue alcune mie riflessioni. Riguardano Bagnamare.......

Ero piccolo e ancora ricordo quando, all’inizio della strada di Bagnamare, si vedevano gli animali pronti ad essere macellati.
Allora si vedevano passare le macchine e i camion ma certamente in numero contenuto e non paragonabile al traffico di oggi.
E anche i camion erano certo non grossi e pesanti come quelli di oggi……..
E questo è il passato…. poi viene il progresso e bisogna adeguarsi…….

E a proposito della viabilità di Bagnamare, mi chiedo come mai, potendo il Comune di Lipari contare su un numero abbastanza elevato di studi e progetti di opere portuali che hanno fornito un quadro chiaro e definito delle condizioni meteo marine di esposizione del sito, non abbia pensato di realizzare un camminamento al piede dell’esistente muto, che possa rappresentare:
un transito pedonale in sicurezza, oggi non possibile data la larghezza ridotta della strada,
una passeggiata a mare di collegamento e a servizio del porto di Pignataro,
un corridoio in cui alloggiare i nuovi sottoservizi in sostituzione di quelli oggi esistenti sotto strada e anche un piccolo fronte da destinare all’approdo di buon tempo, non esistendo opere di difesa portuale.

Credo proprio, dal mio punto di vista anche tecnico, che la progettazione non sarebbe onerosa; e l’intervento, in rapporto ad un esame costi-benefici, certamente sostenibile.

Ci stiamo impegnando in un percorso politico, e mi piace considerare e proporre infrastrutture utili e con funzioni multiple, che possano garantire sicurezza, economia e ritorno anche economico.
L’impegno, non solo politico, ma da cittadino cui sta a cuore la propria terra, ci deve portare a proporre idee e confrontarci su di esse.

Potrei far passare quanto scrivo e propongo come “propaganda politica”, ma preferisco, per un interesse generale e comune, metterla qui, in piazza, a disposizione di chi ha a cuore le nostra isole e vuole trarne spunto……chissà che non se ne possa tirar fuori, se condivisa, qualche iniziativa…… Un caro abbraccio 

*Ingegnere

82164539_10218907792559347_7401811638514352128_n.jpg

OGGI

laisejpg.jpg