Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità 

Questo sito utilizza Cookie tecnici e di profilazione di terze parti. Clicca sul bottone - chiudi - per accettare l'uso dei cookie e proseguire la navigazione.

Stampa
Categoria: Opinioni

PHOTO-2021-09-30-16-09-39.jpg

di Christian Lampo

Vedere un film, ambientato alle Eolie e innamorarsi di un luogo o di un paesaggio, al punto tale di decidere di partire alla volta di quel posto, per rivivere e rivedere dal vivo, proprio quei luoghi, ammirati più volte sullo schermo. La casa del "commissario Montalbano" docet.
Proprio dall'effetto Montalbano, che ha permesso al territorio Ibleo una enorme visibilità e pubblicità, che si è nel corso degli anni, tramutata in un boom di presenze turistiche, bisogna prendere spunto.

Proprio perché, se è vero che i film o le serie televisive, esercitano un forte elemento di attrazione-desiderio turistico nello spettatore, verso quei territori in cui è ambientata la trama, (attrazione sicuramente supportata dalle bellezze dei luoghi in cui si girano le scene), è ancor più vero che quello stesso desiderio, va alimentato ed invogliato, attraverso una serie di sinergie e strategie.

Proprio la legge nazionale sul cinema, la numero 220 del 2016, si prefissa come uno dei primi obiettivi, quello di coinvolgere i territori e le sue componenti attive, al fine di attirare le case cinematografiche, perché bisogna ricordare che, laddove il film idealmente è ambientato, inevitabilmente e per fortuna aggiungiamo noi, si metterà in moto una sorta di attrattività turistica, con una ricaduta positiva per tutto il comparto del settore turistico.
Un' occasione, quella del cine-turismo, anche per destagionalizzare e da sfruttare per il futuro, attraverso campagne di comunicazione mirate, iniziative specifiche, con investimenti che possano rendere ancora più attrattive le nostre isole, coinvolgendo e spingendo così le grandi produzioni a scegliere i nostri panorami, le nostre spiagge, le nostre calette e i nostri incantevoli luoghi, in cui ambientare le scene di un film.

Ovviamente, il tutto con la "collaborazione sinergica" fra le componenti pubbliche e private.
Pensiamo ad esempio, a quei fondi istituzionali da sfruttare, al fine di supportare i festival cinematografici, già presenti nel territorio e magari dare impulso ad un museo del cinema, che faccia rivivere le emozioni dei film "Stromboli su tutti", girati nelle nostre Isole.
Le Eolie hanno tutte le carte in regola per attrarre le produzioni cinematografiche nel nostro ambiente.

Bisogna però lavorare, alla valorizzazione delle "Isole Eolie" a fini di promozione turistica, legata "anche" al cine-turismo, con una seria progettualità condivisa, che possa attrarre innanzitutto le produzioni cinematografiche prima, ed i turisti legati ad essi poi, grazie all’offerta di proposte a tema, allo sviluppo di competenze in termini di accoglienza, di un indotto turistico, di negozi di souvenir, di percorsi ed itinerari atti a far rivivere le scene cinematografiche, capaci di soddisfare appieno la domanda prettamente legata a questo settore.
Insomma un mondo tutto da scoprire, con la speranza che il protagonista della prossima serie Tv, possa passeggiare sulle nostre splendide spiagge e magari nuotare nelle acque cristalline del nostro mare.

Lo sport e l'attività fisica in generale, oltre ad essere importante per lo sviluppo sano e armonioso del corpo, è fondamentale, perché favorisce una crescita cognitiva, emotiva e sociale utile per ogni persona senza limiti di età, ( mens sana in corpore sano).
Specialmente per gli adolescenti, che in questa fase della propria vita, così ricco di cambiamenti fisici, il praticare attività sportiva, rende più consapevoli della nuova identità corporea, aiutandoli, in questo tortuoso percorso di cambiamento, di sviluppo e di crescita.
In tal senso, fra le tante realtà attive presenti nel territorio Eoliano, si inserisce appieno, la locale sezione della Lega Navale Italiana, la quale promuove e supporta i giovani (e non solo), nell'intraprendere una disciplina sportiva, che possa essere svolta in chiave ambientale, attraverso l'osservanza delle regole che, disciplinano "l'arte marinaresca", con l'obbiettivo di perseguire e diffondere, il rispetto e la salvaguardia del territorio che ci circonda.

Ormai è assodato e risaputo da tutti, lo sport incide sullo sviluppo fisico, sociale e psicologico di chi lo pratica con costanza e aiuta a sviluppare l'educazione ambientale.
La sezione della Lega Navale di Lipari, portata avanti negli anni con grande abnegazione dai suoi istruttori e dal Consiglio Amministrativo tutto, offre un ventaglio di attività, rivolte in particolare nell'avvicinare i propri utenti al mare, con la possibilità di affinare, e migliorare la preparazione attraverso vari corsi.
A tal proposito nei giorni scorsi è calato il sipario sul "Corso di Vela e Consolidamento 2021" che si è tenuto, presso la sede di Marina Corta.

L'attività didattica e sportiva non si ferma qui, altresì, una ricca programmazione, andrà a svilupparsi nei prossimi mesi e permetterà di sviluppare un percorso propedeutico al conseguimento delle varie patenti nautiche, oltre svariati seminari quali, corso di BLSD, corso di bagnino, carteggio nautico, meteorologia e sicurezza della navigazione con vari incontri per la preparazione degli operatori GMDSS, (acronimo di Global Maritime Distress and Safety System).

Ecco in poche parole, raccontata una realtà attiva, ricca di opportunità, Un "Vulcano" di iniziative oseremmo dire, molto apprezzata e seguita da quasi 700 soci, pronti ad attingere e divulgare, la cultura nautica, il piacere dello stare insieme e del condividere esperienze uniche ed irripetibili, con future e probabili opportunità professionali e lavorative.

idealcolor-ban.jpg