ELEZIONI COMUNALI DEL 12 GIUGNO A LIPARI, SANTA MARINA SALINA E MALFA 

081120225-b0f3eb77-8a95-475e-8ce6-73e5e08dd6ee.jpg

Codice di autoregolamentazione per la pubblicità -
Programmi di propaganda elettorale e comunicazione politica su NOTIZIARIOEOLIE.IT 

DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000 N. 28 E S.M.I. E DELL'ART. 20 DELLA DELIBERAZIONE N. 84/06/CSP DELL'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI, PUBBLICATA SULLA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA N. 87 DEL 13 APRILE 2006

IL NOTIZIARIOEOLIE.it intende pubblicare propaganda elettorale a pagamento in occasione delle prossime elezioni amministrative 2022  [Leggi tutto...]

55538018_10218401593731797_6145490557192896512_n.jpg

di Gianluca Corrado*

In data odierna il Comitato Eoliano per la tutela dei diritti fondamentali ha inoltrato presso le Procure di Barcellona P.G., Messina, Palermo, Roma e Milano formale atto di denuncia, chiedendo alla magistratura inquirente di verificare se le condotte di alti Organi dello Stato oltre che dei media nazionali integrino gravi reati quali quello di epidemia colposa, di sequestro di persona, di violenza privata e finanche l'eversione dello stesso Ordinamento Costituzionale.
L'atto inviato alla magistratura rileva come l'introduzione dello strumento giuridico noto come "green pass", mediante il quale sono stati sempre più compressi i diritti Costituzionali - anche quelli definiti inviolabili dai Padri Costituenti - ha trovato la sua giustificazione giuridica in una palese bugia, proferita tra gli altri dal Premier Mario Draghi in data 22/7/21 in occasione della conferenza stampa tenutasi insieme alla Ministra guardasigilli e poi ripetuta sino allo sfinimento da altri membri del governo e dai maggiori organi di stampa nazionale.

Il Premier, in particolare, nell'occasione ha dichiarato testualmente "Il green pass è garanzia di tranquillità: è una misura con la quale i cittadini possono continuare a svolgere attività con la garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose".
Sulla scorta della falsa e antiscientifica notizia della 'immunizzazione dei cittadini vaccinati" (ovvero del falso presupposto che questi non potessero né infettarsi né infettare terzi) il Governo e gli organi di stampa nazionali hanno da un lato giustificato l'adozione di misure sempre più discriminatorie nei confronti i quei cittadini che hanno legittimamente scelto di non vaccinarsi esercitando un loro diritto Costituzionale e dall'altro indotto i vaccinati ad esporsi per lungo periodo a situazioni di pericolo.
Con tale irresponsabile condotta - oltre a giustificare la soppressione palesemente incostituzionale di diritti fondamentali verso milioni di cittadini - i soggetti in parola hanno indotto i vaccinati in un duplice errore, ossia da un lato li hanno spinti ad un sempre maggiore odio sociale nei confronti dei non vaccinati, erroneamente ritenuti "untori" e dall'altro, convincendoli incolpevolmente di essere immuni da rischi, li hanno conseguentemente esposti sempre più al contagio.

Le tragiche conseguenze di tali incoscienti condotte sono oggi sotto gli occhi di tutti: il report ISS del 7/1/2022 relativo ai 30 giorni precedenti rileva invero come il virus "corra sulle gambe dei vaccinati" responsabili di oltre il 77% dei contagi (860.000 su 1.100.000 complessivi) e rileva altresì che ben 1.600 cittadini vaccinati sono morti nel medesimo periodo (a fronte di 240.000 contagi e 1.150 decessi per i non vaccinati).
Se infatti i vaccini si sono rivelati protettivi - seppur in maniera deludente rispetto alle aspettative - sotto il profilo personale, limitando i casi di malattia grave, sono risultati assolutamente inefficaci sotto il profilo della protezione sociale, non avendo avuto alcuna funzione di protezione rispetto alla trasmissione del virus.

La condotta tenuta dalle alte autorità dello Stato, ma pure dai media nazionali, ha di certo determinato un ragguardevole numero di decessi che si sarebbero potuti evitare, senza considerare la conflittualità sociale inutilmente alimentata.
Di particolar pregio sul punto l’articolo pubblicato il 20/11/2021 sulla prestigiosa rivista “The Lancet” dal titolo: “COVID-19: stigmatising the unvaccined is not justified” (“COVID19: stigmatizzare i non vaccinati è fuorviante”) a firma di Gunter Kampf, docente presso l’Università di Grefswald, il quale spiega che “è sbagliato pensare che chi è stato vaccinato non sia rilevante nell’epidemia di COVID 19”. In altri termini, quella stessa rivista che è il riferimento imprescindibile per il dibattito scientifico e medico chiarisce a gran forza che anche i vaccinati contagiano, si contagiano e si ammalano, talvolta con esiti estremi.
Ma ancor più gravi appaiono le azioni giuridiche atte a limitare primari diritti Costituzionali fondate su tale palese bugia, che ha addirittura portato il Governo a giustificare il "confinamento" nell'isola ove si trovavano di tutti i cittadini non vaccinati, vietandogli l'accesso ai trasporti marittimi.

Ancora, l'atto di denuncia tratta della palese forzatura (leggasi ricatto economico) operata nei confronti di quelle categorie alle quali è stato imposto l'obbligo vaccinale per lavorare - pur trattandosi di un farmaco soggetto ad autorizzazione condizionata - verso le quali ancora oggi si chiede, illecitamente, la sottoscrizione di un "consenso informato" che rappresenta un vero e proprio "falso", riguardando una inesistente adesione volontaria e manlevando di fatto lo Stato e i produttori da qualsivoglia responsabilità per eventi avversi.
Pur consci che in un delicato e particolare periodo storico quale il nostro, ci vorrà grande coraggio da parte della magistratura per fare ciò che andrebbe fatto, avendo la massima fiducia in tale fondamentale potere dello Stato, confidiamo che tale coraggio sarà trovato.
Si tratta di un atto dovuto - il primo di tanti ai quali stiamo lavorando - la cui finalità è quella di proteggere tutti i cittadini, anche - anzi soprattutto - quelli che, obnubilati dall'atavica paura della morte, illogicamente ingenerata da istituzioni e media, hanno accettato, al pari dei collaborazionisti del ventennio, di essere parte attiva dell'inaccettabile discriminazione di milioni di loro concittadini, ma soprattutto di sottostare passivamente a limitazioni incostituzionali di diritti fondamentali che un domani potrebbero rappresentare per tutti un pericolosissimo precedente.

La verità è che la gestione pandemica nazionale si è rivelata non solo inefficace ma finanche dannosa e che proprio a causa dell'inettitudine dei nostri governanti - non per colpa dei non vaccinati o del virus ( 2.500 decessi - peraltro per il 90% ultrasessantenni con pregresse patologie - a fronte di 1.100.000 di contagi in 30 giorni dimostrano inequivocabilmente che siamo innanzi ad una patologia di certo seria e rilevante, ma non alla peste nera) - si è determinato un aggravamento di una situazione che, se gestita diversamente, avrebbe comportato un numero ben minore di perdite di ogni tipo per tutti.

*Presidente Comitato Eoliano per i Diritti Fondamentali

NOTIZIARIOEOLIE.IT

3 DICEMBRE 2021

Eolie, per viaggiare occorre Green pass. Nasce il Comitato Eoliano per la tutela dei diritti fondamentali presieduto dall'avv Gianluca Corrado e parte diffida

7 DICEMBRE 2021

L’intervista del Notiziario all’avv. Gianluca Corrado, il tornato. Il videomessagio di Graziella Bonica "si garantisca il diritto alla mobilità..."

11 DICEMBRE 2021

Eolie&Super Green pass, l'avv Corrado "pronti a rivolgerci alla magistratura: chiunque priva della libertà personale è punito con la reclusione da sei mesi a otto anni...". Guardie mediche autorizzate per tamponi

Green pass: Giovannini, Stato non impugnerà le ordinanze sulle isole minori

Sulla questione delle isole, in particolare le ordinanze che hanno spostato in avanti di un mese l'utilizzo del green pass rafforzato nelle isole minori, "dopo una consultazione con i colleghi e la Presidenza del Consiglio, posso dire che lo Stato è orientato a non impugnare l'ordinanza.
C'è un dialogo con le autorità regionali per far sì che nonostante il diverso regime vengano assicurate al massimo le misure di sicurezza sanitaria. Lo Stato non conta di opporsi all'ordinanza dei due presidenti di regione".

 

Lo ha detto il ministro delle infrastrutture Enrico Giovanni in audizione alla commissione Trasporti della Camera. Il ministro ha evidenziato che il "settore dei trasporti è uno di quelli maggiormente colpiti dall'emergenza pandemica. I Governi hanno reagito in maniera molto decisa stanziando complessivamente oltre 10 miliardi per sostegni ai diversi comparti trasporti tra 2020 e 2021. Sostegni che hanno riguardato tutti i vari comparti del trasporto e contribuito anche a cig, moratorie dei pagamenti e altre misure". Così il ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini in audizione alla Camera, sottolineando che "l'erogazione delle risorse attraverso decreti ministeriali ammonta a 10 miliardi su 10,2 complessivi: abbiamo accelerato al massimo l'erogazione attraverso i decreti".

"Con l'obbligo del Green pass rafforzato un eventuale passaggio in zona arancione non comporterebbe più una riduzione dei limiti di capienza dall'80% attuale al 50%" ha chiarito il ministro. Sui controlli del green pass sui mezzi, "i dati in nostro possesso sui giorni di avvio delle nuove norme non sono significativamente diversi da quelli di avvio del green pass normale. I tassi di violazione delle regole sono molto contenuti e il numero di verifiche fatte sia dal personale delle aziende, non solo nel traporto ferroviario ma anche tpl, in molte aree del paese, è elevato. Il tasso di controllo è molto elevato e il tasso di violazione molto basso, dell'ordine del 2% nei primi giorni. Questo dimostra approccio collaborativo delle persone usano i mezzi e i dati sono molto confortanti". Lo ha detto il ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini in audizione alla commissione Trasporti della Camera. 

Santa Marina Salina - Protesta del sindaco e della cittadinanza per la mancanza del medico di base. 

idealcolor-ban.jpg