Eventi e Comunicazioni

agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

bc037ab5-029e-43bd-9715-816f1b8202ad.jpeg

 btedros

 

 

 

di Marcello Bendetto Tedros*

Chiusura ufficio Anagrafe Assistiti e Esenzione tiket, Amministrazione S.Giorgio.

Al Sig. Sindaco del Comune di Lipari Dr. Riccardo Gullo, Spett.le ASP 5 Direzione Generale
Messina, Capo Distretto, Segreteria Regionale CITTDINANZATTIVA Catania

Pregiatissimi Signori. Siamo alle solite, purtroppo, sono ormai numerosi i nostri concittadini che si recano nei Ns. uffici per lamentare l’improvvisa chiusura dell’ufficio in oggetto.
Dobbiamo aggiungere che la stragrande maggioranza delle persone che vengono per chiedere
spiegazioni sul caso, e rappresentare i loro disagi, sono ultra settantenni, riferiscono che quando
chiedono spiegazioni della chiusura dell’ufficio, gli viene risposto che la chiusura è avvenuta per
motivi tecnici, e che possono avere gli stessi servizi collegandosi ad internet on line,
allora Gentili Signori ci chiediamo:

per motivi tecnici si può chiudere o sospendere l’attività di un ufficio così importante per alcune ore, per mezza giornata o giù di li, ma non per settimane.
A ciò aggiungiamo che non tutte queste persone posseggono un PC, ammesso che sappiano
adoperarlo, e che abbiano qualcuno che possa aiutarli a fare il lavoro per loro.

Non possiamo assolutamente pensare che costoro debbano recarsi a Milazzo per un servizio che è sempre stato effettuato a Lipari, e non vogliamo pensare che sia il pretesto per l’ennesima chiusura di un ufficio nel nostro Comune, come spesso sta accadendo ultimamente, creando non pochi disagi a tutti noi, a tal riguardo:

CHIEDIAMO Di sapere i reali motivi della chiusura dell’ufficio ut supra, per quando è prevista la riapertura, per non arrecare più disagio affrontando anche delle spese ai nostri concittadini Eoliani, attendiamo al più presto risposte dai responsabili dell’ufficio in oggetto, onde evitare iniziative da parte nostra, volte ad ottenere risultati da noi e dai Cittadini Eoliani auspicati.

*Coordinatore Cittadinanza Attiva Eolie

Al Sig. Direttore generale pianificazione Strategica Assessoraro Regionale alla Salute Dott. La Rocca Al Sig. Assessore alla Salute Dott.R. Razza Al Sig. Direttore Generale ASP 5 Dott. B. Alagna Al Dipartimento delle Attività Socio Sanitarie Dott. N. Molonia All’UOC Riabilitazione adulti e minori della Provincia Dott. G. Quattrocchi Al Sig. Sindaco del Comune di Lipari Rag. M. Giorgianni Alla Segreteria Regionale di CITTADINANZATTIVA

OGGETTO: Centro di Riabilitazione di Canneto Lipari.

Gentili Signori dello Spontaneo Comitato Cittadino.
E’ con grande tristezza e indignazione che prendiamo atto di quanto da Voi espostoci, riguardo il mancato ripristino delle attività del Centro di Riabilitazione di Canneto, non solo come Associazione, ma soprattutto come Cittadini Eoliani.
Antica piaga quella del nostro Centro di Riabilitazione, che in passato ci ha visto più volte coinvolti per svariate problematiche, che purtroppo, ancora oggi si ripropongono.
La civiltà di un paese si basa, in fatti, e si dimostra, sull’attenzione e la cura di coloro che sono preposti alla gestione delle comunità, nei riguardi delle categorie più fragili della popolazione.

La privazione di questi servizi importanti, e per molti nostri concittadini assolutamente indispensabili, e nella maggior parte dei casi, purtroppo, si tratta di BAMBINI !!!
E’ INTOLLERABILE E VERGOGNOSO!!!
CITTADINANZATTIVA, come sempre, sarà al Vostro fianco in questa battaglia di DIRITTI e di CIVILTA’ ci troverete pronti per tutte le iniziative possibili, e per il ripristino immediato dei nostri DIRITTI e quelli dei NOSTRI FIGLI con tutti gli strumenti a nostra disposizione.
Con il piacere della reciproca collaborazione, cogliamo l’occasione per porgerVi Distinti Saluti.

*Coordinatore Cittadinanza Attiva

AVVISO ALLA CITTADINANZA

Il servizio di disinfestazione sul territorio comunale prosegue con un ulteriore intervento che verrà effettuato sull’isola di Vulcano, martedì 3 agosto 2021 a partire dalle ore 23:00.
Al fine di una buona riuscita degli interventi, si invita la cittadinanza a:
• Chiudere le finestre a partire dall'orario programmato;
• Non intralciare le operazioni con soste su vie/piazze scarsamente accessibili;
• Custodire derrate e contenitori destinati all’alimentazione umana ed animale, evitando il contatto con i prodotti usati per la disinfestazione;
• Non stendere i panni durante il periodo di esecuzione dell’intervento;
• Svuotare qualunque tipo di ristagno d’acqua (es. sottovasi, secchi e contenitori, barche in disuso, ecc..-) in quanto risultano fonte e focolai di zanzare.
Gli interventi verranno effettuati solo in condizioni atmosferiche favorevoli (in assenza di pioggia e vento).
L’Amministrazione Comunale

 

Al Sig. Assessore Regionale delle Autonomie Locali E Della Funzione Pubblica Dr. Marco Zambuto A S.E. Il Sig. Prefetto Dott.ssa Maria Carmela Librizzi Al Sig. Sindaco del Comune di Lipari Rag. Marco Giorgianni Ai Sigg.Consiglieri Comunali Al Sig. Segretario Generale del Comune di Lipari

Oggetto: Nomina “Garante Comunale dei Diritti della Persona Disabile” .

Pregiatissimi Signori, Appare a dir poco singolare che richiesta inoltrata, avente come oggetto un argomento così delicato, stabilito da Leggi, Decreti Regionali, Nazionali e Comunitari, che passi come marginale, se non addirittura di nullo interesse a tutti i soggetti del Comune di Lipari sino ad oggi da noi coinvolti, ivi compreso l’attento nonché sensibile a tali problematiche Sig. Sindaco.

Se ci fossimo rivolti ad altra Istituzione, magari fuori dai confini Nazionali, e avessimo ricevuto
lo stesso trattamento, avremmo sicuramente pensato che quella Istituzione, o paese Estero, non avessero previsto nelle loro Leggi, normative o quant’altro per la tutela dei più deboli; in tal caso avremmo definito questi ultimi: BARBARI, come di solito accade, di vedere la “pagliuzza
nell’occhio altrui, senza accorgerci del trave che abbiamo nel nostro”.
Ciò detto, “attenti e sensibili” Signori, ci piacerebbe conoscere le motivazioni del totale
disinteresse alla questione.
Iniziamo dicendo che questa penosa (per tutti noi coinvolti) vicenda, ha inizio nel lontano 21
Ottobre 2020, con una nostra ultima nota del 7 Aprile 2021 (tempi per una bella gravidanza),
diciamo anche che in tutto questo tempo, l’argomento e stato inserito all’Ordine del Giorno di un
Consiglio Comunale, tra il Febbraio e Marzo 2021, e solo successivamente, in altra convocazione, veniva votata all’unanimità, per qualcuno mosso forse da scrupoli; EVVIVA DIO.

A questo punto si penserebbe che ogni ostacolo sia stato finalmente superato (ove ostacoli vi
fossero rinvenuti), invece NO!! cosa succede in Consiglio Comunale ? altre priorità ?
ripensamenti per l’affrettata votazione a favore della nomina del Garante Comunale per i Diritti
della Persona Disabile , oltretutto all’unanimità ? non si comprende, probabilmente qualcuno ha
ripensato alla questione, e non ritenendo necessaria tale figura, lasciava la faccenda LETTERA
MORTA, ma a questo punto, che si dica chiaramente, e ce ne faremmo una ragione, evitando il
disturbo di continue note, distraendo dal proprio lavoro e da argomenti, casomai più importanti,
tutta l’Amministrazione Comunale.

Caro Sindaco e Sigg.Consiglieri, di problemi, poveri noi!, ve ne sono abbastanza nel nostro
territorio riguardo la Disabilità, e Lor Sigg. ne sono perfettamente a conoscenza, non per ultima
la polemica di giorni or sono, per lo scivolo per Disabili, al Porto Sottomonastero, prima allestito,
poi in tutta fretta dismesso (anche di questa faccenda, non ne comprendiamo le motivazioni, e
vorremmo esserne informati); tra l’altro, l’oscena realtà delle persone costrette sulla sedie a rotelle, a non poter tranquillamente transitare sui marciapiedi della Via Vittorio Emanuele (punto
nevralgico del nostro centro storico), impedite da vasi, piante e mille barriere architettoniche
esistenti (alla faccia della Legge sull’abbatimento delle stesse), potremmo prosegiure, in quanto
nella nostra sede di CITTADINANZATTIVA “Tribunale per i Diritti derl Malato”, pervengono
continue segnalazioni di cittadini esasperati, i quali chiedono AIUTO, non avendolo
dall’Amministrazione Comunale, per queste ed altre motivazioni che non staremo qui ad elencare, lo faremo a tempo debito, e diciamo che siamo solo all’inizio della Stagione Estiva Sig. Sindaco.

In buona sostanza, CHIEDIAMO come intende intervenire per detta questione Sindaco, e cosa
consiglierà di fare alla Sua Amministrazione, per tale questione che oramai rischierebbe di
cadere nel ridicolo, se non fosse argomento così serio. Saluti

 

Lipari, al cimitero i cari defunti invocano "le capre di Alicudi per eliminare le erbacce..."

 

Lipari, a Pianoconte la "discarica" dei rifiuti è diventata un...treno che rischia di arrivare allo stabilimento... Intanto, nel centro dell'isola sono scomparsi i netturbini e mercoled' ci sarà pure sciopero...

 

VIDEO

Le enormi difficoltà di questi giorni ci impongono di non fermarci e di andare avanti in vista della prossima stagione estiva, suggerendo soluzioni e proposte inerenti all'organizzazione dei servizi di collegamento marittimo con le isole Eolie, lo sostiene Benedetto Marcello Tedros Coordinatore di Cittadinanzattiva Isole Eolie, con una lettera aperta indirizzata all'Assessorato regionale Mobilità e Trasporti.

Tedros, nel suo escursus inizia dalla prima corsa, che collega l’Isola di Lipari a Milazzo in partenza alle ore 07,00 proveniente da Salina, con fermata a Vulcano e arrivo a Milazzo. La prima tratta è importante in quanto i fruitori sono: studenti, lavoratori, liberi professionisti, militari delle forze dell’ordine e comuni cittadini, i quali non hanno come tappa finale solo Milazzo, bensì anche Messina, il più delle volte si verificano ritardi alla partenza dall’Isola di Salina, i quali si accumulano alla sosta di Vulcano, vista la distanza dall’imbarcadero dell’Agenzia di Navigazione e il ritardo, spesso fa saltare la coincidenza con l’autobus diretto a Messina. Per gli isolani il primo problema da risolvere è questo, urge una concertazione con l'azienda trasporti per evitare i disagi.Altro suggerimento è diretto alle Agenzie degli Aliscafi, per fare annunciare in italiano e inglese i mezzi in arrivo e partenza. Il coordinatore Tedros suggerisce di creare una nuova tratta Lipari – Lamezia Terme, viste le poche offerte di voli su Reggio Calabria e la lontananza da Catania. La nuova tratta, potrebbe incrementare l'economia e ridare ossigeno all’80% della popolazione che vive di solo turismo.

Cittadinanzattiva chiede in sintesi una maggiore attenzione verso la popolazione eoliana, che poi si rifletta anche sui turisti, che si spera rivedere al più presto nell'intero arcipelago. La soluzione deve essere necessariamente un tavolo di lavoro coordinato dalla Prefettura di Messina, con i rappresentanti della Regione Sicilia, dei Comuni eoliani, delle varie Aziende turistiche, Trasporti marittimi, terrestri e con i rappresentanti di Cittadinanzattiva, aperto fino alla risoluzione di tutti i problemi.

 

CITTADINANZATTIVA Assemblea Territoriale di Lipari e Comuni di S.Marina, Malfa e Leni. 

 Informa tutta la popolazione che è iniziata la campagna gratuita degli  esami per la prevenzione oncologica indetta dall'Asp5, in collaborazione con la Regione Sicilia, dei test di prevenzione Oncologica del tumore del colon retto, nel caso il risultato sarà positivo, sempre gratuitamente si potrà effettuare una colonscopia, in'oltre,  pap test per la prevenzione del cervico carcinoma, quest'ultimo si potrà effettuare tutti i giorni dal Lunedì al Venerdì rivolgendosi al consultorio familiare.

Esiste un calendario per questi esami per Lipari e Isole comprese, che potrete consultare presso la nostra sede in Via Maurolico 18, dal proprio medico di base e nelle Farmacie, tutto si effettuerà a Lipari.

IL CALENDARIO DELL'ASP

screening tumore colon.pdf

*Coordinatore CittadinanzAttiva Eolie

   

 

Promuovere e  tutelare la salute, sulla base di un insieme di valori e obiettivi condivisi. Questo in estrema sintesi il contenuto del Protocollo d’intesa fra Abbott e Cittadinanzattiva siglato a Roma la scorsa settimana. Ecco gli obiettivi contenuti nel protocollo, che Cittadinanzattiva e Abbott intendono perseguire:

- Mettere il cittadino al centro delle decisioni di politica sanitaria;

- Considerare il punto di vista del cittadino, essenziale e centrale nella definizione e implementazione delle politiche pubbliche;

- Promuovere campagne di informazione e prevenzione rivolte al cittadino con l’obiettivo di coinvolgerlo direttamente nelle scelte che riguardano la propria salute e la tutela dell’ambiente;

- Sostenere il Servizio Sanitario Nazionale, anche nell’articolazione delle singole regioni, affinché si possano potenziare prevenzione, diagnosi, assistenza e accesso alle cure nel modo più trasparente, appropriato, tempestivo, efficace ed efficiente;

- Promuovere lo sviluppo di nuove modalità di accesso ai servizi sanitari, anche attraverso la tecnologia digitale e l’ informatizzazione di servizi e processi;

- Collaborare per affermare un nuovo concetto di sostenibilità del SSN che guardi anche all’accessibilità e alla sostenibilità dei redditi delle famiglie;
- Promuovere la messa a punto, l’implementazione e la valutazione dei PDTA, che partano dai bisogni dei cittadini, considerando tutti gli aspetti (come ad esempio supporto psicologico, attività fisica, nutrizione etc..);

- Supportare il SSN per ampliare l’accesso omogeneo ai trattamenti, compresi quelli innovativi, valutati tali con processi partecipati di HTA, anche in riferimento a cure per patologie specifiche. Riducendo i costi e promuovendo la sostenibilità;

- Promuovere il riconoscimento pubblico e diffuso dei fenomeni legati alla partecipazione dei cittadini alla vita pubblica in vari ambiti (settore salute, educazione ecc..).

Il Protocollo si ispira alla Carta Europea dei diritti del malato promossa da Cittadinanzattiva, e agli articoli 3 e 32 della Costituzione, impegnando l’organizzazione e l’azienda a collaborare, nel rispetto della trasparenza e della legalità, per sviluppare e realizzare iniziative e progetti comuni, con l’obiettivo di aiutare le persone a vivere una vita al massimo della propria salute.

 

 A COSA SERVE IL "PIANO DI EMERGENZA COMUNALE"

 In un Paese in cui l'emergenza legata a rischi e catastrofi naturali è all'ordine del giorno, è fondamentale conoscere cosa è e cosa prevede il Piano di emergenza comunale.

Come previsto dal Decreto-Legge n. 59/2012, ogni Comune avrebbe dovuto entro il 12 ottobre 2012 approvare e adottare, con deliberazione consiliare, il PEC. Ma la mappa non è ancora completa.

Il Piano di Emergenza deve essere in grado di rispondere alle seguenti domande:

  • quali eventi calamitosi possono ragionevolmente interessare il territorio comunale?
  • quali persone, strutture e servizi ne saranno coinvolti o danneggiati?
  • quale organizzazione operativa è necessaria per ridurre al minimo gli effetti dell'evento con particolare attenzione alla salvaguardia della vita umana?
  • a chi vengono assegnate le diverse responsabilità nei vari livelli di comando e controllo per la gestione delle emergenze?

Prossimamente scenderemo nel dettaglio.

 

---Non fidatevi dei siti che si propongono di inviare la dichiarazione di non detenzione dell'apparecchio televisivo in cambio di un compenso. L'unica modalità per comunicare con l'Agenzia delle Entrate è attraverso il form on line presente sul sito dell'Agenzia e per posta con apposito modulo.Questi siti contraffatti richiedono anche dati sensibili, compresi quelli della carta di credito, con lo scopo di addebitare sulla carta dei contribuenti somme non dovute. Quindi attenzione! In caso di episodi di questo tipo si invitano i cittadini a denunciare l'accaduto alle Forze di Polizia o a qualsiasi ufficio delle Entrate.

Cittadinanzattiva, Federazione Confconsumatori – ACP e Movimento consumatori forniscono un servizio di assistenza attraverso il numero verde 800821614.

Per maggiori informazioni sulle prossime scadenze del canone radiotelevisivo puoi consultare la pagina del progetto "Luce sul canone", oppure recatevi presso i nostri uffici in Via Maurolico 18 di Lipari, saremo lieti di esservi utili con ulteriori informazioni.

 

---Il progetto 10@lode in salute, realizzato dalla rete Scuola di Cittadinanzattiva e Assosalute -Federchimica, sta giungendo alla conclusione.

Dopo aver realizzato dei laboratori didattici con i bambini delle scuole primarie di 10 città italiane su temi come i corretti stili di vita e l'uso dei farmaci di automedicazione, i tutor di Cittadinanzattiva stanno lavorando all'organizzazione dell'evento finale del progetto che coinvolge non solo i piccoli studenti ma anche le loro famiglie.

I genitori potranno confrontarsi fra loro e con un pediatra su temi diversi e legati al benessere dei propri bimbi.

A concludere il ciclo degli eventi in programma a Lipari il 25 Gennaio.

Per informazioni a riguardo, recarsi presso i nostro ufficio in Via Maurolico 18 di Lipari.

----Ancora più sport ed attività motoria nelle scuole: 

E' questo l'obiettivo del rinnovo dell'accordo firmato tra Miur e Coni, che prevede un piano di attività triennale che consentirà di aumentare le ore di educazione fisica nelle scuole italiane in particolare nelle primarie. 

Fin da piccoli è necessario improntare la propria vita sul rispetto di corretti stili di vita per beneficiarne da adulti.

Attualmente le scuole coinvolte dal piano CONI-MIUR sono 7 mila, con il nuovo accordo saranno messi a bando altri 60 milioni di PON ed il 60% vincolato per le regioni del sud.

 

---Molti parenti di soggetti portatori di handicap grave (L. 104/92, art.3, comma 3) si sono rivolti a CittadinanzAttiva lamentando che, non essendo in grado di far fronte alla compartecipazione alle spese richieste dall’assessorato ai Servizi Sociali del comune di Messina, devono rinunziare, per i loro cari, all'assistenza domiciliare e aiuto domestico. Infatti la gratuità dell'assistenza domiciliare ai portatori di handicap, secondo la normativa vigente, è legata al dato reddituale del nucleo familiare e non al reddito individuale del soggetto che chiede la prestazione. 

Poiché per la materia di che trattasi lo Statuto prevede, principio ribadito dalle relative norme di attuazione, che la Regione siciliana ha potestà legislativa esclusiva, occorre aggiornare il decreto, ormai obsoleto, 15 aprile 2003 dell’Assessore regionale agli Enti Locali.

Per discutere la problematica e per esaminare le proposte elaborate, CittadinanzAttiva lunedì prossimo, alle 10, in via Cavalieri della Stella 41, incontrerà il capo di Gabinetto vicario dell’Assessorato regionale alla famiglia. 

Le associazioni interessate sono invitate a partecipare all’incontro.

---A seguito degli eventi sismici che, dal mese di agosto 2016, hanno colpito pesantemente anche la Regione Marche ed in particolare le Province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata, è riemersa, in tutta la sua emergenza-urgenza, la questione della sicurezza degli edifici scolastici. 

Comitati spontanei di genitori di diversi Comuni delle Marche, posti di fronte alla tragedia del terremoto ed alla non conoscenza dello stato effettivo della scuola dei propri figli, a seguito dei continui eventi sismici, si sono rivolti alla Associazione di Cittadinanzattiva delle Marche chiedendo di essere informati in merito al tema della sicurezza degli edifici scolastici.

Sono state quindi realizzate insieme ai Comitati dei genitori iniziative finalizzate ad informare e formare i cittadini sul tema, così come sulle modalità di tutela ed affermazione del diritto ad avere scuole più sicure.

Sono state anche inoltrate richieste formali per prendere visione di tutta la documentazione di cui per legge devono essere dotati gli edifici scolastici e sono stati fatti incontri con le Amministrazioni locali, proprietarie degli edifici scolastici, ma soprattutto si sono realizzati spazi aperti di dibattito, confronto e partecipazione civica sul tema del diritto ad avere scuole più sicure. 

Si è condiviso con i Comitati che c’è assoluta necessità di continuare ad investire nella sicurezza delle scuole e non solo dal punto di vista economico ma anche e prima di tutto culturale. E così, si è richiesto ai Sindaci la costituzione, all’interno dei rispettivi Comuni, di Osservatori civici permanenti sulla sicurezza dell’edilizia scolastica e sui programmi di sviluppo della rete scolastica territoriale.

Insomma, non senza difficoltà oggettive, legate in particolare all’incessante susseguirsi degli eventi sismici, i Comitati spontanei dei genitori insieme a Cittadinanzattiva hanno iniziato ad investire tempo ed energie per la costruzione di spazi civici di partecipazione, confronto e proposizione. E quegli spazi sono diventati generatori di idee ed iniziative mirate non solo alla tutela ed alla affermazione del diritto ad avere scuole sicure, ma anche ad indirizzare le scelte delle Amministrazioni locali in materia di sicurezza e qualità della scuola.

Investire nella sicurezza delle scuole e soprattutto nella cultura e nella educazione della sicurezza di tutti i soggetti/attori del mondo della scuola è, per Cittadinanzattiva delle Marche, un efficace per quanto straordinario strumento di prevenzione e di tutela del bene vita.

La scuola è e deve essere luogo “sicuro” di crescita e di formazione delle persone, nel rispetto anzitutto del loro diritto alla salute che nessuno e niente, neanche il terremoto, può mettere in pericolo.

Prossimamente anche a Lipari e nelle altre Isole iniziative analoghe saranno poste in essere, per qualsivoglia  informazione o altro in merito, ci si può rivolgere ai nostri uffici in Via Maurolico 18.

---22 novembre sarà celebrata la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole. Per questa occasione la rete Scuola di CittadinanzII,  Il prossimo 22 Novembre, come ogni anno, Cittadinanzattiva ha predisposto un kit didattico da inviare gratuitamente alle scuole di ogni ordine e grado che ne hanno fatto richiesta tramite il form on line presente sul nostro sito.

Ad Ascoli Piceno, presso il Polo culturale di Sant'Agostino, Corso Mazzini 90, si terrà il prossimo 23 novembre, dalle ore 10 alle ore 14, l'evento nazionale della Giornata, dal titolo "La scuola che vorrei", con la collaborazione artistica di Pinacci Nostri.  A breve il programma dell'evento.

Per tutte le scuole che non sono riuscite ad iscriversi è possibile scaricare i materiali in formato file. 

I materiali realizzati per questa edizione riguardano i comportamenti corretti da seguire in caso di terremoto; i comportamenti corretti in caso di alluvione ed un opuscolo rivolto ai docenti sulla sicurezza dell'edificio scolastico.

In occasione della Giornata diversi sono gli eventi in programma sui nostri territori organizzati dai volontari di Cittadinanzattiva. 
a breve gli appuntamenti in programma.

---Dal 7 novembre 2016 i cittadini hanno la possibilità di presentare la domanda per la rottamazione delle cartelle Equitalia. In pratica, entro il prossimo 23 gennaio, potranno inviare la richiesta per lo sconto sulle sanzioni e interessi di mora delle cartelle notificate da Equitalia nell'arco temporale che va dal 2000 e il 2015.

Questa una delle misure più attese dal Decreto Legge n. 193/2016 pubblicato in Gazzetta Ufficiale e legato alla Legge di Bilancio 2017. Ma come avviene di fatto il pagamento e dove si recupera il modulo per inoltrare la richiesta all'ente di riscossione?

Per informazioni a riguardo, il nostro Procuratore dei "Diritti dei Cittadini e Consumatori" sarà a disposizione nella nostra sede di Via Maurolico 18 di Lipari.

---Le vaccinazioni: “Solide certezze contro falsi miti”
 
Mercoledì 12 ottobre 2016, alle ore 9.30, presso la Sala Commissioni Palazzo Zanca - Comune di Messina
 
L’Ordine dei Medici di Messina, la Direzione Generale ASP di Messina e  Cittadinanzattiva terranno una conferenza stampa sulle vaccinazioni per fornire una corretta informazione sui vaccini. L’iniziativa è stata assunta al fine di favorire la partecipazione attiva e consapevole ai programmi vaccinali dei cittadini-utenti ed, inoltre per consolidare l’adesione sempre più convinta del personale sanitario alla promozione delle campagne di prevenzione, che saranno condotte utilizzando la “Rete Civica della Salute”.
 
Saranno presenti: per l’Ordine dei Medici, il presidente dott. Giacomo Caudo, per l’ASP il direttore generale dott. Gaetano Sirna, il responsabile del Dipartimento Prevenzione e U.O.C. Servizio Sanità Pubblica, Epidemiologia e Medicina Preventiva, dott. Giovanni Puglisi, per il Servizio Sociale ASP, la dott.ssa Adriana Ferruccio, per Cittadinanzattiva, il presidente regionale, dott. Giuseppe Pracanica. 

---Piv (Prestito vitalizio ipotecario)

E un particolare tipo di finanziamento riservato a chi ha più di 60 anni, garantito da ipoteca su un immobile residenziale la cui durata, in generale, coincide con la vita del sottoscrittore. 

Questo strumento di finanziamento, già diffuso all’estero da tempo, può rappresentare una valida alternativa alla vendita della nuda proprietà dal momento che garantisce a chi lo sottoscrive di continuare ad abitare nell’immobile senza perderne la proprietà.

Per garantire una corretta applicazione della disciplina del Prestito Ipotecario Vitalizio il Ministero ha preparato una serie di quesiti con relative risposte, condivise con Associazione Bancaria Italiana e le Associazioni di consumatori e utenti, tra cui anche Cittadinanzattiva.

Per INFO: Assemblea Territoriale di Lipari, Via Maurolico 18.

Cittadinanzattiva nell’ambito del progetto "Io sono originale" ha realizzato tre video pillole sul tema della contraffazione per orientare i consumatori nell'acquisto di prodotti che siano conformi alle disposizioni europee.
E' stato fatto in particolare un approfondimento sul settore agroalimentare italiano che è soggetto a numerosi casi di falsificazione che mettono a rischio le eccellenze nostrane e l’intero mercato.

Altro tema fondamentale è l'importanza della provenienze e della sicurezza dei giocattoli destinati ai bambini. Per acquistare un prodotto in modo consapevole senza cadere nella trappola della contraffazione è sempre bene essere informati. Ultimo tema affrontato è quello dei farmaci, tema molto delicato per la nostra salute che viene messa a rischio in caso di utilizzo di medicinali contraffatti quindi di bassa qualità.

Per qualsiasi chiarimento, CITTADINANZATTIVA Assemblea Territoriale di Lipari, Via Maurolico 18    98055

Guarda i video e… Buona visione!

https://www.youtube.com/watch?v=TnMpOMd-uGk&list=PL_KZaaO14IRuHWkwvYwUmR2FY6DoaYoRU

www.youtube.com
La nuova edizione, in linea con la precedente, prosegue con il road show e i flash mob per promuovere sinergie di contrasto al falso, divulgare la cultura de...

---Hierro, Samso, Eigg, Bonaire, Bornholm, Pellworm, Tokelau, Aruba, Muck, White, Gigha:

 Non sono i giocatori di una squadra di calcio ma le undici isole citate da LEGAMBIENTE come esempio di autosufficienza energetica grazie allo sfruttamento di fonti rinnovabili.

 La onlus ambientalista, come CITTADINANZATTIVA, ha presentato un dossier che evidenzia le potenzialità degli ambienti isolani nel produrre da sé il proprio fabbisogno energetico a prescindere dalle situazioni climatiche e geografiche in cui si trovano.

Lo scopo è stimolare un dibattito tra Governo, regioni, comuni e operatori del settore sull'opportunità di dotare anche comunità isolane del nostro paese di strutture che portino all'autosufficienza energetica. 

Le comunità isolane citate infatti si collocano in paesi più o meno ricchi, a latitudini diverse, in aree a clima caldo, temperato o rigido, ma puntando su diverse fonti rinnovabili locali sono riuscite a raggiungere comunque l'autosufficienza.

La prima al mondo in ordine di tempo è stata El Hierro, nelle Canarie: dal 2014 sfrutta alcuni bacini idrici e impianti eolici per fornire elettricità ai circa 10 mila abitanti. I 1.500 abitanti di Tokelau, un arcipelago di atolli del Pacifico a nord di Samoa, invece, devono la loro indipendenza energetica esclusivamente al sole: tre impianti fotovoltaici, uno per ogni atollo, bastano al fabbisogno di energia di questo possedimento neozelandese.

Meditiamo amici.

Assistenza sanitaria in vacanza: i nostri consigli.

Pubblichiamo il testo dell’intervento di approfondimento relativo all’assistenza sanitaria in vacanza, realizzato da Valeria Fava del PiT Salute di Cittadinanzattiva per le rubriche di Repubblica Salute:
“Per chi si reca in vacanza in Italia, è utile sapere che nei luoghi di villeggiatura con notevole afflusso turistico è possibile che la ASL organizzi un servizio di assistenza sanitaria rivolta ai non residenti, comunemente detta guardia medica turistica. 

Per avere informazioni su quella più vicina si possono contattare gli Uffici Relazioni con il Pubblico (URP) delle ASL del luogo oppure le farmacie locali.

Buone vacanze a tutti i Cittadiniattivi, ci risentiamo in Settembre.

---Dal 21 al 29 maggio si svolge la III Settimana del pronto soccorso di SIMEU in collaborazione con il Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva.  Il tema di quest’anno è l'attenzione al paziente anziano. In diverse città italiane saranno organizzati incontri, dimostrazioni, occasioni di ascolto e confronto con i cittadini. 

 Ci aggiorneremo per la data di Lipari.

Laboratori contro lo spreco per famiglie e bambini: partecipa a SpreKO!

Laboratori, punti informativi, attività ludiche e spettacoli, animeranno la Festa SpreK.O. di Fiuggi, nella Piazza Martiri di Nassiriya sabato 28 maggio (ore 10-20) e domenica 29 maggio (ore 10-14. Gli stessi saranno caratterizzati da un approccio estremamente concreto, al fine di condividere idee, pratiche e progetti per la lotta agli sprechi.

Particolare attenzione sarà dedicata al coinvolgimento delle famiglie, dei bambini e degli studenti con laboratori pratici per imparare a riciclare prodotti e materiali, a riconoscere i comportamenti corretti per non sprecare cibo, acqua, energia e per tutelare l’ambiente e valorizzare il territorio.

È stato approvata all’interno del Dl scuola (n. 42/16), l’indicazione che, finalmente, dà attuazione alle decisioni dei Tribunali Amministrativi regionali e del Consiglio di Stato, a proposito del calcolo ISEE:

 “Sono esclusi – riporta l’emendamento alla normativa precedente – dal reddito disponibile  i trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, comprese le carte di debito, a qualunque titolo percepiti da amministrazioni pubbliche in ragione della condizione di disabilità”.

Agli enti erogatori, adesso, il compito dell’attuazione pratica della disposizione, anche a fronte della situazione che si è venuta a creare, nel frattempo, per effetto delle indicazioni normative del 2013/2014.

LE PICCONATE AL SISTEMA SANITARIO.
Conoscere la verità per smascherare le bugie del Governo nazionale, l'acquiescenza di quello regionale e della maggioranza all'ARS.

La prima verità si sperimenta di persona al bisogno: i servizi assistenziali ospedalieri ed ambulatoriali anziché migliorare stanno peggiorando, con buona pace dei piani sanitari di riordino e riqualificazione del SSR in Sicilia.
Non c'è la sostituzione migliorativa dell'assistenza dall'ospedale all'ambulatorio; non c'è la promessa presa in cura continuativa del paziente da parte dei pezzi del SSR che continuano ad ignorarsi rimanendo separati (medici di base – specialisti - ospedale ambulatori – assistenza domiciliare integrata); non c'è ancora in moltissimi, troppi casi l'umanizzazione della relazione coi pazienti sbandierata nei convegni.

Il perché? Accentuata carenza di personale rimasta irrisolta, mancata gestione meritocratica delle risorse umane che non produce il cambiamento dei comportamenti, scarsa cultura aziendale nell'amministrazione ed organizzazione del lavoro che rimane apparato burocratico indolente.
C'è un primo livello di responsabilità manageriale aziendale e regionale (più individuabile) e, soprattutto, un secondo livello di responsabilità politica di governo e di rappresentanza parlamentare ( più dissimulato dentro parole e palazzi).
Altre verità concrete si possono ricavare da due diversi interventi recenti che è utile riportare integralmente:

Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale dei Diritti del Malato, "Salute e Def 2016. Tutto quello che non hanno detto ai cittadini" e Giuseppe Di Giacomo, presidente VI Commissione dell'Assemblea Regionale Siciliana, sulla Finanziaria regionale 2016. Primo compito dei CCA, (Comitati Consultivi Aziendali) rappresentando l'interesse generale del cittadino, è contribuire a far conoscere la verità e spingere verso il cambiamento.
Il 4 maggio p.v. il Movimento di Cittadinanzattiva sarà impegnato in una mobilitazione nazionale
"Io rispetto il Patto" a tutela dei diritti del malato e del SSN.

Dopo la mail della "verifica tributaria" arriva anche quella con il "rimborso fiscale" a nome dell'Agenzia delle Entrate. Una mail che però è una truffa. Il phishing con il logo contraffatto del Fisco è ormai una consuetudine, a cambiare sono le tecniche per accalappiare i più ingenui e svuotare le loro carte di credito.
La mail truffa arriva nella casella postale con l'oggetto "Rimborso fiscale per 2014–2015", con tanto di logo. Nel testo si invita invece l'ignaro destinatario a cliccare sul link "Accedi al tuo rimborso fiscale", pagina in cui come da prassi il contribuente-preda deve inserire dati personali ed estremi della carta di credito. Chi ci casca, rischia di vedersi prosciugato il conto.
Infatti, spiega Quifinanza.it, l'Agenzia delle Entrate non comunica mai via mail, ma sempre per posta raccomandata. Online, l'unica modo per accedere a eventuali rimborsi è andare sul sito www.agenziaentrate.gov.it, cliccare su "Cosa devi fare" e quindi scegliere nel menù le voci "richiedi" e "rimborsi".Il prossimo 18 settembre a Roma, Cittadinanzattiva dedica tre eventi alla scuola.
Si da inizio alla giornata con la Presentazione del XIII Rapporto sulla sicurezza, qualità, accessibilità a scuola, con focus su "scuole belle", che si terrà dalle ore 09:30 alle 13:30 presso la Sala Aldo Moro della Camera dei Deputati.
Il Secondo evento sarà l'inaugurazione della tappa romana dell'installazione "La mia scuola è" ospitata in una piazza della città, che sarà possibile visitare gratuitamente dal 18 al 20 settembre.
Terzo ed ultimo evento la presentazione nel pomeriggio del libro "La cattiva scuola" di Alex Corlazzoli, insegnante e blogger. Per info o prenotazioni scrivere a

Giustizia per i Diritti - ricorda ai Soggetti in difficoltà economiche che esiste la LEGGE 27 gennaio 2012, n. 3. Se una famiglia non riesce a far fronte ai suoi debiti, può ricorrere al Giudice e chiedere l'applicazione del "PIANO DEL CONSUMATORE". Questa legge ha permesso e permette di elaborare dei piani del consumatore per famiglie, che per motivi gravi (perdita del posto di lavoro, la morte di un percettore di reddito, una grave malattia o altre situazioni di difficoltà non colpevole), vogliono far fronte ai loro obblighi di debito, non possono pagare tutto il debito a cui sono tenuti, ma vogliono affrontare questo loro dovere".- Gli AVVOCATI di CittadinanzAttiva sono disponibili a dare la propria assistenza professionale a quanti vogliano beneficiare della legge n. 3/2012. "Il giudice può, una volta accertate tutte le condizioni, imporre ai creditori, alle banche, un abbattimento del debito a fronte di un pagamento di una parte del totale come ovo impegno del debitore."Di fronte all'ennesimo rinvio per la pubblicazione dell'Anagrafe dell'edilizia scolastica, che il Ministero dell'Istruzione aveva promesso per il 30 giugno, Cittadinanzattiva ha appena depositato un ricorso per chiedere l'ottemperanza del MIUR rispetto a quanto gli imponeva la sentenza esecutiva del Tar del Lazio del 2014
"Con questa azione – spiega Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva - abbiamo chiesto al Giudice amministrativo di assegnare un termine di 30 giorni al Ministero dell'Istruzione e, in caso di ulteriore inadempimento, di nominare un commissario ad acta che provveda in via sostitutiva alla pubblicazione dei dati dell'Anagrafe dell'Edilizia scolastica ad oggi in possesso del Miur".

---Dopo l'inspiegabile rinvio della pubblicazione dei dati in possesso del Miur (22 aprile) e la promessa che al 30 giugno l'Anagrafe sarebbe stata completata, siamo al 7 luglio e della stessa non c'è traccia. Il motivo della mancata diffusione dei dati sembra essere determinato dal ritardo di sei regioni, Lazio, Basilicata, Molise, Campania, Sicilia, Sardegna che non avrebbero ancora inserito i dati delle proprie scuole sul sistema operativo comune di recente adozione (Conferenza Stato Regioni febbraio 2014), coordinato dal Ministero dell'Istruzione. Piccolo dettaglio: queste sei regioni coprono il 35% di tutte le scuole del Paese, 14.522 su 41.383. "Continuare a decidere di investire fondi (preziosissimi!) anche su queste sei regioni – continua Bizzarri - senza conoscerne le reali urgenze, determinarne le priorità e programmarne gli interventi, è un modo di procedere contraddittorio e sbagliato". Eppure è quello che si sta facendo con i recenti provvedimenti che, ovviamente, comprendono anche le sei regioni inadempienti.
"Questa azione è oggi ancora più urgente e necessaria in quanto lo strumento dell'Anagrafe dell'Edilizia scolastica consente sia un'oculata programmazione degli interventi già previsti dal Governo e per quelli futuri, ad opera degli Enti preposti, sia di controllare l'efficacia di quanto si sta realizzando, sia di far conoscere alle famiglie le condizioni effettive delle scuole frequentate dai propri figli".

---Da lunedì a Sabato, dalle Ore 08,00 alle ore 20,00, un Medico Pediatra è a completa disposizione dell'utenza.- Potete telefonare al numero Cell. 3450648206 e/o mandare un e mail a immunopedmessina@yahoo.it, per problemi di allergia (asma, rinite, dermatite atopica, reazione allergica a farmaci, vaccinazioni in ambiente protetto), sospetto immunodeficit (Infezioni respiratorie ricorrenti, infezioni gravi...).I Medici dello Staff del prof. Salpietro saranno a Vostra disposizione per i piccoli ammalati.

CCA (Comitato Consultivo Aziendale) AOU Policlinico "G. Martino" Messina.- Un servizio che rende Reparto di Eccellenza la Pediatria del Policlinico Universitario di Messina e l'U.O.C. Genetica ed Immunologia Pediatrica - diretto dal Prof. Carmelo Salpietro.

Cittadinanzattiva su mancata pubblicazione Anagrafe edilizia scolastica: indignati per l'ennesimo rinvio.

"Ancora una volta assistiamo ad un dietro front sull'Anagrafe dell'edilizia scolastica. Ci sentiamo indignati e delusi, ma non resteremo inermi di fronte a questo ennesimo rinvio. Daremo corso a nuove iniziative: un'interrogazione parlamentare; l'individuazione di altre iniziative legali nei confronti del Ministero dell'Istruzione, già inadempiente rispetto alla sentenza del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato dei mesi scorsi; una mobilitazione di protesta", è quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva rispetto all'ennesimo rinvio della pubblicazione dell'Anagrafe che il Ministero, tramite il sottosegretario Davide Faraone, aveva annunciato.
Il MIUR ha affermato che il rinvio della pubblicazione, peraltro a data non definita, è determinata dal mancato invio dei dati da parte di 5 regioni.
"Chiediamo inoltre che, a causa dei continui episodi di crolli nelle scuole, si acceleri l'approvazione di quanto previsto dal DDL 2994 sulla scuola, con particolare riferimento all'avvio delle indagini diagnostiche su solai e controsoffitti. Se si dovessero allungare i tempi di approvazione del Disegno di legge, chiediamo che venga stralciata l'intera parte riguardante l'edilizia scolastica perché possa essere approvata velocemente ed attuata nel minor tempo possibile".

----Intesa Stato Regioni su tagli al Fondo sanitario: un teatrino sulla pelle dei cittadini. Ancora una dimostrazione della insostenibilità dei tagli e dello smantellamento della sanità pubblica.

"Le evidenti difficoltà che Governo e Regioni stanno incontrando nel decidere come attuare i tagli che loro stessi hanno deciso di 2,5 mld, e il teatrino a cui i cittadini stanno assistendo, in un rimpallo di responsabilità continuo, dimostra l'insostenibilità degli stessi tagli; tagli che da tempo la nostra organizzazione denuncia, e che dal nostro punto di vista mettono in serio pericolo i diritti dei cittadini e lo stesso Servizio Sanitario pubblico, che in questo modo si sta progressivamente smantellando", queste le dichiarazioni di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva in merito alla "intesa" Stato-Regioni sui tagli al Fondo Sanitario Nazionale. Le bozze di intesa circolate sono fortemente negative per i diritti dei cittadini e non possono essere assolutamente condivise. Ecco i punti critici secondo l'organizzazione. Lotta all'inappropriatezza. "Siamo a favore del contrasto all'inappropriatezza perché danneggia tutti", ha dichiarato Aceti, "ma non si può scaricare sulle tasche dei cittadini o su quelle del professionista questo costo: si creerebbe solo una ulteriore causa di tensione tra presone e medici, di cui non si sente assolutamente il bisogno. La lotta alla appropriatezza sembra semplicemente una riduzione di accesso ai servizi, mentre sarebbe più opportuno lavorare a PDTA e linee guida, strumenti che non penalizzano nessuno e su cui siamo molto indietro. Chiediamo di essere coinvolti nella stesura del decreto che definirà le condizioni di erogabilità delle prestazioni per evitare che con la scusa dell'appropriatezza si faccia un razionamento dei servizi". Spesa farmaceutica. "Il taglio alla farmaceutica attraverso la revisione del prontuario verrà scaricato sulle tasche dei cittadini, per effetto di una nuova classe di farmaci (terapeuticamente assimilabili) il cui significato non è chiaro", ha continuato Aceti. "Quello che è certo è che i cittadini che dovranno assumere un farmaco con un costo diverso da quello indicato come rimborsabile dovranno pagare la differenza di prezzo, che sarà molto più alta di quello che già affrontano con i farmaci equivalenti rispetto a quelli di marca. Toccherà quindi ai cittadini pagare di tasca propria i farmaci innovativi o con meno effetti collaterali, lasciando a chi non può gli altri? Tutto questo meccanismo, tra l'altro, è assolutamente poco trasparente e comprensibile. Così come siamo preoccupati per un eventuale taglio al Fondo per i farmaci innovativi, che invece andrebbe velocemente ripartito tra le Regioni per garantire pari accesso ai cittadini italiani". Spesa per beni e servizi. "L'altro rischio è che si limiti l'accesso ai dispositivi medici e a servizi come l'ADI di cui le persone hanno effettivamente bisogno", ha ancora aggiunto Aceti, "oppure che si continui a penalizzare la qualità, l'innovazione, la personalizzazione e l'accessibilità delle cure. Curioso tra l'altro vedere un riferimento ai contributi per le associazioni di volontariato all'interno della tabella che riguarda l'acquisto di beni e servizi. Queste soluzioni dimostrano la impraticabilità di tagli da 2,5 miliardi nel 2015 e altrettanti nel 2016, pena lo smantellamento di un servizio sanitario pubblico, l'erosione dei redditi familiari, e l'ennesima divergenza tra il diritto alle cure tra chi dovrà accontentarsi e chi potrà pagare e permettersi una assistenza di qualità". "Noi non staremo inermi di fronte a tutto ciò", ha concluso Aceti. Con la campagna itinerante "Sono malato anch'io, la mia salute è un bene di tutti" in 23 città (www.sonomalatoanchio.org) spiegheremo ai cittadini anche cosa vuole dire la riduzione dei fondi per il SSN e cosa stanno facendo Regioni e Governo sulle loro teste, parlando di riqualificazione, lotta agli sprechi e gli effetti sui diritti. Tutti giri di parole che nascondono una difficile verità:il tentativo di progressivo smantellamento della sanità pubblica e universale. Stiamo già lavorando con gli attori del servizio sanitario che condividono questa preoccupazione per opporci al processo di dismissione continua e mascherata del SSN.. E come anche la Commissione del Senato ha sottolineato, "il servizio sanitario nazionale è sostenibile tanto quanto noi stessi decidiamo che lo sia".

*Coordinatore CittadinzAttiva Eolie

---Sono malato anch'io. La mia salute è un bene di tutti

Al via il 18 aprile la campagna itinerante del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva

Con la campagna itinerante "Sono malato anch'io – La mia salute è un bene di tutti", il Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva, in occasione del trentacinquennale dalla sua fondazione, attraverserà tutto il nostro Paese, facendo tappa in 23 diverse città, a partire dal 18 aprile 2015 e fino alla fine del mese di ottobre. La campagna è realizzata con il sostegno non condizionato di ABBVIE, e avrà come partner il portale di crowdfunding "EPPELA".

La campagna sarà rappresentata nelle principali piazze per due giorni da una "mostra fotografica" sui diritti dei cittadini, ispirata ai 14 diritti contenuti nella Carta Europea dei Diritti del Malato promossa da Cittadinanzattiva nel 2002, e un grande gazebo personalizzato.

Il tour, che sosterà in ogni città due giorni, oltre al tema principale, cioè la tutela e il rilancio del Servizio Sanitario Nazionale pubblico, universale, equo, accessibile e di qualità, permetterà di toccare i principali problemi che vivono le persone quando hanno bisogno dei servizi sociali e sanitari al livello territoriale e regionale.

Le tappe interesseranno prevalentemente città di medio-piccole dimensioni perché sono i territori più penalizzati o considerati sacrificabili in termini di servizi in molte aree del nostro Paese.

"Con questa campagna vogliamo contrastare lo smantellamento in atto del Servizio Sanitario Pubblico", ha dichiarato Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva. "Ne sono la prova il taglio di 5 miliardi di euro al SSN nel 2015 e 2016; i ticket talmente alti da rendere più conveniente per alcune prestazioni il ricorso al privato (analisi, prestazioni per gravidanza, e molte altre); la revisione annunciata dei ticket che impatterebbe negativamente su malati cronici e rari; la decisione del Governo sull'ISEE di ricorrere al Consiglio di Stato per affermare il principio che invalidità civile e accompagnamento sono fonti di reddito. Di fatto le tasche dei cittadini e delle famiglie vengono utilizzate come bancomat da cui prelevare soldi riducendo i diritti. Per questo", ha concluso Aceti, "l'impegno del Tribunale per i diritti del malato cominciato 35 anni fa si rafforza per garantire i diritti dei malati che la Costituzione riconosce e lo fa chiedendo a tutti di mobilitarsi, perché tutti possano dire "La mia Salute è un bene di tutti, il Servizio Sanitario nazionale anche".

In ogni città saranno organizzati due momenti: uno di piazza, dove i volontari del Tribunale per i diritti del malato saranno a disposizione per distribuire materiale informativo sui diritti, raccogliere suggerimenti e segnalazioni, offrire consigli e consulenza gratuitamente e accogliere chi vorrà diventare "cittadino attivo". L'altro per un incontro-confronto con i principali attori locali, dal Presidente della Regione alle diverse professioni sanitarie, al fine di agire insieme per il miglioramento delle criticità che saranno segnalate dai cittadini.

Le questioni che saranno affrontate con i cittadini e le istituzioni sono varie, e legate ai problemi emergenti o storici dei territori: dall'impatto dell'ambiente sulla salute all'organizzazione dei servizi al di fuori del contesto ospedaliero; dalla equità nella distribuzione dei servizi e dell'accesso tra territori montani e grandi città alla sofferenza mentale; dalle risposte in caso di bisogno di un intervento urgente, all'assistenza per chi ha fragilità o malattie croniche; dalle liste d'attesa ai disagi nei pronto soccorso; dall'attenzione verso la persona che ha bisogno di cura alla trasparenza delle decisioni e il riconoscimento del ruolo dei cittadini nelle scelte, solo per fare alcuni esempi.

"La sostenibilità è la grande sfida che si pone ai sistemi sanitari oggi e ancor più negli anni a venire per effetto combinato di invecchiamento della popolazione, aumento delle malattie croniche, e i pressanti vincoli di bilancio. Ciò è tanto più vero per l'Italia che per invecchiamento della popolazione è il primo paese in Europa e il secondo nel mondo. A questo fine è fondamentale la promozione di un ruolo più attivo e partecipe dei cittadini nella gestione della propria salute, come una delle azioni principali da attuare per accrescere la qualità dell'assistenza e la sostenibilità dei sistemi sanitari. – Sottolinea Fabrizio Greco, amministratore delegato di AbbVie Italia - In questa ottica si colloca il nostro sostegno alla campagna promossa da Cittadinanzattiva "La mia salute è un bene di tutti" che, attraverso un'azione itinerante e capillare sul territorio, è diretta ad accrescere il coinvolgimento e la consapevolezza dei cittadini nella tutela della propria salute".

"Sono malato anch'io – La mia salute è un bene di tutti" si presenterà nelle principali piazze con un grande gazebo personalizzato, all'interno del quale sarà possibile usufruire dell'aiuto degli attivisti del TDM per tutelare i propri diritti, per raccontare della propria esperienza con i Medici di medicina generale rispondendo ad alcune domande, ma anche sostenere la campagna di comunicazione "mettendoci la faccia" in favore dei diritti delle persone che hanno bisogno di cure e del rilancio del Servizio Sanitario Nazionale pubblico: nel gazebo sarà ospitato anche un piccolo set fotografico attraverso cui si può diventare protagonisti prestando il proprio volto.

L'immagine realizzata sarà immediatamente caricata sul sito www.sonomalatoanchio.org e condivisa sui profili dei social network di Cittadinanzattiva. Su Twitter, la campagna sarà caratterizzata dal hashtag #sonomalatoanchio. Attraverso lo stesso sito sarà inoltre possibile sostenere la campagna anche per chi non potrà venire in piazza: un semplice scatto fotografico e ogni persona diventerà protagonista.

Particolarmente significativa sarà poi la tappa di Roma. Il 14 giugno, esattamente 35 anni dopo l'evento che segnò la nascita del Tribunale per i diritti del malato, in Piazza del Campidoglio, e la proclamazione della prima Carta dei diritti del malato. Saranno protagonisti molte delle persone che hanno rappresentato momenti molto importanti nella vita del TDM. Saranno inoltre ricordate le figure di Giovanni Berlinguer, personalità in molte occasioni al fianco del Tribunale in battaglie legate ai diritti, e del giornalista ANSA Francesco Marabotto, prematuramente scomparso lo scorso anno, firma molto nota del giornalismo sanitario e primo segretario del Tribunale per i diritti del malato.

Il Tribunale per i diritti del malato, insignito nel 2006 della Medaglia d'oro al merito della Sanità pubblica con questa campagna e mobilitazione delle sue oltre 300 sedi presenti sul territorio intende dare concretezza a parti del messaggio di insediamento del Presidente della Repubblica.

Da 35 anni, il Tribunale è impegnato affinché i diritti delle persone siano rispettati senza confini, perché la Costituzione sia veramente applicata; perché la salute sia considerata e tutelata come bene comune.

*Coordinatore CittadinzAttiva Eolie

---"La mia salute è un bene di tutti". Domani a Roma la conferenza stampa di presentazione del tour del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva. Parteciperà il Ministro Lorenzin.

Si terrà domani 16 aprile a Roma, dalle ore 11 alle 12:30, presso l'Albergo del Senato (Piazza del Pantheon) la conferenza stampa di lancio de "La mia salute è un bene di tutti", la campagna itinerante del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva con cui l'organizzazione festeggerà i suoi 35 anni di attività e rilancerà le proprie attività di tutela dei cittadini e a favore di un SSN accessibile, universale e di qualità.

Alla conferenza stampa parteciperanno tra gli altri il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, Pier Paolo Vargiu, Presidente XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati e Lucia Borsellino, Assessore alla Salute della Regione Sicilia in rappresentanza della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, il coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato Tonino Aceti e l'amministratore delegato di Abbvie, azienda partner dell'iniziativa, Fabrizio Greco. La conferenza stampa sarà moderata da Cesare Fassari, direttore di "Quotidianosanita.it"

*Coordinatore CittadinanzAttiva Eolie

---Dopo numerosi incontri e trattative, la nostra Associazione ha ottenuto dall'INPS Provinciale di Messina, che le visite di revisione e quelle ordinarie di "Invalidità Civile" vengano effettuate a Lipari, senza dover recarsi a Messina, creando non pochi disagi a noi cittadini Eoliani.
Tale servizio sarà operativo a partire del prossimo mese di Settembre 2015, sempre presso la stessa sede del Presidio Ospedaliero di Lipari.
Un'altra battagila vinta concittadini.

*Coordinatore CittadinanzAttiva delle Eolie

--L'Assemblea Territoriale di Lipari, porta a conoscenza Tutti i suoi iscritti e i Cittadini Eoliani, che sono disponibili presso la sede Municipale in P.zza Mazzini, i modelli per la sottoscrizione dell'abrogazione della "Legge Fornero" per i Pensionati. Tutti noi sappiamo l'amarezza e rabbia che ci ha procurato tale nefanda Legge, questo referendum è stato voluto dalla Lega Nord, e per una volta siamo tutti d'accordo, almeno su questo punto, la "Legge Fornero" va ABROGATA per rendere giustizia a tutti i pensionati Italiani, sempre più tartassati e mai ascoltati.

Andiamo tutti a firmare il referendum, mancano solo otto giorni alla scadenza, rendiamo giustizia a questa categoria che il più delle volte non ha voce, ed è volutamente inascoltata.

*Coordinatore CittadinzAttiva Eolie

---Esprimiamo soddisfazione per il parere espresso dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato sullo schema di D. lgs di attuazione della Direttiva europea sulle cure transfrontaliere.

Queste le dichiarazioni di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva "Il parere, infatti, pur essendo favorevole pone specifiche "condizioni" e "osservazioni" che recepiscono parte delle proposte di modifica che la nostra organizzazione ha posto all'attenzione delle Commissioni parlamentari competenti, della Conferenza Stato-Regioni e del Ministero della Salute". Ad esempio: l'individuazione di meccanismi di rimborso delle spese di viaggio e alloggio sostenute dalle persone con disabilità per usufruire delle cure e dell'assistenza negli altri Stati membri, l'adozione di linee guida interpretative volte ad assicurare l'omogeneità di applicazione del Decreto sul territorio nazionale, la previsione di un sistema di monitoraggio dell'applicazione del Decreto mediante audizioni e consultazioni periodiche delle Associazioni di cittadini e di pazienti da parte del Ministero della Salute, nonché l'obbligo per l' ASL che rifiuta l'autorizzazione preventiva di individuare e comunicare precisamente al cittadino la struttura che è in grado di garantire sul territorio nazionale la prestazione nei tempi appropriati dal punto di vista clinico.

"Ora chiediamo al Governo di recepire le "condizioni e le osservazioni" poste dalla Commissione Sanità del Senato", ha concluso Aceti, "nonché di migliorare ulteriormente il testo accogliendo anche tutte le altre proposte che Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato aveva già formulato (http://cittadinanzattiva.it/comunicati/salute/politiche-sanitarie/5782-schema-decreto-cure-transfrontaliere.html)".

*Cittadinanzattiva Sicilia onlus Assemblea Territoriale di Lipari – Is Eolie

aktea.jpg