Eventi e Comunicazioni

agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

12227650_10206063482678727_6936674765892011935_n.jpg

di Lino Natoli

Dopo anni di convegni, studi, tavoli tecnici, finalmente sappiamo cosa manca alle Eolie per uno sviluppo strutturale e compatibile del turismo: la musica. Non la musica da concerto o da discoteca, manca la musica dei bar, quella sparata con amplificatori a palla, con basso elettrico e batteria, quella che scuote i sentimenti e fa vibrare i vetri delle finestre, la musica
dei complessi che stanno a pochi metri l’uno dall’altro e riempiono il corso. La musica che inevitabilmente si sovrappone e fa sembrare i cantanti stonati, i suonatori sempre fuori tempo, le canzoni un mix inestricabile. Manca la musica che faceva ballare i clienti dei bar sui tavolini, non essendo possibile farlo per strada perché tutta occupata da tavolini, che iniziava all’ora dell’aperitivo e finiva quando Dracula rientra nella tomba. Quella musica sembra facesse parte della nostra identità adesso violata.

Un conoscente che abita in una delle più rinomate e visitate città turistiche della Sicilia, venendo in vacanza a Lipari, mi ha chiesto dove, sul corso, ci fosse un posto per fare un po' di casino. Gli ho chiesto se nella sua città vi fossero dei posti simili, ovviamente mi ha risposto di no, perché non è consentito. Ecco cosa vuole il turista, il casino che non può
trovare a casa sua e che invece contraddistingue le nostre isole, Lipari in particolare. Il nome di Lipari, in certi settori del turismo, viene associato al casino, come quello di Mazzarà Sant’Andrea alla discarica. Mazzarà Sant’Andrea, prima che venisse assassinato con la realizzazione della discarica, era, secondo me, uno dei borghi più belli della Sicilia.

La discarica gli ha dato una nuova identità, come la musica per strada, il casino, l’ha data a noi.
Adesso che questa identità è stata violata, il popolo si lamenta e rimpiange i bei tempi ricordandoli su facebook non senza un malcelato livore politico. Mi dicono che persino dopo anni di appelli, segnalazioni, esposti inviati a quasi tutte le istituzioni regionali e nazionali, per limitare lo sbarco selvaggio di escursionisti dai barconi che scalano Panarea e Stromboli, qualcuno stia cominciando a rimpiangerli. Non voglio crederci, se fosse vero sarebbe il
momento di chiedere l’istituzione di un presidio psichiatrico permanente.

Siccome tutta questa ondata di polemiche puzza tanto di strumentalizzazione politica (e qui la strumentalizzazione non può che andare a braccetto con la musica), sarebbe il caso di ricordarsi che fra qualche anno si rivoterà. Ciascuno potrà ricostituire le proprie orchestre, affidarsi ai soliti capibanda e ritornare a riproporre la stessa musica: quella musica ribelle
che, come dice il poeta, ti vibra nelle ossa e ti entra nella pelle.

All’Università Pegaso di Roma l’eoliano Francesco Paino, già nell’Arma dei Carabinieri, si è laureato in giurisprudenza con 110 discutendo la tesi 'L'attività amministrativa per la tutela dell'interesse ambientale".

356845602_10228059392023614_4937606512433905594_n.jpg

Al neo dottore, ai familiari e allo Zio Pino Portelli di Canneto le congratulazioni e le felicitazioni del Notiziario

mea-4.jpg