ELEZIONI COMUNALI DEL 12 GIUGNO A LIPARI, SANTA MARINA SALINA E MALFA 

081120225-b0f3eb77-8a95-475e-8ce6-73e5e08dd6ee.jpg

Codice di autoregolamentazione per la pubblicità -
Programmi di propaganda elettorale e comunicazione politica su NOTIZIARIOEOLIE.IT 

DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000 N. 28 E S.M.I. E DELL'ART. 20 DELLA DELIBERAZIONE N. 84/06/CSP DELL'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI, PUBBLICATA SULLA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA N. 87 DEL 13 APRILE 2006

IL NOTIZIARIOEOLIE.it intende pubblicare propaganda elettorale a pagamento in occasione delle prossime elezioni amministrative 2022  [Leggi tutto...]

downloadVF41.jpg
 
di Antonio De Luca*
 
RISTORI PER ALBERGATORI DI VULCANO.
Grazie ad un mio emendamento, nella finanziaria regionale sono stati stanziati 200mila euro per ristorare gli albergatori di Vulcano.
In questo momento così difficile per i residenti e gli imprenditori non potevo stare con le mani in mano ed assistere inerme agli eventi che hanno danneggiato gravemente gli albergatori dell’isola di Vulcano.
 
I 200 mila euro che ho stanziato verranno destinati alle strutture alberghiere dell’isola di Vulcano, per ristorarli almeno parzialmente delle perdite subite a far data dal primo ottobre 2021 per effetto dell’intensificazione delle attività vulcaniche e della chiusura disposta con ordinanza del Comune di Lipari n.124 del 20 novembre 2021.
 
In qualità di rappresentate delle Istituzioni, ho sentito il dovere morale di raccogliere il grido di allarme degli albergatori ed aiutarli concretamente.
L’Assessorato alle attività produttive, entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge finanziaria, dovrà emanare un decreto per stabilire i criteri di ripartizione dei contributi, previa concertazione con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative delle strutture presenti sul territorio dell’isola di Vulcano.
Sono molto orgoglioso per questo importante traguardo raggiunto.
 
*Deputato regionale M5S
 
NOTIZIARIOEOLIE.IT
 
5 LUGLIO 2021
 
 

Le reazioni

Sergio La Cava,.jpg

di Sergio La Cava

2) Mi permetto di tornare sull'argomento dei ristori limitati ai soli albergatori di Vulcano, per effetto di un'ordinanza che è durata un paio di mesi, in un periodo, dunque, dove gli unici che hanno sofferto a parte il comparto dell'edilizia come già sottolineato nell'art di ieri sono stati semmai gli esercenti dei supermercati che hanno continuato a dare un servizio alla comunità, ai panifici e quelle pochissime attività che solo per spirito di servizio, incuranti delle perdite riportate per effetto del mancato afflusso di qualunque persona non residente (da noi il turismo del week end costituisce anche esso una fetta di economia) hanno continuato a restare aperti a disposizione della comunità.

Loro certamente sarebbero meritevoli, dimostrando semplicemente con i corrispettivi il danno subito, di contribuzione.
Per precisare quanto scritto ieri ,ho sentito il dovere di aggiungere categorie regolarmente dimenticate dal "salvifico"emendamento.

1) Leggendo l'articolo che con tanta enfasi viene pubblicizzato sui ristori per gli albergatori di Vulcano a far data dal 1 ottobre 2021 per effetto dell'ordinanza del sindaco in seguito ai noti fatti riguardanti l'isola vorrei sottolineare quanti segue:

l'ordinanza emessa a tutela della salute dei residenti ha riguardato il periodo invernale e come tutti sanno non l'estate 2021.

Sarebbe stato più opportuno oltre a pensare agli albergatori d'inverno, pensare alle imprese edili che hanno ricevuto decine di disdette di lavori già ordinati e in alcuni casi si sono visti bloccare i pagamenti di lavori mai iniziati ma con materiale ordinato.
Nessuno ha pensato a ristorarli?

Chi ha pensato a ristorare i tanti lavoratori dellìedilizia che da quel mestiere hanno l'unica entrata per sostenere la famiglia.
Penso che se un parlamentare si spende,deve spendersi per il popolo che non arriva a fine mese. Tante categorie andavano ristorate magari si potevamo inserire nel tanto decantato emendamento

downloadv54.jpg

di Pietro Lo Cascio 

Sui ristori di Vulcano

In questa interessante querelle sorta intorno all’emendamento presentato dell’on. De Luca che ha previsto ristori per gli albergatori di Vulcano, a fronte dei quali viene fatto rilevare che anche le imprese edili dell’isola avrebbero avuto diritto a ottenere un trattamento paritario, ritengo opportuno intervenire per spezzare una lancia a favore di un’altra categoria, quella delle guide, alla quale mi onoro di appartenere.

Tale categoria non ha certamente sofferto nei mesi invernali, ma sta soffrendo oggi e soffrirà per tutta la stagione 2022. Come è noto, le ordinanze sindacali che si sono succedute a partire da ottobre vietano infatti l’accesso al cratere di Vulcano, e tale divieto – è facile immaginare – rimarrà in vigore per lungo tempo.

Le guide di Vulcano, di Lipari e di altre isole accompagnavano ogni anno un gran numero di visitatori sul cratere. Oggi non lo possono più fare, e per loro si profila una pessima stagione.
Sono le stesse guide che, con un generoso sforzo di volontariato e nel tentativo di offrire una minima alternativa ai visitatori, hanno ripulito e reso finalmente agibile – dopo decenni di abbandono – il sentiero per i crateri di Vulcanello; il percorso è bello, ma certamente non paragonabile per capacità di attrazione al precedente.

Queste guide, pertanto, non lavoreranno.
Ma oltre a non essere considerate dai ristori dell’emendamento, le guide sono “invisibili” anche a livello locale. Non ho sentito nessuno tra i candidati a sindaco accennare al problema, o porsi una domanda sul presente e sul futuro di questa categoria.
Forse pensano che le guide non salgano sul vulcano per lavorare, ma per tenersi in forma, per fare gratificanti passeggiate, o perché innamorate della struggente bellezza del paesaggio.
Oppure, ed è ciò che sospetto fortemente, non pensano nulla.

di Sergio La Cava

Mi preme intervenire,ancora una volta sulla questione dei ristori.
Devo e lo faccio volentieri,sposare appieno l'appunto fatto dall'amico Pietro Lo Cascio con il quale mi scuso e,per suo tramite, con le guide, per non averle citate nel mio intervento.
Le guide,da sempre rappresentano una risorsa per noi e i nostri visitatori, che con la loro professionalità danno un senso all'immenso patrimonio di sentieristica e, ovviamente dei Vulcani delle isole.

In particolare ne apprezzo la costanza e la dedizione,pur se a volte sottovalutati.
Certo l'on De Luca,questa si che è una categoria che andrebbe ristorata.
Mi scuso con gli interessati per l'omissione e mi riprometto di segnalare anche in questa campagna elettorale le tematiche care a tutti noi, nelle quali le guide possono darci valide proposte che, mi auguro, possano essere inserite nei vari programmi elettorali

di Pietro Lo Cascio

Guide del cratere di Vulcano: non serve un emendamento.

Desidero ringraziare Sergio La Cava per il suo ultimo intervento, e non solo per gli apprezzamenti rivolti alle guide che operano (o meglio, che operavano) sul cratere di Vulcano, ma anche per essere stato il primo tra i numerosi esponenti politici impegnati nella campagna elettorale per le amministrative del nostro Comune ad avere colto con attenzione e sensibilità il difficile momento che vivono questi professionisti.
Tuttavia, non è indispensabile un emendamento parlamentare per risolvere o quanto meno attenuare il problema.

Faccio notare infatti che nel 2019 – dopo le eruzioni “maggiori” dello Stromboli e il successivo divieto di accesso ai crateri – il sindaco di Lipari con ordinanza n. 64 del 09/07/2019 ha disposto un servizio di “presidio, vigilanza e informazione”, affidandolo alle guide che operavano a Stromboli, e che tale servizio è stato rimborsato con uno stanziamento di oltre 50.000 euro previsto nel capitolo 646 del bilancio dello stesso anno.
Da quando l’accesso al cratere di Vulcano è stato interdetto, invece, nessuno ha pensato di predisporre un servizio analogo.

Il risultato è alquanto paradossale: noi guide, per evidenti motivi di deontologia professionale, siamo costrette a informare i potenziali clienti dell’impossibilità di visitare il cratere, mentre ogni giorno decine di escursionisti – per i quali la prospettiva di una sanzione non rappresenta evidentemente un efficace deterrente, anche a fronte dei controlli effettuati solo saltuariamente dalle forze dell’ordine – salgono indisturbati sul vulcano. In sostanza, i nostri clienti guardano le sagome lontane dei visitatori che camminano sul sentiero o si stagliano sull’orlo del cratere, magari chiedendosi perché loro non possano essere lì, e noi allarghiamo le braccia. Credo che questa grottesca situazione, destinata a intensificarsi nel corso della stagione, non necessiti di ulteriori commenti.

Lipari, filo diretto con Sydney

281335661_10225437261391987_2786335358246633334_n.jpg

Lipari - Da Sydney il ritorno dei coniugi Teresa e Gennaro Rago...

Lipari, altra nave da crociera con 300 turisti VIDEO

279767945_10225436771859749_4704799081663384878_n.jpg
 
Lipari - In rada si è ancorata Seabourn Quest, con bandiera Bahamas, di quasi 200 metri.
 
Giunta da Napoli con 300 turisti proseguirà per Siracusa 
 
VIDEO
 

 

Lipari, a Canneto nella spiaggia di Unci carcassa di delfino 

518ec123-4bfb-48a6-833e-76f126154881.jpg
 
85ba4b46-809d-4c67-8b7a-a703cf568d92.jpg
 

IMG-20200914-WA0002 (1).jpg

idealcolor-ban.jpg

279697024_112785008089475_9062739908527236288_n.jpg

 

Alicudi, scossa di terremoto avvertita da isolani anche a Filicudi VIDEO

280106862_10225437799085429_267134564253800000_n.jpg

Alicudi - Un terremoto di magnitudo 3.8 è avvenuto al largo delle Eolie alle 13,57. E' stato localizzato dalla:sala sismica dell'Ingv di Roma.L'ipocento è stato in mare tra Alicudi e Filicudi ad 11 chilometri di profondità. La scossa è stata avvertita da isolani e turisti ma non si registrano danni a immobili. 

di Italo Palermo  · 

Alicudi ,la sciara di Pajno durante il terremoto di oggi VIDEO

Leni, è deceduta la signora Alberta Belfiore

downloadcand.jpg

Leni - E' deceduta la signora Alberta Belfiore vedova Rao
Aveva 87 anni
Ai familiari le condoglianze del Notiziario

airpanarea.jpg