Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità 

Questo sito utilizza Cookie tecnici e di profilazione di terze parti. Clicca sul bottone - chiudi - per accettare l'uso dei cookie e proseguire la navigazione.

Stampa
Categoria: Video Interviste

images/banners/immagini_random/castalia.gif

32471957_10214206830078223_1413704574425890816_n.jpg

Presenti anche i lavoratori ex Pumex. Richiesto di trattare l'annoso problema al primo punto. Pronte manifestazioni di proteste per richiamare l'attenzione dello stato di una situazione che ha bisogno di una certezza definitiva. Inizio seduta 10,30.

WhatsApp_Image_2018-05-14_at_12.09.54.jpeg

Dopo l’appello ci sono 9 presenti e 7 assenti. Il presidente Biviano fa votare la situazione ex Pumex ma prende la parola il consigliore Fonti che é d'accordo ma vuole la presenza del sindaco. Non si può perdere tempo. La Consigliera Gullotta anticipa voto favorevole di Vento Eoliano e chiede la presenza del ragioniere capo.

La consigliera Pajno anticipa voto favorevole ma vuole presenza tecnica. Il consigliere Grasso vota favorevole e chiede relazione tecnica sulla situazione delicata. Il consigliere Finocchiaro anticipa voto favorevole, pronto ad iniziare a parlare sui lavoratori. Si vota all'unanimità per trattare al terzo punto dell'ordine del giorno.

Si parla dell’inizio dell’ora dei lavori. Sarà convocata conferenza dei servizi in merito. L’assessore De Luca porta i saluti del sindaco ma per pregressi impegni familiari non può essere presente. Esprime disponibilità totale per gli ex Pumex dove l’attenzione è totale. Parere favorevole si vota per la surroga dimissioni De Luca e viene nominato all’unanimità il signor Fulvio Pellegrino che entra in aula per prestare giuramento. Dopo giuramento grande applauso.

Dimissioni di Gaetano Orto si procede surroga per signora Eliana Mollica, voto all'unanimità che presta subito giuramento. Segue applauso scrosciante.Interviene il consigliere Fonti mette in risalto che l’insediamento dei nuovi consiglieri vengono eletti grazie alla minoranza e con l’occasione fa gli auguri al consigliere Sabatini il quale nel ringraziare per gli auguri chiede sempre la presenza di tutti e un minimo di sacrificio magari allungando anche al pomeriggio o alla sera. trovare l'orario per l'attenzione dovuta. Il consiglire Fonti fa gli auguri ai nuovi per andare avanti.

Il presidente Biviano ringrazia i nuovi entrati e dimissionari. Lascia la parola al nuovo consigliere Pellegrino che ringrazia dichiarando di essere il consigliere di tutti con il massimo impegno. L'assessore De Luca ringrazia i colleghi tutti e spera di continuare a fare il bene del paese che ha bisogno un governo all'altezza del territorio. Il consigliere comunale Finocchiaro interviene sull'ottimo lavoro dei consiglieri dimissionari e augura buon lavoro a tutti. 

images/banners/immagini_random/scavolini.gif

Il nuovo consigliere Mollica ringrazia sperando di assolvere al ruolo con responsabilità e dovere. Si passa sulla situazione relativa agli ex Pumex. Inizio discussione sui dipendenti ex Pumex.Viene proposto l’invito, su proposta del presidente Biviano, mentre il consigliere Pellegrino chiede l’ingresso del dottor Subba. Il consigliere Fonti, che continua a “consumare il microfono” secondo il presidente Biviano, chiede se il Consiglio è in grado di affrontare l’argomento. Il geom. Bartolo Natoli in modo chiaro espone che i dipendenti ex Pumex sono alla fame. Da 5 mesi non prendono lo stipendio pur lavorando. La finanziaria pubblicata espone i soldi, entro il 27 di maggio i lavoratori devono almeno avere un acconto.

Le 33 famiglie lavorano e si pagano la benzina ma non hanno i soldi per un panino. Molti uffici comunali funzionano grazie ai lavoratori ex Pumex. Basta vedere quello dell'acqua. Il Comune di Lipari ha i suoi vantaggi se segue le regole e i lavoratori anche se non prenderanno i soldi di una volta si possono accontentare. Noi chiediamo scusa per il disturbo. Pecoraro Scanio se non chiudeva la Pumex non dava il sito Unesco. Solo noi lavoratori stiamo pagando l'alto prezzo. Non prendiamo la mobilità perché c'é un abuso e non siamo stati assunti. Non c'era bisogno di chiudere la Pumex. Io prendevo lo stipendio di 3 mila euro ed oggi dobbiamo elemosinare un panino. Appalusi scroscianti e di cuore.

Avremmo bisogno di un contratto di somministrazione. I lavori Pumex con questi passaggi complicati non riescono a capire. Il comune deve fare una lotta per essere utilizzati in maniera diretta. Non si trova il dirigente Subba. Parla l'assessore Merenda che l'amministrazione è solidale con il sindaco disponibile per i lavoratori. Il comune considera non come sigle i lavoratori ma come famiglie e tutti i giorni sono nei pensieri di tutti. Il comune sarebbe in ginocchio senza i lavoratori ex Pumex. per dare continuità é necessaria una delibera quella del 16 gennaio 2018 anche ina ssenza copertura, la finanziaria non é arrivata.

Approvata la seconda delibera per coprire. I tempi della Pubblica amministrazione sono lunghi, il sindaco è in contatto continuo per liberare le risorse fino all'anno successivo. Il sindaco ha coperto con la propria faccia. Il sindaco avrà incontro a Palermo. Questo è quanto amministrativamente si può fare. Parla Il presidente Biviano che dice di conoscere bene l’argomento ex Pumex, ricorda i viaggi a Palermo, le lotte con gli uomini di partito.

Dice di essere sicuro che bisogna fare una legge, la giunta può mettere delle pezze. Serve intervento con provvedimento  legislativo. Le responsabilità sono del governo regionale. Da destra a sinistra. Nessuno ha potuto affrontare la situazione per mancanza di peso politico. Ci sono le leggi che vincolano. C'é l’aspetto politico per una legge nella legge, ma dal punto di vista amministrativo non si può più di tanto. Un pò come la questione del depuratore. “Nessuno dei lavoratori ha mai parlato con me” ricorda il presidente Biviano che aggiunge di essere adesso all’opposizione a Palermo. La legge è chiara, fin quando non viene fatto il decreto, il comune non può più di tanto. Posso sbagliarmi, anzi spero. 

images/banners/immagini_random/laise-banner.gif

I lavoratori cercano di farsi ascoltare riscaldando il clima d’attesa visto che il rag. Capo è irrintracciabile. Però se non paga la Regione deve pagare il Comune ma deve essere approvato il bilancio di previsione che deve essere approvato. Sono preoccupato che intanto i lavoratori non prendono i soldi. La velocità è nella pressare la Regione. I lavoratori reagiscono e ricordano i precedenti 2016 e 2017 quando sono stati pagati. "Il sindaco non dorme sonni tranquilli" aggiunge il presidente Biviano che ribadisce che tuttti i consiglieri sono sensibili e preoccupati.

Cerchiamo tutti di capire la situazione. La volontà c’è se poi si sbaglia ma bisogna confortarsi con la legge conclude Biviano. Interviene il consigliere Finocchiaro che esprime la necessità dei lavoratori che è certo che la via più breve sia il decreto regionale. ll consigliere Grasso dice di guardare in faccia i lavoratori che aspettano lo stipendio. Loro lavorano e se non prendono gli stipendi possono non lavorare. Bisogna fare un consiglio comunale e bisogna dare una risposta nel giro di qualche giorno. Mi dispiace non essere stato informato prima. Il punto è dare una risposta meglio ancora lo stipendio. Parla il consigliere Fonti che dice che la solidarietà non basta. Quando si dice che il comune avrebbe contribuito con la tassa di sbarco, sarebbe stato interessante avere il ragioniere generale. Non capisco se l’amministrazione possa anticipare qualche mese. Un debito fuori bilancio, ma non può passare il messaggio che il consiglio comunale non abbia fatto. Che l’assessore al bilancio faccia una telefonata per far pagare almeno qualche mese subito. Poi andiamo nell’aspetto politico.

Ricordiamoci chi c’era stato per 5 anni in regione. Al limite si faccia fare subito un decreto in Regione. Il consigliere Gugliotta in modo accesa dice chiaramente che é grave che nessuno della ragioneria sia presente per sapere cosa fare. Bisogna far apparecchiare da domani le tavole da pranzo a queste famiglie di lavoratori. Sulla stessa lunghezza d'onda il consigliere Pellegrino che invita a fare un consiglio comunale anche domani. Il consigliere Pajno vuol capire che anche livello contribuitivo va approfondito. Riporta quanto detto dal geom. Natoli che spazio trovare per l'inglobo in qualche sigla. Il disagio dei lavoratori é notevole e bisogna portare a casa un primo pezzo optando per una soluzione.

Non solo soluzione temporanea e per questo mi impegno al massimo. Riparla l'assessore Merenda che rispondendo alle domande prende l'impegno massimo disponibile specificando che non si può fare l'anticipazione. Gli anni scorsi l'anticipazione non é stata presa dalla tassa di sbarco. Si conta di approvare il bilancio in brevissimo tempo anche perché il comune ha risorse da spendere. Il sindaco ha chiesto alla Regione di approvare quanto in corso o soluzioni alternative, quello in essere negli anni precendenti.Il presidente Biviano chiede come meglio procedere e si può riconvocare il consiglio con sindaco e dirigente magari dopo l’incontro di Palermo. Interviene Fonti dicendo d’incontrarsi col sindaco ma insieme al consiglio no a compartimenti stagni.

WhatsApp_Image_2018-05-14_at_14.07.24.jpeg

Consiglio entro 7 giorni da oggi. Il consigliere Pajno chiede la verifica del numero legale. Il presidente chiede che la votazione deve essere chiesta dai capi gruppi. Interviene Fonti per confermare la valenza personale di voto. Non voterò mai la modifica allo statuto. Il comune di Lipari rispetta la guerra? Il presidente Biviano dice di approvare la modifica ad altri articoli. Il consigliere Gugliotta conferma di apprendere adesso che lo statuto deve essere modificato e rispetto alla modifica allo statuto dichiara il suo no. La richiesta di rappresentante di zona é stat disattesa.

Votazione: 7 presenti e 9 assenti. Manca il numero legale. Si rinvia a domani alle ore 9.  

Parla il neo consigliere Fulvio Pellegrino 

fulviopellegrino_001.jpg

 

filippino.jpg