Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità 

Questo sito utilizza Cookie tecnici e di profilazione di terze parti. Clicca sul bottone - chiudi - per accettare l'uso dei cookie e proseguire la navigazione.

Stampa
Categoria: Video Interviste

Lipari - Gli studenti dell'Istituto "Isa Conti", alla ricerca di una scuola migliore, dalle parole passano ai fatti. Giornata di sciopero con corteo per le vie del centro e incontro al Comune nella sala consiliare con il sindaco Marco Giorgianni, il presidente del consiglio Adolfo Sabatini e il presidente del consiglio d'Istituto Salvatore Rijtano. Oltre un centinaio gli studenti intervenuti e presente anche una delegazione di genitori.

studenti

 

studenti1

studenti2

cc

Per la visione cliccare nel link che segue:

video

---Caro Direttore, durante l'incontro tra i rappresentanti d'istituto e i genitori sull'autogestione proclamata la scorsa settimana, abbiamo ricevuto un invito da parte dell'assessore De Luca e del Sindaco. Quindi a conclusione della riunione ci siamo recati in municipio dove il sindaco e l'assessore hanno risposto alle domande dei rappresentanti degli studenti sui punti già accennati alla sua testata. Riguardo ai problemi di erogazione idrica che interessano gran parte della popolazione liparese il sindaco ha spiegato che ci si trova in un delicato momento di passaggio: dal primo gennaio di quest'anno sono venute meno le navi pagate dallo Stato. Quindi già da questo mese Lipari dovrebbe essere autosufficiente per la dotazione idrica attraverso il funzionamento a pieno ritmo del dissalatore. Il problema è che ancora mancano dei "pezzi" che dovrebbero arrivare ed essere montati, a detta del primo cittadino, entro quindici giorni.
Nel frattempo, come già si sapeva, si è fatto richiesta di continuare l'approvvigionamento con il supporto delle navi cisterna (pagate dal comune). Il sindaco ha fatto presente, supportato dalla dirigente dell'istituto, che ogni volta che si è presentata l'emergenza per la mancanza d'acqua il comune è intervenuto in giornata (sempre a sue spese).
Altro tema caldo è quello dell'inadeguatezza delle strutture dell'istituto, al quale il sindaco ha risposto che essendo di competenza del Comune giusto la scuola dell'obbligo (intendendosi come tale le scuole primarie e le secondarie fino alla terza media) nulla può fare riguardo la manutenzione ed il miglioramento degli immobili dove è ubicato l'istituto Isa Conti. Anzi essendo questi di pertinenza della provincia (attualmente in dismissione), qualora volesse intervenire il comune rischierebbe di essere denunciato per distrazione di fondi comunali. Una notizia positiva per le richieste dei ragazzi in agitazione è arrivata con l'impegno del sindaco, alla presenza anche del presidente del consiglio comunale Adolfo Sabatini, a cedere l'intero pianterreno del palazzo dei congressi qualora si perfezionasse con il placet della Regione l'avvio dei nuovi corsi di studio presso l'istituto Isa Conti (il professionale alberghiero, un ramo del nautico e l'informatico aziendale) per cui già la provincia ha dato parere favorevole. Al sindaco i ragazzi hanno chiesto anche spiegazioni sulla mancata approvazione da parte della Regione di un progetto presentato dalla provincia su un ampliamento delle strutture dell'istituto. Il sindaco ha tenuto a precisare che la mancata approvazione da parte della Regione non è dipesa dall'assenza di una relazione tecnica da parte del comune di Lipari, come invece si leggerebbe dalle motivazioni di rigetto della Regione. Pare che la provincia invece di presentare un vero e proprio progetto abbia presentato un semplice abbozzo, a cui il sindaco ha cercato di dare un assenso riservandosi in seguito di fare una variante che potesse rendere il progetto realizzabile. Il problema che si pone adesso, a parte il reperimento di fondi necessari a sanare lo stato di degrado dell'istituto (da un paio di generazioni le lezioni vengono svolte all'agghiaccio in inverno e a temperature record in estate, le porte e gli arredi mal ridotti, un laboratorio scientifico inutilizzabile per via del soffitto che imbarca acqua...) è quello di sapere le competenze della provincia a chi passeranno e chi dovrà metterci impegno e soldi. Stamane alle 9:30 si svolgerà una manifestazione che partendo dall'istituto alle arriverà fin sotto al municipio. Alcune risposte i ragazzi, la dirigente e noi genitori le abbiamo avute. Adesso ci aspettiamo i fatti e questa volta non lasceremo che siano gli uffici competenti a seguire gli iter delle pratiche, vigileremo e solleciteremo affinché l'istituto Conti possa avere degli ambienti decorosi e accoglienti. Un'ultima domanda non ha trovato risposta, qualcuno sa di chi è la proprietà dello stabile dove si trova attualmente l'Istituto? Elvira Raffa

---I rappresenti dell'Isa Conti E. V. (Componente studentesca) invitano la cittadinanza ad unirsi alla manifestazione di stamane che avrà inizio alle ore 9.30 davanti il plesso scolastico concludendosi presso la sede comunale di Lipari.
Grazie a quanti si uniranno.

I rappresentanti Sharon Allegrino Francesco Allegrino Giuseppe G. Farchica Alessandro Di Giuseppe

--All'Istituto "Isa Conti" è autogestione. Tra i problemi prioritari la carenza di locali. Eppure la Provincia alla Regione ha presentato un progetto incredibilmente bocciato perchè privo della relazione tecnica dell'ufficio urbanistica.

L'intervista alla signora Elvira Raffa, componente del consiglio d'Istituto.

elviraraffa20012015.jpg

http://www.bartolinoleone-eolie.it/elviraraffa20012015.wmv

images/banners/immagini_random/gattopardo-hotel.gif

LA REAZIONE.

di Christine Berart

Forse erano troppo impegnati a curare il progetto inserito nel DUPIM e definito "urgente" dell'ampliamento di Pianoconte. Preciso che l'anno prossimo a Pianoconte non ci sara' ne la prima media ne la terza media. La quinta avra' 5 bambini la seocnda 7.... ma veranno spesi due milioni se il progetto andra' a buon fine. Forse la vera emergenza si trova all'Istituto Conti e non a Pianoconte.

LA PROVINCIA, LE SCUOLE DOVRANNO PAGARE LUCE, ACQUA E TELEFONO.

Le scuole superiori di tutta la provincia dovranno occuparsi di pagare le utenze elettriche, idriche, energetiche e telefoniche. Il commissario della Provincia, Filippo Romano, ha trasmesso un atto d'indirizzo ai dirigenti provinciali interessati per far rispettare quanto deciso. Entro il prossimo aprile tutti i plessi dovranno essere informati delle modifiche a quanto stabilito. Secondo il funzionario, per ridurre e razionalizzare le spese annuali di gestione degli edifici scolastici, occorre dare pratica attuazione al nuovo regolamento per l'erogazione dei fondi provinciali alle scuole ed evitare che l'ente continui a pagare somme per servizi scolastici la cui "Entità finanziaria - si legge - risulta sconosciuta agli stessi dirigenti scolastici poiché totalmente deresponsabilizzati in merito alla relativa gestione". Il 7 gennaio scorso si era tenuta una riunione in merito. L'ente, per responsabilizzare i dirigenti scolastici, trasferirà agli istituti l'onere del pagamento delle utenze e la Provincia resterà obbligata a corrispondere annualmente il budget previsto dal nuovo regolamento che prevede "La voltura a nome dell'Istituto di tutte le bollette restando alla Provincia l'onere di erogare un contributo "a corpo" in favore dell'Istituto, calcolato in linea preventiva sulla base dei consumi minimi atti a garantire l'erogazione del servizio scolastico". Il Tar Sicilia, sull'argomento, ha già respinto un ricorso avanzato da alcuni dirigenti scolastici.

clicca sull'immagine per ingrandire---I rappresentanti d'istituto (componente studentesca) informano le famiglie che martedí 20 gennaio si terrà un incontro presso l'aula magna dell'Isa Conti alle ore 14.30 per rispondere alle domande e chiarire i dubbi riguardo l'autogestione.

In qualità di Rappresetanti d'Istituto (componente studentesca) portiamo alla vostra attenzione i motivi che ci spingono a perseguire questa forma di protesta, NON COME SCUSA PER NON FARE SCUOLA MA PER RISVEGLIARE LE COSCIENZE, DI CHI NE FOSSE PROVVISTO, RIGUARDO I DISAGI CHE DA ANNI GLI STUDENTI CONTINUANO A VIVERE, TRA LA COMPIACENZA E LA NON CURANZA DELLE ISTITUZIONI. Pertanto rendiamo note le nostre motivazioni: -carenza del servizio idrico; -fondi altamente insufficienti ( circa 303€ per la gestione annuale dell'istituto); -aule dismesse e non utilizzate; -laboratorio scientifico inagibile; -aule non a norma (così dette ''TUGURI''); -inadeguatezze strutturali ancora in attesa d'essere completate; -inuguaglianze tra i locali adibiti all'organico e quelli destinati agli alunni; -ragguaglio riguardo i locali promessi dall'amministrazione, già da due anni, per l'ampliamento delle strutture scolastiche permettendo di poter creare nuovi indirizzi, già concessi al nostro istituto; -bocciatura del progetto riguardante l'ampliamento strutturale del plesso centrale. Abbiamo scelto l'autogestione, pur essendo poco rumoroso, come forma di protesta perché da noi ritenuta più democratica e maggiormente attuabile, consentendo comunque il regolare svolgimento delle lezioni, perché il diritto all'istruzione non venga mai meno. Ci riserviamo, comunque, la possibilità di attuare nuovi mezzi di protesta, creando ulteriori disagi, qualora si ritenesse necessario. Chiediamo quindi l'intervento in sede di consiglio del Primo Cittadino e dell'assessore al ramo a tutela di quanto richiesto.

I Rappresentanti Sharon Allegrino Francesco Allegrino Giuseppe Giorgio Farchica Alessandro Di Giuseppe

----Presso i locali dell'Istituto, si è svolta la manifestazione "Open day". Nel corso della quale è stata divulgata l'offerta formativa ai fini delle nuove iscrizioni ai corsi di studio attivati presso l'istituzione scolastica. Presenti quasi tutte le scuole dell'isola.

L'intervista alla professoressa Tommasa Basile, dirigente scolastico.

Si parla anche dell'autogestione, del contributo volontario dei genitori, dei nuovi indirizzi scolastici che partiranno dal prossimo anno: nautico, agro-alimentare e alberghiero, anche se si pone il problema di nuovi locali. C'è di piu': alla Regione bocciato il progetto dell'ampliamento portato avanti dalla Provincia perchè mancava la relazione dell'ufficio urbanistica del Comune di Lipari.

tommasabasile.jpg

http://www.bartolinoleone-eolie.it/basiletommasa16012015.wmv

IL COMMENTO

di Michele Sequenzia

Caro Direttore, dalla tua recente intervista alla professoressa Tommasa Basile emerge quanto sia necessario e urgente ritrovare lo spirito unitario di fecondo dialogo tra docenti e studenti per superare i molti problemi che affliggono non solo Lipari ma l'intera scuola italiana. Una società senza educazione è praticamente in estinzione.
L'istruzione e lo studio sono le basi della democrazia. Oggi più che mai sono la forza trainante della crescita e della libertà.
Avverto che la soluzione non sia facile per Lipari. Non dimentichiamo che Lipari , un tempo principale centro culturale e commerciale di scambi internazionali per tutte le genti del grande mare Mediterraneo, ha urgente necessità di trovare nuova forza che possa ridare slancio e sviluppo, oltre che un futuro di giustizia per le nuove generazioni. Non ci sono altre soluzioni.
Occorre tanta energia e tanta determinazione. La professoressa Tommasa Basile ha le idee chiare. Aiutiamola a svilupparle. Si tratta di lavorare tutti insieme..... Istituzioni, popolazione, corpo insegnate e dirigente, e studenti. Parliamoci chiaro. Senza la scuola , la società muore. Centriamo l'unico obiettivo: creare cultura, conoscere le lingue, studiare il mercato, sviluppare le tecnologie, le comunicazioni, i trasporti, andare verso il mondo, aprire il dialogo.
Facciamo di Lipari e dell'Istituto Isabella Conti un centro pluriculturale, libero da sudditanze, polo di eccellenza..." un college".... per l'intero mediterraneo. Non aspettiamo l'arrivo del Messia. Per il bene comune, dell'intera comunità.
Vorrei ricordare quanto è scritto nella storia dell'Istituto Isabella Conti Eller Vainicher. Facciamo tesoro della storia dell'Istituto che ha dovuto affrontare molte, aspre difficoltà.
Nella sua storia che vale soprattutto per il tempo presente, leggiamo:
" La straordinaria energia della prof.ssa Isabella Conti, lo spirito di sacrificio, la forza d'animo dimostrata nel volere ad ogni costo promuovere il riconoscimento da parte dello Stato dell'istituzione scolastica di grado secondario superiore nell'isola di Lipari, furono pubblicamente riconosciuti dal C.N.L. ( Comitato di Liberazione Nazionale) che in una riunione straordinaria il 13.9.45 si esprimeva in tal modo " La Scuola Media e l'I.T.C. di Lipari, scaturiti da sacrosante aspirazioni di questo arcipelago, hanno resistito a tutte le controversie ed a tutte le difficoltà economiche mercè l'opera vigile, coraggiosa, della Preside Conti, la quale ha dato e dà parte di se stessa e delle proprie cose a favore di quelle istituzioni che sono anima del popolo e decoro dell'Arcipelago".

L'Istituto d'Istruzione Superiore "Isa Conti E. V." di Lipari informa gli interessati che sino al 15 Febbraio 2015 sono aperte le iscrizioni on - line alla classe prima della scuola secondaria di II grado, per l'a. s. 2015/2016. Per supporti, chiarimenti o quant'altro necessario in merito, la segreteria dell'Istituto è a disposizione di famiglie ed alunni dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 09.30 alle ore 11.30. Si ricorda, inoltre, che le iscrizioni on-line sono obbligatorie per gli alunni del primo anno delle scuole statali, ed è possibile scegliere il percorso desiderato elencando in ordine prioritario le diverse opzioni.

diplomi1

Borse di Studio Regionali - Anno scolastico 2013/2014.
Si porta a conoscenza degli utenti interessati che sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 11 Aprile 2014 verrà pubblicata la circolare dell'Assessorato dell'Istruzione e della Formazione Professionale n. 5 del 26 Marzo 2014 riguardante l'assegnazione (Legge 10 Marzo 2000 n.62 : "Norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all'istruzione.") alle famiglie degli alunni della scuole statali e paritarie ( primarie, secondarie di primo grado e secondarie di secondo grado ), che versano in condizioni di maggiore svantaggio economico, di borse di studio a sostegno delle spese sostenute per l'istruzione dei propri figli per l'anno scolastico 2013/2014.
Al predetto beneficio possono accedere i genitori o gli altri soggetti che rappresentano il minore, ovvero lo stesso studente se maggiorenne, appartenenti a famiglie in possesso di un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) ANNO 2012 - non superiore ad 10.632,94 euro.
La spesa effettivamente sostenuta nel periodo compreso tra il 01 Settembre 2013 e il 09 Maggio 2014, data di scadenza prevista per la presentazione della domanda, non potrà essere inferiore a € 51,64.
Ai fini della partecipazione, a pena d'esclusione, i soggetti interessati dovranno produrre la documentazione prescritta nel bando, e precisamente:
1) "Domanda di Borsa di Studio", (da ritirare presso l'ufficio alunni – Rag. Rossano Giorgi) e dovrà essere compilata dal richiedente il beneficio in ogni sua parte corredando la stessa dai seguenti allegati:
1 a) Fotocopia dell'Attestazione dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.)" prevista dal D.P.C.M. 18 maggio 2001 (G.U.R.I. n° 155 del 6.7.2001), redatta sulla base dei redditi conseguiti nell'anno 2012 e recante timbro e firma dell'Ente o del C.A.F. che la rilascia. Tale "Attestazione", previa compilazione della "Dichiarazione sostitutiva unica", potrà essere resa dai Comuni di residenza, dalle sedi I.N.P.S. e dai Centri di Assistenza Fiscale (C.A.F.) convenzionati e territorialmente competenti;
1 b) fotocopia del documento di riconoscimento del soggetto richiedente, in corso di validità;
1 c) fotocopia del codice fiscale.
L'istanza di partecipazione unitamente ai suoi allegati dovrà essere presentata, a pena di esclusione, entro l'improrogabile termine del giorno 09 maggio 2014 e dovrà essere presentata esclusivamente presso questa istituzione scolastica che provvederà a trasmetterla alla Provincia Regionale di Messina, previa verifica dei requisiti di ammissibilità.

*Dirigente Scolastico

Si comunica che si terrà presso questo Istituto l'incontro scuola famiglia per gli esiti di valutazione primo quadrimestre e la consegna dei pagellini secondo il seguente calendario:

Martedì 18 febbraio 2014 dalle 14,15 alle 17,15 per i genitori degli alunni delle sezioni: Amministrativo, Finanza e Marketing - Turismo -Geometra e Costruzioni Ambiente e Territorio.

Mercoledì 19 febbraio 2014 dalle 14,15 alle 17,15 per i genitori degli alunni delle sezioni: Liceo Linguistico, Liceo Scientifico e Liceo Scienze
Applicate.

*Dirigente scolastico Istituto "Isa Conti"

eolcalandra.jpg