IMG_2443.jpg

Panarea – Un ragazzino milanese di 15 anni è morto nel mare di Panarea.

Si era tuffato per un pomeriggio diverso e ha trovato la morte. I genitori che a Panarea sono proprietari di una villa, sono originari di Milano, ma vivono in Svizzera.

La famiglia in vacanza nell'isola eoliana aveva noleggiato un natante. A bordo marito, moglie e il figlio. Direzione al largo dell'isola, in prossimità dell'isolotto di Lisca Bianca.

Il ragazzino si è tuffato in apnea con maschera e pinne per visionare gli spettacolari fondali della perla dell'Arcipelago.

Dopo qualche tempo non vedendolo risalire è scattata la preoccupazione dei genitori e hanno dato l'allarme. Nel tratto di mare sono giunti i sub del Diving locale e si sono immersi. Hanno iniziato a perlustrare il tratto di mare e hanno rinvenuto il corpo privo di vita.

Probabilmente un malore - a quanto mare aveva raggiunto una decina di metri di profondità - ha stroncato la giovane vita.

Riportato su c'è stato lo sgomento dei genitori. Una vacanza che doveva essere un momento di gioia e invece si è trasformata in tragedia. 

Il corpo del ragazzino è stato trasferito sulla motovedetta della guardia costiera al comando di Ivan Lenti. L'operazione da Lipari è stata coordinata dal tenente di vascello Donato Scolozzi, comandante dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari.

L’improvvisa morte del ragazzo ha turbato gli abitanti e i vacanzieri presenti sull’isola. La famiglia è molto conosciuta, vive a Panarea da diversi anni e tra la gente c’è dolore immenso. Il comnandante Scolozzi ha inviato un fascicolo al piemme di turno al tribunale di Barcellona. Nel contempo, la salma è stata trasferita nella sala mortuaria del cimitero a disposizione dell'autorità giudiziaria.

A Panarea nella nottata c’è stato anche un altro incidente ad opera di due turisti di Torino che con il loro yacht sono finiti sugli scogli adiac enti l’isola. Lanciato l’sos è giunta la motovedetta e l’imbarcazione è riuscita a raggiungere il litorale e a essere spiaggiata. Anche in questo caso la Cp ha avviato una indagine.

VIDEO

marisa-slide.jpg