Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità 

Questo sito utilizza Cookie tecnici e di profilazione di terze parti. Clicca sul bottone - chiudi - per accettare l'uso dei cookie e proseguire la navigazione.

Stampa
Categoria: Video

21bb2e9d-46c7-4708-8031-8e5387010802.JPG

Vulcano - I Carabinieri della Stazione di Vulcano sono intervenuti in contrada Porto Levante presso alcune abitazioni, ove gli occupanti avevano segnalato la presenza di fumi provenienti dal sottosuolo che, in una circostanza, avevano perfino cagionato malore ad alcuni animali domestici. I militari hanno precauzionalmente allontanato gli occupanti dalle abitazioni e richiesto l’immediato intervento di personale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che, all’esito del sopralluogo, ha confermato che vi era in atto un fenomeno di degassamento con percentuale di anidride carbonica (CO2) al di sopra dei valori normali.

I Carabinieri intervenuti hanno allontanato precauzionalmente gli occupanti, i quali hanno trovato un sicuro alloggio, alcuni presso una struttura ricettiva, altri presso abitazioni di familiari residenti nell’isola. All’inizio di ottobre il Dipartimento della Protezione Civile ha disposto il livello di allerta “giallo – stato di attenzione” per l’isola di Vulcano, a seguito delle variazioni significative di diversi parametri del monitoraggio vulcanico, rilevate nelle ultime settimane dall’INGV e dal CNR-IREA, per cui sul cratere è visibile un’intensificazione dell’attività di emissione di fumarole ricche in gas a temperature elevate. La situazione è attentamente monitorata dagli enti preposti ed i Carabinieri assicurano l’assistenza ed il sostegno alla popolazione.

SERVIZIO DEL TG3 SICILIA VIDEO

download (1)QAS1.png

VULCANO - I Carabinieri a Vulcano sono intervenuti in contrada Porto Levante presso alcune abitazioni, dove i residenti avevano segnalato la presenza di fumi provenienti dal sottosuolo che, in una circostanza, avevano perfino provocato malore ad alcuni animali domestici. I militari hanno precauzionalmente allontanato le persone dalle abitazioni e richiesto l’immediato intervento di personale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che, all’esito del sopralluogo, ha confermato che era in atto un fenomeno di degassamento con percentuale di anidride carbonica (CO2) al di sopra dei valori normali.

Tutti hanno trovato alloggio, alcuni presso una struttura ricettiva, altri presso abitazioni di familiari residenti nell’isola.(ANSA 2°LANCIO)

Vulcano (1)CC.jpg

IL VIDEO MESSAGGIO DEL SINDACO MARCO GIORGIANNI

LA NOTA DELLA GIUNTA GIORGIANNI

Come noto, lo scorso anno il Comune di Lipari ha incaricato un tecnico per il necessario adeguamento del piano di protezione civile, adottato nel 2012, in relazione alle più recenti modifiche nelle procedure previste dalle norme e nelle condizioni di contesto, anche a seguito eventi che hanno interessato il nostro territorio. Il piano così aggiornato, sarà presto sottoposto al vaglio del Consiglio Comunale, essendo già stato integralmente redatto e definito e avendo ottenuto valutazione positiva da parte delle autorità nazionali e regionali di Protezione Civile.

In attesa, dunque, della adozione di tale strumento formale di pianificazione, valido per tutte le isole afferenti questo Comune, ravvisata la necessità, a scopo meramente precauzionale, di informare adeguatamente la popolazione sugli scenari di rischio, le procedure operative, i comportamenti e le azioni di auto protezione, con particolare riferimento all’isola di Vulcano, il Sindaco ha emesso oggi relativa Ordinanza contingibile e urgente n. 114, pubblicata all’Albo pretorio on line sul sito istituzionale del Comune di Lipari.

Si invita la cittadinanza a prendere visione dell’Ordinanza e dei relativi allegati.

Albo On Line Comune di Lipari

http://www.comunelipari.gov.it/lipari/mc/mc_p_ricerca.php?x=

L’Amministrazione Comunale

Lipari - La giunta municipale è al lavoro per adeguare il piano di Protezione civile alla luce delle “nuove attenzioni” per Stromboli e Vulcano. “Lo scorso anno – spiega il sindaco Marco Giorgianni - abbiamo incaricato un tecnico per il necessario adeguamento del piano di protezione civile, adottato nel 2012, in relazione alle più recenti modifiche nelle procedure previste dalle norme e nelle condizioni di contesto, anche a seguito eventi che hanno interessato il nostro territorio. Il piano così aggiornato, sarà presto sottoposto al vaglio del Consiglio Comunale, essendo già stato integralmente redatto e definito e avendo ottenuto valutazione positiva da parte delle autorità nazionali e regionali di Protezione Civile”.

“In attesa della adozione di tale strumento formale di pianificazione – prosegue - valido per tutte le isole del Comune, ravvisata la necessità, a scopo meramente precauzionale, di informare adeguatamente la popolazione sugli scenari di rischio, le procedure operative, i comportamenti e le azioni di auto protezione, con particolare riferimento all’isola di Vulcano, è stata anche emessa una ordinanza sindacale”.

Nel contempo, Vulcano, che continua ad avere una attività fumarolica rilevante, continua ad essere monitorata. Controlli anche in alcune abitazioni per accertare l’eventuale fuoriuscita in zona di gas. Le misurazioni riguardano anche fumo e temperatura. Sono anche presenti otto vigili del fuoco e domani giovedì è atteso personale dell'Arpa per continuare la mappatura. I vulcanologi dell’ Ingv e Protezione civile hanno programmato un nuovo incontro per fare il punto della situazione. In cima al cratere si sale con 20 persone alla volta ma accompagnate solo da guida alpina (così come a Stromboli) ma protestano le guide turistiche e ambientali. Segnalato anche un via vai di escursionisti senza la presenza di guide. Già collocati lungo il sentiero i primi cartelli con i divieti.(ANSA 1° LANCIO)

245657928_10224267183380768_6612972152076093775_n.jpg

Eolie, è anche isolamento. Da Milazzo partita la nave della Siremar

Da ieri sera mareggiate nelle sette isole con forte vento ed è isolamento

(ANSA) LIPARI - Il maltempo, con forti mareggiate che flagellano porti e spiagge, ha isolato le Eolie. Aliscafi e traghetti sono fermi nei porti da ieri pomeriggio. Da Milazzo alle 17,15 è partita la nave Lippi della Siremar. Nella serata di ieri la nave della spazzatura della Green Fleet che era attraccata a Lipari ha dovuto lasciare il porto e mettersi in una zona dell'isola maggiormente riparata.

In alcune zone della più grande delle isole delle Eolie, come Porto delle Genti, il mare continua a portarsi via la spiaggia e in alcuni punti come Acquacalda a San Gaetano, ha raggiunto anche le abitazioni. Per il forte vento che soffia da nord est anche le isole minori si ritrovano a fare i conti con la violenza del mare mentre le piogge abbondanti hanno creato disagi nelle strade,e il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni ha rilanciato l’allerta meteo emessa dalla Protezione civile. 

245346233_10208944175878972_8663328173424291486_n.jpg

Porto delle Genti, foto di Bartolo Ballato

METEO EOLIE

Temporale Temperatura: 15°C Umidità: 85% Vento: moderato - NNE 25 km/h Situazione alle ore 8:30

Pioggia Temperatura: 15°C Umidità: 89% Vento moderato da NE 25 kmh Situazione alle ore 7:00

video

di Marco Giorgianni*

Come da Avviso Regionale di Protezione Civile, si informa che dal pomeriggio di oggi, mercoledì 13 ottobre e per l’intera giornata di domani, giovedì 14 ottobre, è prevista ALLERTA ARANCIONE PER RISCHIO METEO - IDROGEOLOGICO E IDRAULICO con CONDIZIONI METEO AVVERSE sulla Sicilia nord-orientale.

Pertanto, si raccomanda alla cittadinanza la massima attenzione e l’adozione di tutti i comportamenti e le azioni cautelative di auto protezione al fine di scongiurare disagi o possibili rischi per la propria incolumità e la pubblica sicurezza.
È dunque fortemente raccomandato
- Limitare gli spostamenti a piedi e in automobile e mantenere una velocità ridotta
- Evitare di sostare o di parcheggiare i veicoli in luoghi potenzialmente pericolosi come alvei dei torrenti
- Prestare massima attenzione e prudenza nel percorrere le strade a ridosso delle spiagge o allo sbocco dei torrenti
- Assicurare tutti gli oggetti lasciati in zone esposte che, cadendo, possano arrecare danno all’incolumità delle persone (ad esempio vasi o oggetti posizionati su davanzali o balconi o gazebo, tendoni e stand espositivi)
- Evitare di sostare all'aperto, in particolare in presenza di alberi e strutture temporanee o pericolanti.
- Prestare attenzione e adottare misure a protezione dei locali siti al piano strada o inferiori al piano strada e/o potenzialmente allagabili

*Sindaco

PHOTO-2021-10-14-14-35-22.jpg

lavilletta-orizz.jpg