298699677_10225898554764033_5423022225647209898_n.jpg

Ieri sera si è tenuta a Chiesa vecchia la XIV edizione della manifestazione "La notte delle stelle", organizzata dall'associazione culturale e sportiva Castellaro. La serata è iniziata con lo sfondo del tramonto, nuvoloso ma sempre suggestivo, ed è stata presentata da Giusy Lorizio. Il calar del sole è stato accompagnato dalle note della chitarra di Pietro Lo Cascio, le quali sono state intermezzate dalla declamazione delle poesie di Davide Cortese. Quest'ultimo ha scelto dei versi provenienti da sue diverse sillogi poetiche.

Al crepuscolo l'attrice romana Livia Massimi si è esibita nella performance teatrale "Dialoghi tra mito e stelle", portando sul sagrato della chiesa il profumo dell'antica Grecia.
La serata è andata avanti con la degustazione dell'insalata eoliana - preparata dallo staff del bar "A za Pippa" - e del vino dell'enoteca “San Bartolo” di Danilo Conti e di Flash service di Di Mattea, mentre venivano proiettate le immagini video fornite dal regista Marco Mazza.

Alla fine della serata, fino a esaurimento scorte, è stato fatto omaggio di borse con degli assaggi di prodotti tipici donati da alcuni sponsor quali 'Capers sud' di Aldo Natoli, azienda vinicola 'Criesia vecchia' di Ceccotti e Lorelisa Costa, 'Tradizioni eoliane' di Anna Orto.

298632485_10225898555244045_4078955857404792003_n.jpg

298749643_10225898554844035_8650757064599563290_n.jpg

Si ringraziano: padre Giuseppe Mirabito, il Comune di Lipari - il sindaco e gli assessori, i vigili urbani-, il comando dei Carabinieri di Lipari, i volontari della protezione civile, la Croce rossa, Pro loco Isole Eolie e la presidente Giusy Lorizio, Gaetano Orto, il bar A za Pippa, Eolian bunker di Livio Casali/Merenda, Capers Sud di Aldo Natoli e famiglia, Azienda vinicola Criesia Vecchia di Ceccotti e Lorelisa Costa, Tradizioni eoliane di Anna Orto, Supermercati Decò di Livio Munafò, Enoteca S. Bartolo di Danilo Conti, Ristorante E’ pulera, I tre delfini di Nino Natoli, Flash service di Di Mattea, Ristorante A' menza quartara di Nunziatina, Liberty lines, Ditta Natoli Pino costruzioni, Audio service di Giovanni Mollica, Marco Mazza regista, Associazione ACRS Terme di S. Calogero di Pianoconte, Dott. Antonio Pallino, Pescheria di Greco Antonio, Casella Carmelo e tutti i proprietari per la disponibilità del parcheggio, Peppe Natoli e famiglia, Natalino, gli artisti Pietro Lo Cascio - Davide Cortese - Livia Massimi, la presidente e tutto lo staff operativo dell'associazione.

298992121_10225898555084041_7368586603868558970_n.jpg

VIDEO

298100507_10225898689767408_1306115871438453188_n.jpg

Livia Massimi, Attrice romana, vivace e appassionata, diplomata presso l’Accademia di recitazione “Auroville” diretta da Augusto Zucchi (2010), la scuola professionale di recitazione “Teatro Azione” (2012) e “La Casa dello Spettacolo” (2014).

Nel 2013 si laurea alla facoltà di Arti e scienze dello Spettacolo presso l’Università La Sapienza di Roma dove frequenta anche un tirocinio di teatro sociale e dramma terapia in ambito psichiatrico diretto dal Prof. Roberto Cavallo.

Tra il 2009 e il 2014 si forma anche in stage di perfezionamento con: Serena Sinigaglia, Manuela Mandracchia, Daniele Salvo, Leonardo Gambardella, Claudia Frisone, Elio Germano, Benedetto Sicca, Luca Ventura e compagnie di teatro e danza: Teatro Potlach, Teatro Valdoca, Antonio Tagliarini, Cristina Rizzo, con la compagnia di danza catalana La Veronal (Biennale Teatro 2013) e con la coreografa Adriana Borriello. Studia danza moderna/contemporanea, pole dance e canto.

Dal 2010 lavora con registi italiani tra i quali: Andrea Baracco (Troilo e Cressida – 2012), Paolo Zuccari (Orestea. Uno studio – 2013), Augusto Zucchi (La memoria e l’Oblio – 2009, Riccardo III di William Shakespeare nel manicomio di Sant’Anna – 2010), Francesco D’Atena (Processo all’Infanticida Maria Farrar – 2015), Sebastiano Bianco (Io Rido – 2015), Ashai Lombardo Arop (Pensare, programma delicato – 2015), Maria Letizia Gorga (Passio – 2016), Pietro Romano (AAA Cercasi Successo – 2018).

liviamassimiprimopiano.jpg

Dal 2015 collabora con la compagnia Jobel Teatro come attrice e assistente alla regia in progetti teatrali nazionali ed internazionali (“Human Revolution” in Romania, Repubblica Ceca, Germania, Polonia e Italia) e con la compagnia Arte Da Marte in spettacoli per l’infanzia.

Da aprile 2017 a febbraio 2018 è impegnata in un progetto che l’ha portata ad acquisire una formazione di lingua francese e a fare esperienze teatrali a Nizza (stage di Commedia dell’arte diretti da Carlo Boso e Frédéric Rey e un atelier per giovani attori diretto da Irina Brook, direttrice del Teatro Nazionale di Nizza) e attualmente collabora con la Compagnie Française de Théâtre de Rome come attrice e assistente alla regia ("La Cantatrice Chauve" di E.Ionesco 2017/2018, "L'Avare" di Molière 2018/2019).

A ottobre 2018 inizia la collaborazione con la compagnia di teatro bilingue inglese ExtraTeatro nell'organizzazione e assistenza alla regia per gli spettacoli.

Attualmente è impegnata in tre produzioni teatrali e di cabaret con il gruppo comico A4, per la regia di Anna Maria Michetti e i testi originali degli A4 e di Enrico Paris (“Ulissea” 2017, “Virgilio va' all'inferno” 2018) con i quali, partecipando alle edizioni Roma Comic Off 2017 e 2018, ha ottenuto il premio come miglior attrice protagonista in entrambe le edizioni e rispettivamente il 1° premio e il 3° premio Miglior Spettacolo.

Partecipa inoltre a cortometraggi come “Erogatore 3”, “Eyes open” e “Luce” diretti da Marco Napoli, vincitori di premi al livello nazionale e internazionale.

Ottiene altri premi e riconoscimenti nel 2019 al Festival "Città di Monte Compatri" come "Miglior caratterista" e un premio internazionale che la porta ad una collaborazione con il regista Alberto Ferraro con il quale andrà in scena con l'opera "La Principessa forsennata" da un canovaccio di Flaminio Scala a fianco di attori provenienti da Spagna, Belgio e Francia.

297685171_5429654337112284_2826331292143126184_n.jpg

Lipari, con Massimo Russo sbarca la fotografia d’autore 

296091636_739352873950576_1304816084402208126_n.jpg

Con il progetto “L’isola che non c’è“ il fotografo Massimo Russo inaugura la sua prima mostra personale nello spazio esclusivo della chiesetta del Purgatorio di Marina corta, un luogo centrale a cui è legato dalla nascita.
 
Un viaggio intimo, personale, all’interno di un microcosmo fatto di sensazioni e frammenti di vita quotidiana dal momento in cui gli ultimi turisti hanno lasciato queste coste riconsegnando l'isola ai suoi abitanti.
Dal 12 al 19 agosto - ingresso libero 
297107025_10225894443421252_5949409705806565988_n.jpg
 

daninosulmare2.jpg