downloadfgt.jpeg

Il gip del Tribunale di Trapani ha pronunciato oggi sentenza di “non luogo a procedere” perché il fatto non sussiste nei confronti dell’ex sindaco di Favignana Giuseppe Pagoto e di altri otto indagati. Si tratta di Vincenzo Bevilacqua, Antonia Vittozzi, Francesco Martorana, Angelo Rinaudo, Pietro La Barbera, Giuseppe Iovino, Giuseppe Salone ed Ignazio Marino, coinvolti a vario titolo nell’indagine.

“Non luogo a procedere” anche nei confronti della società Marnavi spa, Vetor srl e Vemar srl.

La pronuncia del giudice si riferisce alle accuse avanzate nei confronti dell’ex primo cittadino delle Egadi in merito alla gestione della fornitura di acqua potabile con navi cisterna nelle isole dell’arcipelago.

Pagoto era finito agli arresti domiciliari il 17 luglio 2020 – nell’ambito dell‘operazione “Aegades” con l’accusa di corruzione, falso e turbativa d’asta. Secondo le indagini della Guardia di Finanza, ci sarebbe stato un “accordo corruttivo” tra l’allora sindaco, il suo vice sindaco e un assessore con i responsabili e i dipendenti di due società – facenti parte di un raggruppamento temporaneo di imprese – che avevano ottenuto dal Ministero della Difesa la gestione della fornitura.(trapanisi.it)

gentle care

danierimunafo_1.jpg