ELEZIONI COMUNALI DEL 12 GIUGNO A LIPARI, SANTA MARINA SALINA E MALFA 

081120225-b0f3eb77-8a95-475e-8ce6-73e5e08dd6ee.jpg

Codice di autoregolamentazione per la pubblicità -
Programmi di propaganda elettorale e comunicazione politica su NOTIZIARIOEOLIE.IT 

DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000 N. 28 E S.M.I. E DELL'ART. 20 DELLA DELIBERAZIONE N. 84/06/CSP DELL'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI, PUBBLICATA SULLA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA N. 87 DEL 13 APRILE 2006

IL NOTIZIARIOEOLIE.it intende pubblicare propaganda elettorale a pagamento in occasione delle prossime elezioni amministrative 2022  [Leggi tutto...]

giardina-poesia19  PROVERBI & detti siciliani        

( capitolo 14 ) di  Giovanni Giardina

1)   Acqua e zappudda , fannu a scipudda .

 

2)   A ccu mi viu o capizzali, ci lassu u capitali .

 

3)   Da fimmina chi ridi, un’aviri fidi.

 

4)   L’acqua du sirinu, ‘un inchi a jsterna

 

5) ‘Nta l’ortu e ‘nto mulinu, vacci sempri di matinu.

 

6)   A mari giriatu ,’un ghiri a piscari.

 

7)   ‘Nto muru vasciu, s’appoianu tutti .

 

8)   Puru a Reggina ebbi bisuognu da viscina

 

9)   Assà sciatu perdi cu va a caccia e va disciennu o cani a cuccia, a cuccia .

 

10)   Dopu ca vi siti maritati, a larga di soggiri e cugnati .

 

11)   Cani di quattru, cavaddu di ottu, donna di diciottu, uomu di vint’uottu .

 

12)   Cavuli di Innaru, jettali ‘nto munnizzaru.

 

13)   Chistu nun è rifugiu, mancu lucanna, vatinni a riggittari a nn’autra vanna.

 

14)   A fimmina senza amuri,   è rosa senza oduri.

 

15)   Chiddu ch’è scrittu, leggiri si voli .

 

16)   Cu ama a fimmina maritata, a so vita è cunnannata .

 

17)   Cu jaddu o senza jaddu, Diu fa ghiuornu.

 

18)   Cu pratica cu zuoppu, all’annu zuppìa

 

19) S’invesci di cucuzzieddi, avissi vinnùtu cazzi, a chist’ura avissi tri palazzi !

 

                                                       SONETTO

 

                                 Bedda du cori mia quantu si onesta

                                 tu puru o caminari si na mastra

                               e i capidduzzi c’ha supa “ssa testa

                               sunnu cumu e sciuri ‘nta   na rasta