Il Carillon che incanta già da due anni migliaia di persone torna ad aprirsi nel cuore di Palermo.

Da ieri, venerdì 19 ottobre e fino a domenica 21, saltimbanchi, funamboli, ballerini, circensi, acrobati, invadono strade e piazze dell’Albergheria. È giunto infatti alla terza edizione il Ballarò Buskers, il Festival internazionale di circo contemporaneo e arti di strada che per tre giorni punta i riflettori su uno dei quartieri più autentici della città. E quest’anno alle storiche location del circuito degli spettacoli si aggiungono anche salita Raffadali e piazza Carmine, proprio dentro il mercato. In più ci saranno le consuete piazze: Santa Chiara, Mediterraneo, Casa Professa, Ballarò e Brunaccini.

Dunque, tre giorni all’insegna delle arti circensi, della musica, della poesia, del teatro, dei laboratori per bambini, ma anche dell’artigianato a cura di Alab, dell’editoria e delle feste. Gli artisti che si esibiscono sono 87, tra bande, gruppi musicali, cantanti, attori, saltimbanchi, giocolieri, danzatori, performer e artisti, di Palermo, siciliani e internazionali.

Il Festival ha avuto un successo di pubblico sempre crescente, il primo anno ha registrato un flusso di diecimila persone, l’anno scorso quindicimila e quest’anno si spera di fare ancora meglio. L’obiettivo è quello di rilanciare e riqualificare il Mercato Storico di Ballarò e accendere i riflettori sulle bellezze del quartiere, fare scoprire scorci di questa parte di Palermo a volte trascurata.

Il Ballarò Buskers Festival ha il patrocinio del Comune di Palermo ed è inserito all’interno del programma di Palermo Capitale della Cultura. 

travelnostop.com

testa_vacanzeeolie.jpg