28471825_10214727490714044_5309425270156272760_n.jpg

di Federica Tesoriero

 *SeaSo Aeolian Tour* _Sulle orme del Capodoglio Siso e alla scoperta della natura delle Isole Eolie 
 
Un laser di 4 metri, il vento di Eolo che lo spinge, 7 isole e il viaggio a impatto zero.
Carmelo Isgrò, il biologo di  Milazzo che ha recuperato e ricostruito lo scheletro del Capodoglio Siso ora ospitato dal MuMa-Museo del Mare di Milazzo, ripercorrerà le ultime tappe dell’animale.
Partito la mattina del 19 agosto da Milazzo è arrivato in serata sulla spiaggia di Rinella a Salina dove si è fermato due notti per ripartire ieri alla volta di Filicudi 
Carmelo, velista esperto oltre che biologo, ripercorre al contrario il tragitto del cetaceo facendo il periplo delle Eolie, si fermerà in alcune delle Isole dove terrá un incontro divulgativo con l’obiettivo di sensibilizzare e portare la testimonianza e il messaggio dello sfortunato Capodoglio. Trovato spiaggiato a capo Milazzo, il capodoglio Siso morto a causa di una rete da pesca illegale a largo delle isole Eolie e all’Interno del suo stomaco sono stati trovati diversi pezzi di  plastica. 
Grazie al supporto di Worldrise, Carmelo utilizzerà questa opportunità per parlare del patrimonio naturalistico delle Isole Eolie è l’importanza della sua protezione attraverso l’istituzione di un’area Marina protetta.
Sulla pagina fb dedicata _"SeaSo Eolian Tour"_ si potrá seguire live il tragitto ed essere informati sugli aggiornamenti in tempo reale!
Ogni giorno in tarda mattinata ci sarà una diretta Facebook nella quale Carmelo spiegherà i tesori naturali che le Eolie ospitano e verranno dati degli aggiornamenti sugli incontri divulgativi che Carmelo farà nelle varie isole.
Worldrise ha il piacere di accogliere e supportare questa bella iniziativa nell’ambito del programma A-mare le Isole Eolie.
 

Ogni anno più di 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare.
È come se un camion della spazzatura colmo di rifiuti riversasse tutto il suo contenuto in mare ogni minuto, per tutto l’anno.

Per questo motivo Worldrise ONLUS ha ideato un percorso didattico, #Batti5, con l’obiettivo di sensibilizzare le nuove generazioni sull’inquinamento della plastica in mare unendo creatività ed educazione ambientale.
#Batti5 arriverà anche a Salina, grazie al supporto di Franco Manca, alla collaborazione degli insegnanti e della preside Mirella Fanti dell’Istituto Comprensivo di Salina e ai Comuni di Malfa e Santa Marina Salina.
Le attività si svolgeranno i prossimi 13 e 14 Aprile con il seguente programma:
Sabato 13 appuntamento alla Spiaggia di Lingua a Santa Marina Salina.
Tutti i bambini dell’isola e i loro genitori, (e i bambini cresciuti!) sono invitati a partecipare ad una lezione interattiva in cui verranno illustrati i danni della plastica in mare e le possibile soluzioni per contrastare il problema.
Al termine della lezione, si passerà all’azione con una raccolta dei rifiuti di plastica in spiaggia, muniti di guanti e sacchetti.
Domenica 14 a Malfa, (Palazzo Marchetti) i partecipanti potranno trasformare i frammenti di plastica raccolti il giorno prima, lavati e disinfettati, in vere e proprie opere d’arte.

#Batti5 pone l’accento sul ruolo attivo che ogni persona può adottare per ridurre l’inquinamento e migliorare la salute del pianeta: semplici gesti quotidiani come la sostituzione della bottiglia di plastica con una borraccia, possono realmente fare la differenza.

Worldrise ONLUS è impegnata da diversi anni nel territorio eoliano grazie al progetto di valorizzazione del patrimonio naturalistico e culturale, “A-mare le Isole Eolie”. Negli anni sono state organizzate diverse conferenze divulgative sull’importanza del pianeta oceano e su come fare per proteggerlo.

Worldrise è stata fondata da Mariasole Bianco, biologa marina e divulgatrice, con l’obiettivo sviluppare progetti di conservazione e valorizzazione dell’ambiente marino attraverso un percorso incentrato sulla sensibilizzazione, la creatività e l’educazione. Prenderà parte a questa iniziativa anche Carmelo Isgrò, biologo milazzese grazie al quale si sta allestendo il primo Museo del mare, con lo scheletro del capodoglio Siso, una storia che unisce inevitabilmente le Eolie a Milazzo.

I progetti di Worldrise vengono coordinati e realizzati coinvolgendo giovani studenti e neolaureati affinché possano presentarsi sul mercato del lavoro con un bagaglio di conoscenze pratiche ad integrazione di quelle teoriche acquisite negli studi universitari.

Tutti i bambini dell’isola sono invitati a partecipare alle attività del 13 e 14 Aprile.

6e288624-057c-426a-b868-21832f7d16dd.jpg

Per maggiori  informazioni:

www.worldrise.org FB:https://www.facebook.com/worldrise/?epa=SEARCH_BOX
IG:https://www.instagram.com/worldrise_onlus/  info@worldrise.org

 

eolian-bunker.jpg