bbb86f3c-af1d-499c-b1c0-52bd61cb8f89.jpg

Vulcano - Dopo la strada di Gelso che è inagibile per l’invasione nella strada provinciale di pietre e terriccio, è fuori uso anche il porticciolo alternativo di Ponente della Protezione civile. L’evento meteorologico eccezionale del 8-9 e 10 gennaio scorso con i forti venti provenienti dai quadranti occidentali, ha gravemente danneggiato il molo. L’impeto delle onde ha divelto tre griglie metalliche che costituiscono la parte superiore della banchina e disconnesso buona parte del copriferro della sovrastruttura rendendo pericoloso l’accesso al molo.

I danni sono stati accertati dal responsabile eoliano della Protezione civile Nico Russo. “Nell’attesa che vengano eseguiti gli interventi necessari al ripristino in sicurezza della banchina del molo – dice - è necessario interdirne l’accesso fino al ripristino delle condizioni di sicurezza della banchina.

Nell’isola eoliano – tra l’altro – proseguono i lavori in località Levante per la realizzazione del nuovo pontile degli aliscafi. Che era stato danneggiato da un traghetto di linea. Sono eseguiti dalla ditta “Catifra srl” di Barcellona Pozzo di Gotto, con progetto curato dalla società “Dinamica” di Messina. I lavori se non ci saranno ulteriori ritardi dovrebbero essere completati prima della stagione stiva. L’assessorato regionale delle infrastrutture ha stanziato 2 milioni 257 mila euro. I “veloci mezzi” per l’attracco utilizzano la banchina delle navi.

NOTIZIARIOEOLIE.IT

28 GENNAIO 2024

Da Gelso in linea Rosalba Basile "siamo a rischio vulcanico porto via di fuga ma strada impraticabile...". Appello anche a Schifani ed alla Protezione civile

aktea.jpg