Unknown-2.jpeg

Isola di Vulcano: degrado e abbandono della popolazione da parte delle Istituzioni. La Fucina di Efesto APS chiede chiarimenti sulla gestione dei fondi relativi all’emergenza vulcanologica.

Il territorio di Vulcano non è mai stato reso sicuro nonostante i 5 milioni di euro stanziati per la sicurezza dopo la dichiarazione di stato di emergenza nazionale. L’Associazione nata a Vulcano perla tutela e difesa del Territorio, ha più volte chiesto chiarimenti sulla gestione dei fondi pubblici. I chiarimenti arrivano da parte della Protezione Civile Regionale solo a emergenza finita.

L’Associazione La Fucina di Efesto APS di Vulcano lancia un grido di allarme sulla situazione in cui versa l’Isola, a seguito dello stato di emergenza nazionale dichiarato nell’ottobre 2021.

In particolare, è stato chiesto alle Istituzioni competenti, attraverso interlocuzioni parlamentari e chiarimenti circa la gestione degli interventi e dei fondi relativi all’emergenza vulcanologica, che avrebbero dovuto mettere in sicurezza l’Isola fin dall’inizio del 2022.

La Fucina di Efesto APS evidenzia: “Stanchi del silenzio abbiamo chiesto, attraverso una PEC informazioni a tutti gli organi competenti: Presidenza protezione Civile Nazionale, Protezione Civile Regionale, Presidenza Regione Sicilia, INGV, ASP Messina, Vigili del Fuoco Messina, ARPA Sicilia, Sindaco Comune di Lipari.

La risposta, parziale (7 voci di spesa non sono state menzionate nella risposta) e “scaricabarile”, arriva dopo due anni dall’inizio dell’emergenza, da parte di Salvo Cocina Protezione Civile Regione Sicilia, che ha inviato il dettaglio di spesa dei quasi 5 milioni di euro destinati a Vulcano. Nessun altro Organo competente ha risposto.

In questa nota sono evidenziate alcune mancanze da parte del Comune di Lipari per portare atermine l’iter burocratico e sbloccare questi finanziamenti necessari a completare le vie di fuga necessarie in caso di emergenza:

- il parere ambientale per la messa in sicurezza della SP 178, il cui finanziamento ammonta a 500mila euro;

- l’intera progettualità che ammonta a oltre 2 milioni di euro, includendo l’allargamento deltratto finale di questa sede stradale con annessa area di attesa per i veicoli a Gelso.

- La mancata manutenzione del Terminal detto COA

A questo quadro poco confortante si aggiunge il silenzio dell’Asl di Messina che, ancora non si è pronunciata sulla richiesta della stessa Protezione Civile siciliana, per un potenziamento del Presidiosanitario di Vulcano per l’ammontare di 30 mila euro.

Inoltre, non è stata eseguita la sistemazione del ‘sentiero Cratere’, il cui finanziamento è di oltre 252 mila euro e non c’è traccia delle attività di informazione e comunicazione per la popolazione, per le quali erano stati stanziati 40 mila euro, oltre a qualche raro cartello anche mal tradotto in lingua straniera.

Solo in data 31 gennaio 2024, a emergenza finita, è stata deliberata la chiusura del Pontile di Ponente, per la messa in sicurezza, si spera definitiva dello stesso, che di fatto blocca tutt’oggi l’Isola alle piccole imbarcazioni.

Si parla di lavori che sarebbero dovuti partire due anni fa e che ora rischiano di mettere nuovamente in ginocchio l’Isola prima dell’inizio della stagione turistica. Peraltro, non vi è alcuna traccia della messa in sicurezza del Pontile di emergenza di Gelso.

Infine, nella nota lo stesso Cocina ha specificato che non sono previste forme di ristoro economico per le attività commerciali che hanno subito un danno per il netto calo di presenze turistiche a seguito dell’emergenza, contraddicendo una propria ordinanza firmata in data 16 novembre 2021.

Alla luce di tutto questo, L’Associazione Fucina di Efesto APS evidenzia la grave situazione in cuiversa l’isola di Vulcano, decisamente peggiorata negli ultimi due anni per il mancato afflusso turistico dovuto all’emergenza e ai mancati provvedimenti che lasciano la popolazione insicura e bloccata.Oltre al danno la beffa. L’Associazione non sentendosi ascoltata chiede un interessamento concreto, “senza passerelle escaricabarile”.

Vulcanocontrolligas-970x485-1708770663 (1).jpg

LA REPLICA DELL'ARPA

Gestione fondi emergenza Vulcano: attuazione del monitoraggio outdoor e indoor da parte di ARPA Sicilia. ARPA risponde alla nota dell’Associazione La Fucina di Efesto APS

L'Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, dopo le pubblicazioni sui quotidiani di una nota stampa dell'Associazione La Fucina di Efesto APS, ritiene necessario evidenziare che, a seguito della Pec di fine gennaio 2024 ricevuta dall’associazione, ha riscontrato già i primi di febbraio la richiesta ricevuta.

Nello specifico ha descritto tutte le attività realizzate per il monitoraggio outdoor e indoor, in qualità di soggetto attuatore, come individuato dal Dipartimento della Protezione Civile.

In particolare la rete di monitoraggio outdoor è pienamente operativa sull'isola di Vulcano, e i dati monitorati sono pubblicati giornalmente sul sito dell'Agenzia “Bollettino Qualità dell’Aria isola di Vulcano”, https://www.arpa.sicilia.it/temi-ambientali/aria/bollettino-qualita-dellaria-isola-di-vulcano/.

Per quanto concerne il  monitoraggio indoor sono stati installati i sensori nelle abitazioni messe a disposizione dai cittadini e si stanno rivalutando con il Dipartimento Regionale della Protezione Civile le soglie di alert individuate inizialmente.

Rassegna Stampa GDS.IT

TGS-NEWS-NUOVO-LOGO-625x350.jpeg ascolta-rgs-mini_new.jpg

downloadxcza.png

 

Scoperta una discarica abusiva a Vulcano, c'erano anche le carcasse di camper e roulotte

 

La sicurezza a Vulcano, scoppia la polemica sui ritardi negli interventi

Compie 95 anni l'uomo più longevo di Panarea e guida ancora la motoape

Incidente sulla Catania-Messina, anziano di Roccalumera si schianta contro un muro e muore

A fuoco una rosticceria a Milazzo, gravi danni: si indaga sulla matrice dolosa

In Sicilia controlli inefficaci e contributi pubblici perduti: la dura analisi della Corte dei Conti

Ustica, sul pannello della postazione per i rifiuti la foto di una ragazza al mare: scoppia la polemica, «questo è sessismo»

Lipari, Hotel Aktea via Paolo Borsellino e Giovanni Falcone 98055 - 090 981 4234 

 

 

 

images/banners/immagini_random/edil-fonti.jpg

pluri-impresa.jpg