9d5c67f2-af79-4da0-a37f-40433c5e8bb5.jpg


ascolta la musica in sottofondo clicca sul triangolo

Perchè abbonarsi ? Perchè Il Notiziario delle Eolie è il giornale online della comunità Eoliana. E' un servizio d'informazione libero e puntuale con video interviste, notizie di politica, cronaca, cultura, avvenimenti e molto altro. Tutto questo sempre con grande impegno costante e quotidiano. Per aiutarci a fare sempre di più abbiamo bisogno del tuo supporto. Attiva oggi stesso un abbonamento, sostieni il tuo Notiziario delle Eolie 

Per Natale Regalatevi un abbonamento 

Scarica e stampa il calendario 2022 del Notiziario

9231109c-37ab-4d1b-86e7-f33103b2b403.jpg

Lipari - "Non ci sono le condizioni per aprire un bar solo per asporto...".

Parla Gaetano Agrip

VIDEODICHIARAZIONE

Bartolino Leone era in diretta

FINANZIARIA REGIONALE: DELUSIONE DEGLI ALBERGATORI

downloaddel.jpg

di Christian Del Bono*

Delusione dalle isole minori della Sicilia per la finanziaria regionale: “in atto nonostante tutta la nostra buona volontà la stragrande maggioranza di noi rimane dell’idea che non ci siano i presupposti per riaprire le strutture ricettive”.

Federalberghi Isole minori della Sicilia non nasconde una sostanziale delusione per la finanziaria regionale appena approvata. Una finanziaria molto ampia che a fronte delle risorse economiche messe in campo (circa 1,5 miliardi) e nonostante le articolate richieste avanzate al Governo regionale, alle Commissioni e ai Gruppi parlamentari dell’ARS, non prende adeguatamente in considerazione le specificità e le fragilità delle comunità micro insulari né il fatto che il turismo sia ampiamente il settore dell’economia che maggiormente risentirà di questa crisi.

Apprezziamo alcune delle misure approvate, in particolare quelle in favore dei Comuni siciliani, come anche il fondo di 75 milioni di euro per l’acquisto di servizi turistici, i 10 milioni per i collaboratori stagionali e la previsione di erogazione di finanziamenti agevolati attraverso l’IRFIS.

Ciò nonostante, siamo convinti che lo sforzo del Governo Musumeci non possa considerarsi sufficiente e che siano necessarie misure mirate per le isole minori.

I flussi turistici previsionali per il 2020 e il 2021 rimangono catastrofici. Le prescrizioni dettate dai protocolli in materia di accoglienza e di sicurezza sui luoghi di lavoro sono quasi proibitive per rischi, costi e complessità di attuazione.

Inoltre, le probabilità ancora elevate e sottolineate dagli esperti di una possibile seconda ondata di contagi e l’impossibilità di riuscire a fornire tempi certi sulla data e sulle modalità della ripartenza, generano grandi incertezze e non consentono di programmare prenotazioni e attività turistiche. Queste previsioni non sembrano trovare adeguato riscontro nelle misure messe in campo dalla Regione.

A questo, si aggiungano le peculiarità delle isole minori. Dalla precarietà delle strutture sanitarie all’estrema concentrazione dei flussi turistici che in alcune isole è di soli quattro mesi, continuando con una pressoché totale dipendenza dall’economia turistica, le difficoltà intrinseche nel raggiungere le isole e il fatto che metà della stagione turistica può ormai considerarsi perduta.

La voglia di ripartire è grande ma in atto, dichiara Christian Del Bono, presidente di Federalberghi isole minori Sicilia, non ci sono i presupposti per riaprire le nostre strutture ricettive. Questo è il pensiero di gran lunga prevalente tra i colleghi isolani, ascoltati nel corso di due importanti riunioni di assemblea che hanno coinvolto tutte le isole siciliane.

Solo ad Ustica e a Favignana si ritiene possano esserci i presupposti per riaprire già in giugno, soprattutto nell’ambito del comparto extralberghiero, sperando in un turismo interno di prossimità. Rimarrebbero ad oggi invece spiazzate le Eolie che per il 45% dipendono da flussi di turismo internazionale e per almeno un terzo da quelli extraregionali. Stesse difficoltà per Pantelleria e le Pelagie, dipendenti dai collegamenti aerei con il nord Italia.

Trovandoci in accordo con molti sindaci delle isole minori, sin dal 17 aprile, abbiamo proposto l’adozione di un protocollo sanitario dedicato, con test rapidi e un potenziamento delle strutture sanitarie locali. Si rende, inoltre, vitale un piano ad hoc per le isole minori con misure specifiche nel breve ma anche nel medio periodo.

Nell’immediato, occorre detassare e defiscalizzare le imprese locali e mettere in sicurezza i nostri collaboratori stagionali per i quali, in questi giorni, alla luce dell’assenza delle precondizioni necessarie a garantire le riaperture è notevolmente aumentata la nostra preoccupazione.

*Presidente

ansa-met.jpg

LIPARI - "Nonostante tutta la nostra buona volontà la stragrande maggioranza di noi rimane dell'idea che non ci siano i presupposti per riaprire le strutture ricettive". Lo dice il presidente di Federalberghi delle EOlie Christian Del Bono. "Una finanziaria molto ampia che a fronte delle risorse economiche messe in campo (circa 1,5 miliardi) e nonostante le articolate richieste avanzate al Governo regionale, alle commissioni e ai gruppi parlamentari dell'Ars - spiega  - non prende adeguatamente in considerazione le specificità e le fragilità delle comunità micro insulari né il fatto che il turismo sia ampiamente il settore dell'economia che maggiormente risentirà di questa crisi. Siamo convinti che lo sforzo del governo Musumeci non possa considerarsi sufficiente e che siano necessarie misure mirate per le isole minori". "I flussi turistici previsionali per il 2020 e il 2021 - aggiunge - rimangono catastrofici. Le prescrizioni dettate dai protocolli in materia di accoglienza e di sicurezza sui luoghi di lavoro sono quasi proibitive per rischi, costi e complessità di attuazione. Inoltre, si aggiungano le peculiarità delle isole minori. Dalla precarietà delle strutture sanitarie all'estrema concentrazione dei flussi turistici che in alcune isole è di soli quattro mesi, continuando con una pressoché totale dipendenza dall'economia turistica, le difficoltà intrinseche nel raggiungere le isole e il fatto che metà della stagione turistica può ormai considerarsi perduta. Solo ad Ustica e a Favignana si ritiene possano esserci i presupposti per riaprire già in giugno, soprattutto nell'ambito del comparto extralberghiero, sperando in un turismo interno di prossimità. Rimarrebbero ad oggi invece spiazzate le Eolie che per il 45% dipendono da flussi di turismo internazionale e per almeno un terzo da quelli extraregionali. Stesse difficoltà per Pantelleria e le Pelagie, dipendenti dai collegamenti aerei con il nord Italia".(ANSA).

DELUSIONE ANCHE PER ASSOIMPRESEOLIE

808e256f-4cf5-4b46-82d9-961ef91a5bf2.jpg

di Sandro Crivelli*

Preso atto delle dichiarazioni del Sindaco, attraverso la diretta Facebook quotidiana e ringraziandolo per la puntuale ed esaustiva informazione, facciamo presenti i nostri punti sui quali vorremmo attirare la sua attenzione.
Alcune categorie non hanno ancora chiaro come affrontare l’apertura ed anche i protocolli di sicurezza ad oggi sono sconosciuti e non vi è nessuna misura alla quale attingere per i fondi a sostegno dell’acquisto di specifiche attrezzature sanitarie.
Avendo dato una lettura anche alla finanziaria regionale pubblicata sugli organi di stampa, ci risultano ancora poco chiari ed insoddisfacenti alcuni punti della normativa in questione.
In assenza di un quadro normativo chiaro, non ci sentiamo nelle condizioni di riaprire le nostre attività considerata anche l’assenza di un protocollo sanitario ben definito per le varie attività, fermo restando l’incertezza riferita alla mobilità generale. Le chiediamo di interloquire con la Regione per poter ottenere, per le nostre isole, delle deroghe per consentire l’apertura di alcune attività, senza che gli imprenditori incorrano in sanzioni che di questi tempi avrebbero il sapore della beffa:
Ad esempio: • stabilimenti balneari • attività di pubblico spettacolo • centri estetici • parrucchieri/barbieri • trasporto marittimo • noleggio con conducente e locazione di barche;
• noleggio scooter e autovetture  • ottenere la deroga per i pubblici esercizi al fine di consentire, oltre l'asporto, la regolare somministrazione, sempre nel rispetto delle norme sanitarie emergenziali vigenti.
Ad oggi non vi è alcuna possibilità di far fronte agli affitti tenendo conto che i vari provvedimenti economici a sostegno risultano insufficienti.
Dalle varie considerazioni fatte dalle nostre categorie imprenditoriali si evince che il DDL finanziaria 2020 della Regione Siciliana non rispecchia quelle che sono le nostre esigenze reali, le esigenze di un territorio insulare la cui unica economia è quella turistica.
Sosteniamo che la Finanziaria approvata ieri dall’assemblea regionale non ci conforta, anzi rafforza le nostre preoccupazioni che oggi ci inducono a non prevedere la riapertura delle nostre attività.
Riteniamo altresì, che il prestito attraverso il fondo IRFIS non sia equo alle esigenze dell’emergenza, sia insufficiente e legato a “lacci e lacciuoli” e lungaggini burocratiche per l'istruttoria della pratiche.
Siamo convinti inoltre, che i prestiti quantificati in 15 mila euro, che dovrebbero essere concessi all’imprese, di cui una quota parte dovrebbe essere a fondo perduto, suscita molte perplessità non conoscendo l’entità relativa dello stesso fondo che potrebbe rilevarsi insufficiente in rapporto ai bisogni effettivi dell’imprese.
E' necessario che vengano posti in essere, in funzione della capacità produttiva, nell’immediato i provvedimenti economici atti a sostenere e "traghettare" le nostre attività fino alla prossima stagione quando, nell'anno 2021 speriamo di poter riavviare le nostre aziende essendo coscienti che quanto perduto nell'anno in corso sarà materialmente irrecuperabile.
Oggi non vi sono le condizioni per riaprire essenzialmente legate ad una connotazione territoriale legata alla nostra insularità che rende le nostre attività particolarmente esposte a fattori esterni, in primis l’afflusso turistico e sentendo in merito anche specialisti del settore, ad oggi abbiamo notizie che fino alla fine di giugno gli afflussi saranno pari a zero.
Le entrate saranno insufficienti se non nulle per poter sostenere i costi fissi di gestione.
In rapporto all’entità delle attività aventi sede nel territorio siciliano, a nostro parere risultano insufficienti anche i cento milioni di euro destinati agli artigiani tramite il fondo speciale CRIAS.
Infine auspichiamo che siano previste specifiche misure di carattere sanitario e che le stesse siano rese obbligatorie affinché tutti coloro che intendano accedere alle nostre Isole siano sottoposti ai controlli che gli organismi sanitari competenti renderanno disponibili per certificarne la negatività al Covid-19. In questo particolare momento La ringraziamo per l’attenzione.  Distinti Saluti

*Presidente

downloadqweds.jpg

L'INTERVENTO

di Eliana Mollica e Gesuele Fonti*

La Finanziaria regionale contiene norme importanti a sostegno delle imprese, delle famiglie e delle fasce più deboli del tessuto sociale siciliano.                                                                        Con grande orgoglio e soddisfazione vogliamo evidenziare l’importante lavoro svolto dal gruppo parlamentare di Forza Italia e in particolare dall’On. Tommaso Calderone, capogruppo all’Assemblea Regionale Siciliana, a sostegno dei territori e dei siciliani per fronteggiare gli effetti della crisi economica per l’emergenza sanitaria.
Le proposte dell’On. Tommaso Calderone e del gruppo di Forza Italia all’ARS sono una risposta concreta ai bisogni dei siciliani, coinvolti da una crisi che ha messo in ginocchio settori strategici dell’economia.Le idee dei moderati di centro destra hanno trovato la luce in una manovra finanziaria difficile da varare per le tante esigenze a cui rispondere.
Tra le proposte presentate ed approvate nella Finanziaria non si può non evidenziare l’emendamento per Bonus Facciata con uno stanziamento di  50 milioni di euro. Nello specifico ogni cittadino siciliano, che vorrà ristrutturare la propria facciata, potrà accedere a un contributo pari a 5 mila euro. E’ una iniziativa importante per rimettere in moto l’edilizia, sostenere l’economia dei territori e l’occupazione. E sempre per sostenere le imprese e l’occupazione è stato  presentato dall’On. Calderone un emendamento diretto a sostenere i costi previdenziali delle imprese siciliane che assumono nuovi dipendenti.                    
Con un altro emendamento 10 milioni di euro sono destinati a sostenere l'attività dei soggetti titolari di attività di servizio pubblico da trasporto non di linea in servizio di piazza, di servizio noleggio con conducente, di noleggio natanti e di trasporti marittimi di passeggeri.                      Per il 2020, 3 milioni di euro garantiranno inoltre la circolazione gratuita di tutti gli appartenenti alle Forze dell'Ordine ed ai Vigili del Fuoco in servizio.                    
Si è anche provveduto a sostenere l’economia al collasso delle 12000 strutture sanitarie private, facendo erogare gli acconti dei mesi di marzo, aprile e maggio.
Altrettanto rilevante è l’emendamento sull’editoria, il quale concede 10 milioni di euro per editoria e giornalismo. E’ un sostegno concreto a tutta la filiera dell’informazione duramente colpita dalla crisi.
Si è intervenuti energicamente per far incrementare i fondi per l’Agricoltura    ( 50 milioni di euro), per la Pesca (30 milioni di euro) per il Florovivaismo (20 milinoni di euro). E a 10 milioni di euro corrisponde lo stanziamento per i lavoratori stagionali siciliani.
Un altro importante emendamento riguarda l’esenzione, per il 2020, del bollo auto per le autovetture fino a 53  kilowatt (KW) e di proprietà di soggetti che non superino i 15 mila euro annui di reddito familiare, nonché per tutte le autovetture che indipendentemente dai kilowatt hanno più di dieci anni di vita. Esentate anche tutte le vetture di proprietà di Associazioni di volontariato e Onlus.
E’ stata altresì approvata la proposta di Forza Italia che da il via libera al fondo perequativo da 300 milioni di euro. Con questi soldi si ripianeranno le perdite dei comuni che concedono aumenti gratuiti del suolo pubblico, riducono o sospendono i tributi su imprese ed esercenti. Un segnale forte a favore delle attività turistiche, bar e ristoranti messi in crisi dall’epidemia.
L’On. Tommaso Calderone ha inoltre proposto ed ottenuto lo stanziamento di circa 1 milione di euro per la filiera turistica della città di Messina, per fare fronte ai danni economici provocati del mancato approdo delle navi da Crociera. Il porto della città dello stretto è infatti tra i primi dieci in Italia per numero di croceristi, scelto come meta dai migliori tour operator internazionali.

Desideriamo esprimere la nostra soddisfazione per il lavoro svolto dall’On. Calderone, nostro instancabile punto di riferimento, e dal gruppo di Forza Italia all’ARS. Sono i primi ma significativi passi di un lungo percorso necessario per affrontare tutte le emergenze provocate  dalla crisi.
Noi Moderati per Calderone vogliamo essere parte attiva dello sviluppo dei nostri territori. E come abbiamo sempre fatto, daremo voce alle istanze del territorio rappresentando nelle sedi opportune i bisogni e le necessità delle nostre comunità, delle categorie e filiere più colpite dalla crisi economica a seguito dell’emergenza sanitaria.
Siamo convinti che serva più che mai unità ed equilibrio nella scelta dei percorsi da intraprendere. Nei momenti difficili è naturale abbandonarsi allo sconforto, ma è necessario cogliere tutte le opportunità facendo molta attenzione per evitare errori di valutazione. L’emergenza sanitaria, attualmente in corso, è diventata una emergenza economica che con interventi mirati e atti concreti possiamo sostenere e superare. L’emergenza prima o poi finirà, dobbiamo tentare di attenuare per quanto possibile gli inevitabili danni legati alla crisi . E’ necessario misurare bene ogni iniziativa, riconoscendo un valore solo agli strumenti che possono dare risalto all’immenso patrimonio dell’arcipelago senza perdere la nostra identità. Le Isole Eolie non sono una periferia degradata né tantomeno possiamo permettere che lo diventino. Noi siamo le Isole Eolie.

*Moderati per Calderone

maisano-piante-fiori.jpg