PHOTO-2021-07-22-17-31-46.jpg

PHOTO-2021-07-22-21-30-16.jpg

Salina - Anche la famiglia Reale del Qatar si gode Salina, la seconda isola delle Eolie a bordo del mega yacht che si è ancorato in mare aperto. L’emiro Tamim Bin Hamad al-Thani è stato anche avvistato sul traghetto della Siremar. A prima vista sembrava un turista per caso, con tanto di mascherina. Ma poi si sono fatte notare le guardie del corpo che prima che salisse hanno ispezionato in lungo e in largo la nave. Anche gli ascensori. Con il traghetto ha imbarcato una fuoriserie una macchina da 350 mila euro ed una potente Bmw, oltre a cinque suv. E con i bolidi insieme alla carovana che ha al seguito (una quarantina di persone insieme ai familiari e amici) ha girato i luoghi piu' belli dell'isola, a cominciare da Pollara. Sull'isola la presenza ingombrante non è passata inosservata. E subito si è iniziato a sussurrare che vorrebbe anche affittare una mega villa, in modo tale da dividere la vacanza tra mare e terra.

C’è anche chi ha parlato di acquisto. Ieri sera nel borgo marinaro di Lingua, a due passi dal mare, si è fatto riservare tutto per loro il ristorante “Il Delfino” di Gregorio Lo Schiavo, ex comandante dei vigili urbani di Santa Marina. Cena che per il “patron” resterà memorabile. Tutta a base di aragoste e gamberoni con fiumi di vino e malvasia dell’isola per addolcire il palato. Ovviamente non ha badato a spese anche per la ricca mancia. Per questa visita eccellente su di giri è il sindaco Domenico Arabia: “Vuole anche acquistare l’isola? – si domanda – l’isola non è in vendita, almeno il Comune che amministro io. Immagino che abbia scelto Salina perché qui può circolare tranquillamente come una persona qualunque senza preoccuparsi della sua posizione. L’isola è anche questo: ospitalità e riservatezza. Non so che numeri ha la sua corte. Sette sono i suv e mi deve ringraziare che non gli abbiamo stampato delle multe per violazione del divieto di sbarco sull’isola”. In mare è uno spettacolo il mega yacht “Al Lusail” che ospita la famiglia reale del Qatar, di 123 metri. ha un valore di circa 500 milioni di euro e prende il nome dalla città vicino Doha, capitale del Qatar, ed è di proprietà dello sceicco che nel 1996 ha fondato l’emittente televisiva Al Jaazera.

“Al Lusail”, è stato varato nel febbraio del 2017 e a bordo ospita 36 persone. Gli interni sono stati disegnati dallo studio March & White.

Il design esterno è stato invece curato da H2 Yacht Design, specializzato in progetti all’avanguardia. Lo studio ha realizzato un mega yacht futuristico, dalle linee molto dinamiche nonostante le dimensioni considerevoli.

Il mega yacht, che rientra tra i 25 più grandi al mondo, ospita al suo interno anche una palestra, ascensore, piscina, cinema, garage per tender con tender di servizio di 9,10 m, D-RIB di 8,20 m e tender per limousine da 211,20, piattaforma da nuoto, aria condizionata, barbecue, beach club, salone di bellezza, pista per elicotteri, luci subacquee, salone di bellezza.

al-thani_tamim (1).jpg

L'emiro Tamim Bin Hamad al-Thani divide la passione per il mare con il padre, lo sceicco Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani, azionista di maggioranza della compagnia Qatar Airways, proprietario di un altro mega yacht, l’Al Mirqab, dotato di una piazzola per l’atterraggio degli elicotteri, di cinque appartamenti più una vip suite, destinata al proprietario che di solito si muove in compagnia delle tre mogli, e di alcuni dei 24 figli (undici maschi e tredici femmine).

Tamim bin Hamad al-Thani è l’emiro del Qatar. Tamim, fra i più giovani regnanti al mondo, è il quarto figlio dell'emiro Sheikh Hamad bin Khalifa Al Thani e il secondogenito della sua seconda moglie, Mozah bint Nasser Al Missned.

Nato a Doha il 3 giugno del 1980 ,dopo aver studiato alla Sherborne School di Dorset, si è laureato all'accademia militare di Sandhurst nel Regno Unito nel 1998 ed è stato nominato principe ereditarionel 2013. Ha tre mogli da cui ha avuto otto figli.

Prima di prendere il potere è stato secondo comandante delle Forze Armate e uno dei promotori dei Mondiali di calcio in Qatar nel 2022, sua grande passione oltre a quella dei motori (possiede Lamborghnini, Ferrari ecc.). Ha presieduto il consiglio direttivo della Qatar Investment Authority (Qia) proprietario del Paris Saint Germain, dello storico Hotel Gallia a Milano, di molti complessi alberghieri turistici della Costa Smeralda in Sardegna, dell'ex ospedale San Raffaele di Olbia ed è sponsor del Barcellona.

Con lui il fondo ha comprato quote di Barclays, Sainsbury's, Harrods, Volkswagen, Walt Disney, una quota di The Shard (il grattacielo disegnato da Renzo Piano a Londra), Heathrow Airport, Siemens e Royal Dutch Shell.

221791686_10223780102284045_720911488775026649_n.jpg

Lipari - Davanti al castello ha gettato le ancore ""Maltese Falcon", di 88 metri, tra i piu' grandi velieri del mondo. Può ospitare 19 passeggeri ed è caratterizzata da uno scafo in acciaio nero e 3 alberi rotanti in carbonio. Le vele quadrangolari hanno una superficie pari a 2.400 metri quadrati.

Avvistato-in-Costa-Smeralda-il-maestoso-veliero-Falcon-tra-i-più-grandi-del-mondo-777x437.jpg

VIDEO

Panarea, he gettato le ancore "Queen Miri". Il proprietario è il magnate americano Sheldon Adelson uno degli uomini più ricchi del mondo. A Vulcano c'è lo yacht di Benetton

scale_389_d17b1.jpg

Panarea - Al largo dell'isola eoliana ha gettato le ancore il mega yacht "Queen Miri", di 92 metri del magnate americano Sheldon Adelson, uno degli uomini più ricchi del mondo.

Forbes ne stima il patrimonio in 26,52 miliardi di dollari. E' proprietario di complessi alberghieri e case da gioco in tutto il mondo.

Lo yacht costruito nel 2004 in Grecia, è stato allungato di cinque metri e rinnovato in un cantiere genovese, per consentire di ospitare in ambienti lussuosi fino a 36 persone.

Si noleggia per una settimana a 1 milione e 825mila euro.

PHOTO-2021-07-21-17-25-56.jpg

A Vulcano nel pontile galleggiante di Natalino Falanga si è ormeggiato lo yacht "Tribu", di 50 metri battente bandiera del Regno Unito, di Luciano Benetton. 

Vulcano, al porto di Levante il Terminal con bar e galleria per lo shopping

PHOTO-2021-07-21-11-55-55.jpg

Il Terminal nasce dal rudere del vecchio “Bar Remigio” ricostruito con i più moderni sistemi anche per le p.m.r. dalla famiglia La Cava.

Ospita il “Bar Remigio” nei locali sul mare e al primo piano una galleria per una piacevole passeggiata all’insegna dello shopping. Il rudere giaceva dal 1989.

Il Terminal è stato inaugurato nel 2019. Dopo 30 anni.

PHOTO-2021-07-21-11-55-54.jpg

butangas-banner_orizzontale_1.jpg