foto matera (2).jpg

di Felice D'Ambra

Matera Capitale Europea della Cultura & il Senso della Meraviglia.
“Arrivai a Matera verso le undici del mattino. Avevo letto nella guida che è una città pittoresca, che merita di essere visitata, che c’è un museo di arte antica e delle curiose abitazioni trogloditiche. Ma quando uscii dalla stazione, un edificio moderno e piuttosto lussuoso, e mi guardai attorno, cercai invano con gli occhi la città. La città non c’era. Allontanatomi ancora un poco dalla stazione, arrivai a una strada, che da un solo lato era fiancheggiata da vecchie case, e dall’altro costeggiava un precipizio. In quel precipizio c’era Matera.( Carlo Levi, Cristo s’è fermato a Eboli ).
Dopo il Patrimonio Mondiale Umanità Unesco del 1993, l'Amministrazione Comunale di Matera e tutti gli abitanti hanno con grinta e con grande volontà, saputo mantenere l’arte dell’accoglienza, lo spirito dell’ospitalità e la sapienza nella conservazione delle grotte abitative, oggi 19 gennaio, è ufficialmente capitale Europea della Cultura 2019. Di questa Città meravigliosa, serbo sempre i ricordi di quando da giovane, trascorsi due anni all’ Hotel Santa Venere, l'unico albergo di Lusso di Maratea, che dall’alto e con la grande statua del Cristo, fa di Maratea, l’indiscussa “regina” turistica della Basilicata. L’unica Regione dal cuore prettamente montuoso, che si affaccia su due fronti, nell’azzurro Mar Mediterraneo, fra Sapri nel Golfo di Policastro in Campania e la cittadina di Praia a Mare in Calabria sul Mar Tirreno.

matera-mattarella-620x350.jpg

Mentre sulla sponda del Mar Ionio, nel Golfo di Taranto, laddove, fra Metaponto e Policoro, splendono le rovine dell’antica Magna Grecia.. Come descritto dal Testo dell'Unione Europea: Una Città non è designata Capitale unicamente per quanto ha fatto, ma soprattutto per il programma di eventi culturali che intende realizzare nell'anno designato. In quel periodo la città è invitata a sfruttare le proprie peculiarità e a dare dimostrazione della propria creatività. Il patrimonio e la vita culturale del passato, sono elementi importanti ma, costituiscono il punto di partenza per migliorare la cooperazione nel settore culturale e promuovere il dialogo a livello europeo e internazionale. Il Consiglio dei Ministri dell'Unione Europea è l'unico a essere abilitato ad assegnare il "Titolo" che ha validità annuale. La vittoria del titolo equivale a tante opportunità quali: più turismo, più infrastrutture, più commercio, più imprese, più ricerca e innovazione, soprattutto più collegamenti con l'Europa Unita.
L’affascinante Matera, è una città fra le più antiche del mondo e della cultura del vicinato, ed è inoltre una località tra le più importanti di Set cinematografici: nel 1979 di Cristo si è fermato a Eboli, diretto da Francesco Rosi, e tratto dal romanzo di Carlo Levi. Qui lo scrittore da confinato, narra il più appassionante e crudele memoriale dei nostri paesi, dove i contadini non appartengono ai comuni canoni di civiltà, ma sono inseriti in una storia diversa che ha un sapore magico e pagano. Una storia nella quale Cristo non è mai arrivato. Altro importantissimo film è stato "King David" del regista Bruce Beresford e di "The Passion" dove Mel Gibson, sul luogo di Murgia Timone girò la scena della crocifissione di Gesù Cristo. E’ proprio il parco della Murgia che ha un valore eccezionale, che racconta al mondo, le vicissitudini umane, dalle origini della vita fino ai nostri giorni. Tra le immense vedute di quest' affascinante Città, che ha ispirato registi. Scrittori e letterati, si ha la sensazione di essere attore in un presepe, e di vivere in un'altra epoca, di vivere in un atmosfera lontana, in un luogo magico.
Il cuore di Matera è racchiuso nell’affascinante “rione dei sassi” semplicemente un emozionante scenario senza tempo. Un viaggio Matera è certamente un ideale viaggio nella memoria Una visita guidata fa capire ai vacanzieri la storia della città dei Sassi, che dalla vergogna degli anni cinquanta, alla rinascita, tanto da essere stata elevata al rango di Patrimonio Mondiale Umanità Unesco. I Sassi di Matera fanno parte di quella storia autentica, delle grotte che fungevano da case abitative e dove il nucleo familiare pernottava in un locale unico di pochi metri quadri assieme agli animali (oltre a quelli domestici, anche il mulo di grande utilità). Oggi Matera mostra ancora i segni dell'indolenza di una provincia meridionale che sta a indicare, la pigra realtà di chi vive nei piccoli centri del Sud, dove ancora i vitelloni consumano le giornate fra una chiacchiera e l'altra, al bar e una passeggiata per il corso. “Matera è storia vera fatta di superba suggestione, meraviglia da gustare soprattutto quando si accendono le mille piccole luci come un firmamento a illuminare questo presepe naturale di un luogo magico, che lascia senza fiato".

menalda.jpg