Bonus pubblicità, modello aggiornato e istruzioni.

copertine_agevolazioni_bonus_pubblicità_2023.png

Confermato anche per il 2023 il Bonus Pubblicità, che torna al regime “ordinario”.
Infatti, a partire dal 1 gennaio 2023 il credito d’imposta sarà pari al 75% del valore incrementale (2023 vs 2022) degli investimenti in campagne pubblicitarie effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line.
È richiesto un incremento minimo dell’1% rispetto agli analoghi investimenti dell’anno precedente. Approfittane!

Nella finestra temporale compresa tra il 9 gennaio e il 9 febbraio 2023 i soggetti che hanno presentato la comunicazione per l’accesso al “bonus pubblicità”, relativo agli investimenti effettuati nell’anno 2022, dovranno presentare la dichiarazione sostitutiva per confermare gli investimenti pubblicitari effettuati.

Tale comunicazione dovrà essere inviata per via telematica utilizzando il modello aggiornato, scaricabile dal sito del Dipartimento per l’informazione e l’editoria.

Scarica e stampa il calendario 2023 del Notiziario

e72a7f7e-249a-4ac1-9ce5-632815f3414e.jpeg

11660740-7f15-47d2-84c9-a719b0b813d3.jpeg

f6eae6a5-2f62-49f7-8255-6df869efe8d1.jpeg

740f2b93-61e5-4740-b1f9-480030b0267e.jpeg

Eolie, porti e abitati dopo le violente mareggiate correre ai ripari 

A Canneto, la frazione turistica numero uno dell’isola di Lipari è stato rifatto il muraglione, ma le nuove mareggiate hanno messo in ginocchio ancora una volta la Marina Garibaldi.
Il mare è arrivato fin sulla strada con detriti terriccio e ciottoli e si è dovuta chiudere al traffico. E’ dagli anni 80 che anche in questa borgata si vive con l’incubo. In quell’anno a cavallo tra dicembre e gennaio si registrò una delle piu’ violente tempeste e il mare arrivo fin nei negozi e nelle case con danni ingenti e anche pescherecci e barche distrutti.

Ora nonostante i lavori, la furia del mare si è scatenata sul porticciolo e come sempre danneggiandolo e sul lungomare. Gli abitanti hanno sempre richiesto la protezione a mare con tetrapodi, per attenuare la violenza dei marosi, ma anche stavolta bisognerà attendere tempi migliori.

Così come ad Acquacalda che ancora una volta ha fatto i conti con i danni, in attesa - anche qui - della protezione a mare con tetrapodi.

Per non parlare del vecchio porto di Sottomonastero letteralmente allagato dal mare. E si è trasformato in una grande piscina. Tra la banchina e la via tenente Mariano Amendola la frequentata zona non si può vedere piu’ “viva”.

Anche qui si è sempre sostenuto di mettere in sicurezza la baia, allungando le estremità dei due porticcioli: lo scalo di Punta Scaliddi e il rifugio di Pignataro, ma senza successo.

E così non c’è un porto commerciale sicuro, nonostante i possenti mezzi soprattutto la Laurana che potrebbe essere in grado di viaggiare, anche con mare mosso, ma poi per il vento avrebbe problemi di attracco nel porto non adeguato.

Ovviamente la baia sicura darebbe respiro anche ai pontili galleggianti che sovente devono fare i conti con le sciroccate. Non è un caso che è anche accaduto piu’ volte che gli aliscafi arrivano ma si devono riportare a Milazzo i passeggeri perché per il mare agitato non riescono ad attraccare.

Eppure per questi “casi straordinari”, basterebbe rendere operativi gli scali alternativi di Pignataro o Marina Corta.

Ma anche qui bisogna aspettare gli interventi del nuovo sindaco Riccardo Gullo insediatosi da giugno e divenuto super famoso per aver già realizzato a Santa Marina Salina il primo porto turistico pubblico (ora in mano ai privati) e avviato anche l’opera di Rinella nel vicino Comune di Leni.

Ironia della sorte anche a Malfa, nella stessa seconda isola delle Eolie con 2400 abitanti, presto avrà un nuovo porto.

E Lipari con oltre 10 mila isolani, continua ad aspettare…

8f4d310c-9f3f-43a0-8dde-907657556d96.jpeg

VIDEO

RADIO ZIMMARI DA PANAREA E NOTIZIARIOEOLIE.IT PIU' NOTIZIE E PIU' MUSICA...

TGS-NEWS-NUOVO-LOGO-625x350.jpeg

IL NOTIZIARIO DI TGS EDIZIONE DEL 27 NOVEMBRE - ORE 20.20

downloadxcza.png

Rassegna stampa GDS.IT

Eolie, porti e case colpiti dalle violente mareggiate: correre ai ripari 

Maltempo e niente collegamenti alle Eolie: si teme per Stromboli dopo la tragedia di Ischia

Lipari, piovono massi sulla strada a Schiccione. Tragedia sfiorata

La frana di Ischia, sono sette i morti accertati: tra di loro anche tre bambini

Il piano anti-frane della Sicilia tra ritardi e intoppi, 10 anni buttati

Maltempo: forti mareggiate su tutta la costa ionica della Sicilia, abbondante nevicata sull'Etna

L’Etna ruggisce ancora: piccola colata lavica da una nuova bocca del cratere di Sud Est

Famiglie siciliane in crisi, cresce il numero di chi ha difficoltà ad arrivare a fine mese

Ondata di concorsi nella sanità siciliana, in palio oltre 500 posti

Concorso in magistratura: riaperto il bando da 400 posti

ascolta-rgs-mini_new.jpg

316835524_3334258496895134_610372823234560555_n.jpg

di Bartolo Mondello

Stromboli - cessazione dell'attività abusiva di somministrazione di alimenti e bevande di circolo privato esercitata nei locali

Vulcano - Ditta Siracusano Paolo Silvestro. Autorizzazione alla trasformazione di un terreno saldo cespugliato in un terreno soggetto a periodiche lavorazioni.

C'è posta per "Il Notiziario". Lipari, i ringraziamenti della Caritas della Parrocchia San Cristoforo di Canneto per la Giornata della Colletta Alimentare..."

CArla-Morselli-Lettere-al-Direttore-vvvn-350X200 (1).jpg

Il gruppo Caritas della Parrocchia San Cristoforo, a conclusione della 26° Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, porge un doveroso e sentito ringraziamento:
• alle attività commerciali che hanno aderito all'iniziativa, la loro disponibilità ci ha permesso di realizzare, ancora una volta, il più grande evento italiano
di solidarietà e di condivisione:

ARD DISCOUNT - Via San Vincenzo / Canneto
Supermercato DECO' - Via Marina Garibaldi / Canneto
Supermercato SPESA MIA Via Marina Garibaldi / Canneto
Supermercato DECO' - Via Marina Garibaldi (Calandra) / Canneto;

• a quelle persone che, hanno manifestato la loro generosità condividendo i bisogni di quanti vivono in condizioni di povertà, attraverso un semplice gesto quotidiano come quello di fare la spesa, anche in una situazione di evidente difficoltà economica;

• ai volontari provenienti dalle Parrocchie di Canneto, Acquacalda, Pirrera e Lami, che hanno scelto ancora volta di rimboccarsi le maniche, di coinvolgersi direttamente senza delegare ad altri la responsabilità di un gesto di solidarietà capace di educare alla carità e quindi costruire.

filippino.jpg