Eventi e Comunicazioni

agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

Lipari-ambulanza-nel-cortile-dellospedale.jpg

Lipari - Ancora un incidente ad un ragazzo isolano. Stavolta è accaduto a Bartolomeo Belletti, 17enne. 

Una decina di amici con i loro motorini stavano effettuando un giro in località Alta Pecora a Quattropani. Erano appassionati di fuoristrada. E pur non andando a velocità elevata, è caduto. 

Soccorso è stato trasportato al pronto soccorso per i primi accertamenti ed è stato consigliato il trasferimento con l'elisoccorso al Papardo di Messina.

Nuovi accertamenti ed è stato rilevato che il rene sinistro era stato compromesso. D'urgenza l'equipe medica ha affettuato un intervento per l'asportazione dell'organo danneggiato.

L'incidente è accaduto qualche giorno fa, e il ragazzo ha già fatto ritorno sull'isola. I familiari ringraziano i medici e il personale paramedico del Papardo per la professionalità manifestata, cosi' come anche dal personale del presidio ospedaliero di Lipari.

Un'annotazione non secondaria: Bartolo era amico di Jonathan Giannò, il giovane deceduto dopo l'incidente di Bagnamare. Con il suo motorino aveva dato un passaggio per accompagnarlo a Canneto. I casi della vita...

Stromboli, lavori per nuovo pontile aliscafi

3a1b53b1-2c02-4e9a-94f9-6448f86da0f6.jpeg

A Stromboli procedono speditamente i lavori di manutenzione straordinaria del pontile di attracco sul lato sud del molo di Scari. Il pontile, interamente realizzato nel cantiere dalla ditta Special Tubi Uno Srl di Giammoro, è giunto a Stromboli con un grande pontone e si sta procedendo al montaggio, affidato alla ditta Opere Marittime Generali S. C. A. R. L.

Nonostante le condizioni del tempo non favorevoli, gli operai stanno lavorando per completare il montaggio nel più breve tempo possibile, in modo tale da arrecare disagi meno possibili ai mezzi di linea, visto che impazza la stagione turistica.

I lavori, finanziati con i fondi dell’emergenza conseguente all’alluvione del 2022, sono stati disposti dal sindaco Riccardo Gullo in quanto commissario straordinario dell’emergenza, e saranno completati entro questa settimana.

58e00bec-9882-43db-bf36-ab8d05aa0358.jpeg

Appello anti incendi...

di Renato Cacciapuoti

Con il Decreto dell’assessore regionale del Territorio e dell’Ambiente della Regione Siciliana (D.A. 114/GAB del 15 marzo u.s.), è stato anticipato, rispetto agli anni passati, l’inizio della stagione antincendio boschivo dal 15 maggio sino al 31 ottobre 2024.
La suddetta decisione prende le mosse dall’analisi dei dati statistici relativi agli eventi verificatisi nell’ultimo quinquennio e nell’ultimo decennio, i quali evidenziano un significativo incremento del numero di incendi boschivi a partire dalla seconda metà del mese di maggio ed una attenuazione degli eventi in ottobre. Invero le statistiche raccontano che nei mesi prettamente invernali si sono verificati eventi anche rilevanti.

I cambiamenti climatici in atto, recanti maggiori temperature e prolungate siccità, hanno reso ancora più alto il rischio che possano verificarsi incendi boschivi e/o di interfaccia (linee, superfici o zone dove costruzioni o altre strutture create dall’uomo si incontrano o si compenetrano con aree naturali o vegetazione combustibile) difficilmente contenibili, con le risorse umane e strumentali disponibili. Senza una adeguata prevenzione dei rischi la sola lotta attiva contro gli incendi sembra non essere sufficiente.

Nelle zone a clima mediterraneo, a causa delle succitate sfavorevoli condizioni meteo, legate al cambiamento climatico globale, gli incendi non rappresentano più un pericolo riconducibile solamente al periodo estivo.

L’estate del 2023 ha visto bruciare, senza soluzione di continuità, il nostro meridione. I dati e le previsioni inducono a ritenere che anche il 2024 sarà un “annus horribilis” per quanto attiene gli incendi boschivi e di interfaccia.

In un simile contesto, gli spazi di ottimismo sono davvero fievoli. Si rende necessario dunque apportare un cambiamento negli approcci finora usati per prevenire il fenomeno degli incendi.

Alcuni dei cambiamenti auspicati involgono le Ordinanze in materia di prevenzione dal rischio incendi, fondamentale strumento nelle mani dei Sindaci. Le misure di prevenzione si devono tradurre in interventi concreti da calibrare tenendo conto delle peculiari caratteristiche del territorio.

Ad esempio, la realizzazione di fasce parafuoco assume importanza strategica unitamente alla rimozione completa della vegetazione dai bordi stradali. È oggettivamente dimostrato che la maggior parte degli incendi si propaga agevolmente grazie alla presenza di materiale vegetale secco lungo i cigli stradali. Nonostante i bilanci sempre più magri degli Enti pubblici è opportuno che gli interventi di pulitura siano realizzati in anticipo (preferibilmente entro la data di apertura della stagione antincendio) e ripetuti almeno una volta durante il periodo estivo.

Il controllo dell’attuazione degli obblighi statuiti rappresenta un aspetto di capitale rilevanza in quanto solo mediante l’irrogazione di sanzioni si potranno ottenere risultati tra gli inadempienti.

Le statistiche indicano che, nel nostro territorio, sempre più di frequente, gli incendi hanno inizio per “colpa” (negligenza, imperizia ed imprudenza). L’accensione di “fuochi controllati” in agricoltura nel periodo di divieto assoluto di accensione, corrispondente al periodo di massimo rischio, non può essere consentito in alcun modo.

Gli incendi verificatisi ad aprile, dapprima in Sicilia, poi in Calabria ed in Sardegna, indicano plasticamente i cambiamenti ai quali dovremmo in futuro sempre più abituarci.

Numerosi Comuni siciliani, sulla scorta del precitato D.A. 114/GAB, hanno emanato, con congruo anticipo, le Ordinanze in materia di prevenzione degli incendi di interfaccia e boschivi.

Pertanto, a partire dal 15 maggio p.v., in questi Comuni, è fatto divieto assoluto di lasciare ammucchiati i rifiuti o residui vegetali vicino ai boschi o terreni incolti, bruciare stoppie, materiale erbaceo e residui di potature. Allo stesso tempo è stato ordinato ai proprietari, affittuari, conduttori o detentori a qualsiasi titolo di fondi incolti di provvedere alla pulizia dei terreni, specie quelli adiacenti le reti viarie di trasporto o zone urbanizzate (lasciando una fascia di rispetto non inferiore a 10 metri dai confini di proprietà e dai fabbricati).

È un vero peccato che, ad oggi, non sia ancora stato emanato il suddetto provvedimento da parte del Comune di Lipari.

siel_2.jpg