<a href=

Per le 600 capre di Alicudi sono state di 25 allevatori non solo siciliani le richieste pervenuite alla Regione. La richiesta addirittura è stata di 1900 e quindi potrebbero anche essere inserite le 1200 segnalate tra Stromboli e il borgo di Ginostra. Al via dunque il piano di controllo ed eradicazione delle capre selvatiche il cui numero è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni causando danni al territorio della riserva e disagi ai residenti. Il dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e territoriale affiderà a una ditta specializzata la cattura e la costruzione di appositi recinti in aree già individuate dell'isola per contenere il bestiame che, dopo i controlli sanitari da parte del servizio veterinario dell'Asp, sarà donato agli allevatori che ne hanno fatto richiesta partecipando al bando pubblico.

downloadfgt6.jpeg

«La Regione mette in campo una risposta celere per aiutare gli abitanti di Alicudi, una delle isole più belle della Sicilia. Il numero sproporzionato di capre selvagge sull’isola - spiega l’assessore regionale all’Agricoltura, Luca Sammartino - sta creando non pochi problemi all’incolumità delle persone, senza contare i danni causati quotidianamente come il danneggiamento di sentieri e di muri a secco. La salvaguardia del territorio e il rispetto dell’ambiente sono le direttrici lungo le quali ci muoviamo per risolvere questi problemi a tutela delle produzioni e dei cittadini».

L’ultimo caso singolare ha riguardato l’ex gieffina Marina La Rosa in vacanza ad Alicudi dove ha casa. Sulla spiaggia stava prendendo il sole quando improvvisamente è arrivata una capretta che ha tentato di sfilarle lo slip. L’ex del Grande Fratello ha subito scritto al sindaco Riccardo Gullo invitandolo ad evitare lo sfratto perché questo è il loro habitat naturale. Sulla stessa lunghezza d’onda anche gli animalisti che preannunciano anche azioni legali.
Le domande pervenute dagli allevatori in risposta al bando pubblico dell’Assessorato, scaduto il 10 aprile, sono state 25 per un numero totale di 1900 capi di bestiame a fronte di una disponibilità di circa 600 capi censiti nell'isola.

Il Servizio per il Territorio di Messina (Ente Gestore della R.N.O. isola di Alicudi), dopo avere eseguito il censimento delle capre selvatiche sull’isola di Alicudi, i cui esiti hanno messo in risalto le gravi criticità sugli habitat e sulla biodiversità in genere per la presenza di circa 600 capi viventi allo stato brado, ha ottenuto l’autorizzazione da parte del Dipartimento Ambiente, per l’attuazione del piano di controllo/eradicazione delle capre presenti sull’isola.

Dalla prima decade di maggio, inizieranno le attività di cattura degli animali che verranno confinati all’interno di un recinto costruito in prossimità del porto di Alicudi, dove verranno sottoposti a un periodo di stabulazione per garantire il benessere degli stessi. Tali attività proseguiranno fino al 20 giugno e verranno sospese durante il periodo estivo per la forte pressione turistica che caratterizza l’isola, per riprendere presumibilmente da fine settembre al 10 dicembre 2024.
I capi catturati, dopo avere eseguito i controlli sanitari, verranno convogliati all’interno di idonee gabbie da trasporto per il successivo trasferimento nelle aziende agricole che ne hanno fatto richiesta. L’attività descritta verrà affidata all’esterno ovvero, attraverso il conferimento di un incarico, ad imprese specializzate che operano nel settore della fauna selvatica e che da anni esercitano tale attività di cattura con comprovata esperienza in questo particolare settore che deve tenere in debita considerazione, la tutela e il benessere degli animali.

Il Servizio per il Territorio di Messina, attraverso l’impiego dei lavoratori forestali fornirà il necessario supporto agli addetti ai lavori per facilitare le operazioni di cattura, nello stesso tempo, verrà eseguita idonea vigilanza sul corretto stato di avanzamento del piano.

Al dipartimento veterinario è stata richiesta la necessaria e fattiva collaborazione istituzionale per porre in essere gli indispensabili accertamenti sanitari sui capi oggetto di alienazione stante la delicata problematica che caratterizza la riserva naturale dell’isola di Alicudi.

NOTIZIARIOEOLIE.IT

11-2-2021

Alicudi, le 3 C: cavoli, capre e conigli 4° ed ultima puntata VIDEO

20-2-2021 

IL REPORTAGE ALICUDI, tra capre, conigli, muli, lucertole e non solo… VIDEO

26-5-2021

ESCLUSIVO. Alicudi, silenzio e fantasia tra capre-conigli e con un ospite d'eccezione: Christof Bosch VIDEO

20 settembre 2023

Alicudi, un piano per le capre

29 settembre 2023

C'è posta per "Il Notiziario". "Eolie quali soluzioni per le capre inselvatichite...". Ad Alicudi accertate oltre 600 capre-30 pecore e 3 muli allo stato brado...

21 gennaio 2024

Stromboli-Ginostra, dopo Alicudi è invasione di capre e pecore.. Gli abitanti "si attivi la Regione..."

29 MARZO 2024

Alicudi, le 600 capre selvatiche saranno donate gratuitamente a chi le richiederà

6 APRILE 2024

Alicudi, la presidente di LNDC Animal Protection "contraria al trasferimento delle 600 capre..."

7 APRILE 2024

Alicudi, l'ex del Grande Fratello Marina La Rosa difende le 600 capre "non toccatele dall'isoletta" e provoca con gli slip... Servizio nel Tg di Italiauno VIDEO

Rassegna Stampa GDS.IT

Alicudi, già tanti gli allevatori interessati alle 600 caprette selvagge: ma Animal Protection è contraria

Servizio nel Tg di Italiauno

perizona.it/marina-la-rosa-alicudi-capretta

E' morto lo stilista Roberto Cavalli era un "habituè" delle Eolie

19956025_10211800602164029_8226352536687884426_o.jpg

Lo stilista Roberto Cavalli è morto a Firenze all'età di 83 anni dopo una lunga malattia. Lascia sei figli, di cui il più piccolo Giorgio, di poco più di un anno. Accanto a lui nelle ultime ore, come negli ultimi quindici anni, la compagna Sandra.

Roberto Cavalli è stato il fondatore dell'omonima casa di moda fiorentina. Il nonno, Giuseppe Rossi, è stato un macchiaiolo, con opere esposte nella Galleria degli Uffizi di Firenze. Il padre Giorgio è stato ucciso dalla Wehrmacht nel 1944, fucilato nel comune di Cavriglia.

Cavalli ha sei figli: Tommaso e Cristiana dal suo primo matrimonio e Robert, Rachele e Daniele dalle seconde nozze. L'8 marzo 2023 è nato Giorgio, il sesto figlio dello stilista avuto a 82 anni con la compagna svedese Sandra Nilsson, chiamato come il padre.

rando_filicud2.jpg