"BELLI NOTIZI AVIMU"

LA NUOVA PUBBLICITA' VIDEO DEL "NOTIZIARIO"

DA NOI CONVIENE E VA LONTANO...

pina.jpg

di Pina Cincotta Mandarano

Fortunatamente l’industria turistica di Panarea non si può delocalirizzare. Non si potrà mai andare a fare turismo panarellese all’estero. Ma i costi per fare turismo a Panarea sono alti. In Croazia, per non andare lontano, la bellezza turistica costa un quarto. Ecco perché corriamo il rischio di conservare il posto ma perdere i clienti/prodotto. Chi deve dare la sveglia o suonare di corsa la fanfara?

PER LE ALTRE NOTIZIE CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

idealgum.jpg

Ricette di Pina che fanno leccare i baffi: 

=== pesce ===
PISCISTOCCU A GHIOTTA
Ingredienti per 4-5 persone: 1 kg. stoccafisso ammollato, 1 kg. patate, 500 gr. passato di pomodoro, 2 cipolle di media grandezza, 50 gr. di capperi, 50 gr. olive verdi, un gambo di sedano, sale, pepe nero o peperoncino, 4 cucchiai d’olio extravergine, un cucchiaino di concentrato di pomodoro.

Preparazione: In un ampio tegame mettete a cuocere la cipolla tagliata a fettine, i capperi, le olive, il gambo di sedano a tocchetti, un bicchiere d’acqua e 4 cucchiaiate d’olio. Aggiungete il concentrato di pomodoro e, quando si è amalgamato, aggiungete il passato di pomodoro fate cuocere per 10 minuti circa. Nel frattempo sbucciate le patate, tagliatele in quattro parti e, dopo averle lavate, aggiungetele al composto. Quando le patate saranno a metà cottura, aggiungete lo stoccafisso tagliato a pezzi, salate, pepate e fate cuocere per altri 15 minuti sempre a fuoco lento. Servite ben caldo con del pane casereccio e del buon vino rosso.

41739955_10215083918484885_4481368962545745920_n.jpg

images/banners/immagini_random/lagiara.gif

 

C’é sempre chi vede tutto nero come la notte senza stelle. Colpa del governo non solo quando piove. A Panarea invece tutto potrebbe essere piu splendente indipendentemente dal sole o dalle lampadine accese che col fatto che sono a led non si spengono piu. Neanche di giorno. Il sole così quando spunta mi dicono che non spunta per tutti perché anche lui si è politicizzato.

=== secondi piatti ===COTECHINO CON FAGIOLI
Ingredienti: 800 gr. di cotechino, ½ bicchiere di olio, 50gr. di pancetta, 1 carota, 2 cipolle, 1 scatola di fagioli già lessati, sale e pepe.
Preparazione: far cuocere il cotechino in acqua bollente per un’ora e mezza, poi tagliarlo a fette e metterlo in un tegame con l’olio, pancetta a dadini, carota e cipolle a pezzettini, coprire e lasciare stufare per 10 minuti. Togliere i fagioli dalla scatola, lavare e versare in tegame, mettere sale, il pepe e cuocere per altri cinque minuti.

Ho sempre detto che i nostri politici sono bravi a raccogliere voti. Anzi bravissimi. Pagano le loro promesse ai relativi capi voti ma poi amministrano in modo inversamente proporzionale. I risultati, in ogni luogo, questi sono. Si vedono, si toccano e nutrono poche speranze per il futuro. Poi avverrà l’avanti un altro e chi si è visto si è visto. Chi può smentire la teoria del “cogghivoti” senza seminare? “Ca simu e ca calamu”.

=== primi piatti ===
LINGUINE ALLA PANARELLESE
Ingredienti: 400 gr. di linguine, 200 gr. di sotto sott’olio, 100 gr. di olive nere, 50 gr. di capperi, due spicchi d’aglio, prezzemolo, olio, sale e peperoncino.
Preparazione: in una capiente padella soffriggete con l’olio l’aglio, a cui aggiungete i capperi dissalati, le olive tagliate a pezzettini ed il tonno sminuzzato. Aggiustate con sale e peperoncino. A parte lessate la pasta, scolatela al dente e versatela nel tegame del sughetto, padellate e prima di servire aggiungete del prezzemolo fresco.

Da quanto mi sono buttata sui giornali a cuore aperto, riconosco che la mia vita ha avuto una sterzata. Ma anche Panarea ha usufruito di questo. Nulla sfugge agli avvenimenti ed alle molestie che l’isola ha subito e subisce. Oggi si può dire che tante verità sono venute a galla e altre ne possono venire perché nell’italiana isola di Panarea niente finisce e tutto inizia. Anche la nuova era che passa dalla vita che è come la cucina. Tutto a fuoco lento.

=== primi piatti ===
PASTA ALLA NORMA
Tagliare due grosse melanzane a dadini e metterle sotto sale per una trentina di minuti. Dopo averle lavate in acqua fredda, friggerle in olio bollente. A parte si prepari, intanto, una salsa con pomodori tagliati a grossi pezzi e abbondante basilico fresco. 
Cuocere la pssta al dente e, dopo averla ben scolata, passarla in padella insieme alle melanzane e alla salsa di pomodoro, mescolando il tutto aggiungendo ricotta salata a piacere.

Tutte le Eolie hanno il terreno giusto per coltivare i pomodori. Ma i miei genitori mi hanno sempre detto che quelli di Panarea sono i migliori d'Italia perché riusciamo a farli crescere gustosi e nella giusta dimensione. Senza nessuna forzatura chimica e nessun aiuto extra. Qualche anno fa ho fatto la prova facendomi arrivare i pomodori dalle altre isole Eolie. Devo dire che hanno un sapore diverso. Tutti buoni ma non buonissimi come quelli di Panarea che resta l'isola con una marcia in più. Sicuramente è la terra di…casa mia.

=== contorni ===
POMODORI VILLAVERDE
Ingredienti: Sceglietene uno a persona, grossi, sodi, non troppo maturi. Occorrerà un bel ciuffo di prezzemolo, spicchio di aglio, un’acciuga per ogni pomodoro, qualche cappero, due uova, olio.

Preparazione: Siete in sei e sei saranno i pomodori. Divideteli per traverso, togliete i semi, salateli, capovolgeteli a perdere il siero per un paio d’ore. Intanto, con i due tuorli e l’olio preparate una densa maionese nella quale metterete il prezzemolo tritato molto fine. Ed ora, avete qualche avanzo di carne arrosto o di lesso? Tritate fine, insaporite con sale e pepe, colmatene i pomodori, disponete sopra ognuno due o tre capperi e una mezza acciuga diliscata, ricoprite con la verde maionese e tenete in fresco fino al momento di servire.

Il turismo che passa da Panarea è ormai una specie di spezzatino. Nudo e crudo. Non si capisce più chi arriva e chi parte, chi gode e chi soffre, chi ci guadagna e chi ci perde. L’isola di Panarea si era costruita in un certo modo. Anche per la sua irraggiungibilità. Oggi è alla portata di tutti e porta di tutto col tischio di far passare i suoi veri abitanti per razzisti e non per difensori di uno stile di vita turistica. Panarea non può continuare ad essere un bene di largo consumo. Prima o poi si consumerà.

=== dolci-dessert ===
TORRONE DI MANDORLE
Ingredienti: kg. 1 di mandorle, g. 800 di zucchero, mezzo bicchiere d'acqua, la scorza grattugiata di un limone, cannella in polvere, sugna. 
Preparazione: far cuocere insieme lo zucchero, l'acqua e le mandorle tritate, mescolando fino a che lo zucchero diventa caramello. Fuori dal fuoco, unire la buccia di un limone e la cannella. Mescolare e versare su un marmo unto di sugna, livellando il composto fino allo spesso di un centimetro. Far raffreddare e tagliare con un coltello come si vuole.

Che mondo, che mondo. Tutti vogliono tutto e nessuno vuole niente. Tutti vogliono non pagare e tutti vogliono incassare. La mia generazione alla fine è stanca non di lavorare ma di urlare che bisogna trovare la retta via. Un sistema di educazione civica che non esiste più. Panarea può essere l’isola giusta per una rinascita civile. L’importante è la presenza delle forze dell’ordine compresa la polizia municipale per la quale si pagano gli affitti dei locali.

=== contorni ===
UNA VECCHIA RICETTA POVERA DEI CONTADINI E DEI PESCATORI DI PANAREA: FRITTATA DI FIOR DI ZUCCHINI
Ingredienti: 250 gr. di fiori di zucchini (con i fiori gialli aperti) , 4 uova, parmigiano, sale, pepe.

Preparazione: privare i fiori di zucchini dal gambo, lasciando solo i petali. Tagliarli a pezzetti, lavarli e asciugarli. Battere le uova con sale, pepe e parmigiano. Unire il tutto e cuocere in una padella con olio bollente, prima da un lato e poi dall’altro.

Panarea si sveglia ogni mattina con l’oro in bocca, quello che fa luccicare il sudore di chi seriamente lavora e non vive di speculazioni politiche, di raccomandazioni e dei classici giochi del “futticumpagnu”. Perché in queste isole, come dice una giornalista televisiva nella sua trasmissione, questa è l’aria che tira alle Eolie. Ma perché ancora oggi devono esistere i raccomandati, meglio conosciuti come i salta fila, che col tempo diventano salta fossi?

 

=== secondi piatti ===
BATTUTA DI MANZO
PER DUE PERSONE: 300 gr. di fettine di manzo; 400 gr. di pomodorini; origano; capperi; 2 cucchiai d'olio extravergine; sale e pepe ora.

Schiacciate i pomodorini e metteteli in una casseruola con abbondante origano, sale capperi e fate cuocere a fiamma bassa per 10 minuti. Adagiatevi la carne, il pepe rosa e fate cuocere, coperto, per pochi minuti. Completate con l'olio a crudo e servite con verdura a piacere. Condite con aceto balsamico.

La tassa di sbarco incassata dai comuni eoliani non si capisce se è un trionfo o una sconfitta. Il Comune di Lipari ha esposto l’incasso totale e non suddiviso per singola isola. C’è voluto un “numerologo” per mostrare un grafico e capire dove finiscono i soldi che a prima vista vengono usati anche per altro e non per i fini per i quali è stata istituita questa tassa che iniziamo a chiamare del mistero. I Comuni di Salina invece incassano e spendono in silenzio, chissà perché. I dubbi sorgono spontanei e alla fine scopriremo che l’incasso è uno scasso…

=== altro ===
PATATI DA MAMMA (patate della mamma)
Ingredienti: kg. 1 di patate, 3 uova, abbondante parmigiano grattugiato, olio di oliva. 
Preparazione: Le patate crude a pezzetti irregolari si fanno lievemente soffriggere con olio di oliva, quindi si aggiunge acqua calda e si lasciano cuocere a fuoco moderato. Quando l’acqua è evaporata, si aggiungono parmigiano grattugiato e uova sode a pezzettini e un altro po’ d’olio, se necessario. Salare, mescolare e togliere dal fuoco.

Gli anni passano per tutti, meno che per Panarea. Sempre più isola nell’isola anche se spesso isolata. Ma questa è la vita, un rosario che con l’inverno diventa sempre più rosario ed aiuta a ritrovare quella fede che d’estate smarriamo tutti per aumentare gli incassi che poi servono per pagare spese e tasse che aumentano sempre più mentre diminuisce la qualità della nostra vita. Ma non per colpa dell’età.
Io mi affido agli alberi per misurare la mia e capire come funziona. Ho tre alberi di riferimento che vedo in buona salute e mi porgono sempre qualche ramo per stringermi la mano.

=== primi piatti ===
SPAGHETTI CON NERO DI SEPPIA E PISELLI
Ingredienti: 500 g. spaghetti, 500 g. seppie con le borse del nero, 400 g. piselli freschi sgranati, una cipolla, 4 pomodori pelati, prezzemolo, farina, vino bianco, oli, sale e peperoncino.
Preparazione: rosolare nell’olio la cipolla affettata, il prezzemolo tritato, le seppie a listerelle nettate dall’osso e dalla borsa del nero che va messa da parte. Unire i pomodori fatti a pezzi, i piselli, il peperoncino a pezzetti, un po’ di farina, le borse del nero delle seppie schiacciare, il sale e una spruzzata di vino bianco. Lessare al dente gli spaghetti e ripassarli nel tegame con la salsa scura.

Le Eolie spesso vengono afflitte anche dalle tempeste sulla sanità. Perché nel passato le cose funzionavano ed adesso sono peggiorate? Intanto quello che avviene per l’Ospedale di Lipari mi viene proposto in chiave caprese. Un amico mi ha inviato il seguente documento dal quale possiamo attingere.
Qualche timido passo avanti, la costituzione di un tavolo tecnico tra Asl e istituzioni locali per definire le linee di intervento, ma molti problemi ancora irrisolti a iniziare dall’elisoccorso che è motivo di scontro tra i vertici del 118 e la Regione. I sindaci di Capri e Anacapri hanno alzato la voce oggi all’incontro presso la direzione generale dell’Asl Napoli 1 Centro, convocato per affrontare le problematiche di quella che è una vera e propria emergenza sanitaria sull’isola. Assente uno degli interlocutori principali, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che ha inviato soltanto una funzionaria e che continua a non ascoltare le accorate richieste di aiuto che giungono da Capri. Presenti le due amministrazioni dell’isola quasi al completo e una folta delegazione di cittadini insieme al Comitato Articolo 32 Isola di Capri. Al termine della riunione, durata diverse ore, è stato diffuso un comunicato stampa con l’elenco di tutti gli argomenti affrontati e di tutti gli impegni presi.

=== primi piatti ===
PASTA E PATATE
Ingredienti per quattro persone: 350 gr. di ditali, 300 gr. di patate, una piccola cipolla, dieci pomodorini ciliegine, una manciata di basilico e prezzemolo, una foglia di alloro, olio di oliva, pomodorini secchi tritati, peperoncino, sale e pepe.

Preparazione: pelate e tagliate a dadini le patate, soffrigetele con un po’ d’olio. Aggiungete la cipolla tritata, i pomodori a pezzetti e gli “odori”. Coprite il tutto con acqua (meglio se calda), salate, pepate e fate cuocere a fiamma bassa per 20 minuti. A questo punto, unitevi la pasta e completate la cottura. Servite il tutto in una zuppiera e, a piacere, nel piatto aggiungete pomodorini secchi tritati con peperoncino rosso.

Panarea aspetta il reddito di cittadinanza o quello d’isolanza? Il dubbio sbarca in alcune giornate di sole invernale mentre i gatti passeggiano in cerca di topi-giocattoli lasciati dai turisti e vacanzieri di giornata lungo alcuni percorsi ormai deserti. C’è povertà nell’isola o solo “fanulleria”? Panarea può ancora rientrare nella questione meridionale che non si fa pregare due volte per lavorare meno e guadagnare il doppio cercando di pagare meno tasse possibili. La povertà è razzista? Forse. Anche Panarea può assistere o diventare esempio di questo genere di scelta.

=== pesce ===
PISCISTOCCU A GHIOTTA
Ingredienti per 4-5 persone: 1 kg. stoccafisso ammollato, 1 kg. patate, 500 gr. passato di pomodoro, 2 cipolle di media grandezza, 50 gr. di capperi, 50 gr. olive verdi, un gambo di sedano, sale, pepe nero o peperoncino, 4 cucchiai d’olio extravergine, un cucchiaino di concentrato di pomodoro.

Preparazione: In un ampio tegame mettete a cuocere la cipolla tagliata a fettine, i capperi, le olive, il gambo di sedano a tocchetti, un bicchiere d’acqua e 4 cucchiaiate d’olio. Aggiungete il concentrato di pomodoro e, quando si è amalgamato, aggiungete il passato di pomodoro fate cuocere per 10 minuti circa. Nel frattempo sbucciate le patate, tagliatele in quattro parti e, dopo averle lavate, aggiungetele al composto. Quando le patate saranno a metà cottura, aggiungete lo stoccafisso tagliato a pezzi, salate, pepate e fate cuocere per altri 15 minuti sempre a fuoco lento. Servite ben caldo con del pane casereccio e del buon vino rosso.

La felicità di molti abitanti di Panarea sarebbe festeggiare Panarea. Una festa a livello internazionale con semplici momenti di gioia per aver vissuto e visitato l’isola dei sogni o del sogno grande. Panarea merita tutto questo per quello che ha dato, da e ancora può dare. Non servono molti investimenti ma avere le chiavi della vera cultura turistica che potrebbe esprimersi con tutti gli artisti del posto. Una festa al lume di candela per ricordare anche gli amanti dell’isola che non ci sono più.

Triglie a bagnomaria

Ingredienti: 1 kg di triglie, 50 gr di pangrattato, origano, prezzemolo, 1 limone, olio, sale, pepe 
Preparazione: mettere le triglie lavate in un piatto. Versare sopra un po'di olio, pangrattato, origano, agio tritato, prezzemolo, succo di limone, sale e pepe. Coprire bene il piatto e metterlo sopra una pentola di acqua bollente. Servire dopo un quarto d'ora.

 

Guarda i video suIl Notiziario si YoutubeSeguici su  logo facebook-piccolo logo twitter 
Condividi il "Notiziario" pubblica gli articoli sul tuo profilo

Il Notiziario delle isole Eolie online siti utili
www.isoleolie.it  vacanzeeolie.it alberghieolie.com 

AUGUSDTADUE-top_flotta copia.jpg